Connect with us

Informazione

Una scomoda verità 2 prima al cinema e poi su Fox

Con Una scomoda verità 2, secondo capitolo del documentario del 2006, Al Gore torna ad occuparsi dei mutamenti climatici ed anticipa l'arrivo di una nuova categoria di migranti.

Pubblicato

il

Con Una scomoda verità 2, secondo capitolo del documentario del 2006, Al Gore torna ad occuparsi dei mutamenti climatici ed anticipa l'arrivo di una nuova categoria di migranti.
Condividi su

Una scomoda verità 2, proprio come il primo documentario, si occupa di cambiamenti climatici. Dai ghiacci della Groenlandia che “esplodono” fino alle strade allagate di Miami, Al Gore continua la sua opera di sensibilizzazione ai temi dell’ambiente. Magari con la speranza che, come già avvenuto nel 2007, anche questo lavoro gli frutti qualche Oscar.

Percorso da una forte componente autocelebrativa, il documentario segue l’ex politico americano nella sua attività quotidiana: i “sopralluoghi” nelle zone del pianeta, le interviste con la stampa, gli incontri con i capi di Stato mondiali per parlare di energie rinnovabili. La formazione agli iscritti al Climate Reality Project, il progetto nato con l’obiettivo di comunicare e sensibilizzare sul problema della crisi climatica, argomento che secondo al Gore non ottiene la copertura mediatica che meriterebbe. E il tema si intreccia fortemente con la politica: Trump nega l’importanza primaria del problema, la propaganda dei gruppi petroliferi per inibire gli investimenti nelle rinnovabili.
Per risolvere la crisi ambientale, sostiene Al Gore, bisognerebbe innanzitutto risolvere la crisi democratica, dato che governano i poteri dei grandi interessi economici.
Una scomoda verità 2 procede come una “missione”: divulgare il messaggio a più persone possibili, estendere il progetto. Perché alcune zone del mondo sono a rischio sommersione: le Maldive ad esempio, oppure Miami, dove si stima che il livello dell’acqua si alzerà di due metri entro la fine del secolo. Non a caso, nella città della Florida, gli operai riparano il manto stradale allagato utilizzando dei materiali resistenti all’ acqua di mare.

L’impatto della mutazione climatica è visibile negli uragani, che si scaricano con sempre maggiore intensità: e se a Livorno la potenza non eguaglia quella del ciclone Irma, è solo perché il Mar Tirreno non ha la vastità dell’Oceano.
Come spiegato durante l’evento svoltosi per questa anteprima, una delle conseguenze sarà la presenza di “migranti climatici”: persone costrette a lasciare i luoghi d’origine a causa delle diverse condizioni imposte dai cambiamenti climatici. Mario Tozzi, primo ricercatore del CNR, ne dà una stima: 220 milioni di migranti entro i prossimi 30 anni.
Il deserto del Sahara ad esempio, è destinato a spingersi verso sud, privando man mano i popoli dei terreni di sussistenza. Ma più che di persone, in generale, bisogna parlare di intere comunità sradicate dai luoghi di appartenenza.

Se Una scomoda verità aveva rappresentato una pietra miliare per la comunicazione sul riscaldamento globale, ora Al Gore riparte da dove aveva lasciato. I ricavi del film verranno investiti per la formazione degli attivisti: segno che gli anni passano, ma la “missione” rimane sempre la stessa.


Condividi su

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Seguici su:
Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it