Connect with us

Intrattenimento

Amici 18 | Diretta serale 4 maggio 2019 | Eliminazione rimandata

Amici 18 | Diretta serale 4 maggio 2019 | Eliminazione rimandata. Mameli e Umberto arrivano a giocarsi il posto, ma l'infortunio al ginocchio del ballerino costringe a rimandare il verdetto alla prossima puntata. Ricky Martin e Vittorio Grigolo terminano la loro esperienza e salutano i ragazzi
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

Amici 18 | Diretta serale 4 maggio 2019 | Eliminazione rimandata. Mameli e Umberto arrivano a giocarsi il posto, ma l'infortunio al ginocchio del ballerino costringe a rimandare il verdetto alla prossima puntata. Ricky Martin e Vittorio Grigolo terminano la loro esperienza e salutano i ragazzi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non si erano avuti segnali di difficoltà da parte di Umberto, né se ne era parlato prima del momento fatidico. Per questo, l’intervento ha spiazzato tutti.

Per il talent di Maria De Filippi sembrava potesse essere una serata decisiva e a suo modo storica, viste le sfide previste e la posta in palio. Ma così non è stato.

Loredana Bertè aveva chiesto e ottenuto il reintegro di Valentina eliminata sabato scorso – per farla confrontare in una sfida speciale contro Mameli, giudicata solo dal televoto. Nulla del genere era mai successo nella storia di Amici.

La Bertè è decisa più che mai ad andare fino in fondo nella battaglia per il cambio di regolamento e con questa sfida cercava l’occasione definitiva per affermarsi nello scontro con i Professori.

A suo dire, Mameli gode del favore dei docenti ben oltre i reali meriti. Il grande talento di Valentina, invece, è stato sacrificato dai Professori del tutto ingiustamente, proprio nella sfida eliminatoria con Mameli della quinta puntata.

Se il pubblico da casa avesse regalato la vittoria a Valentina, la Bertè avrebbe potuto rivendicarla come una dimostrazione della bontà della sua tesi. Per la Giudice Speciale sarebbe stato più agevole alzare la posta e chiedere un ulteriore ridimensionamento del potere dei Professori a favore del televoto.

Ma Mameli è riuscito ad imporsi e Valentina ha dovuto lasciare definitivamente Amici 18. Per lei è arrivata, comunque, la chiamata della Bertè: collaborerà con la cantante.
La seconda sfida importante da tenere d’occhio era quella tra Giordana eTish, chiesta da Rudy Zerbi, inizialmente declinata da Giordana. Il Professore è da tempo in rotta con la cantante della Squadra Bianca – secondo lui troppo monocorde nelle interpretazioni delle canzoni altrui – mentre nutre un certo favore per Tish, più duttile.

Le due si erano già sfidate nella puntata precedente, ma Giordana aveva sollevato delle questioni sull’assegnazione delle canzoni. Stavolta, Zerbi ha proposto una sfida “Non tale e quale”, centrata sulla rivisitazione di due pezzi ciascuna. “Strong” dei London Grammar ed “Hedonism” degli Skunk Anansie per Tish; “America” di Gianna Nannini e “In alto mare” di Loredana Berté per la sua sfidante. Giordana prima l’ha ritenuta una scelta troppo sfacciatamente a suo favore, quindi ha declinato temendo una trappola. Poi, però, è tornata sui suoi passi e l’ha giocata.
Intanto, Ricky Martin ha ripreso il suo posto alla guida della Squadra Bianca, ancora in gara con Mameli, Giordana, Rafael e Umberto. Per la Squadra Blu di Vittorio Grigolo sono ancora in lizza per la vittoria Alberto, Tish e Vincenzo.

Al termine della puntata, per i due Direttori Artistici è arrivato il momento del congedo, un po’ a sorpresa. I ragazzi giocheranno le ultime tre puntate senza una guida.

Gli ospiti della serata sono stati Al Bano – alla seconda ospitata in questa edizione – e Massimo Ranieri. Hanno duettato insieme agli allievi, l’uno con la Squadra Bianca, l’altro con quella Blu.

Di seguito potrete ripercorrere la diretta della sesta puntata serale di Amici 18.
Maria De Filippi
in apertura spiega com’è nata la sfida più importatne di questa sera, quella tra Valentina e Mameli.

Specifica che oltre alla consultazione all’interno della Produzione, è stato interpellato il Codacons per sincerarsi della possibilità di assecondare la richiesta di Loredana Bertè sul rientro di Valentina.

Poi arriva il classico video utile a fomentare le polemiche tra i due contendenti e le rispettive squadre. In alcuni passaggi, le esternazioni dei ragazzi sembrano addirittura artefatte.

Intanto, il televoto viene aperto immediatamente e, prima ancora delle esibizioni, in vantaggio risulta esserci Mameli.

Ad aprire la sfida è Valentina, che balla su un medley di Michael Jackson. In successione: “Thriller”, “Dirty Diana”, “Billie Jean”, “Beat it” e “They don’t care about us”.

Determinata e precisa più che mai, bella esibizione.
Mameli si gioca un mash-up molto velato tra “Il gatto e la volpe” di Edoardo Bennato e “Soldi” di Mahmood.

Anche lui se la cava più che bene.

A stretto giro, torna in pista Valentina con una nuova coreografia hip hop su “Lose your breath” di V. Smoove.
Al momento è lei ad essersi portata in vantaggio nel televoto.


Mameli chiude la Sfida Speciale, con una rivisitazioni di “Ciao, ciao, bambina” di Domenico Modugno. Il suo stile dona alla canzone in apertura, poi la appiattisce irrimediabilmente. Tuttavia, come sottolinea Stash: “Mameli è riconoscibilisismo, ha uno stile tutto suo”.

Maria De Filippi chiude il televoto. E il risultato premia Mameli. 


A questo punto, la conduttrice apre la busta di Loredana Bertè “Se vince Mameli”. La Bertè ha scritto un messaggio in cui riconosce la vittoria di Mameli e si dice comunque soddisfatta: “Perché il pubblico è sempre sovrano e lasciarlo esprimere era la mia sfida”.

Poi, arriva il colpo di scena: “La sfida della scorsa settimana, in accordo con il Codacons, era stata congelata, non annullata. Ora i Professori dovranno decidere se confermare la decisione della quinta puntata o meno”, dice la De Filippi.

La Commissione conferma la scelta. Valentina è eliminata definitivamente.

Tuttavia, riceve una proposta niente male da Loredana Bertè: “Ho finito di registrare il mio nuovo video, ma ho bloccato l’editing perché ti voglio come guest star. Verrai con me sui palchi”. Valentina non sta nella pelle, comprensibilmente.

Adesso iniziano le regolari sfide tra Squadra Bianca e Squadra Blu.
Si parte con la sfida “Non tale e quale” tra Tish e Giordana, voluta da Rudy Zerbi. Inizialmente, Giordana aveva rifiutato, poi ci ha ripensato.

Il nome della sfida viene sia dalla volontà di rimarcare la necessità di rivisitare i pezzi assegnati, sia perché nella scorsa puntata Zerbi aveva detto a Giordana: “Sembra di essere a Tale e quale show. Manca solo la parrucca blu e poi sei identica alla Bertè“.

La prima a sfoggiare le sue qualità è Tish con “Strong” dei London Grammar. Molto brava, ma rivisita meno la canzone di quanto non faccia Giordana con “America” di Gianna Nannini.

Nel secondo brano assegnato, qualcosa non va nella versione di “Hedonism” degli Skunk Anansie presentata da Tish.
Un po’ meglio Giordana con “In alto mare” di Loredana Bertè ma non impressiona.
Al termine, riparte la discussione tra Giordana e Rudy Zerbi. Il Professore sibila: “Sei pronta per Tale e quale show, perfetta per il karaoke. Non comprerei un tuo cd e sarebbe meglio se non ti sentissi ‘sto cavolo”.
Interviene anche la Bertè, in difesa di Giordana e la discussione degenera. L’impressione è che la situazione rischi di sfociare nella messinscena.

Il televoto, in ogni caso, regala il punto a Giordana, quindi alla Squadra Bianca.
La sfida successiva è la “Battle di danza classica” tra Rafael e Vincenzo. Ciascuno presenta una propria variazione.

Inizia Rafael in maniera eccellente. Tanto che Luciano Cannito chiede alla regia di far rivedere un video dell’esibizione per metterne in risato la bravura in alcuni passaggi.
Si difende molto bene anche Vincenzo, forse un pelo meno incisivo.
Poi, Rudy Zerbi chiede con decisione ad Alessandra Celentano di sbilanciarsi nel giudizio. Lei non cede, dicendo che sono due bravissimi ballerini e non se la sente. Al suo posto lo fa Timor Steffens, secondo il quale Rafel è stato davvero impeccabile.
Ora si riprende con i balli: Vincenzo è impegnato con lo “Schiaccianoci” preparato da Giuliano Peparini, ma in versione più veloce. Molto bravo e anche per lui arriva “la moviola” di Luciano Cannito ad evidenziarlo.

Rafael, dal canto suo, si conferma ad ottimi livelli nello stesso ballo.

Il televoto sentenzia la vittoria di Rafael. Bianchi sul 2-0.

La terza sfida della prima partita inizia con Alberto alle prese con il “Nessun dorma” di Giacomo Puccini.
In alcuni frangenti sembra approssimativo rispetto al suo solito, ma poi migliora chiudendo con un crescendo davvero di livello.

Risponde Umberto con una coreografia ballata su “Be mine” degli Ofenbach. Sempre difficile confrontare un ballerino e un cantante, ma Umberto ha meritato almeno quanto Alberto.

Arriva un nuovo momento dedicato alle polemiche. Maria De Filippi manda in onda un video in cui Alessandra Celentano si esprime su Umberto: “Sei un finto umile. Ballerini con dieci anni meno di te ballano allo stesso modo”, è il succo del suo intervento. Umberto ribatte piangendo, perché dispiaciuto: “Sta giudicando la persona. Non mi conosce nemmeno, come fa? Non sa la mia storia”.
Corre in suo soccorso la conduttrice, elencando una serie di ballerini in piena attività anche ben oltre i quaranta anni. Questo per far capire alla Celentano che ha ugualmente i suoi margini.

La discussione va avanti in maniera stucchevole per un bel po’, senza altri argomenti rilevanti.

Quarta prova: “Battle di canto con ospite”, in cui sono impegnati Giordana e Mameli (insieme ad Al Bano) e Alberto (con Massimo Ranieri).

La sequenza di canzoni con cui si cimentano inizia con “Ci sarà”, poi “Vent’anni”, “Io che non vivo senza te”, “Se bruciasse al città”, “Il mondo” e “Perdere l’amore”.

Ieri era il compleanno di Massimo Ranieri e Al Bano gli intona a cappella “Tanti auguri”. Poi, si accomoda di fianco a Loredana Bertè.
La “Battle di canto con ospite” viene vinta dalla Squadra Blu: 2-1 per i Bianchi.

Intanto, arriva il risultato della terza prova (era stato secretato) che regala la vittoria della prima partita alla Squadra Blu.
Chiamato a scommettere, Ricky Martin sceglie Rafael.

Il ballerino esegue una coreografia molto intensa su “Calling you” di Jevetta Steele.
Raccoglie un ottimo 82% di preferenze, ma non basta per vincere la scommessa, dunque sarà a rischio come tutti gli altri.

Il primo nome fatto dalla Squadra Blu è quello di Mameli, ma viene salvato per l’ennesima volta dai Professori. “Hanno votato Mameli o hanno votato contro di me?”, si chiede legittimamente la Bertè.

Il secondo è quello di Rafael, però anche lui viene salvato dai Professori. I due a rischio eliminazione sono Giordana e Umberto.
Loredana Bertè, a cui spetta la decisione finale, condanna Umberto ad indossare il gilet rosso.

La prima prova della seconda aprtita è il “Guanto di sfida eccezionale” lanciato da Mameli nei confronti di Alberto, esclusivamente con gli inediti.

Il cantante dei Bianchi, dopo aver lanciato la sfida, è stato spiazzato dalla contro-proposta di Alberto: “Accetto la sfida, ma a questo punto giochiamoci l’eliminazione”. A quel punto, Mameli si è impaurito e avrebbe voluto tirarsi indietro, ma era troppo tardi.
Entrambi indossano il gilet rosso e vanno al centro del palco. Iniza Mameli con “Ci vogliamo bene”, poi Alberto con “Indispensabili”.

Al termine, Loredana Bertè chiede di risentire la base di “Lentiggini” (altro brano inedito cantato da Mameli nella battle). Nella base sono presenti anche alcune voci: “Sono le armonie” si difende Mameli, supportato da Alex Britti. Ma la Bertè sostiene che sia un playback bello e buono.

Il punto, comunque, va alla Squadra Blu. A questo punto, la Commisisone deve decidere se la sfida può valere per l’eliminazione immediata. I Professori salvano ancora una volta Mameli. La spiegazione tecnica, in questo caso, è che non può essere un allievo a mettere un suo collega nelle condizioni di uscire.

La seconda prova della seconda partita inizia con Vincenzo impegnato in una bellissima coreografia di Giuliano Peparini ispirata alla storia di un bimbo statunitense, ritrovatosi senzatetto insieme al padre. La musica è quella di “Le valse d’Amelie” di Yann Tiersen.

Vincenzo si dimostra molto molto bravo ad interpretarla.
Su “Fragile” di Sting, invece, si gioca la prova di Rafael, ispirata ugualmente ad una storia di liberazione di un’anima tormentata.

Curiosità: insieme a Rafael balla il figlio di Veronica Peparini, nipote di Giuliano Peparini.

Il punto, alla fine, va alla Squadra Bianca.
La terza prova è molto complessa, vale tre punti e vede impegante di nuovo Tish e Giordana, chiamate ancora da Rudy Zerbi. Se la giocano su tre brani: “I giardini di marzo” di Lucio Battisti, “With or without you” degli U2 e “Higway to hell” degli AC/DC.

Le particolarità e le difficoltà non sono poche: il primo brano iniziano a cantarlo a cappella e poi devono dimostrare di avere l’intonazione perfetta al momento dell’ingresso della musica; il secondo viene cantato da un coro e loro si inseriscono modulando la voce sulle armonie e sulla rivisitazione proposta dal coro; la terza viene cantata normalmente.
Molto brave, intense ed emozionanti entrambe, al netto di alcune imprecisioni qua e là.

Il risultato di questa prova rimane segreto, e con il punteggio sull’1-1- si va alla quarta prova.

È una “Prova proibitiva di ballo” voluta da Giuliano Peparini e prevede l’improvvisazione totale della coreografia. Rafael e Vincenzo – i due chiamati a sfidarsi – non hanno mai provato nulla e non sanno nemmeno su quale canzone si giocherà.

Mentre Rafael sostiene la prova, Vincenzo è bendato e sulle orecchie ha le cuffie con musica ad alto volume, per rimanere isolato.
Vincenzo è molto più convincente di Rafael, che di fatto non ha proprio ballato. Il ballerino della Squadra Blu, invece, si è dimostrato molto espressivo abbozzando una vera coreografia sulla storia a cui doveva essere ispirata: un ragazzo che prima lascia la sua fidanzata, poi ci ripensa e torna da lei per chiederle perdono.

Vince del tutto meritatamente Vincenzo.
Rafael si difende dicendo che non si era reso conto di cosa dovesse fare – anche per un problema con il traduttore simultaneo – ma non chiede sconti.

La quinta prova che chiude la seconda partita vede protagonisti Giordana ed Alberto.

Apre Giordana con “Because the night” di Patti Smith. Non commette errori, ma la sua interpretazione non esalta il pezzo.

Alberto presenta a sorpresa “The final countdown” degli Europe. Il suo merito è quello di adattare perfettamente il suo stile al rock della canzone e ne viene fuori un’esibizione niente male.

Momento “lettera dalla famiglia”. Il destinatario di questa sera è Alberto, a cui ha scritto il padre.

Come di consueto, la parentesi si chiude con l’ingresso del papà. Insieme a lui, poi, si ironizza sull’appetito di Alberto, di fronte al quale negli ultimi tempi ha dovuto arrendersi anche la dietologa.
Subito dopo, il verdetto finale sulla seconda partita sancisce una nuova vittoria della Squadra Blu.

Ricky Martin sceglie di scommettere su Giordana. La soglia da superare, in questo caso, è del 99%, poiché un’eventuale vittoria le regalerebbe il passaggio diretto alla puntata successiva.
Canta “Il cielo” di Renato Zero, ma non sembra una scelta del tutto azzeccata. Al di là di qualche piccola imprecisione, il problema è che pare non essere entrata davvero in sintonia col brano.
Non va oltre l’80% delle preferenze, e per lei la scommessa è persa.

Prima delle sfide finali, è il momento di Pio e Amedeo. Presentano un fantomatico singolo in uscita, dal titolo “Grazie Maria”, una rivisitazione di “Un, dos, tres” di Ricky Martin, riscritta con un testo che parla della De Filippi.

A questo punto possiamo dirlo: Pio e Amedeo hanno un problema di idee. Rimescolano gli ingredienti e cambiano (ma solo in parte) gli obiettivi delle loro battute, ma il numero è sostanzialmente sempre lo stesso.

Non a caso, dopo qualche battuta alquanto molle, tornano a cantare la loro versione della “Mordidita” e poi lasciano lo studio. Evanescenti più che mai.

Ricky Martin va da Umberto per metterlo al corrente della situazione e prepararlo alla sfida tutta interna alla Squadra Bianca.

La prima sfida per l’eliminazione finale è tra Giordana e Rafael.
Inizia Giordana con “Confusione” di Lucio Battisti.
Scelta originale e intrigante. L’ascolto non è immediato, ma visto che devono giudicare i Professori potrebbe non essere un problema.

Rafael balla con Susanna Salvi, Prima Ballerina al Teatro dell’Opera di Roma, su “Spring waters”. Poco da dire, notevoli.
I Professori salvano Rafael e ora Giordana se la vede con Mameli.

È lui ad iniziare con la sua “Casa di carta”. Nessuna sbavatura, il pezzo ormai si ascolta in studio come un tormentone.
Giordana risponde con “Mi sono innamorato di te”, di Luigi Tenco.
La differenza di spessore tra le due canzoni è disarmante, ma potrebbe non bastare.

Invece, stavolta i Professori salvano proprio Giordana.

Umberto inizia il duello finale con Mameli. Balla su “Amandoti” nella versione di Gianna Nannini.
Mameli sceglie “Questa nostra stupida canzone d’amore” dei The Giornalisti. Fatica in più momenti, ma la sua prova è comunque sufficiente. Apprezzabile il tentativo di cantare con più dinamiche rispetto al solito.

Umberto chiude la sua finalissima con una coreografia su “Non son degno di te” di Gianni Morandi. Non impeccabile, sicuramente non espressivo come suo solito.

Mameli canta “Mi fido di te” di Jovanotti. Purtroppo, anestetizza la canzone, la svuota di ogni forza.

La finalissima, in ogni caso, è chiusa. Non resta che attendere il verdetto. Le esibizioni sono state sostanzialemente equivalenti, ma qualche piccolo spunto in più sembrerebbe essere arrivato da Umberto. Il risultato è tutt’altro che scontato, comunque.

Maria De Filippi, però, al momento di chiamare a sé gli sfidanti per comunicare l’eliminazione, annuncia che qualcuno ha richiesto in extremis un’ulteriore prova.
Giuliano Peparini decide di intervenire e di bloccare tutto: “Ho lavorato con i ragazzi questa settimana e posso dire che Umberto ha una bella infiammazione al ginocchio. Sta ballando al 50%, credo sia meglio evitare un’altra esibizione”.

A questo punto, l’eliminazione viene sospesa e i due contendenti si giocheranno tutto la prossima settimana.

Umberto non aveva dato segnali di insofferenza e non ne aveva parlato, tanto che tutte le prove si sono svolte regolarmente. Inoltre, sorprende che la questione venga chiusa in pochi secondi, nonostante vada a segnare il clou della sfida. Ma tant’è.

Sul finale, un ulteriore colpo di scena: l’annuncio che il lavoro dei Direttori Artistici delle due squadre finisce qui.
Vittorio Grigolo e Ricky Martin salutano i ragazzi, i Professori e Maria De Filippi. Si congedano con parole di graditudine e affetto per tutti.

Non è chiaro se la mossa fosse già prevista ad inizio serale o se sia maturata nelle ultime settimane, magari come trovata per alimentare la sensazione di imprevedibilità. Gli allievi delle due squadre sembrano effettivamente sorpresi.
La sesta puntata serale di Amici 18 finisce qui. Nessuna eliminazione.

D’accordo, il vortice continuo di polemiche è il pretesto per rimescolare continuamente le carte, introdurre nuove sfide, cercare i colpi di scena. Scelta condivisibile.

Il probelma, in tutto ciò, è che gli scontri verbali stano diventando macchiettistici e in alcuni frangenti apparentemente telecomandati o quasi. Le sfide che ne seguono, quindi, rischiano di sgonfiarsi e di sembrare per alcuni aspetti prevedibili.

Altri segnali negativi vengono dalla verve di Pio e Amedeo, che si sgonfia di puntata in puntata. Gli sketch si accorciano, le idee scarseggiano, le risate diminuiscono. Hanno un disperato bisogno di trovare qualcosa che li rianimi per arrivare dignitosamente alla nona puntata. Il loro intervento di questa sera non ha aggiunto nulla allo show.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Maurizio Costanzo show 14 aprile: intervista a Malika Chalhy, reunion Zorzi-Orlando-Oppini

Tutti gli ospiti e le anticipazioni della quarta puntata dello show condotto da Maurizio Costanzo. Presenti, tra gli altri, Arisa ed Alberto Urso, Caterina Balivo e Rita Rusic.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Maurizio Costanzo Show 14 aprile Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mercoledì 14 aprile, in seconda serata su Canale 5, va in onda la quarta puntata del Maurizio Costanzo Show. Il conduttore affronta il tema sui rapporti tra uomini e donne e prosegue la sua battaglia contro l’omofobia.

Maurizio Costanzo Show 14 aprile Malika Chalhy

Maurizio Costanzo Show 14 aprile, Malika Chalhy

Nella puntata del 14 aprile Maurizio Costanzo continua ad occuparsi di casi di omofobia. Sette giorni fa aveva ospitato Jean Pierre Moreno, vittima di un’aggressione in una stazione della metropolitana di Roma per un bacio scambiato con il suo compagno.

Questa settimana invece ha realizzato un’intervista esclusiva a Malika Chalhy. Si tratta della 22enne di Castelfiorentino che è stata cacciata di casa dai propri genitori per aver confessato di essersi innamorata di una ragazza.

Malika Chalhy ha ricevuto centinaia di messaggi di solidarietà da persone comuni e da personaggi dello spettacolo. Hanno preso le sue difese, tra gli altri, Fedez, Alessandra Amoroso ed Eloide che ha anche sostenuto la raccolta fondi organizzata dalla cugina di Malika. La ragazza racconta le difficoltà che ha dovuto affrontare dopo il coming out. La sua storia può essere d’esempio per i giovani che non trovano il coraggio di rivelare ai genitori la propria omosessualità.

Maurizio Costanzo Show, i docenti di Amici, Balivo, Federica Angeli

Nella quarta puntata del Maurizio Costanzo Show il presentatore ospita Rudy Zerbi ed Arisa, attualmente docenti di canto ad Amici 2021. Arisa duetta con il tenore polistrumentista Alberto Urso, vincitore di Amici 18, in Guarda che Luna di Fred Buscaglione. E dedica a Malika Chalhy Sincerità, con il quale vinse nella categoria Nuove Proposte a Sanremo 2009.

A loro si uniscono Caterina Balivo che ha partecipato come giudice all’ultima edizione dello show Il Cantante Mascherato. Ma anche Giuseppe Cruciani, conduttore de La Zanzara su Radio 24.

Torna la giornalista di cronaca giudiziaria Federica Angeli. Vive sotto scorta dal luglio 2013 a causa delle sue inchieste sulla criminalità organizzata a Roma, in particolare ad Ostia, dove continua a risiedere con la propria famiglia. Da qualche tempo anche i suoi figli vivono sotto protezione.

Salta invece la presenza del Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha declinato l’invito per altri impegni lavorativi.

Maurizio Costanzo Show 14 aprile trio Zorzi Orlando Oppini

 

Zorzi, Orlando con Francesco Oppini

E’ presente ancora una volta Tommaso Zorzi per una reunion con Stefania Orlando e Francesco Oppini, con i quali ha condiviso l’esperienza del GF Vip 5.  A loro si unisce anche un’ex gieffina dell’edizione precedente, la produttrice cinematografica Rita Rusic. Secondo le anticipazioni Zorzi ed Oppini duettano in Your song di Elton John.

In apertura di puntata invece si esibisce sul palco anche la Banda Musicale della Polizia di Stato. Il Corpo di Polizia celebra il 169° anniversario della sua Fondazione.

Il Maurizio Costanzo show è prodotto da Fascino P.g.t. per Mediaset ed è trasmesso dagli Studi De Paolis di Roma. Le puntate già andate in onda sono disponibili sulla piattaforma Mediaset Play.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità: Francesco Simonetta vince ancora. Il suo montepremi ammonta a 105.000 euro

Il nuovo campione de L'Eredità alla sua terza Ghigliottina. Ecco chi è e quanto ha vinto.
Anna Mancini

Pubblicato

il

L'Eredità Francesco Simonetta campione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Simonetta è ancora campione de L’Eredità. Ha vinto una consistente somma nella puntata andata in onda domenica 11 aprile 2021 del game show condotto da Flavio Insinna nella fascia preserale di Rai 1.

L'Eredità Francesco Simonetta chi è

L’Eredità: il percorso di Francesco Simonetta

Il campione è alla sua terza Ghigliottina. Nella sua seconda prova infatti è stato beffato dà una risposta da lui data ma che aveva declinato al singolare e non al plurale. La parola infatti era Bagagli, mentre lui aveva scritto semplicemente Bagaglio. Aveva così buttato via la non indifferente somma di 35.000 euro. Si è rifatto completamente questa sera aumentando di molto la somma a sua disposizione.

Il campione naturalmente non ha effettuato la prima fase del gioco, ovvero La sfida dei sette, e al momento di scegliere i due concorrenti da mandare alla prima scalata ha indicato Gianluca e Martina.

Il resto del percorso è stato abbastanza lineare ed è riuscito a superare i giochi Questo o quello e le Quattro date in cui collocare gli eventi anticipati da Flavio Insinna. Le prime serie difficoltà sono arrivate con i Paroloni. Infatti Francesco Simonetta non ne ha indovinato neanche uno ed è dovuto andare allo spareggio rendendosi così protagonista di una nuova scalata. Ha difeso il suo accesso al Triello insieme al concorrente Stefano. Quest’ultimo è stato in vantaggio per quasi tutta la durata dei 60 secondi del gioco ed è stato tradito soltanto dall’ultima parola. Per cui ha finito il tempo a disposizione e Francesco Simonetta è riuscito finalmente a tirare un sospiro di sollievo.

La parola sulla quale è caduto era Cupola e la domanda estremamente facile era: “É famosa quella di San Pietro in Vaticano“.

L'Eredità Francesco Simonetta Paroloni

Il Triello e la Ghigliottina

Francesco Simonetta riesce così ad accedere al Triello insieme a Lorenzo e Monica. C’è stata anche una breve incursione di Gigi D’Alessio e per qualche minuto ha preso il posto di Flavio Insinna gestendo così la prima domanda del Triello indovinata da Monica.

L'Eredità Gigi D'Alessio

La prima concorrente a fare i due passi verso la Ghigliottina è stata proprio Monica. A causa della sua risposta sbagliata l’eredità è passata a Lorenzo che ha dato a sua volta la risposta inesatta. Tutto il montepremi è giunto così a Francesco Simonetta che arriva alla Ghigliottina con la somma di 210.000 euro. Riesce a dimezzare soltanto due volte e la somma finale da difendere è 52.500 euro.

Le cinque parole così faticosamente conquistate sono: Pensiero, Mani, Giorno, Economica e Dichiarazione. Francesco Simonetta indovina la parola giusta che è Indipendenza e vince la somma di 52.500 euro. É la sua prima Ghigliottina vincente.

L'Eredità Francesco Simonetta quanto ha vinto

L’Eredità: chi è Francesco Simonetta

Francesco Simonetta è originario di Palmi in provincia di Reggio Calabria ma è residente a Roma. È laureato in Scienze Naturali ed iscritto anche alla facoltà di Ecobiologia alla Sapienza.

È amante degli animali, infatti in casa ha un Ghiro e due Tritoni. Il suo profilo Instagram è: @zeppo_wildlife.nature.

L'Eredità Francesco da Roma quanto ha vinto

Update 14 aprile 2021

Il campione Francesco Simonetta, nella puntata di mercoledì 14 aprile 2021, ha vinto ancora. É stata un puntata inizialmente facile per Francesco fino al gioco dei Paroloni che non ha indovinato. Ha dovuto quindi sostenere la scalata dei 60 secondi dalla quale è uscito vincitore.

É giunto così al Triello insieme a Monica e Loredana. Questo gioco è stato dominato dal campione in carica che è arrivato alla sua quarta Ghigliottina con la somma di 210.000 euro.

Francesco è riuscito a dimezzare soltanto due volte e a mantenere la non indifferente cifra di 52.500 euro. Le cinque parole che componevano la Ghigliottina erano: Maestro, Finale, Velocità, Piacere e Felino. La parola che legava le precedenti cinque era Brivido che è stata indovinata dal campione. La somma vinta finora è di 105.000 euro.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Chi l’ha visto? 14 aprile 2021 ultime notizie su Denise Pipitone

Questa sera a Chi l'ha visto, 14 aprile 2021, la conduttrice Federica Sciarelli torna ad occuparsi del caso di Denise Pipitone.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Chi l'ha visto 14 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mercoledì 14 aprile 2021, Rai 3 trasmette il nuovo appuntamento con Chi l’ha visto? in onda dalle 21.20. Il programma condotto da Federica Sciarelli si occupa di cold cases inerenti persone scomparse anche a livello internazionale. Per rintracciarle, la redazione del programma si avvale delle segnalazioni degli spettatori da casa.

Il caso della ragazza russa che avrebbe potuto essere Denise Pipitone, purtroppo, sembra concluso. Il risultato degli esami del DNA ha dato esito negativo, spegnendo le speranze riaccese nei familiari della bambina scomparsa. Ma la madre di Denise, Piera Maggio, non si arrende, e continua a cercare la verità. 

E poi, si torna a parlare anche del caso del cosiddetto Comandante Marcos, che afferma di essere in contatto con delle ragazze scomparse misteriosamente sul territorio nazionale. Una di loro avrebbe inviato ai genitori un filmato inedito: la quindicenne Reina. Reina è fuggita mesi fa da una comunità di recupero, e da allora non si hanno più sue notizie.

Vi ricordiamo che potete vedere la puntata di Chi l’ha Visto? anche in streaming su internet, tramite il servizio gratuito RaiPlay.

Chi l’ha visto 14 aprile, la diretta

Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone è collegata con lo studio di Chi l’ha visto? questa sera, 14 aprile. In seguito al caso della ragazza russa che nelle ultime settimane si pensava potesse essere Denise, l’attenzione mediatica sul caso della sua scomparsa si è risvegliata. “Sono rincuorata, finalmente si sta comprendendo che le anomalie riscontrate dopo la scomparsa non erano fantasie, erano reali” afferma la Maggio.

“Avrei tanto da dire. Non voglio colpevolizzare nessuno, ma c’è chi ha speso anima e cuore per far si che Denise venisse ritrovata. Altri. invece, non avrebbero nemmeno mai dovuto partecipare alle indagini” prosegue Piera Maggio.  Quindi, l’intervista alla Maggio e al suo avvocato prosegue, e si parla del caso della ragazza russa. “Non avrei mai potuto aspettare mesi per sapere se lei fosse o no mia figlia. Ho richiesto il gruppo sanguigno, e l’ho ottenuto. Mi è stato dato in forma di cortesia, era importante che almeno io lo sapessi” afferma al riguardo.

Chi l’ha visto 14 aprile, la ricostruzione del rapimento di Denise

Segue una ricostruzione della vicenda dal momento della scomparsa di Denise a oggi. “Ci sono delle persone che mi odiano, potrebbero essersi rivalse su di me attraverso Denise” ha da sempre affermato Piera Maggio.

L’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, svolse all’epoca della scomparsa indagini in proprio, come consentito dalla legge italiana. Era il 2013, e le indagini portarono all’individuazione di un uomo, Battista Della Chiave, che raccontò di aver visto Denise diverso tempo dopo la sua sparizione, in braccio a suo nipote Giuseppe. Eppure, la testimonianza dell’uomo venne dichiarata non attendibile proprio in seguito alle dichiarazioni del nipote Giuseppe, e ad un incidente probatorio accaduto durante il processo.

Forse quella situazione andava trattata in un modo più delicato, agendo immediatamente per cristallizzare tutto da subito” commenta la Maggio.

Chi l'ha visto 14 aprile

Chi l’ha visto 14 aprile, le false Denise

Dopo la pubblicazione della vicenda accaduta nel programma tv russo, la settimana scorsa, su Instagram era apparso un profilo privato di un utente misterioso; che affermava di essere La vera Denise. Il profilo aveva addirittura fatto uso di una foto identificativa frutto di una ricostruzione della polizia.

“Internet è foriero di grandi aiuti, ma anche di grandi menzogne. Per quello chiedo di non pubblicare mai ricostruzioni del volto di Denise” afferma Piera Maggio, che poi rilascia un appello. “A coloro che sanno, i testimoni. So che ci sono. Sono passati 17 anni, apritevi il cuore e dite la verità, anche anonimamente. Sarete tutelati. Ma dite la verità. Denise merita di essere aiutata, date voce a Denise, e pace a noi. Aiutateci.” dichiara.

La scomparsa della quindicenne Reina

Reina scompare il 10 marzo da una comunità. Qualche settimana dopo, un uomo che risponde al nome di Achille Lauri, alias Comandante Marcos, porta alla famiglia un video in cui la ragazza dichiara di stare bene. E di non voler tornare a casa. Il cosiddetto Comandante Marcos si dichiara un aiutante delle ragazze scomparse. Ma i familiari di Reina affermano di non conoscerlo e non averlo mai visto prima.

Questa sera è trasmessa una nuova intervista fatta al Comandante Marcos. “Tutti i ragazzi che scappano mi contattano, che faccio, non li aiuto? So dove sta, ma non voglio fare la spia.” afferma Lauri. Poche ore dopo l’intervista, Reina manda un nuovo messaggio direttamente alla redazione di Chi l’ha visto?. “Sono con persone che si prendono cura di me. Posso uscire se voglio e nessuno mi obbliga a restare. In quel lager, in comunità non ci torno. Voglio tornare da mia madre, l’unica che mi ama veramente. Ti voglio bene mamma, spero di tornare al più presto” dice Reina in quel video.

Ma chi è Achille Lauri, alias Comandante Marcos? E’ stato, a suo dire, un infiltrato nella Camorra, un ex militare e agente dei servizi segreti. Ma non è in grado di dimostrarlo ai giornalisti che gli chiedono documenti dimostrativi del suo passato. Ancor più grave, Lauri dichiara di essere un membro di un gruppo militare fantasma che salva giovani bisognosi di aiuto: i G.N.G.T.R., un acronimo.

“Laura” (un nome di fantasia) è una ragazza la cui storia ricalca pedissequamente quella di Reina. Anche lei in passato è stata aiutata da Lauri, e oggi racconta la sua esperienza. 

Il caso di Boris, scomparso da Bologna

Boris ha 58 anni, vive in provincia di Bologna ed è scomparso il 31 marzo. “Se ti passa davanti mio padre lo noti, è alto 1 metro e novanta, ha una stazza possente” racconta disperata la figlia, che lo sta cercando. Di lui resta solo una lettera, custodita dalla figlia, in cui Boris afferma di essere sicuro di avere una brutta malattia. “La faccio finita” scrive.

Subito dopo, gli ultimi sviluppi su un caso molto seguito: quello di Mauro Romano. Il piccolo Mauro Romano scompare 43 anni fa, e di recente alcune indiscrezioni e testimoni avrebbero identificato in Mohammed Al Habtoor, 52 anni figlio di una facoltosa famiglia degli Emirati Arabi, proprio Mauro Romano. “La famiglia di Mohammed è musulmana, possono avere fino a 4 mogli, Se avesse voluto un altro figlio avrebbe sposato un’altra donna più giovane per averlo. Inoltre, se proprio avesse dovuto far rapire un bambino, parlando per assurdo, lo sceicco Al Habtoor avrebbe scelto di rapire un bambino musulmano” racconta la legale italiana della famiglia Al Habtoor. “Loro non vogliono pubblicità, vogliono essere lasciati in pace” conclude.

Ma la madre di Mauro Romano non demorde. “Io dico che è Mauro. Per dimostrarmelo facciano l’esame del DNA. Voglio vedere Mohammed con i miei occhi. Poi chiederò scusa anche in ginocchio” dichiara la donna a un inviato di Chi l’ha Visto?.

Amedeo è stato accusato ingiustamente?

Infine, la storia di Amedeo, un padre che si è visto strappare suo figlio di tre anni, e ha subito un’accusa di sfruttamento della prostituzione minorile. Amedeo è stato fermato in stato confusionale da due finanzieri, dopo che uno dei due aveva sentito Amedeo offrire suo figlio a un anziano in cambio di 20 euro. Amedeo afferma che sia tutto un grosso malinteso. E il mistero rimane: sul bambino non sono riscontrati abusi sessuali, e l’uomo misterioso a cui Amedeo avrebbe offerto suo figlio ancora non si trova.

Oggi, il figlio di Amedeo è sparito, portato via da sua madre dopo questi eventi. Sono nove mesi che Amedeo non vede più suo figlio e sua moglie.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it