Connect with us

Intrattenimento

Voyager, la puntata del 4 luglio tra Genova, Cremona e Ferrara

La prima puntata del ciclo estivo di Voyager, il programma di Rai 2 condotto da Roberto Giacobbo
Irene Natali

Pubblicato

il

La prima puntata del ciclo estivo di Voyager, il programma di Rai 2 condotto da Roberto Giacobbo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 {module Pubblicità dentro articolo}

Genova, Cremona, Ferrara: sono queste le città attraversate oggi. Ma si comincia dall’altra parte dell’Oceano, con tanto di colonna sonore dei Pirati dei Caraibi in sottofondo. A bordo di un elicottero, Giacobbo sorvola il complesso del monte Rushmore: il monumento al patriottismo americano scolpito nelle montagne, inizia in realtà a Del Bianco, paese vicino a Pordenone. Luigi Del Bianco, arrivato in America da immigrato, contribuì più degli altri scultori alla reazlizzazione, e al rifinimento, dei volti dei quattro presidenti.

Nel Sud Dakota, prima che nascessero gli Stati Uniti: nella montagna fu scolpito anche Cavallo Pazzo, il più importante capo tribù indiano. Giacobbo naturalmente si reca anche sopra quest’area, svelando alcune caratteristiche dell’opera: il solo volto di Cavallo Pazzo è grande, da solo, come quello dei quattro presidenti. Poi si scende a terra, per osservare la montagna dalla piazza sottostante: naturalmente Giacobbo cala subito la carta del permesso speciale, peccato che però sia circondato da altri visitatori.

voyager 4 luglio piazza monte rushmore

Prossima tappa, New York: il quartiere di Little Italy, sulle tracce dei nostri antenati. E citofona a casa di un Del Bianco, il nipote dell’uomo che aveva lavorato al monte Rushmore. Passeggiando per la città, Giacobbo ripercorre la storia degli immigrati italiani, arrivati a costituire il 6% della popolazione totale.

voyager 4 luglio giacobbo genova

Torniamo ora in Italia, a Genova: il conduttore si cala nel sottosuolo, seguito dal fedele operatore Marco. Vi trova ossa e teschi, che però sono stati in gran parte portati via a causa delle ultima alluvioni, coperti dal fango. Mano a man che l’esplorazione sotterranea prosegue, il conduttore e la sua guida si infilano in ogni pertugio possibile. Giunto al termine di un passaggio, Giacobbo ringrazia tutto il suo staff, che gli consente di regalare “suggestioni” al pubblico: solo che ancora lo spettatore non ha capito il motivo per cui, da Little Italy, si è ritrovato a vedere il conduttore incastrarsi tra il fango e le ossa.

voyager 4 luglio giacobbo grotta

Riemergiamo in superficie. Si cambia naturalmente argomento per parlare di Paganini, prima “rockstar” della musica. Giacobbo ripercorre i luoghi in cui l’artista si esibiva, alternadno il racconto con le immagini di una docufiction. Paganini viene descritto come personaggio sui generis: occhi incavati, vestito di nero, carnagione eburnea ad incarnare il ruolo di essere diabolico. E lo stesso violino era considerato strumento del diavolo.

voyager 4 luglio paganini2

Sempre su Paganini poi, il conduttore narra una macabra leggenda mai verificata: pare che una delle sue donne, “perché aveva successo con le donne”sottolinea Giacobbo, si fece uccidere per consentirgli di comunicare con l’al di là. Le sue budelle esiccate, Paganini le avrebbe utilizzate come corde per uno dei suoi violini. Senza dimenticare che pare avesse stuprato una minorenne.

A proposito di violini, Giacobbo si reca al museo di Stradivari a Cremona. Nelle teche sono custoditi strumenti che valgono milioni di euro: vi sono contenuti violini risalenti persino al ‘600. Sono pochissimi i musicisti che possono suonarli, ed è rarissimo: ovviamente, come potrebbe mai essere il contrario, per Voyager è stata fatta un’eccezione. Per tre minuti, abbiamo l’occasione di ascoltarne il preziosissimo suono nell’Ave Maria di Schubert.

voyager 4 luglio giacobbo robot

Spostiamoci quindi a Genova. Conosciamo ora Walkman, robot di avanzata tecnologia che può mettere in salvo le persone dai pericoli. Vediamo quindi varie intelligenze artificiali che possono essere utilizzate per vari impieghi, ad esempio la fisioterapia. 

Ancora a Genova, Giacobbo entra nella chiesa dedicata a San Bartolomeo degli Armeni. Qui padre Adolfo apre uno sportello che accede ad una reliquia: un lembo di stoffa che potrebbe aver toccato il volto di Gesù.

voyager 4 luglio castello estense

{module Pubblicità dentro articolo}

Altra tappa, il Palazzo dei diamanti di Ferrara. Ma Giacobbo dà lo stop: prima di continuare, un breve viaggio a Londra dove, a proposito di Italia straordinaria, veniamo aggiornati sulle ricerche degli italiani in ambito genetico. Si torna quindi a Ferrara per entrare nel castello estense.

Il conduttore non si fa sfuggire l’elemento esoterico del caso, occupandosi di una profezia di Nostradamus, in realtà “copiata” a un cittadino ferrarese che avrebbe predetto l’elezione al soglio pontificio di un gesuita. La spiega Renucio Boscolo, interprete di Nostradamus.

voyager 4 luglio giacobbo orologio cremona

Dal Palazzo dei diamanti, si va a Cremona, dove l’orologio del Torrazzo non si è mai fermato nel corso dei decenni. Già che c’è, pure uno spostamento di pochi seocndi a Londra: appena il temp di un paragone con il Big Ben.

Il saluto finale arriva tra le campane della torre. Stavolta però, la sigla del programma è suonata da due violini Stradivari.

Appuntamento a lunedì prossimo.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Fratelli di Crozza 16 aprile 2021, parodie e monologhi della puntata

Fratelli di Crozza 16 aprile, la sesta puntata del 2021 per il one man show di Maurizio Crozza. Tutte le parodie e i monologhi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Fratelli di Crozza 16 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nove trasmette questa sera, 16 aprile 2021, la sesta puntata della nuova edizione di Fratelli di Crozza. Il comico genovese Maurizio Crozza va in onda dalle 21.25 con le sue parodie di personaggi del mondo politico e dello spettacolo.

Nel corso della puntata di venerdì scorso, Crozza aveva dedicato particolare attenzione all’argomento vaccini. Infatti, tra le imitazioni proposte c’erano quelle del premier Mario Draghi, e del Generale Francesco Paolo Figliuolo; entrambi rappresentati alle prese con ritardi sulla somministrazione dei vaccini e presidenti di Regione “problematici” come Attilio Fontana, indagato per false dichiarazioni e autoriciclaggio. 

Vi ricordiamo che potete seguire la quinta puntata di Fratelli di Crozza in diretta streaming sul sito discovery+; dove saranno caricate anche le singole imitazioni estrapolate da ogni puntata dell’edizione.

Fratelli di Crozza 16 aprile, la diretta

Crozza inizia il primo monologo della puntata parlando di omofobia e legge Zan, contro l’omotransfobia. In settimana sono stati molti a supportare l’approvazione della legge, fra cui il cantante Fedez. “Hanno più followers loro che votanti il PD” afferma Crozza. Quindi, si parla di Matteo Salvini, leader della Lega e fra i più grandi detrattori della legge Zan, e del ministro Speranza. 

Inizia poi una nuova parodia proprio di Matteo Salvini. Come la sua controparte reale, Crozza-Salvini inizia la sua crociata personale contro Speranza. “Non posso nemmeno dirgli Speranza è ricch***e dopo la legge DDL SperanzaZan” afferma convinto Crozza-Salvini. “Sono matto io, o le rondini non ci sono più a causa di Speranza?” continua.

Subito dopo, Crozza inizia una nuova imitazione inedita. “Dal momento che Draghi non ha un buon rapporto con gli psicologi di 30 anni, vi aiuto io a migliorare la vostra condizione psicologica” afferma prima di iniziare l’imitazione dello psicanalista Massimo Recalcati. “Il Covid non ha territorio, non è territoriale. Zurigo è in Svizzera no? Il Virus no, è indeterminato, ce lo dice la psicobanalisi. E’ molto difficile trovare un virus di 1 metro e novanta di nome Frederich; lo diceva lo pneumologo di Freud.” esclama Crozza-Recalcati; sbagliando di proposito la parola psicoanalisi, come accaduto al vero Recalcati durante un’intervista.

Fratelli di Crozza 16 aprile

Fratelli di Crozza 16 aprile, la parodia di Miguel Bosè

Di ritorno da una breve interruzione pubblicitaria, Crozza parla di negazionisti e no-mask. Miguel Bosè, ad esempio, ne è convinto, tanto che ha dichiarato in varie interviste che il Covid non esiste. Non solo, Bosè, nella medesima intervista ha candidamente confessato di consumare 2 grammi di cocaina al giorno. Ed ha insultato il giornalista che lo intervistava, perché voleva indossare una mascherina. Così, Crozza ne propone stasera la parodia.

“Una volta in una casa c’era una urna. Ho sniffato anche quella. E poi il Dixan, la Maria, tutto. La cocaina la prendevo come gastroprotettore” afferma Crozza-Bosè. L’intervista prende una piega sempre più surreale, mentre Crozza-Bosè continua a ripetere “Non sniffo da sette anni, ora ragiono con la mia testa”.

Crozza torna poi a parlare di vaccini, dopo le note problematiche riscontrate da Astrazeneca e Johnson & Johnson. Così, inizia anche una nuova imitazione del Generale Figliuolo. Questa sera Crozza-Figliuolo è attorniato da uno stuolo di giornalisti che chiede informazioni sulla copertura vaccinale. Come la sua controparte reale, Crozza-Figliuolo sbaglia a pronunciare molti accenti. “Tutta l’Italia sarà presto vaccintà. Lo giuro sul mio onorè. Stiamo pensando di vaccinare tutti coloro che sono più alti di un metro.” afferma.

L’imitazione di Vincenzo De Luca e Luca Zaia

Dopo un breve periodo di assenza, torna anche uno dei personaggi chiave della scorsa edizione del programma: Vincenzo De Luca, il presidente della Regione Campania. Come di consueto, Crozza-De Luca parla senza filtri e mette la Campania al di sopra di qualunque altra regione; e anche al di sopra della nazione tutta. “La Campania ormai fa nazione a sè. Qui da noi i sacchetti della monnezza non li smuove nessuno, fanno parte dei legami affettivi.” esclama Crozza-De Luca. “Non sono tutti contro la Campania. E’ la Campania che ormai è sola contro tutti.” continua minacciosamente Crozza-De Luca.

“Il Veneto sarà un’isola Covid-free” ha dichiarato Luca Zaia, presidente della Regione Veneto. Di recente, poi, Zaia ha anche riportato le grandi navi da crociera nei canali di Venezia, dopo un divieto che perdurava ormai da lungo tempo. Segue la parodia del personaggio Crozza-Zaia. Anche Crozza-Zaia, come Crozza-De Luca, è fedele al suo personaggio per come lo conosciamo. Crozza propone dunque la parodia di una conferenza stampa del presidente; durante la quale Crozza-Zaia parla in dialetto Veneto, si rivolge a persone fuori dall’inquadratura ed è alquanto confuso su dati e numeri forniti.

Fratelli di Crozza 16 aprile

L’ultima imitazione della puntata: Flavio Briatore

L’ultima imitazione della puntata è quella di Flavio Briatore, che anche questa settimana ha rilasciato numerose interviste, e ha anche festeggiato il suo compleanno, caduto lunedì 12 aprile. “Se gli anni li avessi dichiarati in Italia, dove ci sono i comunisti, avrei avuto almeno 86 anni, non 71” dichiara Crozza-Briatore. Come sempre, Crozza-Briatore se la prende con i politici italiani, e fa dichiarazioni controverse sui vaccini, sul Covid e sull’economia.

E’ tutto un blablare, il mondo va avanti solo se la gente si impegna. Non ci fanno aprire le attività perchè le persone fanno gli schizzosi (schizzinosi n.d.r.) sui vaccini. Li vogliono al gusto di limone, e qui e là” vaneggia Crozza-Briatore. “Speranza va in bagno con il catalogo dei chiavistelli e si diverte, vuole solo chiudere tutto.continua.

 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Felicissima Sera 16 aprile 2021, diretta prima puntata dello show con Pio e Amedeo

Prima puntata dello show condotto dal duo comico Pio e Amedeo, all'anagrafe Pio D'Antini e Amedeo Grieco.
Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

Felicissima Sera 16 aprile diretta
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 16 aprile 2021, alle ore 21:40 su Canale 5 andrà in onda la prima puntata di Felicissima Sera. Padroni di casa Pio e Amedeo, approdano sulla principale rete di Cologno Monzese con il nuovo show.

Ospiti della prima puntata Maria De Filippi, Francesco De Gregori, Ivana Spagna, Tommaso Paradiso, Emanuele Filiberto, Francesco Pannofino e Andrea Iannone.

Felicissima sera 16 aprile 2021 – diretta

Inizia il programma. Pio e Amedeo ironizzano sul pubblico di Mediaset, definito “semplice e basico” perchè ama i “vipponi”. Dopo aver salutato affettuosamente Alfonso Signorini, i due continuano a scherzare sui programmi di Canale 5 e soprattutto sull’Isola dei famosi che è ritenuta diseducativa (“Mio figlio dopo averne visto una puntata ha c****to nella pianta del salotto”).

La prima ospite della serata è Maria De Filippi, colei che “ha moltiplicato pani e pesci, ha camminato sulle acque ed è apparsa in sogno alla Madonna di Medjugorje”, è “la conduttrice preferita di Zia Antonietta” e “anche se suda profuma”. Pio e Amedeo si inginocchiano al suo cospetto. La De Filippi regala loro delle racchette per giocare.

Il duo comico fa accomodare Maria su un divano e la invita a togliere i tacchi sostituendoli con un paio di pantofole. I due cercano poi di farla piangere mostrandole foto dei suoi cani, di Gianni Sperti e del suo passato . Pio e Amedeo sono convinti che facendo commuovere la conduttrice “faranno i soldi”. La De Filippi si racconta, parla del suo passato e delle sue esperienze. Svela di non essersi mai fatta una canna, ma di aver rubato un pezzo d’argenteria in casa sua. Maria l’ha rivenduto per pagare delle multe, perchè sperava che i genitori non lo venissero a sapere. E’ stata però “sgamata”. Pio e Amedeo mostrano poi uno scatto del giorno del matrimonio della De Filippi e di Costanzo. “Berlusconi c’era al matrimonio? Che vi ha regalato? A parte Canale 5 intendo..” – scherzano.

Prima di congedare Maria, Pio si accovaccia per aiutarla ad indossare nuovamente i tacchi. Nell’abbassarsi gli si strappano però i pantaloni.

La De Filippi inverte i ruoli e porta sul palco di “Felicissima sera” una sorpresa alla “C’è posta per te”. Maria mostra uno scatto di Pio e Amedeo neonati. Le loro mamme si sono conosciute perchè vicine di letto in ospedale il giorno del parto. Poi ognuna è tornata alla sua vita e si sono perse di vista. Dopo 11 anni Pio e Amedeo si sono rincontrati perchè vivevano entrambi nello stesso quartiere. Sono diventati amici, hanno fatto gli animatori turistici, si sono diplomati e si sono trasferiti a Roma per frequentare la facoltà di Scienze della comunicazione.

Dopo poco sono tornati a Foggia per intraprendere la carriera televisiva. Le famiglie erano assolutamente contrarie. L’unico che ha creduto in loro è stato Federico, padre di Amedeo, che ha sempre seguito i loro spettacoli dalla prima fila e li ha sostenuti in tutti i modi. Anche Pio è molto legato a Federico.

Maria invita il papà di Amedeo sul palco e parla della sua vera passione: il canto. Federico è grande fan dei Pooh. La De Filippi legge una bellissima lettera scritta da Amedeo al padre. Scopriamo il dolore di una famiglia che ha subito un grave lutto solo pochi mesi fa. La mamma è venuta a mancare lo scorso giugno e da allora il vuoto si è fatto incolmabile. Amedeo piange e Pio gli prende la mano.

Per ringraziare Federico per il sostegno di sempre, Pio e Amedeo gli fanno incontrare Roby Facchinetti – il suo mito. Il cantante abbraccia il papà di Amedeo e gli regala una felpa dei Pooh ed una miniatura della macchinina storica del gruppo.

Federico canta con Facchinetti, Pio e Amedeo suonano “per finta”.

Pio e Amedeo salutano gli ospiti e rimangono soli. La commozione è ancora tangibile. “Come sapete la mia mamma è volata prima e invece doveva stare qui a impettirsi con me e papà e questo mi fa inca**are. Mi dispiace perchè si perde tutte queste cose o le guarda ma non le può commentare. Mi sarebbe piaciuto farle fare qualche figuraccia stasera” – svela Amedeo. “Le mamme sono ovunque, le mando un bacio grandissimo perchè sono sicura che ci guarda” – commenta Pio.

Il duo si lascia poi andare ad una serie di battute sulle mamme e sull’educazione “verace” delle mamme italiane. Tra “mazze e panelle”, Pio e Amedeo raccontano di aver preso molte botte, ma di essere stati anche molto amati. I due cantano poi una ironica canzone sull’argomento.

Tommaso Paradiso canta “Non avere paura”.  Pio e Amedeo inscenano il ricevimento di un matrimonio e coinvolgono anche Paradiso. Il banchetto diventa occasione di intervista e poi Tommaso delizia gli “invitati” con un medley dei suoi successi.

Pio e Amedeo diventano i conduttori di una puntata di “Che interviste che fa” (parodia di “Che tempo che fa”). Seduti dietro al celeberrimo bancone – acquario, i due comici intervistano Emanuele Filiberto. Il principe parla della sua famiglia e dell’esilio. Poi il “miracolato di Maria” canta il brano con il quale arrivò secondo al Festival di Sanremo.

Amedeo non apprezza e lo accusa di plagio perché la base del pezzo ricorda quella di “Somewhere over the rainbow”.

Pio tenta di corrompere Emanuele Filiberto convincendolo a dare sia a lui che ad Amedeo il titolo di cavalieri. Il principe accetta e li nomina ufficialmente “ufficiali dell’ordine civile dello Stato di Savoia”. 

Ivana Spagna regala la colonna sonora all’importante momento, cantando “Il cerchio della vita” dall’OST del cartone Disney “Il re leone”.

Sale sul palco Francesco Pannofino, che rivendica la sua carriera di successo. Pannofino spiega infatti di essere ormai conosciuto come la “voce narrante di Emigratis”, ma di aver fatto molto di più in tanti anni di recitazione e doppiaggio. Arrivano Pio e Amedeo in versione Emigratis, accompagnati da Andrea Iannone.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Canzone segreta 16 aprile: tra gli ospiti Anna Valle, Enrico Brignano e Simona Ventura

Quinta puntata dello show con Serena Rossi in cui gli ospiti devono solo godersi la sorpresa che la trasmissione ha preparato per loro.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Canzone segreta 16 aprile 2021 rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Venerdì 16 aprile Rai 1, ha trasmesso la quinta puntata di Canzone Segreta.

Come accade tutte le settimane, Serena Rossi accoglie in studio alcuni personaggi del mondo dello spettacolo. Il loro compito è solo quello di accomodarsi sulla celebre poltrona bianca per godersi la propria sorpresa. Sono infatti ignari di ciò che la trasmissione ha in serbo per loro.

Ospiti del quinto appuntamento: Giancarlo Giannini, Simona Ventura, Valeria Fabrizi, Anna Valle,  Massimo Ghini ed Enrico Brignano.

Canzone segreta 16 aprile Anna Valle

Canzone segreta, la diretta del 16 aprile, Anna Valle

Serena Rossi annuncia ai telespettatori che il primo ospite della puntata è Anna Valle. Prima di accomodarsi sulla poltrona bianca l’attrice confida di portare sempre in borsa dei fiammiferi anche se non fuma perché la fa sentire protetta.

Canzone segreta 16 aprile Irama

Viene mandato in onda un videomessaggio da parte della sorella Antonella, che le mostra i luoghi di infanzia. Sono in simbiosi anche se vivono in città diverse.

Sale poi sul palco Irama che le dedica One degli U2, la sua canzone preferita. Durante l’esibizione lo raggiungono gli amici Massimo e Nadege. Alle spalle di Anna Valle appare invece il marito Ulisse che le porge una rosa ed iniziano a ballare insieme. Nel finale arriva anche Antonella. Anna Valle è felice di ritrovare alcune persone care.

Canzone segreta 16 aprile Enrico Brignano

Canzone segreta, Enrico Brignano

Il secondo ospite è Enrico Brignano, che è attualmente in onda su Rai 2 con Un’ora sola vi vorrei. Brignano e Serena Rossi hanno lavorato insieme nella commedia musicale Rugantino ed hanno doppiato Anna e Olaf in Frozen. Lo show man racconta al pubblico di ricordare il giorno del suo debutto. Era il 1 maggio 1985 ed aveva 17 anni.

La trasmissione manda in onda un videomessaggio affettuoso da parte di Giorgio Panariello. Oltre ad essere un ottimo artista, Brignano è un appassionato del Fai da te. Per lui sul palco c’è Annabella, la sua insegnante di recitazione nella Scuola di Proietti. La docente spiega che era uno studente serio ed attento con una gran voglia di fare.

Canzone Brignano

Il suo amico Mariano, che ha registrato un messaggio da New York, ricorda i tempi in cui hanno vissuto insieme, per un periodo, in America. Partecipa anche Martina che è la voce narrante di un video nel quale viene rappresentata la sua famiglia. La compagna Flora Canto, in attesa del secondo figlio, gli dedica Meraviglioso amore mio. Sul palco si alternano poi Andrea Perrozzi, Michele Gammino, Simone Mori ed Andrea Pirolli che fanno parte del cast di Rugantino.

Canzone segreta 16 aprile Giancarlo Giannini

Canzone segreta, Giancarlo Giannini

Il terzo ospite della puntata del 16 aprile è Giancarlo Giannini. L’attore ha ottenuto la stella sulla Walk of Fame di Hollywood. E’ il secondo attore italiano a ricevere tale riconoscimento dopo Rodolfo Valentino.

Per ingannare l’attesa Giannini legge al pubblico due poesie, L’Unica via di autore anonimo e Tanto gentile e tanto onesta pare di Dante Alighieri. Il primo testo era il preferito della madre.

Canzone sorpresa Giannini

Appare in video Lina Wertmüller a cui l’attore è molto legato. Entra poi in scena Paolo Jannacci che interpreta Tira a campà, colonna sonora del film Pasqualino Settebellezze (1975) diretto proprio dalla Wertmüller. Si alternano sul palco gli amici di Giannini, Marco e Roberto. Dopo la messa in onda di alcuni immagini e filmati di repertorio che ripercorrono i suoi successi Nina Zilli interpreta È luomo per me.

Canzone Valeria Fabrizi

La sorpresa a Valeria Fabrizi

Quarta ospite è invece l’attrice Valeria Fabrizi, che è già visibilmente emozionata. Serena Rossi ha preparato una clip in cui racconta la sua storia d’amore con Giovanni “Tata” Giacobetti, uno dei componenti del Quartetto Cetra. Si sposarono nel 1964 e dal loro matrimonio nacque Giorgia, anche lei presente a Canzone Segreta.

Canzone segreta 16 aprile sorpresa Valeria Fabrizi

Salgono sul palco Diana Del Bufalo, Erasmo Genzini, Pierpaolo Spollon e Gianmarco Saurino che fanno parte del cast della fiction Che Dio ci aiuti. I ragazzi le regalano I ricordi della sera, proprio del Quartetto Cetra. Sul finale appare il regista Pupi Avati che ha incoraggiato Valeria Fabrizi a tornare sulle scene, dopo un periodo di assenza, sul set del film Dichiarazione d’amore (1994).

Canzone segreta 16 aprile Simona Ventura

Canzone segreta 16 aprile, Simona Ventura

E’ il turno di Simona Ventura, al timone di Game of Games su Rai 2. Per ingannare l’attesa racconta di essere molto appassionata di musica, soprattutto quella degli Anni Ottanta e Novanta. Ed ogni mattina ascolta un determinato genere musicale che varia con il suo umore.

Canzone Simona Ventura

Appare la sorella Sara che recita un monologo che ripercorre alcuni momenti felici della loro infanzia. Sale poi sul palco Michele Bravi che interpreta Il tempo se ne va di Adriano Celentano. E’ un brano che la Ventura ascoltava sempre con i suoi genitori, Anna e Rino, che la raggiungono e ballano un lento. A loro si uniscono anche i suoi figli, Caterina e Giacomo. 

Canzone Massimo Ghini

Canzone segreta, Massimo Ghini

L’ultimo ospite è Massimo Ghini, che aveva già fatto la sorpresa a Cesare Bocci interpretando Freddie Mercury. Raggiunge il palco Riccardo Rossi che propone Tanto pe Cantà, introdotto dal filmato dell’interpretazione di Nino Manfredi al Festival di Sanremo del 1970.

Canzone Ghini

Nancy Brilli invece gli dedica Roma nun fa’ la stupida stasera mentre si alternano i suoi figli Camilla, Leonardo, Lorenzo e la sorella Sole. A loro si aggiungono anche la tata Maria e l’amico Paolo. L’altra figlia di Ghini, Margherita, non è potuta essere presente e per tale ragione gli ha preparato un videomessaggio da Londra.

In chiusura Serena Rossi interpreta Era de maggio mentre Irama canta La genesi del tuo colore, con cui ha partecipato all’ultimo Festival di Sanremo.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it