Connect with us

Intrattenimento

Le Iene Show | diretta 2 dicembre | Tutti i servizi andati in onda

Nuovo appuntamento domenicale con Le Iene Show. Tra i servizi proposti in questa puntata: la querelle tra taxi, Ncc e App di Mobilità e lo scherzo al portiere del Milan Gianluigi Donnarumma.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Nuovo appuntamento domenicale con Le Iene Show. Tra i servizi proposti in questa puntata: la querelle tra taxi, Ncc e App di Mobilità e lo scherzo al portiere del Milan Gianluigi Donnarumma.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come di consueto l’appuntamento domenicale è condotto da Nadia ToffaFilippo Roma e Giulio Golia.

Al centro della puntata ci sarà un servizio dedicato alla querelle tra il mondo dei Taxi, degli Ncc (noleggio con conducente) e delle App di mobilità.

La Iena Nicolò De Devitiis torna dopo un anno ad indagare sul mondo dei tassisti per capire quanti di loro utilizzino i pagamenti digitali o le prenotazioni delle corse fatte tramite App. A partire dal nuovo anno potrebbe entrare in vigore un articolo di legge che impone che l’inizio e il termine di ogni singolo servizio Ncc debbano avvenire alla rimessa del comune che ha rilasciato l’autorizzazione.

La comunità europea, nel 2009, auspicava una riforma della disciplina dei servizi di mobilità anche alla luce delle evoluzioni tecnologiche. In seguito, le istituzioni hanno, di anno in anno, continuato a sospendere l’articolo ma, quest’anno, ciò non è più previsto.

La Iena ha intervistato il rappresentante della categoria Ncc Giulio Aloisi per ipotizzare quali possibili scenari potrebbero verificarsi con l’applicazione dell’articolo di legge. Si passerà anche all’ incontro con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli per chiedere spiegazioni in merito e quali saranno i prossimi passi sulla regolamentazione delle categorie protagoniste della vicenda.

Verrà raccontata, inoltre, la storia di una ragazza che nel 2014, all’ epoca quindicenne, aveva denunciato il suo ex fidanzato e altri 9 coetanei sostenendo di aver subito violenze fisiche e psicologiche da loro. A distanza di anni, le accuse si sono rivelate infondate. La iena Veronica Ruggeri ha incontrato due dei ragazzi coinvolti, oggi diciannovenni e assolti dalle accuse, e la protagonista di questa vicenda, raccogliendo da lei importanti rivelazioni.

Non mancherà il momento dedicato allo scherzo: la vittima di questa sera è il portiere del Milan Gianluigi Donnarumma.

A chiudere la puntata, come ogni domenica, ci sarà l’attore e comico Maurizio Lastrico con il suo “Pregiudizio universale”.

Seguiamo insieme la puntata:

SI inizia con la clip degli aggiornamenti dopo i servizi de Le Iene di Giulia Innocenzi. Si parla della morte di Mariano, sfrattato a 90 anni.

E la storia di Rosetta, demansionata, che tornerà a lavorare e avrà un risarcimento di 5 mila euro. Si torna anche sul servizio dedicato alla sicurezza delle autostrade.

Al rientro in studio vi è lo stacchetto musicale eseguito da Golia e Roma al quale si aggiunge Nadia Toffa.

Quest’ultima racconta che oggi compie un anno la sua malattia e dice di non mollare mai, di essere forti e di sorridere sempre. L’applauso del pubblico in studio è molto caloroso.

Il primo servizio è dedicato al padre del Ministro del Lavoro Luigi di Maio. Antonio Di Maio, imprenditore edile, è al centro della polemica per presunti episodi di lavoro in nero e costruzioni irregolari.

Il Ministro da giovane collaborava con il padre, secondo le indagini ci sarebbero 4 edifici abusivi. Luigi Di Maio non ricorda tutti gli edifici. Ha difeso però la Iena Filippo Roma perchè grazie al servizio del giornalista, lo stesso Ministro ha scoperto nuovi aspetti  sugli affari imprenditoriali del padre di cui era all’oscuro.

Durante l’intervista cerca di chiarire la sua posizione, non ha mai avuto nessun ruolo importante all’interno dell’impresa.

Ora è il momento del servizio di Matteo Viviani. Rosario è un ragazzo di 26 anni, siciliano, che ha bisogno di lavorare. Una volta trovato lavoro era finalmente al settimo cielo. Sembrava essere tutto in regola ma ha avuto una, non piacevole, sorpresa.

Mentre lavorava in un distributore di benzina, si occupava del rifornimento del carburante e dell’area bar. Ogni mese secondo busta paga guadagnava circa 1900 euro al mese, ma la differenza di 900 euro doveva prelevarla e darla al proprietario. Quindi i 1000 euro, che effettivamente guadagnava, erano compresi di assegni famigliari.

Le buste paga sono quindi gonfiate. Secondo il proprietario chi non è contento può anche licenziarsi. I soldi dell’Inps, che spende ingiustamente, sarebbero i soldi di tutti noi.

Rosario per denunciare il fatto illecito, ha registrato con telecamera nascosta ogni incontro mensile con il proprietario nel momento della consegna dei soldi da restituire dalla busta paga. Il titolare tra l’altro utilizza gli assegni famigliari e i buoni pasto dei dipendenti per le spese personali e scarica le fatture con il suo nominativo. Un bel capo furbacchione.

La Iena intervista il titolare che ovviamente nega tutte le accuse. Si prende gioco di ragazzi giovani sotto i 35 anni e con prole.  A causa dell’alto tasso di disoccupazione sono costretti ad accettare le sue condizioni lavorative.

Nel servizio di Nina Palmieri, si parla di coabitazione. Molti anziani, sulla settantina, hanno deciso di condividere la cucina, il bagno e le stanze.

I sei inquilini che fanno parte del progetto “Facciamoci compagnia”, cercano di stare insieme per sconfiggere la solitudine. Ad esempio la signora Rosa, vedova e senza figli, andò dapprima in un ospizio ma non le piaceva, invece in questo posto è rinata. Il progetto si presenta come una valida alternativa alle case di riposo.

Gli ospiti, segnati da storie difficili, in questa struttura vivono tranquilli e sereni. Gli anziani, purtroppo, vengono sempre meno considerati dalla società.

Oltre alla convivenza, ricevono anche cure mediche. Si paga una retta mensile come un comune ospizio, chi non ha la possibilità di far fronte a questa spesa, può fare richiesta di aiuti pubblici.

Si rientra dalla pubblicità con lo scherzo realizzato a Gianluigi Donnarumma.

L’agente e il cognato del portiere, complici de Le iene, hanno organizzato un appuntamento in uno Show Room al centro di Milano per rinnovare il suo guardaroba. Mentre il portiere è nel camerino con gli slip per provare dei vestiti, un uomo armato, di origine araba,entra nel punto vendita . E’ alla ricerca della fidanzata Lejla che lavorerebbe in quel negozio.

Si innervosisce perché non riesce a trovarla. Il “pazzo innamorato” invita il portiere a rivestirsi e lo costringe a chiamare Lejla. La ragazza durante la telefonata non crede che dall’altra parte del telefono ci sia veramente Donnarumma. Successivamente si convince ma non vuole niente a che fare con l’ex.  Il portiere è molto agitato e implora la ragazza di raggiungerli nello Show Room. Lejla manda foto provocanti al calciatore, facendo scoppiare in lacrime l’ex fidanzato.

L’arabo vuole sfidare Donnarumma in una partita di calcio alla Playstation.

Se vince il portiere, l’uomo abbandonerà lo Show room senza far danni. Se vince l’arabo, invece, l’uomo ucciderà tutti i presenti. All’improvviso entra la troupe de Le Iene spiegando al portiere che si tratta di uno scherzo.

Si passa ora ad un servizio dedicato alla grandinata di multe di autovelox che ha investito il Comune di Milano.

Molti cittadini hanno ricevuto una raffica di multe. Un uomo, ad esempio, ne ha ricevute più di 15. Gli autovelox non solo calibrati bene e un cittadino può prendere molteplici contravvenzioni nello stesso giorno e sempre nello stesso punto.

Le furbizie delle amministrazioni locali per dare multe ai cittadini riguardano tutta la penisola. E’ un metodo utilizzato dai Comuni per incassare più soldi a discapito degli onesti cittadini che in buona fede vanno a pagarle.

Domenica scorsa, il 25 novembre, è stata la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. I conduttori fanno un importante appello alle donnedenunciare gli uomini violenti.

Si passa ora al prossimo servizio. Una ragazzina inizia una storiella con un ragazzo di nome Ciro. Dopo aver avuto la sua prima esperienza intima viene lasciata dal ragazzo. Lei chiede aiuto ad Alessandro per riconquistare il fidanzatino ma non c’è niente da fare.

La ragazzina per vendicarsi inventa un finto stupro, descrivendo l’accaduto nei minimi particolari; gli aggressori sarebbero proprio Ciro ed Alessandro.

I ragazzi vengono arrestati, portati in carcere e si proclamano innocenti. Nessuno però crede alle loro versioni. Dopo alcuni mesi di reclusione ottengono gli arresti domiciliari.

La ragazzina continua la sua farsa e sporge varie denunce. Durante le indagini gli inquirenti scoprono che la ragazza attraverso un’applicazione sul cellulare creava fake chat. I messaggi erano tutti falsi. Ciro è stato assolto e il caso di Alessandro è stato archiviato. Nonostante siano innocenti sono comunque etichettati dalla comunità come stupratori.

La ragazzina è stata a sua volta denunciata ma non è in grado di intendere e volere.

Le Iene raggiungono quest’ultima. Continua a recitare la sua versione, conferma le violenze fisiche e le minacce. Nell’ultima parte dell’intervista inizia a venir fuori la verità: la ragazzina ammette di aver scritto lei alcuni messaggi finti. Sotto la pressione della giornalista, confessa tutto. 

Dopo aver affrontato un tema delicato, le Iene propongono un altro scherzo. Questa volta la vittima è Giorgio Petrosyan, campione di kickboxing. 

Durante una cena al ristorante in compagnia del fratello e dell’amico Emis Killa, Petrosyan cerca di godersi la serata. Una donna, affetta da nanismo, è seduta al tavolo di fronte. La ragazza cerca in tutti i modi di farsi notare dal campione attraverso occhiatine e gesti provocatori.

Ad un certo punto il fidanzato, anch’egli di bassa statura, si alza per andare in bagno. La fidanzata lascia il numero di telefono a Petrosyan. L’uomo, rientrato in sala, inizia a litigare con il campione, insinuando che ci stia provando con la sua ragazza.

L’episodio sembra sia finito lì.

La mattina dopo durante l’allenamento, una gang di nani raggiunge la palestra e medita vendetta.

Durante la  simpatica “colluttazione” fanno irruzione le Iene rassicurando Petrosyan che è tutto uno scherzo.

Si cambia completamente argomento. Si parla di chirurgia plastica maschile dedicata alla zona intima.

Un medico brasiliano spiega alla iena Cizco che ci sono vari modi per far sembrare il membro maschile più grande.

Ci sarebbero almeno tre tipi di interventi a cui un paziente potrebbe sottoporsi. Gli uomini che affrontano questo intervento non vogliono parlarne in quanto suscita imbarazzo.

Un ragazzo di nome Rodrigo confessa di vivere un disagio per le sue dimensioni. Ha deciso di sottoporsi all’intervento.

E’ il momento del servizio dedicato al mondo dei tassistiNicolò De Devitiis ci racconta che le comuni App per muoversi in città con autisti, ci permettono di sapere già quanto pagheremo e i soldi della corsa vengono scalati automaticamente dal conto corrente. I tassisti sono tutti minuti di Pos, ma si rifiutano di usarlo.

Il motivo? I pagamenti con carta di credito sono tracciabili e non si può ingannare il fisco. I tassisti vogliono che i clienti paghino in contanti. Le applicazioni per prenotare le corse permettono di combattere l’evasione fiscale in quanto sono caratterizzate dalla massima trasparenza.

Le Iene intervistano il signor Mauro, guardiano di Budelli, un’isola appartenente all’arcipelago de La Maddalena, situata all’estremo nord della Sardegna presso le Bocche di Bonifacio. L’uomo vive completamente solo sull’isola da 29 anni. Dialoga con i turisti che vengono a visitare Budelli.

Mauro lancia un messaggio molto forte: a causa del consumismo e del menefreghismo stiamo distruggendo l’ambiente. La natura va curata e salvaguardata. Raccoglie i rifiuti che provengono sia dalla spiaggia sia dalla maleducazione dei turisti. La sua attività è su base volontaria, vive solamente con la sua pensione.

Il responsabile del Parco Nazionale de La Maddalena vuole sfrattare Mauro.

Le Iene per aiutarlo lanciano una petizione online affinché non avvenga lo sfratto.

il 1 dicembre è stata la Giornata mondiale contro l’AIDS. I conduttori spronano il pubblico ad usare le precauzioni durante il rapporto, in quanto il rischio di contagio è alto. Giulio Golia distribuisce qualche profilattico tra il pubblico come gesto simbolico.

Viene riproposto un servizio di Nadia Toffa in cui molti uomini, affetti da Hiv, non avvisano i partner di avere la patologia e si offrono di avere rapporti senza precauzioni.  Un ragazzo complice de Le Iene adesca un uomo su una chat e nel momento dell’incontro lo sottopone al test istantaneo di 20 minuti per l’HIV.

Il risultato del test è positivo. L’atteggiamento superficiale dell’uomo è un chiaro segnale che è già a conoscenza di avere l’HIV.

Non avvisare il partner di essere infetto è considerato un reato. L’unica arma per difendersi dal virus è usare sempre il profilattico.

Spazio ora al “Pregiudizio universale” di Maurizio Lastrico. Tema di questa sera è l’ignoranza.

In Italia il 47% delle persone sono analfabeti funzionali cioè sono in grado di scrivere e leggere ma non riescono a comprendere i  contenuti.

Chi sono i colpevoli della nostra ignoranza? Senza dubbio uno di questi è internet. Siamo disposti a leggere solo poche righe. Leggiamo solo i titoli degli articoli ma non leggiamo il corpo dell’articolo.

Un altro colpevole è il fai da te.

Ad esempio nel mondo dell’arredamento, in passato i mobili erano montati da professionisti, oggi invece li assembliamo da soli, dando vita ad un mobile magari storto e con viti mancanti ma ci si sente grandi falegnami.

Nella società contemporanea siamo diventati tuttologi e saccenti e ci illudiamo che siamo capaci di far tutto senza studiare.

Con il monologo dell’ attore e con i saluti finali da parte dei conduttori Nadia Toffa, Giulio Golia e Filippo Roma si giunge al termine dell’appuntamento domenicale con Le Iene Show.

 

Appuntamento a martedì con la versione infrasettimanale condotta da Alessia Marcuzzi e Nicola Savino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Primo Appuntamento 5 Real Time: le coppie dell’ultima puntata di martedì 20 aprile 2021

Martedì 20 aprile 2021, va in onda su Real Time la quindicesima e ultima puntata di Primo Appuntamento 5. Ecco le coppie partecipanti e le loro storie.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Primo Appuntamento 20 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 20 aprile 2021, Real Time propone la quindicesima e ultima puntata di Primo Appuntamento 5, il reality sugli incontri al buio condotto da Flavio Montrucchio.

Come di consueto, quattro coppie cenano in altrettanti appuntamenti al buio organizzati al ristorante Geco di Roma, nella speranza di trovare l’anima gemella. A partire da Silvia, 31 anni, che festeggia il suo compleanno nel locale durante l’appuntamento. Ha già partecipato al format in passato. Silvia cena con Fabio, 37 anni da Roma. Fabio è diventato virale sul web dopo la pubblicazione del video in cui, durante il lockdown del 2020, ha urlato “Ce la faremo!” dal balcone di casa sua.

E poi, ci sono Sara e Simone, rispettivamente 25 e 27 anni da Asti e Milano. Sara ama scrivere, ma è molto introversa. Anche Simone, di professione geologo, ha un carattere un po’ chiuso, e spera di poter incontrare una ragazza con la quale “possa sistemarmi” afferma. La terza coppia partecipante è composta da Francesco, 42 anni, e Chiara, 40 anni. Lui è un artista: ” “Suono, canto dipingo, scrivo anche canzoni e creo sculture. Posso suonare dappertutto, non c’è un luogo fisso. Mi definisco un ecclettico, multi tasking” afferma. Lei, invece, è una modella pin up, e il suo nome d’arte  è Crudelia.

Infine, Riccardo, 51 anni, cena con Rosalie, 42 anni.  “Le mie passioni sono la moto, i tatuaggi e gli amici. Ho 13 tatuaggi piuttosto impegnativi” racconta Rosalie. Riccardo, invece, apparentemente è un uomo molto posato.  “Gioco a tennis e a golf. Posso regalare grandi sorprese dal punto di vista della simpatia.” ammette candidamente.

Tutte le quindici puntate della quinta edizione sono già visibili agli abbonati al servizio Discovery+.

Primo Appuntamento 20 aprile, la diretta

La prima ad arrivare nel locale è Sara, venticinquenne timidissima. “Quando entro in un posto, cerco sempre di capire se qualcuno mi sta guardando o fissando” racconta. Per lei c’è Simone, geologo altrettanto agitato e timido. “Non dico che non farei il primo passo, ma vorrei che mi si facesse capire che devo farlo” confessa Simone. Piano piano, però, i due “timidoni” iniziano a rompere il ghiaccio e confidarsi.

Quindi, tocca a Francesco, artista a 360 gradi: musicista, pittore e scultore. “Cerco una persona che sappia ricevere tutto ciò che sono. Ho voglia di dare tanto, ma anche di ricevere.” afferma. Cena con Chiara, che ama definirsi una pin up. “Essere pin up è un modo di vivere. Devi avere forme burrose, morbide.” dice lei. “Passerò la serata a provocare e stuzzicare il mio appuntamento, per vedere se tiene il mio ritmo” continua. Dopo breve tempo i due iniziano a parlare dei loro sofferti trascorsi amorosi, e Chiara racconta a Francesco di quando le fu diagnosticata la fibromialgia, ma il suo ex non la supportò a sufficienza.

Arriva infine anche Fabio, autista di Roma divenuto famoso sul web dopo il video girato durante il lockdown nel quale gridava “Ce la faremo!” dal suo balcone. Fabio è entusiasta di partecipare all’appuntamento. Per lui arriva Silvia, una veterana della trasmissione. La prima esperienza non andò affatto bene, mentre la seconda non fu traumatica, ma nemmeno pienamente soddisfacente.

Primo Appuntamento 20 aprile, gli appuntamento proseguono

Sara e Simone si confrontano su alcuni traumi vissuti in passato. Sara racconta di quando a causa di un incidente rimase gravemente ustionata; e a causa dei segni rimasti sulle sue braccia è stata spesso discriminata. Anche Simone, a causa del suo cognome straniero, è stato vittima di bullismo ai tempi della scuola. Poi, però, Simone si trova in bagno a mandare un messaggio a un amico, in cui specifica che “non è il mio tipo credo… ma ci devo pensare” continua.

Arriva la fine della cena, e Simone afferma che “mi è piaciuto il suo carattere, e il fatto che abbia diviso il dolce con me. Ci sono stati un po’ di silenzi, ma per colpa mia”. A Silvia l’appuntamento non è rimasto indifferente. “Anche se è sembrato un po’… braccino. Tirchio” continua. Alla fine, decidono di vedersi nuovamente. “Continuiamo la nostra conversazione al colosseo?” propone lui. Silvia accetta.

La cena tra Fabio e Silvia a Primo Appuntamento questa sera, 20 aprile, intanto, sta per cominciare; ma prima, lei rivela che oggi è il giorno del suo compleanno; e ha deciso di festeggiarlo in modo unico a Primo Appuntamento. Una volta al tavolo, i due legano rapidamente.

E poi, ci sono Francesco e Chiara: l’animo artistico di lui e lo spirito focoso di lei sembrano essere in sintonia. Specialmente quando Francesco scolpisce una piccola rosa con la mollica di pane, e la regala a Chiara.

L’ultima coppia della serata

Manca ancora una coppia questa sera: quella composta da Riccardo e Rosalie. Il primo ad arrivare nel locale è Riccardo, avvocato dal carattere un po’ “rigido“, almeno in apparenza. Rosalie è una donna decisamente più attiva ed entusiasta. Amante della moto e dei tatuaggi, Rosalie è una donna frizzante e allegra, indipendente e forte. Durante tutta la cena, Rosalie cerca più volte di scuotere Riccardo con delle provocazioni. 

Arriva la conclusione dell’appuntamento: ma Riccardo non è stato abbastanza autoironico e sciolto per Rosalie. “Non ci sono stati spunti per slanciarsi” dice Rosalie. I due sono d’accordo: non vogliono rivedersi.

A Francesco e Chiara arriva infine il conto. Lei è rimasta colpita da Francesco, “però ci sono degli aspetti di lui che io considero fragilità. Non credo sia una persona di polso. Penso che potrei metterlo in difficoltà” afferma Chiara. “A me piacerebbe rivederti” confessa Francesco. Chiara, invece, fa la sostenuta, ma alla fine capitola di fronte a Francesco e alla sua chitarra. “Ma devo capire se posso trovare quel non so che in più” continua Chiara. Alla fine, quindi, decidono di rivedersi.

Nel frattempo, Fabio e Silvia chiacchierano al loro tavolo. Fabio, però, è un po’ logorroico, così Silvia gli chiede di descrivere l’amore secondo lui in una frase. “L’armonia tra due persone sotto uno stesso tetto” risponde Fabio.

Primo Appuntamento 20 aprile

Tutte le conclusioni 

Manca solo una conclusione questa sera: quella della cena tra Fabio e Silvia. Al loro tavolo arriva una torta di compleanno a sorpresa a fine pasto, ma forse Fabio è stato fin troppo energico per Silvia. Nonostante questo, alla fine Fabio non le dispiace. Fino alla fine Fabio ride e scherza con Silvia. E la decisione comune è che una cena non è bastata: vogliono rivedersi.

Rosalie e Riccardo non si sono più visti nè sentiti.

Fabio e Silvia, nonostante tutto, non si sono mai sentiti. Fabio non ha mai contattato Silvia.

Chiara e Francesco stanno organizzando il loro prossimo appuntamento.

Sara e Simone si sentono spesso, e presto si rivedranno di nuovo.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Canzone segreta 20 aprile: ultima puntata, ospiti Max Giusti, Adriano Panatta e Cristina Parodi

Ultimo appuntamento dello show di Serena Rossi in cui gli ospiti assistono allo spettacolo che la trasmissione ha preparato per loro. Rivediamo anche le sorprese più emozionanti.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

canzone segreta 20 aprile Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In via eccezionale l’ultima puntata di Canzone Segreta è andata in onda su Rai 1 martedì 20 aprile perché venerdì prende il via la nuova edizione di Top dieci.

In ogni appuntamentoSerena Rossi mostra ad alcuni personaggi del mondo dello spettacolo la sorpresa che lo show ha preparato per loro per emozionarli. I protagonisti infatti sono ignari di ciò che accadrà.

Gli ospiti dell’ultimo appuntamento sono: Max Giusti, Cristina Parodi ed Adriano Panatta. Vengono inoltre riproposte le sorprese realizzate a Franca Leosini, Mika, Luca Argentero, Carolyn Smith e Virginia Raffaele. Nel finale la conduttrice vuole rendere omaggio alle vittime di Covid-19 dedicando loro il brano La Cura di Franco Battiato.

canzone segreta 20 aprile Max Giusti

Canzone segreta, la diretta del 20 aprile, Max Giusti

Il primo ospite della puntata del 20 aprile di Canzone Segreta è Max Giusti, che confessa di gradire le sorprese. Propone l’imitazione di Cristiano Malgioglio, di Al Bano e Lotito su richiesta della conduttrice.

La sorpresa inizia con la lettera commovente scritta dai figli, Caterina e Matteo. Sale poi sul palco Ron,  interprete della sua canzone preferita. Si tratta di Joe Temerario che propone dal vivo. Durante l’esibizione lo raggiungono gli amici di Giusti, Marcello, Roberto e Stefano. A loro si aggiunge Silvia, cugina dell’ospite e Franco Perfini, campione di motocross.

canzone segreta 20 aprile ospiti Max Giusti

Max Giusti è felice di incontrare Perfini, che è il suo idolo da quando era bambino. Ma anche gli amici che lo hanno sempre sostenuto. Alla cugina Silvia invece lo legano molti ricordi della loro infanzia.

canzone segreta 20 aprile Cristina Parodi

Canzone segreta 20 aprile, Cristina Parodi

La seconda ospite dell’ultima puntata è Cristina Parodi, che è una gran appassionata di musica. Da giovane era anche la cantante di un gruppo che proponeva rock giapponese.

Anche per lei una sorpresa da parte dei figli Angelica, Benedetta ed Alessandro che hanno registrato un videomessaggio. 

canzone Cristina Parodi

Interviene poi Lo Stato Sociale per dedicarle La canzone dell’amore perduto mentre sul palco si alternano le amiche del cuore Titina, Marina e Rosi, sua compagna dell’università.

La Parodi è visibilmente emozionata di vedere le persone a cui è molto legata. Ha gradito particolarmente l’omaggio a De André, che adora da sempre.

canzone Adriano Panatta

Canzone segreta, Adriano Panatta

Il terzo ospite di Canzone Segreta è l’ex campione di tennis Adriano Panatta, che non ama particolarmente le sorprese.

Il suo regalo inizia con una clip che racchiude i suoi successi sportivi. Vengono infatti riproposte alcune immagini di repertorio riguardanti le sue vittorie. La conduttrice introduce il filmato con una citazione di Panatta: “Saper giocare bene a tennis è diverso da saper vincere”.

canzone segreta ospiti Adriano Panatta

Seguono dei videomessaggi da parte dell‘allenatore Paolo Bertolucci e dei suoi figli Niccolò, Alessandro e Rubina e dai nipoti. Entra poi in scena Mietta che interpreta Se telefonando, uno dei brani preferiti di Panatta. Nel corso della performance salgono sul palco il giornalista Antonello Piroso, il fratello Claudio e la moglie Anna.

Prima di andare via Panatta racconta che tempo fa, mentre portava a passeggio il suo cane, ha incontrato Mina sulla spiaggia. L’artista, trent’anni prima, gli dedicò un articolo su un quotidiano sportivo.

canzone sorprese

Le sorprese più emozionanti di questa edizione

Nella seconda parte di Canzone Segreta vengono riproposte le sorprese più emozionanti. Rivediamo infatti il regalo a Luca Argentero nel quale hanno partecipato Stefano Fresi, che ha cantato Sexy Tango, e la sua compagna Cristina Marino. Erano presenti anche altri amici dell’attore.

La seconda sorpresa è quella realizzata a Virginia Raffaele nella quale sono intervenuti Lillo e Greg e Cristina D’Avena che ha interpretato le sigle di alcune trasmissioni televisive come Ma che musica maestro e Quelli belli come noi.

Segue l’interpretazione di Serena Rossi del brano Vai Valentina di Ornella Vanoni.

canzone Franca Leosini

Viene poi riproposto l’omaggio a Franca Leosini, nel quale Riccardo Cocciante ha interpretato la canzone che la madre della giornalista ascoltava sempre. Si tratta di Que reste-t-il de nos amours? di Charles Trenet.

I telespettatori hanno modo di rivedere anche la sorpresa per Mika. Hanno partecipato alcuni volti noti dello spettacolo come Anna Valle, Antonella Clerici ed Emma Marrone che hanno registrato un videomessaggio. Sono saliti invece sul palco Elio e Chiara Galiazzo.

L’ultima è quella dedicata a Carolyn Smith nella quale hanno preso parte Paolo Belli ed alcuni ballerini di Ballando con le stelle. Milly Carlucci non è presente in studio ma le ha preparato un videomessaggio nel quale sottolineava la forza d’animo della Smith nell’affrontare la malattia.

canzone segreta omaggio vittime Covid

Canzone segreta, l’omaggio alle vittime di Covid

Ricompare in studio Serena Rossi che nel finale di Canzone segreta ha scelto di dedicare alle vittime di Covid il brano La cura di Franco Battiato. Durante l’interpretazione appaiono alle sue spalle, sul videowall, i nomi di tutte le persone decedute a causa del virus.

E’ il momento più emozionante di tutta la puntata. Un sincero omaggio alle vittime e ai familiari che hanno perso, di conseguenza, i propri cari.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Marta e Eva conferenza stampa della nuova serie tv Rai Ragazzi

Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Marta e Eva conferenza stampa
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Rai presenta oggi, 20 aprile, in conferenza stampa Marta e Eva, la nuova serie tv targata Rai Ragazzi. La serie tv è proposta in anteprima esclusiva dal 23 aprile solo su RaiPlay.

Marta e Eva racconta le avventure vissute da due ragazze di 14 anni. Le due giovani provengono da mondi diversi, e vivono passioni e sogni molto distanti fra loro. Marta, su insistenza dei suoi genitori, pratica da anni pattinaggio sul ghiaccio, ma vorrebbe sfondare nel mondo della musica. Eva, invece, la figlia del custode del palazzetto dove Marta si allena ogni giorno, studia canto, ma sogna di diventare una pattinatrice. Così, le due ragazze diventano amiche e si impegnano per aiutarsi a vicenda a cambiare vita e realizzare i loro veri desideri. 

Alla conferenza stampa di oggi partecipa il regista, Claudio Norza, e le protagoniste Giulia Fazzini (Marta) e Audrey Mballa (Eva). E ancora Luca Milano, Direttore Rai Ragazzi e Piero Crispino, A.D. e founder di 3ZERO2, la casa di produzione di Marta e Eva.

Marta e Eva conferenza stampa, la diretta

Il primo a rilasciare dichiarazioni è Luca Milano, Direttore Rai Ragazzi. Il tema dell’amicizia che fa crescere è uno dei punti chiave dell’offerta di Rai Gulp, il canale dedicato ai ragazzi dagli 8 ai 14 anni circa. Soprattutto di sera Rai Gulp si concentra sulle Fiction, che da qualche anno sono sempre maggiormente storie ambientate e prodotte in Italia, per raccontare le vite dei ragazzi di oggi. Riusciamo a produrre 4-5 serie all’anno, sempre cercando di coniugare divertimento e formazione. Questo periodo è speciale, dopo un anno di pandemia la fiducia in sé stessi è fondamentale. Così come l’amicizia, dato che i ragazzi sono stati costretti a stare spesso lontani. Anche il fatto che la serie sia disponibile anche su RaiPlay è importante.”

Continua poi: “Fondamentale anche il tema del rapporto con i genitori, in particolare quello madre/padre e figlia/figlio. Nella serie abbiamo proposto sensazioni vere: da un lato c’è il desiderio di uscire dagli schemi. Allo stesso tempo, è comprensibile che la famiglia possa avere paura che il figlio o figlia possano prendere una cantonata, e sbagliare percorso. Inoltre, in questa serie si parla anche della scuola. Si affronta persino il tema del bullismo, ma in chiave inedita. Certamente, poi, c’è il pattinaggio, uno degli sport più praticati da ragazzi e ragazze in Italia; e la musica.”.

Parla poi Piero Crispino, A.D. e founder di 3ZERO2, la casa di produzione della serie. “Girare in autunno, a Milano, è stato complicato. Come produttore vado spesso sul set, in questo caso non sono mai potuto andare. Abbiamo voluto proteggere i ragazzi e la crew, che dovevano stare tutti i giorni sul set. Ci sono anche stati casi di positività al Covid, e avrebbe potuto saltare tutto. Per noi produttori è importante avere la Rai che ci supporta e ci fa lavorare.”

Marta e Eva conferenza stampa

Marta e Eva conferenza stampa, le parole del regista Claudio Norza

Quindi si collega il regista della serie, Claudio Norza. “Marta e Eva è come un romanzo di formazione. Inseguire i propri sogni e avere le capacità di sognare è un valore universale, che si insegue per tutta la vita. Coinvolge anche gli adulti, ed è fondamentale. I ragazzi, poi, sono spugne, assorbono tutto; infatti è importante curare ogni aspetto della produzione in serie come questa, perché ogni messaggio che viene lanciato venga recepito correttamente. Noi abbiamo avuto la possibilità di formare nuove leve di attori, per di più lavorando in condizioni non semplici. Al di là del Covid, anche il freddo è stato un problema, lavorando per ore in un palazzetto del ghiaccio di Milano.”

Prosegue poi: “L’amicizia è importante nella serie, ma anche l’amore è centrale. C’è un bell’intreccio amoroso che lega i personaggi, e fa tutto parte di un sistema emozionale che i ragazzi trovano presente anche nella loro vita reale.”. 

Le dichiarazioni delle protagoniste Giulia Fazzini e Audrey Mballa

Seguono le dichiarazioni delle due protagoniste, a partire da Giulia Fazzini, l’interprete di Marta. “Sono sicura: Marta sarà un personaggio che resterà a lungo nel mio cuore. E’ la mia prima esperienza recitativa, e interpretare, per me che ho 19 anni, un personaggio di 14 anni è stato un ritorno alla me del passato. Marta è una ragazza ligia al dovere, e quando scopre di amare la musica fa un salto nel vuoto importante, per il quale non trova subito supporto nei genitori. Interviene allora Eva, con cui combacia caratterialmente, e che la aiuta ad andare avanti.”

Quindi, tocca ad Audrey Mballa, interprete di Eva: “Anche io, pur avendo 20 anni, ho imparato molto dal personaggio di Eva, che di anni ne ha quattordici. Grazie a lei ho scoperto parti di me che non sapevo di avere. Ero convinta di essere timida e pacata, ho capito di non esserlo grazie al supporto del cast e della regia; sono cresciuta e ho carpito e fatta mia la personalità di Eva. Eva è nata e cresciuta nel mondo della musica, ma il secondo lavoro di suo padre al palazzetto dello sport la porta a conoscerne uno a lei più affine: quello del pattinaggio. Eva ha una forte personalità, e si trova a collidere con il mondo di Marta. I due personaggi sono lo Ying e lo Yang.”.

Segue un videomessaggio della giovane influencer Marta Losito, oltre 2.000.000 di followers su Instagram, che ha partecipato alla serie come attrice.

Marta e Eva conferenza stampa

Le domande dei giornalisti

Domanda 1: Rai sta puntando molto sulla doppia fruizione RaiPlay-canali in chiaro. Sta funzionando?

Risponde Luca Milano: “I ragazzi anche più giovani hanno sempre a disposizione smartphone e collegamento al Web. Infatti Rai Gulp è fra i canali più visti on demand. Per ora è una fruizione che si affianca e funziona bene, vediamo come funzionerà in futuro.”. 

Domanda 2: quanto c’è delle classiche serie Disney per ragazzi in Marta e Eva? Qual è il giusto approccio a una serie per ragazzi? Per le protagoniste, qualche aneddoto divertente dal set? E’ stato difficile entrare nei personaggi?

Risponde il regista Norza: “L’esperienza maturata con le serie Disney ha aiutato sia nell’aspetto estetico della serie, che nel rapporto con gli attori. Nelle serie per ragazzi sono importanti i sentimenti veri, non artefatti e interpretati.” 

Prosegue l’attrice Fazzini: “Mi sono divertita a tornare bambina, leggendo i miei diari. Son tornata alle mie radici. Riguardo gli aneddoti: c’era un momento durante il quale un attore doveva entrare in pista senza pattini. Lo ha fatto in modo tanto buffo che lo abbiamo preso in giro per tutto il tempo.” Continua poi la protagonista MballaNon ho sentito un grande distacco con la me quattordicenne. E’ stato come rapportarsi con un’identità nuova, che mi ha insegnato tanto.”. 

Altre domande per il cast

Domanda 3: trovo che le serie degli adolescenti affrontano il tema della diversità etnica in Italia più di quelle per adulti. E’ vero? Per Audrey Mballa: senti la necessità di avere una definizione etnica particolare?

Inizia a rispondere Luca Milano: “Basta vedere le produzioni Rai anche per adulti per capire che non è così. Sicuramente ci può essere un’attenzione ancora maggiora, ma Rai è da molto tempo assolutamente inclusiva. Riguardo la definizione, ci sono molti modi di vivere, io sono un italiano calvo ad esempio. Ma non è compito delle serie definirle. Le serie devono rappresentare serenamente e con verosimiglianza la realtà italiana ed europea.”. 

Prosegue Norza: “La vera inclusione è altro: è la normalizzazione. La nostra Eva è nera, ma non per questo la trattiamo in modo diverso. La vera inclusione è il non mettere accenti sulle provenienze geografiche, abituare al fatto che le persone vadano affrontate per chi sono, e non per come vengono rappresentate.”

Infine, si esprime Audrey Mballa: “Il fatto di essere di colore non influenza il personaggio di Eva. Per la definizione: gli italiani di seconda generazione come me si trovano in un periodo enigmatico, perchè le definizioni cambiano a seconda del paese. Io sono italiana, non ho mai visitato il paese di provenienza di mio padre. Biologicamente sono afro-italiana, ma all’estero mi presento come italiana”.

Domanda 4: oltre alla diversità si affrontano anche altri temi, come l’omosessualità?

“Non mi sembra, è un altro il focus della serie.” risponde Luca Milano. “Nemmeno il colore della pelle delle protagoniste è davvero centrale; la vera importanza è la differenza di situazioni a cui le protagoniste vanno incontro”.

Le ultime domande per il cast

Domanda 5: c’è intenzione di investire di più sugli influencer in futuro?

Risponde Luca Milano: “Noi stiamo attenti alla popolarità degli influencer, ma nelle nostre serie cerchiamo attori e attrici. Se un influencer è in grado di recitare bene, ma non abbiamo interesse a valutare maggiormente il numero di follower rispetto alla qualità della recitazione. Conta la capacità di recitare e inserirsi nella storia.”

Prosegue Piero Crispino, produttore. “Marta ha superato un provino regolare, ho scoperto dopo che fosse un’influencer. Ha un ruolo, non è una presenza messa lì per sfruttare la sua popolarità. Poi è evidente che ci fa piacere che abbia dei follower che possono apprezzare la serie.”-

Domanda 6: cosa rende questa serie unica rispetto ad altre simili?

Risponde prima il regista Norza: “L’unicità di questa serie è la realtà. La storia è più vera e realistica, entra nei mondi delle due attrici, oltre che in quello dei loro personaggi.”

Prosegue Giulia Fazzini: “Ho apprezzato molto la colonna sonora originale in italiano della serie. E poi la serie non si incentra su un solo ambiente, ma ne unisce molti. Le protagoniste non sono in competizione, collaborano.” Termina infine Audrey Mballa: “Condivido l’apprezzamento per il mondo della musica di Giulia. Inoltre, questa serie ha tutti personaggi ben definiti, non è scontato.”

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it