Vip e letteratura Iaia Forte: il mio amore per Marcel Proust


Iaia Forte all'anagrafe Maria Rosaria Forte è un’attrice italiana di cinema, teatro e recentemente anche di televisione. I telespettatori la stanno vedendo in questo periodo nella serie Squadra Antimafia 8 - il ritorno del boss dove interpreta il ruolo della mamma mafiosa di Rosalia Bertinelli (Silvia D'Amico).


Cominciamo con i libri che hanno segnato la sua infanzia. Quali sono?

Ho sempre amato sin da piccola i testi che parlavano di viaggi e di scoperte archeologiche. Ricordo che amavo particolarmente i libri sull’antica città di Troia. Erano testi che mi affascinavano e che hanno successivamente segnato le mie scelte.

toni servillo e iaia forte alla premiere serale

 Naturalmente crescendo qualcosa è cambiato nella sua libreria?

Premetto che la lettura mi ha sempre accompagnato ed i libri continuano ad accarezzare la mia vita. Rappresentano per me una fonte di insegnamento e di conoscenza. Un libro significa scoprire tra le pagine un universo sconosciuto nel quale lentamente, pagina dopo pagina, entriamo. Ed è importante entrarvi in punta di piedi con rispetto per l’autore e per i personaggi che si svelano.

Tra gli autori di oggi quale preferisce?

La verità? Ho letto tutto di Elena Ferrante, un autore o un’autrice che adoro. Naturalmente non so chi si celi dietro questo pseudonimo ma a me interessa il mondo che ha rappresentato con intelligenza e con una forma di scrittura intensa e coinvolgente.iaia forte carmen

Invece tra i grandi classici chi preferisce?

Metto in primo piano due grandi autori: Marcel Proust e Honoré de Balzac. Se io fossi un insegnante di recitazione, nelle grandi scuole che ci sono oggi in Italia, imporrei la lettura dei grandi romanzi del passato. Sono fondamentali per formare la personalità e la struttura recitativa di un attore.

Su quali basi fonda questa sua affermazione?

Per un attore è fondamentale arricchire la propria immaginazione. Soltanto avendo un mondo interiore pieno di significati letterari ci si esprime al meglio.

Quando ha scoperto Marcel Proust?

Avevo 34 anni. In quel periodo frequentavo per lavoro e per amicizia Carlo Cecchi grande attore e regista italiano che mi ha iniziato all’amore per la Recherche. Carlo citava sempre Proust e ad un certo punto ho voluto entrare anch’io in quel mondo. Me ne sono innamorata subito. Ho amato particolarmente i personaggi di Odette, Madame Verdurin e a teatro sono riuscita persino ad interpretare con grande credibilità il personaggio di Albertine, ovvero la ragazza di cui il protagonista era innamorato e che verso la fine muore per una caduta da cavallo.Iaia Forte il cantante Tony Pagoda

Ma se dovesse dare la sua preferenza ad un personaggio, quale sarebbe?

Sicuramente Madame Verdurin la vera e propria anima del romanzo, un personaggio dalle infinite sfaccettature che riesce a rappresentare sia la borghesia che l’alta società del tempo.

Che rapporto c’è dunque tra un attore e la letteratura a suo parere?

Ogni attore è la letteratura di sé stesso. E questa non è una frase mia ma di Marcel Proust.iaia forte vip e letteratura

C’è qualche altro autore che ha influenzato la sua personalità?

Sì, Gustave Flaubert, soprattutto il suo libro “L’educazione sentimentale” che ritengo estremamente attuale ed in grado di attraversare le generazioni.



0 Replies to “Vip e letteratura Iaia Forte: il mio amore per Marcel Proust”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*