Domenica Live | 17 febbraio | Paola Caruso conosce la presunta madre biologica


Tutti i fatti salienti della puntata di Domenica Live, programma di Canale 5 condotto da Barbara D'Urso, andata in onda domenica 17 febbraio 2019


Barbara D’Urso apre la puntata elencando tutti i casi che verranno trattati oggi. Tra i protagonisti, Paola Caruso che potrebbe scoprire chi è la sua vera madre, Francesca Cipriani e il Divino Otelma che racconta, in una lettera di essere stato quasi rapito.

Si tratterà anche il caso del canna gate e di conseguenza di Eva Henger e Francesco Monte. Si inizia però con Taylor Mega ed un servizio su di lei nel quale mostra come vive la vita di tutti i giorni e dice che per fare la sua vita ci vorrebbero un milione di euro al mese. Taylor mostra dove e come fa shopping e come si rilassa. Nel servizio vengono riportati i trattamenti che fa e come si prende cura di se stessa.

Taylor racconta che riesce a guadagnare così tanti soldi grazie al suo lavoro di influencer marketing ma Guendalina Tavassi non si rende conto di come possa essere possibile dato che anche lei svolge lo stesso lavoro ma senza riuscire a guadagnare così tanti soldi. La Mega viene attaccata da tutte le parti ma non ha troppo tempo per difendersi dato che Barbara D’urso comunica che bisogna accogliere Otelma per occuparsi del suo caso.

Fin dalla sua entrata, Otelma viene preso in giro bonariamente da Barbara D’urso. Otelma per tutto il tempo, parla con il pluralis Maiestatis.

L’ospite ripete più volte di non essere arrabbiato con Francesca Cipriani e anche se gli ospiti sono abbastanza increduli racconta di aver scritto la lettera nella quale diceva di essere recluso in Honduras, proprio da la anche se sulla carta c’è scritto che proviene da Milano.

Barbara D’Urso deve interrompere Otelma perché è il momento di introdurre Paola Caruso. La ragazza, incinta di 9 mesi e mezzo ascolta la storia raccontata da Barbara D’urso sulla sua presunta madre biologica.

La presentatrice dice di aver incontrato la sua possibile mamma biologica che le ha raccontato, come anni fa ebbe una bambina. La madre della signora che al tempo partorì senza un marito, le disse che sua figlia era morta. La storia fu smentita dall’infermiere ma la donna non ebbe mai la possibilità di scoprire la verità ed ora chiede di poter fare un test del DNA per scoprire la verità

Barbara passa al prossimo argomento e si inizia a parlare di politica con il Presidente Silvio Berlusconi.

La D’Urso fa notare subito all’ospite che sono due volte in tre giorni che lo invita mentre Berlusconi si complimenta con Barbara per gli ascolti che fa con i suoi programmi.

Il politico dice la sua per evitare la chiusura delle aziende dei pastori, spiegando che secondo lui ci vorrebbero più controlli sulla produzione per limitare lo spreco.

Assicura che con l’aiuto di Antonio Tajani stanno contattando chi di dovere per realizzare degli spot, anche televisivi sulla produzione del formaggio nostrano.

Il leader di Forza Italia descrive un progetto che lui ed il suo partito hanno proposto su scala nazionale secondo il quale si farebbe più attenzione all’evasione ed all’elusione fiscale e di conseguenza ci sarebbe una migliore resa di posti di lavoro.

Berlusconi paragona la sua visione sulla situazione a quella che avevano, Regan, Kennedy e la Tatcher. Assistiamo ad un quarto d’ora circa di monologo di Silvio Berlusconi che si scaglia contro chi guida il nostro paese, paragonandoli ad un uomo che guida un’automobile senza avere la patente.

L’ex premier non si occupa solo dell’Italia ma promette di occuparsi anche della riunificazione dell’Europa e di impedire che la Cina prenda il controllo del mondo.

Barbara D’Urso riesce a prendere la parola solo per chiudere la puntata e dare appuntamento a domenica prossima.

Termina qui la puntata.



0 Replies to “Domenica Live | 17 febbraio | Paola Caruso conosce la presunta madre biologica”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*