Non è L’Arena 18 ottobre tra Covid e presunti veggenti


Tra gli argomenti affrontati, la seconda parte dell'intervista a Salvatore Buzzi, e il ritorno del caso Bellomo.


Non è L’Arena torna domenica 18 ottobre. Il programma condotto da Massimo Giletti è in onda in diretta alle 20.30 su La7. Molti gli argomenti di cui il padrone di casa si occupa. A cominciare dall’emergenza sanitaria.

Non è L’Arena 18 ottobre torna Zangrillo

L’emergenza sanitaria in Italia ha superato i livelli di guardia. Il numero dei contagiati aumenta vertiginosamente. All’ordine del giorno il coprifuoco alle dieci di sera e la didattica a distanza nelle scuole superiori.

Su queste nuove misure il governo sta discutendo, anche duramente, per provare a frenare il contagio. La Lombardia e la Campania tra le più colpite. Parte da questa considerazione un’inchiesta di Non è l’Arena per fare chiarezza sullo stato della sanità nelle Regioni maggiormente colpite.
Dopo giorni di silenzio il professor Alberto Zangrillo risponde alle polemiche sollevate da alcuni suoi colleghi. Altri virologi sono accusati di aver utilizzato una comunicazione minimizzante, troppo ottimista che avrebbe contribuito ad alimentare nella cittadinanza un relax che non potevamo permetterci.

La mente corre subito alla celebre frase di Zangrillo, il virus è clinicamente morto.
Di tutto questo se ne discute in studio con Matteo Bassetti, Pierpaolo Sileri, Luca Telese, Ferruccio Sansa e Antonio Postiglione.

Antonio Mastrapasqua e il Mondo di mezzo

I due successivi argomenti sono una intervista all’ex presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua ed un’altra a Salvatore Buzzi del cosiddetto Mondo di mezzo.

Dopo l’inchiesta giornalistica della scorsa settimana sulla cattiva gestione del gigantesco archivio cartaceo dell’Inps, l’ex presidente Antonio Mastrapasqua ha deciso di parlare per la prima volta per raccontare la sua versione in un faccia a faccia con Massimo Giletti.

L’altro argomento della puntata è il processo Mondo di Mezzo, al tempo Mafia Capitale. Salvatore Buzzi, uno dei principali imputati, torna in diretta per completare la sua versione. Tutto in vista della decisione della Corte d’Appello di Roma, del prossimo 3 novembre, che dovrà rivedere la condanna. Infatti il verdetto della Cassazione ha fatto cadere l’aggravante di associazione mafiosa per lui e gli altri coimputati. Parteciperanno al dibattito Sandra Amurri, Alfonso Sabella e Alessandro Diddi.

Torna il caso Bellomo

Dopo i recenti sviluppi giudiziari Massimo Giletti torna ad occuparsi del caso Bellomo. I telespettatori ricordano che si tratta dell’ex giudice che imponeva alle sue borsiste un dresscode molto particolare per la frequentazione della sua scuola di Formazione per la preparazione al concorso in magistratura.

Bellomo ha ritrovato la libertà ma dovrà affrontare il processo. Il gup di Bari l’ha rinviato a giudizio per atti persecutori e violenza privata nei confronti delle sue ex allieve aspiranti magistrati. Rinviato a giudizio anche l’ex pm di Rovigo Davide Nalin considerato il braccio destro di Bellomo. Se ne parlerà con Anna Scalfati, Azzurra Barbuto, Daniela Santanchè e Pina Picierno.

Non è L’Arena 18 ottobre, veggenti o presunti tali

Uno spazio significativo è dedicato ai fenomeni mistici con veggenti, o presunti tali e apparizioni mariane. Per affrontare questo argomento si parte dalle dichiarazioni di Alberto Tarallo ex responsabile della casa di produzione Ares. Tarallo è stato protagonista dell’intervista esclusiva a Massimo Giletti, la scorsa settimana.

Sapremo il legame tra Christian Del Vecchio, il “santone dell’olio miracoloso e fondatore di “Amarlis” ed una delle concorrenti del Grande Fratello? A discuterne Eleonora Daniele, Roberta Bruzzone e David Murgia.

Non è L’Arena è fruibile anche sul sito di La7.



0 Replies to “Non è L’Arena 18 ottobre tra Covid e presunti veggenti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*