Connect with us

Intrattenimento

The Voice of Italy 6 | Diretta finale 4 giugno 2019 | Vince Carmen Pierri

The Voice of Italy 6 | Diretta finale 4 giugno 2019 | Vince Carmen Pierri. La sedicenne campana del TeamGigi trionfa su Brenda Carolina Lawrence e Miriam Ayaba, non senza accenni polemici. Diablo eliminato già al primo round. Ospiti Arisa, Lizzo, Holly Johnson, Lost Frequencies e Planet Funk

Pubblicato

il

The Voice of Italy 6 | Diretta finale 4 giugno 2019 | Vince Carmen Pierri. La sedicenne campana del TeamGigi trionfa su Brenda Carolina Lawrence e Miriam Ayaba, non senza accenni polemici. Diablo eliminato già al primo round. Ospiti Arisa, Lizzo, Holly Johnson, Lost Frequencies e Planet Funk
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La proclamazione è stata alquanto anomala, per via dell’assenza della vincitrice: Carmen è minorenne e non poteva apparire in video superata la mezzanotte.

Il premio l’ha ritirato in sua vece il Coach Gigi D’Alessio e a lei va anche un contratto con la casa discografica Universal, mentre già domani sera parteciperà ai Music Awards, in onda su Rai1.

Dopo i Knock Out , erano arrivati in finale Carmen Pierri (TeamGigi), Miriam Ayaba (TeamElettra), Brenda Carolina Lawrence (TeamGuè) e Diablo (TeamMorgan). Sono stati loro quattro a contendersi la vittoria del talent condotto da Simona Ventura.

La vincitrice è stata decretata dal pubblico, oltre che attraverso il televoto, anche con una sorta di “Tesoretto social”, assicurato sulla scorta di quanto accade a Ballando con le Stelle: sono stati considerati anche i ‘like’ ricevuti dai quattro contendenti su Instagram durante la serata.

La sfida tra i quattro finalisti li ha visti salire sul palco in diverse esibizioni. Li abbiamo ascoltati in duetto con gli ospiti, da soli alle prese con le cover, poi con gli inediti, infine con una nuova cover in acustico.

Elettra Lamborghini non si aspettava l’eliminazione di Miriam Ayaba prima del round finale. È rimasta a lungo interdetta, confessando di non vederci chiaro, a giudicare dal grosso riscontro che Miriam ha sui social e su YouTube.
La polemica è rientrata poco dopo, ma la Coach non è sembrata granché convinta.

Stessa delusione per Guè Pequeno, scuro in volto. Aveva portato in finale quella che in effetti è sembrata la concorrente più completa e intrigante tra tutti i finalisti, per di più con l’inedito migliore.

Resta il talento di Carmen Pierri. Se si considerano anche i suoi 16 anni, non si può dire che abbia vinto una cantante senza carte da potersi giocare. La vittoria è scaturita anche dalla guida esemplare di Gigi D’Alessio, capace di affidarle canzoni perfette per le doti della giovanissima vincitrice.

Scialba, invece, la finale da parte di Morgan. Il pupillo Diablo ha fatto ciò che ha potuto, ma l’impressione è che le scelte fatte dal suo Coach non siano state le migliori per lui. L’incessante ricerca della sperimentazione e dello stupore lo ha portato fuori strada. La sua stessa identità è apparsa confusa.

Per quel che riguarda lo show, negli studi Rai di Via Mecenate, a Milano, c’era la fibrillazione delle grandi occasioni. Oltre ad essere la puntata più attesa, quella di martedì era anche l’unica diretta stagionale.

Gestione pessima dei tempi. Via alle 21 – cioè mezz’ora prima del solito – con trenta minuti finalizzati a ripercorrere l’edizione, per poi sforare di più di un’ora e costringere la vincitrice a gareggiare con esibizioni registrate, tra l’altro senza poter ritirare il premio.


Gli ospiti italiani sono stati l’ottima Arisa e i Planet Funk. Mentre, i nomi internazionali arrivati a The Voice per il gran finale sono stati quelli di Lizzo – star emergente dell’r’n’b statunitense – Holly Johnson (ex dei Frankie Goes to Hollywood), il Dj belga conosciuto con lo pseudonimo di Lost Frequences.

Durante la conferenza stampa di presentazione della finale, Simona Ventura aveva ribadito la sua determinazione a portare avanti la causa promossa da Gigi D’Alessio, che ha chiesto a gran voce la partecipazione diretta del vincitore al Festival di Sanremo.

La proposta nasceva dall’esigenza di mettere una toppa ad un problema ricorrente di The Voice, cioè l’incapacità di far proseguire il percorso dei cantanti anche dopo la finale del talent.

Per ora, la proposta non sembra essere stata raccolta, ma i Coach si sono detti compatti nel voler garantire il loro supporto.

Di seguito, potrete ripercorrere la diretta della finale di The Voice of Italy 6.

Il benvenuto è la riproposizione di “Feel Good Inc.” dei Gorillaz nella bella versione dei quattro Coach.
Poi, i momenti salienti di questa edizione.

A cominciare dall’incontro tra i Giudici, provenienti da mondi molto diversi. Si sono annusati con sospetto nelle fasi iniziali, prima di compattarsi – non senza qualche antipatia – e dare un buon contributo allo show.

Un tributo dovuto ai protagonisti e un bel riassunto per i telespettatori, ma posto in apertura si sta rivelando troppo lungo.
L’inizio dello show vero e proprio è un concentrato di energia che coinvolge i finalisti, Simona Ventura e i quattro Coach. La conduttrice indossa un abito fuori dagli schemi, con una coda nera e rossa particolarmente ad effetto.

È proprio la padrona di casa a parlare del meccanismo della finale: ci saranno tre sfide, votate dal televoto e su Instagram.

Nell’annunciarlo, la Ventura ringrazia Milly Carlucci, dalla quale riconosce di  aver preso l’idea.

Prima delle esibizioni valide per la sfida, i quattro finalisti si cimentano con un medley insieme ai Planet Funk.

Gruppo italianissimo di musica elettronica, rock-dance e alternativa che ha vissuto il miglior momento a cavallo tra gli anni novanta i primi dieci dei duemila.

Hanno collaborato con un gran numero di artisti italiani, rivelandosi dei pionieri nel loro genere ed hanno riscosso un gran bel successo anche all’estero.
Poco più di un anno fa hanno perso prematuramente Sergio Della Monica, uno dei fondatori, e per loro si è paventato lo scioglimento. Il quinto album, però, era già in lavorazione e li ha convinti a continuare. Hanno pubblicato il singolo “All on me” e tra poche settimane uscirà anche il nuovo disco.

Tutti scatenati, compresi i Giudici. E i concorrenti decisamente all’altezza.

Ora, Morgan, Elettra Lamborghini, Gigi D’Alessio e Guè Pequeno sono pronti a giocarsi la vittoria insieme ai loro pupilli.

La prima esibizione valida per la gara è di Miriam Ayaba. Elettra Lamborghini ha scelto di farla duettare con Lizzo, star emergente del pop/r’n’b statunitense, conosciuta in tutto il mondo soprattutto per “Juice”. Ha collaborato anche con Prince in carriera, però il suo exploit è un regalo dell’ultimo anno con l’album “Cut I love you”.

Due personalità e voci particolarmente intriganti da ascoltare insieme, per una miscela rara in una prima serata italiana.


Cantano “Truth Hurts” della stessa Lizzo e il risultato è stato molto ad effetto. Ma non sono mancate una serie di imprecisioni.

Adesso tocca a Carmen Pierri del TeamGigi .
Canta con Arisa e il brano scelto è “La notte”.

Sulla gran bravura di Arisa c’erano pochi dubbi, la vera sorpresa è Carmen.
Tecnicamente quasi perfetta, con un’interpretazione e delle scelte nelle armonie davvero sorprendenti.

Il risultato lancia Carmen alla grande in questa finale. Gigi D’Alessio è del tutto soddisfatto e anche i colleghi riconoscono l’ottima scelta fatta per il duetto.

Morgan, dal canto suo, introduce Diablo. Spiega come abbia pensato alla canzone “Relax”, dei Frankie Goes to Hollywood e poi abbia provato a contattare Holly Johnson, la voce del gruppo.

Johnson ha accettato volentieri e stasera è The Voice of Italy 6. Quando i Frankie Goes to Hollywood erano all’apice del successo, negli anni ’80, Diablo non era nemmeno nato. Inoltre, il pop della star britannica è molto diverso dal rap del finalista del TeamMorgan.


Il risultato, in effetti, è sorprendete e certamente efficace, anche se forse Diablo non è emerso come avrebbe dovuto.

Oltre a Morgan, tra i più entusiati c’è Guè Pequeno, fan di Johnson.

Brenda Carolina Lawrence del TeamGuè chiude la manche dedicata ai duetti.
Guè Pequeno ha pensato di farla cantare con Shaggy, una delle più conosciute voci reggae di sempre.

Cantano “Angel”, rivista in corso d’opera e mashata con “Boombastic”, forse il più grande successo di Shaggy.

Brenda Carolina Lawrence cala il jolly. Il suo timbro soul si sposa facilmente con quello di Shaggy, è vero, ma lei è bravissima a tenere il palco del tutto alla pari con la star di origini giamaicane.

Guè Pequeno non sta nella pelle, anche perché fan di Shaggy da sempre.

Simona Ventura si avvicina ad Elettra Lamborghini e ripercorre insieme a lei l’esperienza come Coach in un (ennesimo) momento dedicato ai ricordi delle puntate passate.

Subito dopo, Diablo apre la seconda manche, focalizzata sulle cover. Per lui, Morgan ha scelto “Lei” del rapper romano GEL.

Brano bello ed orecchiabile, ma semisconosciuto. Rischia di mettere in difficoltà Diablo, perché il ritornello è molto cantato, lontano dalle consuetudini rap, quindi dallo stile del giovane.

Il finalista del TeamMorgan ci mette una pezza e riesce a portare a casa il risultato, soprattutto grazie alla canzone, che si impone facilmente all’attenzione.

Carmen Pierri del TeamGigi è la seconda ad esibirsi nella sencoda manche.

Canta “Love on top” di Beyoncé e sorprende di nuovo. Brava a tenere il palco, decisa nell’interpretazione, sicura a lasciar andare la voce.

È forse la concorrente che sta facendo ascoltare il salto qualitativo migliore rispetto alle altre puntate. Le manca ancora una certa maturità e la definizione di uno stile proprio, ma considerati i suoi 16 anni è decisamente sorprendente così.

Intanto, Andrea Delogu e Stefano De Martino seguono la finale dalla postazione di Radio2. Lo hanno fatto con tutte le puntate, ma è la prima volta che sono in studio.


Si divertono a stuzzicare i Giudici con qualche domanda sulla loro avventura. Gigi D’Alessio e Morgan inscenano un finto battibecco, in un clima che in realtà è molto disteso.

Brenda Carolina Lawrence prosegue la seconda manche con “Cheap thrills” di SIA.

Si dimostra forse la finalista con le carte più in regola. Ha un’ottima voce, uno stile peculiare, capacità di tenere il palco e di trasmettere emozioni.

Miriam Ayaba mette i sigilli allo spazio dedicato alle cover con “Get busy” di Sean Paul.

Belle scelte nella rivisitazione del pezzo e personalità da vendere nel coinvolgere l’ascoltatore. Tecnicamente così così, stavolta.

 

I Coach appezzano, compreso Morgan – di solito lontano anni luce dal mondo di Miriam – convinto dal mix di stili con cui è stato proposto il brano.

 

Simona Ventura chiude il televoto e tra poco sapremo il nome del primo eliminato.

Prima, Lizzo torna sul palco e canta “Juice”, la hit con cui ha reclamato un posto tra le popstar più in voga degli ultimi mesi.

Gigi D’Alessio scherza insieme a Morgan e dice di voler ballare con lei. Lizzo lo prende in parola – ironica come sempre – e alla fine accennano simpaticamente un ballo.

Adesso è il momento dell’eliminazione.

Passano prima Miriam e Carmen, poi Brenda Carolina Lawrence prende il posto nella finalissima a scapito di Diablo.

È lui il primo eliminato di questa finale.

Verdetto sostanzialmente giusto per quello che abbiamo asocoltato stasera. Lui è di certo bravo, ma i due pezzi con cui ha gareggiato lo hanno mostrato in maniera sfocata e poco incisiva. Soprattutto se confrontato con le sfidanti.

Morgan lo saluta dicendo di essere orgoglioso di lui, convinto del fatto che farà un grande percorso in futuro.

Torna Shaggy. È sul palco per un nuovo momento promozionale con Alexander Stewart e cantano “You”.

Shaggy si intrattiene con Simona Ventura per parlare anche della collaborazione con Sting e del nuovo album in uscita il 28 giugno.

Carmen Pierri  inizia la fase decisiva, giocata con gli inediti.

Canta “Verso il mare”, di Luciano Quartucci, Mirko Bruno e Giulia Maria Caci, scelta per lei da Gigi D’Alessio. È stata scritta cinque giorni fa e il Coach ci tiene a sottolineare che non è stata mai ascoltata, al contrario di altre.

Brano leggero, al limite del banale nelle melodie e nel ritornello, un minimo più intrigante nelle strofe. Però è molto orecchiabile ed emana freschezza. Soprattutto, è adatto a Carmen, che lo interpreta a dovere.

Una clip su Guè Pequeno e la sua avventura a The Voice of Italy 6 anticipa l’esibizione di Brenda.

La finalista del TemGué canta “Carte”, brano scritto da lei e già presentato in semifinale.

Pezzo di tutto rispetto. Scritto bene, prodotto meglio, interpretato con personalità e in uno stile particolare.

Miriam Ayaba cala come ultima carta la sua “Amazzonia”. È la canzone con cui ha stregato tutti nelle Blind Auditions e che ha superato le 4 milioni di visualizzazioni su Youtube in poche settimane.

La versione presentata questa sera è meno dirompente ma forse più interessante e articolata rispetto alla prima. Canta circondata letteralmente da un grosso cerchio di fuoco.

Tra poco conosceremo il nome della seconda eliminata di questa finale.

Nel frattempo, Arisa presenta “Tam tam”, il suo nuovo singolo.

Le finaliste tornano in studio per il verdetto.

Manca Carmen Pierri, perché è passata la mezzanotte ed essendo minorenne non può lavorare.
È in collegamento video dall’hotel e attende l’esito da lì.

Proprio lei è la prima ad andare alla fase successiva, seguita da Brenda Carolina Lawrence. Eliminata Miriam Ayaba. 

Elettra Lamborghini non ci sta, è incredula: “Non è possibile, c’è qualcosa che non quadra. Basta guardare internet, i social, le visualizzazioni su Youtube, non è possibile. È stata votata sempre, dall’inizio”.

Ne segue un confronto sulle modalità di voto – Morgan e la Lamborghini sostengono che la scelta degli sms penalizzi il voto dei più giovani – e sul tipo di giudizio che bisonga dare sui cantanti.

Gigi D’Alessio: “Per sette puntate abbiamo valutato i concorrenti in base alle voci e alle esibizioni e adesso lo facciamo in base alle visualizzaizoni e ai followers? Allora avete scelto i finalisti in base ai followers?”

È la stessa Miriam a stemperare la tensione con una certa serenità, dicendo che aver portato il messaggio che voleva è la sua vittoria: “Se anche una sola persona l’ha colto, se ho contribuito a diffondere un minimo in più di amore, io ho vinto”.

 

Inizia l’ultima sfida, da cui uscirà il nome della vincitrice: Carmen Pierri e Brenda Carolina Lawrence si contenderanno la vittoria con la versione acustica di due brani.

Gigi D’Alessio presenta l’ultima fatica di Carmen, precisando che la scelta di farla cimentare con lo spagnolo è stata cercata e la ritiene fondamentale.

Canta “Contigo en la distancia” di Cesar Portillo. La sua esibizione è registrata, sempre per il motivo che si è superata la mezzanotte e non può esser presente alla diretta.

 

Brenda Carolina Lawrence risponde alla grande con “At last” di Etta James.

A meno che non lo si faccia per favorire i calcoli degli ascolti, non si comprende il senso di iniziare la finale mezz’ora prima del solito, occupare i trenta minuti con un sunto dell’edizione, per poi costringere una finalista a gareggiare con esibizioni registrate, sforando di un’ora.

Nel caso vincesse Carmen, non potrebe essere presente né in studio né in collegamento per la proclamazione.

 

Prima dell’esito del televoto, comunque, Holly Johnson torna sul palco per una gran versione di “The power of love”, accompagnato al piano da Morgan e supportato dalla band di tredici elementi (archi compresi) che suona in questa finale. Molto bello.

In attesa dei risultati del voto, va in onda un video in cui si mettono in risalto le rispettive opinioni dei Coach.

Poi, uno che racconta la partecipazione di Carmen e Brenda.

Gigi D’Alessio sale sul palco per fare le veci di Carmen Pierri, in attesa dei risultati.


Simona Ventura coglie il momento concesso dall’attesa per ringraziare il Direttore di Rai2, Carlo Freccero, che l’ha riportata in Rai: “Ho fatto la scelta giusta a tornare in Rai. Ho ritrovato l’azienda che avevo lasciato. Ho ritrovato coesione, comprensione, rispetto e passione. Questa è la famiglia di tutti gli italiani”.

Carmen Pierri è la vincitrice di The Voice of Italy 6.

Per lei ritira il premio Gigi D’Aessio. Ma ricordiamo che alla vincitrice va anche un contratto con la casa discografica Universal.

Guè Pequeno, scuro in volto, si aspettava un risultato diverso. Si volta verso Elettra Lamborghini e sembra accennare un mugugno, rivedendosi nella sorpresa della sua collega.

Poco da dire se il televoto ha deciso in questo modo. Al netto del talento indiscutibile di Carmen, tuttavia, Brenda Carolina Lawrence avrebbe meritato la vittoria per quanto fatto ascoltare sia in semifinale che in finale.

The Voice of Italy 6 finisce qui.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, presentazione nuovi programmi e fiction

Seguiamo la presentazione dei Palinsesti Rai per la stagione 2021/2022, partecipando alla conferenza stampa di martedì 22 giugno 2021.

Pubblicato

il

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Martedì 22 giugno 2021, dalle 12.00 si tiene la conferenza stampa di presentazione dei Palinsesti Rai per la stagione televisiva 2021/2022.

Nel corso della conferenza è rivelata la nuova offerta dei canali del servizio pubblico: comprensiva di programmi, tv movie, fiction e serie TV in onda sulle reti Rai. Ma, anche, in streaming sul sito dedicato RaiPlay, che di anno in anno si diversifica e si arricchisce di prodotti propri.

Potrebbero anche essere citati i due grandi eventi previsti per il 2022: Sanremo, la settantaduesima edizione, e l’Eurovision Song Contest. Che, in seguito alla vittoria dei Maneskin nel corso dell’ultima edizione, si terrà in Italia. Ascolteremo le eventuali dichiarazioni a proposito.

Alla conferenza stampa partecipano tutti i direttori delle reti pubbliche, generaliste e digitali.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, la diretta

Inizia la conferenza, in diretta dalla Sala degli Arazzi Rai. Il primo a parlare è il presidente Rai Marcello Foa. “Mi auguro si possa tornare alla normalità nel nuovo anno. I telespettatori e i giornalisti faranno la differenza, ma voglio sottolineare che la Rai ha fatto uno sforzo enorme per svolgere il loro compito con passione e dedizione nel corso dei mesi passati. E sono certo daranno il massimo quando i programmi andranno in onda da settembre. Non solo in TV, ma anche in Radio e Visual Radio, con un’offerta sempre più importante. La Rai del futuro dovrà aderire alle aspettative e alle differenti modalità di fruizione di oggi.” 

Quindi, inizia la presentazione dei programmi del nuovo palinsesto. A partire dalle Fiction. Segue la trasmissione di un promo con una selezione di estratti dalle fiction in onda nella stagione 2021/2022. Poi si esprime la direttrice di Rai Fiction Maria Pia Ammirati. “Siamo un ecosistema aperto, interconnesso e libero; contemporaneo. Noi guardiamo al vero, alla realtà. I set non hanno mai chiuso.” 

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, le nuove fiction 

Poi, la Ammirati elenca alcuni delle nuove Fiction: “Si inizia con Un professore, una storia di formazione corale. Poi Cuori, una storia meravigliosa anche di evoluzione femminile, sita alle Molinette, Torino. E ancora fiction come, Bastardi, Non mi lasciare, in cui vedremo una Venezia inedita, poichè vuota. Alcune grande sorprese sono le biopic; ad esempio, quella di Carla Fracci. Quando abbiamo girato a Milano, Carla Fracci è stata con noi sul set. Poi altri TV movie come Bonatti.”

“Su Rai 2, torna L’ispettore Coliandro, e Mare Fuori. Infine il lavoro sul digitale, che per noi è sperimentazione. Ad esempio, presentiamo Bangla, che parte dal cinema. E la comedy con Neri Marcorè Le più belle frasi di Osho”.

E ancora: “Ci muoviamo bene anche nel mercato internazionale, con Doc, fra gli altri. Italia Francia e Germania si stanno muovendo coese con nuove produzioni. Come Sopravvissuti, che arriverà in primavera. Avremo quindi anche L’amica geniale 3, Don Matteo 13, aspettatissimo anche per i nuovi avvicendamenti sul set. E poi Blanca, Macari, Mina Settembre. 

La conferenza prosegue con un nuovo promo, stavolta dedicato al servizio di informazione Rai.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, le parole di Franco di Mare

Si esprime Franco di Mare, direttore di Rai 3. “La vocazione Rai per l’approfondimento e le notizie è parte del nostro paese. E comunque, Rai 3 si distingue, perché la nostra squadra ruota proprio intorno all’informazione. Circa 1 milione e duecentomila di telespettatori in più ha seguito il servizio pubblico. Di questi, il 70% era su Rai 3. I nostri asset fondamentali Chi l’ha visto?, Report, Che tempo che fa hanno portato la nostra rete dalla quinta posizione su sette, alla terza, per tutti e dodici i mesi di questa terribile stagione.”

Il direttore parla poi delle nuove produzioni di Rai 3: “Agorà guadagnerà mezz’ora di trasmissione in più. Inoltre, proporremo Agorà anche nel week end, con Giusi Sansone. Mi manda Rai 3 diventerà un altro programma del fine settimana, Con Federico Ruffo. Lidia Galeazzo condurrà un altro programma dedicato al terzo settore produttivo. Confermiamo Mezz’ora in più, e aggiungiamo che Lucia Annunziata condurrà una guida alla lettura alla nomina del prossimo presidente della Repubblica, insieme a Paolo Mieli. Corrado Augias condurrà alcuni speciali; tra cui Cronache, le vicende della settimana. Confermiamo anche Che succede e Via dei matti numero zero.”

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, Pierluigi Colantoni, direttore sviluppo nuovi formati

Tocca poi a Pierluigi Colantoni, direttore allo sviluppo dei nuovi formati. “Siamo in un Big Beng ideativo, un periodo di cambiamento. Però è difficile, perchè ci sono tanti creators in questo paese. Le tante idee che ci sono devono essere viste, selezionate. Non basta un’ottima idea per ottenere un prodotto audiovisivo di qualità. Ci vuole prospettiva, una missione e una direzione. Stiamo lavorando a idee nel campo della digitalizzazione, ad esempio.” 

“Sogno azzurro proseguirà. Inoltre, stiamo lavorando al road movie della nazionale, per un contenuto che potrà vivere trasversalmente sulle diversa piattaforme. Il nostro terzo progetto si chiama Record, oltre l’impossibile. Attraverso la realtà aumentata vogliamo raccontare i più grandi record delle Olimpiadi. Sarà condotto dalla giovanissima Nadia Bala, campionessa di Sitting Volley, con la voce di Mauro Ruggeri e l’esperienza di Andrea Fusco. E ancora, ci sarà un docu-show dedicato allo spazio.”.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, l’offerta culturale

Interviene quindi la direttrice di Rai Cultura Silvia Calandrelli.Il mondo della cultura ha sofferto tantissimo: è stato un dramma nel dramma. Ma la Rai è stata presente con forza: l’offerta di Rai Cultura è raddoppiata. Abbiamo collaborato con musica, teatro, con il Ministero dell’Istruzione. Pensate che la prima della Scala a Milano quest’anno è stata senza pubblico; speriamo di lasciarci alle spalle tutto questo.”

“Sarà un autunno di grandissima musica. Anche attraverso Rai Radio, per portare conoscenza e sapere al pubblico in un momento così drammatico. Questa è stata anche un’occasione per innovare i nostri linguaggi. Cito due esempi: La Traviata e il Barbiere di Siviglia trasmessi in Rai, a teatro vuoto. Continueremo su questo filone con l’Orchestra sinfonica Rai, con tutti i teatri italiani. Avremo anche in esclusiva le lezioni d’Orchestra di Riccardo Muti. Su Rai Storia e Rai 3 continua Maestri, ci occuperemo di comunicazione dedicata alle donne ogni martedì sera. Ci sarà Stefania Battistini, con un programma intitolato Soffitto di Cristallo. Rai Scuola ci sarà con nuove lezioni.”.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, il Day Time

La conferenza prosegue con la presentazione dei programmi parte del Day Time Rai. Parla Ludovico Di Meo, direttore di Rai 2. “Abbiamo provato ad andare avanti con diversi nuovi programmi. Fra cui La Caserma, e la comicità di Valerio Lundini. Un personaggio straordinario, tutto da scoprire. In autunno proporremo un quiz con Magalli sulla lingua Italiana. Poi lo sport, i documentari, specialmente la domenica. C’è troppo spezzatino la domenica, in prima serata proporremo intrattenimento puro. Cerchiamo quindi di trovare altri -mostri televisivi- per farci due risate il lunedì sera.”

“Avremo anche sempre sabato e domenica il ritorno di Check-Up, in autunno. Rai 2 cerca sempre di sfornare nuovi titoli. Abbiamo molte seconde serate con Diaco, Andrea Delogu alla conduzione di un programma sulla musica. E ancora Restart, un programma sull’economia. E Followers, programma di infotainment sempre in seconda serata.”.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, Rai Movie

Le dichiarazioni di Roberta Enni direttore Rai Gold: “Cinema e serie tv ci riempiono gli occhi e la vita. E’ un ecosistema: buoni libri generano buoni film. Come servizio pubblico, rendiamo liberi gli spettatori. Niente nella nostra produzione è scelto a caso. Ma non è tutto programmazione, ma anche aver cura dell’offerta cinematografica. Seguiamo la festa del cinema di Roma, i nastri d’argento a Torino. Ogni volta che si parla di cinema Rai Movie c’è.”

“Quest’anno trasmetteremo cinque o sei film completamente restaurati: dalla Comencini a Olmi a Saverio Costanzo. Grandi classici Italiani. Tornare in sala non inibisce la fruizione televisiva. Torniamo a vivere, Rai farà la sua parte. SU Rai 4 e Rai Premium arricchiremo la programmazione con film, ma anche con documentari. Creeremo serate tematiche dove film e documentari si interano nella narrazione di un tema.”.

E ancora: “Obiettivo mondo di Rai Gold è nel mio cuore. Dobbiamo occuparci della sostenibilità. Parlo da -boomer-, abbiamo bisogno dell’impegno dei governi, ma anche dell’apporto quotidiano di ciascuno di noi. Obiettivo mondo interessa tutti i canali di Rai Gold; dove noi, come canali di intrattenimento, tratteggiamo con film documentari e fiction i goal sostenibili del progetto. Cercando di innescare una rivoluzione culturale urgente. Il servizio pubblico deve aiutare gli spettatori a diventare cittadini consapevoli.”.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa, l’offerta digitale

Elena Capparelli, direttore Rai Play, afferma: “L’ecosistema digitale si è trasformato a una velocità maggiore a quanto preventivabile. Abbiamo tentato di migliorare ancora il nostro posizionamento, rispetto a quanto fatto nel 2020. Quest’anno, lo dico con grande soddisfazione, Rai Play è entrata nell’immaginario collettivo. Rai Play è Rai, coniugando quantità e qualità.”.

“Abbiamo esteso i contenuti dei canali lineari sul web in completa sinergia. Abbiamo lavorato anche a contenuti originali, dirette. E a un archivio On Demand più vasto. Il dato più interessante è quello di retention, gli utenti di ritorno ogni mese. Abbiamo registrato un dato maggiorato del 100%.”. 

Riguardo i contenuti originali: “Avremo film in anteprima esclusiva, che si aggiungono agli oltre mille già presenti. Stiamo sperimentando con i The Jackal, e 8 puntate di L’altro Show. Poi 21 puntate da 15 minuti con Luciano Ligabue, La Nottataccia, programma comico, Ossi di Seppia, un formato innovativo di racconto breve supportato dal progetto Teche Rai. Piero Angela parlerà d’amore, e proporremo una nuova stagione di Amori Criminali. Infine, avremo una grande varietà di progetti sportivi.”.

Rai Play Sound, i documentari, Rai Ragazzi

Prosegue Elena Capparelli, per parlare di Rai Play Sound, il nuovo progetto Rai. “Faremo tante operazioni su questa nuova piattaforma, che porta l’ascolto dell’audio e dell’audio on demand su nuove modalità di ascolto. La piattaforma sarà strutturata per contenuti radiofonici, e per diverse esclusive. La distribuzione avverrà su tutte le piattaforme.”.

“Dietro questa telecamera 8k c’è il futuro di Rai Documentari” afferma Duilio Gianmaria, direttore di Rai Documentari, con in mano il dispositivo. “Avremo serie Crime sperimentali e di contenuti, che racconteranno casi di cronaca storici. Crime declinato all’aspetto sociale, quindi. Rai Documentari vuole informare, educare, intrattenere. Abbiamo grandi co-produttori Italiani, ma non solo. Anche grandi e piccole major, come BBC, PBS, IBU, Artè. Da settembre inizia una stagione dedicata all’attualità, agli eventi storici più importanti della storia.”

Sono annunciati, poi due nuovi documentari: Bella Ciao, e un prodotto sulla storia di Dante Alighieri con la collaborazione di Pif.

Luca Milano sale sul palco per parlare dei progetti Rai Ragazzi. “Dieci gironi fa abbiamo potuto far rientrare bambini e ragazzi negli studi Televisivi. La tv dei ragazzi è educare e divertire, ma anche promuovere la fiducia in sè stessi. Ad esempio con Pianeta storie, che si basa sui Silent Book, libri senza testo pensati per stimolare la fantasia e la coesione familiare. Abbiamo lavorato molto anche sulla diretta. Fondamentale l’inclusione, con programmi in lingua inglese, e lingua dei segni. SI può fare il servizio pubblico anche in maniera divertente e per bambini”.

Palinsesti Rai 2021/2022 conferenza stampa

La prima serata, Stefano Coletta

Stefano Coletta, direttore di Rai 1, racconta l’offerta per la Prima Serata Rai. “Di Rai spesso si parla attraverso critiche e attacchi. Ma ora distacchiamo di 5 punti i nostri competitor.”.

“Abbiamo avuto un intrattenimento reso parziale da ciò che abbiamo vissuto. Ma votato al registro dell’evasione. Ballando con le Stelle ha avuto uno dei risultati migliori dell’ultimo anno, e non potrà mancare nella prossima edizione. In registri consolidati e noti introdurremo nuovi modi di comunicare. Poi, torna The Voice Senior, per dare una chance artistica a chi ha rincorso da tempo il successo, e ora ha una possibilità. Torna Antonella Clerici, con un talent che oltre a mostrare abilità canore racconterà la vita dei partecipanti.”. 

“Il mio obiettivo per l’autunno è passare dall’evasione alla relazione. Perchè se è vero che cercavamo l’evasione, quest’anno che arriva dobbiamo rintracciarci, ripristinare i rapporti sociali. Poi, Amadeus, dopo i due grandi Sanremo, torna al suo amore, essere DJ. Un viaggio nella memoria, chiamato matrice 60/80/90, che racconta grandi successi e meteore sconosciute. Quindi, arriva su Rai 1 Alessandro Cattelan, con Da Grande. Per la rete è una scelta forte, ma dobbiamo fare queste scelte per proporre nuovi volti e nuovi talenti.”

La programmazione di Rai 1

Prosegue Coletta: “Nel Day Time abbiamo innovato con due marchi nuovi all’ora di pranzo: Oggi è mezzogiorno, ad esempio, ha portato risultati in fasce che non brillavano da tempo. A cui si aggiunge Vita in Diretta con Alberto Matano. L’intrattenimento fa parte anche del Day Time, soprattutto nel Week End. Mara Venier sarà di nuovo al timone di Domenica In, ma con un cambio di registro. Arriveranno segmenti di people show durante i quali Mara si confronterà con gente comune. Prosegue anche Da noi a ruota libera, Eredità, Soliti Ignoti. Amadeus, poi, condurrà Affari tuoi family; un format inedito al quale partecipano famiglie anche allargate.” 

“Tornerà Alberto Angela in prime time, in particolare il giorno di Natale. Tornerà Ciao Maschio in seconda serata, e anche Roberto Bolle, in onda dopo Sanremo per Danza con me. Presenti nella programmazione, ma è Top Secret, Sanremo 72 e l’Eurovision. Non abbiamo nemmeno definito conduzione e direzioni artistiche. Nel caso di Eurovision, dobbiamo anche selezionare la città ospitante, adesi alle regole di EBU.”

Rai Sport con Auro Bulbarelli, gli amministratori Giampaolo Tagliavia, Fabrizio Salini

Tocca quindi ad Auro Bulbarelli, direttore di Rai Sport: “Rai è il servizio pubblico che più è dedito alla trasmissione dello sport. Avremo 22 ore al giorno le Olimpiadi, e 14 le paraolimpiadi. Passeremo agli Europei di Volley, al Tennis, in attesa di trasmettere il Master. Se ne parla ancora poco, ma trasmetteremo anche le Olimpiadi di Pechino 2022.”

Poi, parla Giampaolo Tagliavia, amministratore delegato Rai Pubblicità. “Abbiamo un primo semestre molto positivo. Avremo una crescita lusinghiera.”. E ancora, Fabrizio Salini, amministratore delegato Rai. “Oggi accendiamo il futuro. Sono soddisfatto e gratificato dalla visione che stiamo condividendo. Ho sentito parlare di innovazione e sperimentazione. Ma noi abbiamo solamente messo il contenuto al centro. Il contenuto è il prodotto che ci fa andare avanti e ci fa crescere.”

Le domande dei giornalisti

Domanda 1: per Coletta, quali altri talenti presenterete oltre a Cattelan? Due puntate non sono poche?

“Lo show è una miniserie nata per snodarsi in due puntate. Oltre a Cattelan abbiamo sperimentato con Serena Rossi, ad esempio. Seguiremo questo filone nel 2022.”

Domanda 2: per Coletta, si sa qualcosa di Sanremo Giovani? Sanremo Estate è tramontato?

“Il progetto Sanremo include anche Sanremo Giovani, prima della fine nel 2021. Anche quest’anno la stessa figura porterà i giovani fino a Sanremo 2022. Sanremo Estate era una proposta personale di Amadeus. L’impianto avrebbe avuto valori economici superiori ai preventivi, e abbiamo preferito dirigere le risorse altrove.”.

Domanda 3: Cattelan è papabile per Sanremo? Cosa ci sarà il sabato sera su Rai 1?

“Per Sanremo, stiamo lavorando prima all’idea, poi ai nomi. Dal 18 settembre fino a Natale, poi, di sabato sera avremo in onda Cattelan, Amadeus, e poi Ballando con le stelle. Il programma di Amadeus sarà basato sull’esperienza di Amadeus come DJ.”

Domanda 4: per Maria Pia Ammirati, qual è la tua linea editoriale? Che tematiche tratterai?

“La Fiction è un lungo percorso. Si parte dall’idea, poi arrivano scrittura, produzione e post produzione. Ci vogliono quasi due anni per veder messo in onda un titolo. Gioco su due fronti: la fusione di più generi anzitutto.”.

Domanda 5: per Tagliavia. I listini della prossima stagione cresceranno?

“Confermo un andamento del 9% in più rispetto al 2019. Riguardo i listini, non prevediamo grandi scostamenti rispetto l’anno scorso.”.

Altre domande dei giornalisti

Domanda 6: Cattelan arriva in Rai con un contratto anche con Netflix, non è controproducente? Qual è la posizione di Rai rispetto al video trasmesso su Rai 3? La conduzione di Uno Mattina è a cura di chi?

Inizia Coletta: “Il 28 giugno parte una vivace stagione estiva in cui Uno Mattina porta in conduzione Gianmarco Sicuro e Barbara Capponi. Non abbiamo ancora definito le conduzioni per settembre”. 

Prosegue l’amministratore Salini. “Rispetto al video credo nel dovere di cronaca delle testate giornalistiche. Per quanto riguarda Cattelan: è uno dei nuovi protagonisti del nostro settore. Il fatto che condivida un’esperienza su un’altra piattaforma non è un malus.”.

Domanda 7: per Coletta, Amadeus potrebbe tornare a Sanremo? Chi conduce Sanremo condurrà l’Eurovision? Per Salini, il suo mandato è finito, non si è riusciti in questo triennio a fare una transizione definitiva alla direzione dei generi. Perchè?

Inizia Coletta: “Ci siamo parlati molto con Amadeus, che non ha avuto un netto ripensamento. Ma stiamo dialogando anche con lui rispetto a Sanremo e altri eventi. Mi sento di dire che sarebbe fisiologico, poi, collegare Eurovision e Sanremo. Ma essendo gli eventi così vicini, dato che riproporremo Sanremo nelle prime settimane di febbraio, sarebbe premiante una diversificazione.”.

Poi, parla Salini: “I direttori di genere furono nominati a gennaio 2020. La sospensione di quel discorso è stata un po’ forzata dagli eventi. Ma Rai ha fatto decisivi passi avanti.”.

Domanda 8: si tornerà a parlare di Rai 6, una rete al femminile, e di una rete in inglese?

Salini risponde: “Il canale in inglese è previsto per l’autunno. Il canale al femminile è in cantiere, non ci stiamo lavorando. Saranno i nuovi vertici e la nuova governance a terminarlo.”.

Ancora domande dei giornalisti

Domanda 9: La giuria di The Voice Senior è confermata? Canzone segreta tornerà nella prossima stagione?

Parla Coletta: “Stiamo tentando, come in ogni edizione, di fare innovazione. Vorrei rivedere la vecchia giuria, ma potrebbero avvenire integrazioni. Poi, Serena Rossi: la sua priorità è Mina Settembre 2. Poi dovremmo capire i suoi spazi per tornare nell’intrattenimento. Ha dato un’ottima prova.”.

Domanda 10: per Di Meo, si può fare un chiarimento sul programma Check-Up? Quando va in onda?

“Ho dimenticato di dire alcune cose. Il nuovo programma della domenica è di Paola Perego e Simona Ventura. Check-Up, invece, andrà in onda il sabato. Inizieremo con 12 puntate, poi si vedrà. Ne approfitto per citare un altro programma fulcro che ho dimenticato: I Fatti Vostri. Nel cast si introdurrà Anna Falchi alla conduzione, e abbiamo molta fiducia in questa nuova programmazione. Restano Paolo Fox e altri protagonisti della trasmissione.”.

Domanda 11: nel pacchetto Sanremo con un eventuale Amadeus, è compreso Fiorello? Il contratto di Fabio Fazio verrà rinnovato? Cosa augura a chi verrà dopo di lei?

Parla Coletta: “Vi dirò una cosa in più, penso che al di là della conduzione è stato premiante il lavoro rivoluzionario del registro musicale apportato da Amadeus. E’ mio parere personale che non si possa tornare a un Sanremo più classico, dopo Amadeus e Fiorello. Per ora, però, con Fiore ci diciamo solo -come stai-. E’ tutto in evoluzione.”.

Continua Salini: “Fabio Fazio accompagnerà la Rai per altri due anni. Ai nuovi vertici dirò quel che ho da dire, ma direttamente a loro.”.

Le ultime domande

Domanda 12: per Coletta e Di Meo. Avete immaginato un progetto di approdo di altri volti giovani? Penso a Stefano de Martino, o ad Andrea Delogu. Un commento rispetto a Detto Fatto: dopo l’imbarazzo dello scorso autunno avete decido di riconfermarlo?

Inizia Coletta“Tutti noi direttori osserviamo quel che avviene in ogni canale e ipotizziamo passaggi ed acquisti.” Di Meo prosegue: “Bianca Guaccero di Detto Fatto è una professionista, per questo Detto Fatto è stato riconfermato.”. 

Domanda 13: ci sarà spazio per Caterina Balivo e Raffaella Carrà, come si vocifera?

Risponde Coletta: “Ho un ottimo rapporto con Caterina Balivo. Stiamo parlando di progetti, e non abbiamo nessun veto in atto. Raffaella Carrà resta un desiderata, per riportarla su Rai 1.”. 

Domanda 14: il bilancio sociale della Rai sembra un documento semi-clandestino. Perchè non pubblicarlo? Come mai durante queste due ore non è mai stata presentata la direzione Rai per il Sociale?

Risponde Salini: “Se non è stata citata Rai per il Sociale, mi imputo la responsabilità. Questo vertice l’ha fortemente voluta e sostenuta. Per la presentazione del bilancio sociale, nessuno ha inteso nasconderlo. Volevamo dedicargli una data prima dell’estate, ma slitterà in autunno. Al riguardo, il lavoro fatto negli ultimi due anni è tanto. Non c’è nessuna volontà di nasconderlo.”.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

What They Had film Canale 5 – trama, cast, finale

La malattia di una madre di famiglia è l'occasione per fare i conti con rancori mai sopiti e problematiche tra parenti.

Pubblicato

il

What They Had film Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Canale 5 propone oggi il film dal titolo What They Had. Si tratta di una pellicola di genere drammatico datata 2018.

La produzione degli Stati Uniti d’America, la durata è di un’ora e 38 minuti.

What They Had film attori

What They Had film – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Elizabeth Chomko. Personaggi principali sono Bridget Ertz e Nicky interpretati rispettivamente da Hilary Swank e Michael Shannon. Nel cast anche Robert Forster nel ruolo di Burt.

Le riprese si sono svolte negli Stati Uniti, in particolare a Chicago nello stato dell’Illinois. Alcuni set hanno avuto come location la città di Los Angeles. La produzione è della Unified Pictures in collaborazione con Bona Fide Productions e Look to the Sky Films.

Il titolo originale coincide con il medesimo scelto per la distribuzione a livello internazionale.

What They Had film dove è girato

What They Had – trama del film in onda su Canale 5

La trama ha come protagonista Bridget Ertz che torna nella sua città natale per aiutare suo fratello Nicky a convincere il padre a mettere la moglie Ruth in una casa di cura perché è malata di Alzheimer.

L’uomo non si fa convincere perché non vuole affrontare la fine della sua lunga storia d’amore. Ma l’aggravarsi della malattia della madre Ruth rende questa decisione improrogabile.

La donna infatti in seguito alla malattia da molti mesi continua a vagare per la città e i figli avvertiti dal padre corrono in suo aiuto per ritrovarla. È accaduto anche durante la notte di Natale quando Ruth si è trovata a vagare in una bufera di neve. Adesso in famiglia ci sono discussioni sul futuro della donna.

Nicky discute con il padre Norbert perché è riuscito ad assicurarsi un posto in una delle prime strutture di assistenza nella città di Chicago. Norbert invece insiste che solo lui può fornire le migliori cure alla moglie Ruth.

Spoiler finale

Nicky così chiede aiuto a Bridget. Ma il tempo trascorso lontano dai suoi genitori rende questa sfida molto difficile da affrontare. Tra l’altro Bridget è alle prese con i suoi problemi familiari, in particolare con la patologia di sua figlia che soffre di ansia ed ha dovuto così smettere di frequentare le lezioni al college.

Le discussioni sul futuro di Ruth saranno per tutti un’occasione per fare i conti con alcuni rancori mai sopiti all’interno della famiglia.

What They Had film finale

What They Had – il cast completo

Di seguito il cast del film What They Had e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Hilary Swank: Bridget Ertz
  • Michael Shannon: Nicky
  • Robert Forster: Burt
  • Blythe Danner: Ruth
  • Josh Lucas: Eddie
  • Taissa Farmiga: Emma
  • Aimee Garcia: dott. Zoe
  • Jay Montepare: David
  • Jennifer Robideau: Rachel

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Conta su di me: trama, cast, finale del film in onda su Canale 5

Un trentenne viene obbligato dal padre a prendersi cura di un'adolescente che ha una malformazione al cuore. Tra i due nascerà un forte legame.

Pubblicato

il

conta su di me film Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi su Canale 5 va in onda il film Conta su di me. La pellicola tedesca, di genere commedia ma dalle atmosfere drammatiche, è arrivata nelle sale il 22 novembre 2018. La durata è un’ora e 46 minuti. E’ tratto dall’omonimo romanzo di Lars Amend e Daniel Meyer.

conta su di me film attori

Conta su di me: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Marc Rothemund. Protagonisti principali del film sono Elyas M’Barek che interpreta Lenny Reinhard e Philip Noah Schwarz nel ruolo di David Müller. Nadine Wrietz e Uwe Preuss, invece, sono rispettivamente Betty Müller e il Dottor  Reinhard.

Le riprese si sono svolte interamente in Germania. Il film infatti è stato girato a Berlino, Bavaria e Monaco di Baviera.

Le musiche sono di Johnny Klimek. Maggie Peren e Andi Rogenhagen si sono occupati della sceneggiatura mentre Christof Wahl ha curato la fotografia. Il montaggio è di Simon Gstöttmayr.

Il film è prodotto da Constantin Film in collaborazione con Olga Film. E’ infine distribuito da M2 Pictures. Il titolo originale è Dieses bescheuerte Herz.

conta su di me film dove è girato

 Conta su di me: trama del film in onda su Canale 5

ll film racconta la storia del trentenne Lenny, figlio di un celebre cardiologo di Monaco.  Ha da tempo abbandonato gli studi di medicina ma riesce ad avere una vita lussuosa grazie al denaro del genitore.

Una notte però accade un evento inaspettato che costringe il padre a bloccargli la carta di credito. Lenny infatti dopo essere rientrato da una serata in discoteca, in cui ha consumato una quantità eccessiva di alcol, è sprofondato con la propria auto nella piscina della loro villa.

Lenny potrà però riottenere la carta di credito e tutti i privilegi solo se si prenderà cura di uno dei giovani pazienti del padre. Si tratta del quindicenne David che è affetto da una grave malformazione cardiaca. Ha già subito molteplici operazioni al cuore ma secondo il parere dei medici potrebbe restagli poco tempo da vivere.

Dopo l’iniziale ritrosia Lenny, decide di accettare la proposta del padre. Quando incontra David, con sua madre, scopre che il ragazzo deve portare sempre con sé uno zaino. Contiene una bombola d’ossigeno da utilizzare durante le sue crisi respiratorie.

Il finale del film 

Dopo essersi conosciuti Lenny chiede a David di stilare una lista dei suoi desideri da esaudire prima del suo sedicesimo compleanno.

Tra questi uno shopping sfrenato e un viaggio in limousine. Ma il più importante è di vedere di nuovo felice sua madre, che gli è stata sempre accanto. Lenny cerca in ogni modo di realizzare i suoi sogni ma un giorno David collassa improvvisamente e viene ricoverato d’urgenza. Deve subire un’ulteriore operazione al cuore.

Nel finale David, dopo l’intervento, festeggia il suo compleanno in famiglia mentre Lenny decide di riprendere gli studi di medicina che aveva abbandonato tempo prima.

conta su di me film finale

Conta su di me: Il cast completo del film

Ecco il cast del film Conta su di me ed i relativi personaggi interpretati:

  • Elyas M’Barek: Lenny Reinhar
  • Philip Noah Schwarz: David Müller
  • Nadine Wrietz (Amore a tacchi alti): Betty Müller
  • Uwe Preuss: Dr. Reinhard
  • Lisa Bitter: Dr. Julia Mann
  • Jürgen Tonkel: Herr Petry
  • Bruno Sauter: Kellner Bruno
  • Max Alberti: Ingegnere del suono
  • Lu Bischoff: Nick
  • Stephan Buschmann: ospite della festa
  • Sebastian Gerold: medico
  • Kim Girschner: passante
  • Jo Kern: Mutter Hannah & Sarah
  • Tesha Moon Krieg: Sarah
  • Lena Meckel: Barbara
  • Coco Möller: Maike

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it