Connect with us

Intrattenimento

The Voice of Italy 6 | Diretta 30 aprile 2019 | La seconda Blind Audition

The Voice of Italy 6 | Diretta 30 aprile 2019 | La seconda Blind Audition. Nuovo appuntamento con le selezioni del talent condotto da Simona Ventura su Rai2. Morgan prosegue spedito con 10 cantanti già scelti. D'Alessio e Gué Pequeno fermi a sei. Elettra Lamborghini, più cauta, a quattro
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

The Voice of Italy 6 | Diretta 30 aprile 2019 | La seconda Blind Audition. Nuovo appuntamento con le selezioni del talent condotto da Simona Ventura su Rai2. Morgan prosegue spedito con 10 cantanti già scelti. D'Alessio e Gué Pequeno fermi a sei. Elettra Lamborghini, più cauta, a quattro
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo show ha mostrato segni di ripresa rispetto alle ultime edizioni, anche se è stato certo impeccabile. Segnali confermati nella seconda puntata, durante la quale è stato possibile ascoltare un piccolo miglioramento par quanto riguarda la varietà di talenti a contendersi un posto.

Morgan, Elettra Lamborghini, Gué Pequeno e Gigi D’alessio avranno il loro daffare, comunque, per alzare il livello di una selezione che proseguirà fino alla quinta puntata. I Coach avevano scelto, prima di questa Blind Audition, quattro talenti ciascuno, ad eccezione di Elettra Lamborghini, ferma a due.

Differenze confermate dopo il secondo appuntamento: TeamMorgan a quota 10 cantanti, TeamElettra a 4, TeamGigi a 6, TeamGué a 6.
Immutato il meccanismo della Blind Audition: i Coach hanno ascoltato le voci dei concorrenti voltati di spalle, accomodati nelle loro poltrone. Se colpiti dal talento di qualcuno di loro, hanno premuto il pulsante “I want you” e si sono voltati per provare ad accaparrarselo. Il cantante, da parte sua, se scelto da più di un Coach, ha potuto decidere autonomamente in quale squadra gareggiare. Due le opportunità “Blocca Coach” concesse nell’arco della puntata a ciascuno dei Giudici, per impedire strategicamente ad altri la scelta di un talento a cui si tiene particolarmente.

Di seguito potete ripercorrere la diretta della seconda Blind Audition di The Voice of Italy 6.

Gran bell’inizio energico, con i quattro Coach a suonare e reinterpretare secondo i rispettivi stili “Feel Good inc.” dei Gorillaz.

La prima concorrente è Joe Elle, ventiduenne, che si presenta carica e con un bel groove. Si girano solamente Elettra Lamborghini – la più convinta – e Morgan. Lei sceglie il TeamMorgan.

A stretto giro arriva Giuseppe Ippoliti con “Immigrant song” dei Led Zeppelin. Scelta azzardata, dovuta alla sua passione per il rock, che non paga granché. Indugia sui vocalizzi senza renderli troppo convincenti e nessuno dei quattro Coach si gira. “Sei stato bravo ma sei troppo legato al modello dell’epoca. Non avrei tempo di plasmarti in maniera originale”, dice Morgan.

Ora il palco è tutto per Sofia Sole Cammarota,16 anni. La sua carta da gioco è “People help the people” di Birdy. Gigi D’Alessio si volta dopo poche decine di secondi.
Voce suadente e apparentemente matura per la sua età.
Elettra Lamborghini lo fa verso la fine, mentre Morgan spinge il pulsante all’ultimo secondo. Rinuncia Gué Pequeno: “Sei brava, ma ho già una voce dallo stile simile nel mio team”.

L’unico difetto – ammesso si possa considerare tale – è che a sua è la classica interpretazione da audizioni nei talent. Ovvero, che punta su una voce calda e un brano lento, intenso per emozionare il pubblico. Avrebbe potuto osare di più.

Gigi D’Alessio le chiede di cantare in italiano e le suona al piano “La notte” di Arisa, “perché l’inglese è una corsia preferenziale, in questi casi, però dobbiamo cantare anche in italiano”. Lei improvvisa bene, salvo fermarsi dopo un po’ per l’emozione.
Sofia sceglie proprio il Team di D’Alessio.
Roy Raheem è il concorrente successivo, italo-nigeriano di 27 anni. Presenta “Airplanes” di B.O.B. con una voce a tratti particolare ma difficile da inquadrare. Alla fine, non convince nessuno dei Coach.


Poi tocca a Miriam Ayaba che canta“Amazzonia”, un inedito scritto da lei. Una curiosità: Miriam è la compagna del concorrente precedente, Roy.

Dedica il brano a tutte le donne e lo introduce con un breve discorso con cui motiva le donne, per spronarle a lottare per la propria affermazione. Con la sua energia fa ballare tutto lo studio, in visibilio, e fa girare i quattro giudici senza esitazioni.

Elettra Lamborghini si volta letteralmente dopo due secondi, estasiata: “Da dove vieni tu?! Da che pianeta vieni? Finalmente!”. È la più impressionata tra tutti perché lo stile di Miriam è piuttosto vicino al suo prediletto. Gué Pequeno: “Vedo un futuro luminoso per te. Si sente che sei un’artista”.
Lei sceglie Elettra Lamborghini, che impazzisce di gioia.

Avanti con Ilenia Filippo, 24 anni dalla provincia di Cosenza. Canta “Pezzi di vetro” di Francesco De Gregori.
Convince tutti e quattro i Coach con una bella voce, ma soprattutto con ottime doti interpretative.
Lei sceglie il TeamGué.

Simona Ventura approfitta di una breve pausa per ricordare le penitenze previste per il Coach che dovesse completare per ultimo il suo Team. In sostanza, ciascuno di loro sarebbe chiamato a rivisitare un pezzo dei suoi colleghi.

Penitenze stimolanti e potenzilmente divertenti per il fatto che ciascuno degli artisti si differenzia nettamente dall’altro per genere di appartenenza e stile. Sentire “Non dirgli mai” di Gigi D’Alessio rappata da Gué Pequeno potrebbe essere interessante, in effetti…
Marco Liotti, romano 49enne, è un appassionato di Rock ‘n’ roll anni ’50. Si presenta con “Be-bop-a-lula” di Gene Vincent e lascia inizialmente interdetti pubblico e Giudici.
Non convintissimi, si girano Gigi D’Alessio e Morgan che poi rileggono insieme a lui “O’ sole mio”, mescolando gli stili.
Marco
sceglie di gareggiare nel TeamMorgan.
Il Giudice si confida con i suoi colleghi, ammettendo di essere stato troppo avventato nel premere il pulsante. Anche perché, mancano ancora più di tre puntate di audizioni e lui ha già occupato metà dei posti disponibili per la sua squadra.

Non pago, è l’unico a girarsi anche per Francesco Bombaci con “Alive” dei Pearl Jam.

Poi, addirittura rincara, voltandosi da solo pure per il cantautore ventitreenne Felice Falanga. Si presenta con “La nostra ultima canzone” di Motta.

L’affollamento della sua squadra potrebbe a breve rivelarsi un serio problema. In particolar modo perché si è concesso queste libertà per voci e artisti dal peso specifico non chiaro al momento.
I concorrenti successivi sono i Mashup Loop, artisti di strada pugliesi trapiantati a Bologna. Come suggerisce il nome, si concentrano sui mashup. Questa sera ne presentano uno in cui sono incluse “Taki-taki”, “Watch out for this” e “Pump it”.
Non impressionano, ma coinvolgono il pubblico e riescono a far voltare tutti i Coach.
Gué Pequeno
canta con loro “Brivido”, scritta insieme a Marracash, e li convince ad andare nel TeamGué.

Avanti con il diciassettenne napoletano Andrea Settembre. Canta “Location” di Khalid. Voce calda, che emoziona il pubblico e tutti i Giudici, eccetto Elettra Lamborghini. Altro caso di talento indubbio e con grandi prospettive, forse non del tutto originale. Ascolteremo nelle prossime puntate se l’impressione è corretta.

La Lamborghini, poi, si dispera: non si è girata pensando che Andrea non sarebbe mai andato nel suo team, invece lui le confessa che sarebbe stata la prima scelta, essendo anche suo fan.

Andrea sceglie Gigi D’Alessio.

Prima di andare via, però, non riesce a resistere e chiede un selfie ad Elettra Lamborghini.
Lo segue la cantautrice e musicista Angelica Lubian, 34enne che si presenta con “Psycho killer” dei Talkin Heads.

Brava, ma non incide. Morgan è l’unico – per affinità di genere musicale – che avrebbe potuto voltarsi, ma non preme il pulsante.
“Hai fatto l’errore nel voler eccedere nell’interpretazione”, le dice.
Lei non sembra convinta, allora Morgan va al piano e inizia a suonare di nuovo il brano, cercando di spiegare cosa intende e chiedendole di seguirlo.
Niente da fare. Angelica – con una certa supponenza – va via convinta che sia il Coach ad aver sbagliato la valutazione.

Adesso arriva Erica Bazzeghini con “I hope that I don’t fall in love with you”, di Tom Waits. Il suo timbro non ha tratti che risaltano nell’immediato, ma è particolarmente espressiva e profonda, centrando l’ascoltatore alla distanza. Si girano tutti i Coach, eccetto Elettra Lamborghini.

Morgan la incensa: “Il mondo nel tuo modo di cantare è descritto. Un paesaggio impressionista”. Pure Gigi D’Alessio si complimenta con lei, rimarcando come la sua voce rispecchi in maniera fedele il volto.

Erica sceglie Morgan, probabilmente il più affine al suo mondo di riferimento.

La concorrente successiva è Lourdes Barea Andrades, 26enne spagnola. Si cimenta con “Whenever, whenever” si Shakira e si dimostra piuttosto brava.
Però non riesce a far colpire con peculiarità che possano impressionare. Nessuno dei Giudici si gira.

La Blind Audition prosegue con Filippo Cantele, 20enne stalliere di Carmagnola (Torino). Canta “Your man” di Josh Turner, con una voce profonda e in pieno stile country che, però, colpisce solamente Elettra Lamborghini.

Niente da fare, invece, per Filippo Ciampi (nome d’arte Fucillo), 30 anni da Pisa. Canta “Voglio” di Marco Mengoni.

Purtroppo, esagera nel voler impressionare con la voce e, anche se non commette errori particolari, dà l’impressione di qualcosa da settare. Nessuno dei Coach si volta.

Chiude la Blind Audition di questa sera Karen Marra, 30enne. Canta “There must be love” di David Morales & Janice Robinson.

Decisa, coinvolgente, con una voce calda e potente.
Riesce a far voltare Gigi D’Alessio e Morgan. Sceglie il TeamMorgan.

La seconda puntata di Blind Audition di The Voice of Italy 6 finisce qui.

Il TeamMorgan a quota dieci elementi.

Il TeamElettra è fermo a quattro.
Il TeamGigi a sei.
Lo stesso il TeamGué.

La seconda puntata ha confermato le buone impressioni della prima per quanto riguarda la capacità dello show di sapersi mostrare più accattivante di altre edizioni.

Piccoli segnali di miglioramento – seppur non da far gridare al miracolo – anche dai concorrenti. Più che nel numero dei talenti, nella loro varietà.

Apparso più effimero, invece, il ruolo di Simona Ventura, che pure nella prima puntata aveva impresso un marchio da subito evidente allo show.

L’appuntamento con The Voice of Italy 6 è per martedì prossimo.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Dritto e Rovescio 6 maggio 2021, il dibattito sul Ddl Zan, ospiti Salvini e Renzi

Dritto e Rovescio, il talk condotto da Paolo Del Debbio su Rete 4 è in onda questa sera, 6 maggio 2021. Ospiti Matteo Salvini e Matteo Renzi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Dritto e Rovescio 6 maggio
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rete 4 propone questa sera, 6 maggio 2021, il consueto appuntamento del giovedì con Dritto e Rovescio. Dalle 21.25 il conduttore Paolo Del Debbio accoglie in studio i suoi ospiti, per dialogare con loro su argomenti di stringente attualità.

Il dibattito ancora accesissimo sul noto Ddl Zan contro l’omotransfobia è l’argomento cardine della puntata. Del Debbio ne parla con il leader della Lega Matteo Salvini, in seguito al discorso del cantante Fedez tenutosi sul palco del Concerto del primo maggio 2021. 

E poi, si torna a parlare di economia e ripresa, Covid e vaccini. La variante indiana del virus preoccupa gli esperti, ed è ormai stata diagnosticata a diversi pazienti sul suolo nazionale. L’avanzamento della campagna vaccinale procede a rilento, e il futuro delle imprese, costrette a riaperture parziali e al famigerato coprifuoco delle 22.00, è in bilico.

Infine, Del Debbio propone un’intervista esclusiva a Matteo Renzi, leader del giovane partito Italia Viva, e un focus sul caso Grillo con l’intervento di Mauro Corona.

Vi ricordiamo che potete seguire Dritto e Rovescio anche in streaming su internet, tramite il sito dedicato MediasetPlay.

Dritto e Rovescio 6 maggio, la diretta

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Amore Criminale 2021: la storia di Rosa, uccisa dal marito Ciro

Stasera, 6 maggio, la nuova edizione di Amore Criminale prosegue con la storia di Rosa, uccisa da suo marito Ciro prima del divorzio.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’attrice e conduttrice Veronica Pivetti racconta la tragica storia di Rosa Landi in Amore Criminale, trasmesso dalle 21.20 su Rai 3 questa sera, 6 maggio 2021.

Il programma, di genere docufiction, è realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri, e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Le storie di femminicidio narrate in Amore Criminale sono presentate tramite docu-fiction basate sul vero materiale di repertorio di ognuno dei casi trattati, e con le interviste ai testimoni diretti dell’accaduto.

Vi ricordiamo che potete seguire le puntate della nuova edizione di Amore Criminale 2021 anche in streaming, sul sito RaiPlay.

Amore Criminale, la storia di Rosa Landi

La nuova edizione di Amore Criminale giunge alla terza puntata, dedicata alla storia di Rosa Landi. Come di consueto, purtroppo, la narrazione non è a lieto fine: il marito di Rosa, Ciro Vitiello, uccide la moglie nella notte del 19 marzo 2016.

Vitiello è un uomo autoritario e tendente alla violenza, così lo descrive chi lo conosceva. Amici e parenti, infatti, sanno quanto Rosa fosse succube di quell’uomo intrattabile. Per anni Rosa Landi sopporta il trattamento che Vitiello le riserva, prima per amore dei suoi figli, poi quasi per abitudine. Ma una sera, scopre in un marsupio del marito una scatola di preservativi, e chiede spiegazioni.

L’uomo le rivela così di averla tradita, e non solo una volta, ma ripetutamente. Arriva a dirle che in quarant’anni di matrimonio non le è mai stato fedele. Così, Rosa Landi decide di allontanarsi da lui, e chiede il divorzio. Vitiello non accetta la decisione, ma soprattutto non può sopportare di aver perso il controllo di sua moglie, fino a quel momento una donna arrendevole.

Così, nella fatidica notte del 19 marzo 2016, mentre Rosa è al telefono con suo figlio trentasettenne, si presenta di fronte a lei con una pistola, e spara cinque colpi.

Dopo l’omicidio

La brutalità di Ciro Vitiello è da subito evidente. L’uomo chiama la polizia alle 22.16 del 10 marzo 2016, autodenunciandosi. Le sue parole, tuttavia, non lasciano trasparire alcun pentimento.

Sentite, ho ammazzato mia moglie. Non potevo più vivere, questioni di separazioni. Ho perso la testa e ho separato a mia moglie con la pistola“ dichiara al telefono con un poliziotto della Questura di Genova.

Così, avviene l’irruzione in casa della Landi e di Vitiello. Il corpo di Rosa è rinvenuto là dove il marito le ha sparato, vicino al telefono; è riversa sul pavimento in una pozza di sangue.

Dopo l’arresto Vitiello non vuole nemmeno più parlare con i suoi figli, che lo descrivono come un padre aggressivo.

Infine, l’uomo è condannato a scontare una pena pari a 18 anni di carcere.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Eurovision Song Contest 2021, ecco chi sono i conduttori italiani

Tutte le notizie e le anticipazioni sull'edizione del Festival della Canzone Europea. I Maneskin in gara per l'Italia.
Federica Simonetti

Pubblicato

il

Eurovision-2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna l’Eurovision Song Contest nell’edizione 2021. Sabato 22 maggio alle 20:40 ritorna l’appuntamento con il festival della Canzone Europea in diretta da Rotterdam. Si tratta della sessantacinquesima edizione.

Ricordiamo che l’Eurovision song contest torna nella sua formula originale dopo che nel 2020 era stato cancellato e sostituito da una serata celebrativa senza alcuna competizione. Adesso è stata anche annunciata la presenza del pubblico alla Ahoy Arena di Rotterdam che rappresenta anche un segnale di speranza e di ripartenza per il mondo dello spettacolo gravemente penalizzato dalla pandemia.

Eurovision song contest 2021 arrivano Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio.

Novità dell’edizione 2021 è la presenza di una coppia assolutamente inedita di commentatori. Si tratta di Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio che sostituiscono Flavio Insinna e Federico Russo al timone della manifestazione lo scorso anno.

Saranno Corsi e Malgioglio a raccontare al pubblico italiano quanto accade sul palco della Ahoy Arena di Rotterdam.

Ricordiamo inoltre che il palinsesto Rai per l’Eurovision song contest 2021 inizia con la cronaca delle due semifinali in programma su Rai 4 e in contemporanea su Rai Radio. I giorni deputati sono martedì 18 e giovedì 20 maggio in prima serata a partire dalle 20:45. La cronaca su Rai4 è affidata a Saverio Raimondo ed Emma Stoccolma, mentre la radiocronaca su Rai Radio2 è affidata alla stessa Ema Stoccolma in compagnia di Gino Castaldo.

I Maneskin per l’Italia

A rappresentare l’Italia sul palcoscenico internazionale di Rotterdam è il gruppo dei Maneskin che partecipa con la canzone Zitti e buoni. Il brano è stato presentato alla scorsa edizione di Sanremo 2021 dove si è aggiudicata la vittoria. I Maneskin sono stati però invitati a eliminare dalla loro canzone tutte le parolacce e le volgarità inserite nel testo italiano. Ricordiamo inoltre che il gruppo è anche reduce dalla conquista del disco d’oro per  l’ultimo album Teatro d’Ira volume 1. Il trofeo del Eurovision song contest manca in Italia da oltre 30 anni ovvero dal 1990.

Chi sono i conduttori

Ecco chi sono i conduttori di Eurovision Song Contest 2021.

Gabriele Corsi torna su Rai 1 dopo aver condotto nel 2018 il programma estivo della fascia preserale della rete Reazione a catena. E’ una presenza fissa insieme al Trio Medusa su Radio Deejay. E attualmente è al timone del programma dell’access prime time del canale NOVE del digitale terrestre dal titolo Deal with it Stai al gioco.

Cristiano Malgioglio non ha bisogno di presentazioni. Molto noto sui canali Mediaset approda per la prima volta alla conduzione dell’Eurovision Song Contest è apprezzato soprattutto per la sua grande capacità di cantautore e autore di testi. Ma anche come polemista in molti salotti televisivi soprattutto Mediaset.

Inoltre Carolina Di Domenico attrice Vj conduttrice televisiva e radiofonica avrà il compito di annunciare in diretta Europea il risultato del voto della giuria italiana.

Il pubblico di casa nostra potrà votare il brano preferito ma non può esprimere pareri sulla canzone italiana.

Lo slogan ufficiale dell’evento resta Open Up, il medesimo pianificato per l’edizione annullata.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it