La sai l’ultima? – digital edition | puntata del 21 giugno 2019 | Vince la “Cheffa”


Mediaset propone la "Digital Edition" de "La sai l'ultima" con un format completamente rinnovato. Enrico Montesano e Iva Zanicchi i primi ospiti


Lo show in questa nuova stagione si trasforma in una competizione tra tre squadre. A capitanarle saranno altrettanti volti noti della comicità italiana, Maurizio Battista, Biagio Izzo e Scintilla

Ezio Gregio apre le danze e dopo aver fatto ricorso alla satira come è nel suo stile, presenta i tre capitani delle squadre che gareggeranno tra loro.

Non sono finiti le presentazioni perchè ad affiancare Greggio ci sono anche, il notaio Nino Formicola e la segretaria Romina Pierdomenico.

Il notaio spiega il regolamento e dopo che ha finito, Ezio Greggio gli mette in testa un cappello da giullare poichè si trova a La sai l’ultima.

Dallo stacchetto ci viene suggerito che il primo tema sarà la scuola, i tre capitani convocano i primi concorrenti.

Si parte con le prime risate ma Maurizio Battista si dimostra profetico poichè prima che il suo concorrente si esibisca lui dice che già avrebbe vinto la sua sfida.

La profezia diventà realtà ed il concorrente scelto da Maurizio Battista, raccontando la barzelletta degli studenti balbuzienti si aggiudica la prima sfida.

Prima della prossima manche, Ezio Greggio  ci ricorda che chiunque volesse può mandare una barzelletta auto filmandosi e mandando il video alla redazione del programma.

La seconda manche prevede che i concorrenti dovranno raccontare una serie di barzelletta in un minuto.

La squadra di Biagio Izzo propone la prima concorrente donna che sfodera tante barzellette sulla famiglia, risponde Scintilla con il suo prescelto che esordisce con una barzelletta sui balbuzienti e termina Loredana Scalia, una catanese appartenente alla squadra di Battista.

Dopo la seconda sfida ci viene mostrata la classifica provvisoria,al terzo posto la squadra gialla a 7.1 ed a pari merito ci sono la squadra rossa e quella blu con 7.5 punti.

Il notaio spiega che ogni squadra può avere un jolly durante la puntata, il jolly è rappresentato da un barzellettiere protagonista.

Il primo a giocare il jolly è Maurizio Battista ed in suo aiuto giunge Valentina Persia la barzellettiera nata proprio a La sai l’ultima.

La donna racconta, interpretando in maniera egregia, una barzelletta dedicata ai marinai, il protagonista è l’ammiraglio Nelson che non si è reso conto di rischiare uno schianto con un faro.

L’esibizione di Valentina Persia fa volare il punteggio della squadra blu a 8.2

Dopo la pubblicità entra in studio il primo ospite d’onore della puntata, lui è Enrico Montesano.

L’ospite ne ha tante di barzellette in serbo ma per lui è anche importante spiegare che secondo il suo parere più la barzelletta è diretta e breve e più è divertente.

Secondo Enrico Montesano, solo Walter Chiari poteva raccontare barzellette lunghissime e risultare divertente.

Proprio Walter Chiari è il soggetto della prossima manche, viene mandata in onda una barzelletta del grande comico.

“Un bambino ha una pasta in mano mentre l’altra mano è vuota ed intanto piange, balbettando. Un altro bambino si avvicina al ragazzino e chiede perchè piange, il bambino triste racconta che un altro ragazzino alto gli ha rubato una pasta. Il bambino che sta soccorrendo il piccolo bimbo gli chiede perchè non ha urlato e la piccola vittima dice di non poter urlare più di così, allora il ragazzo più grande gli dice di dargli anche l’altra pasta”.

i tre concorrenti scelti dai capitani delle squadre raccontano le loro barzellette ispirate proprio a Walter Chiari. 

Come sempre Maurizio Battista è sicuro dei suoi concorrenti e schiera un suo concittadino.

“Augustarello scende dall’autobus e chiede ad un vigile come andare alla stazione termini, il vigile nonostante la balbuzia spiega che Augustarello deve andare alla terza traversa. Il ragazzo parte ma dopo poco si sbaglia e torna indietro per richiedere informazioni. Il vigile rispiega e chiede se è tutto chiaro, Augustarello ammette di aver capito pure prima ma dice che sua figlia ride a crepa pelle a risentire il vigile”.

La squadra blu domina al primo posto seguita a pari merito dalle altre due squadre.

Biagio Izzo gioca il suo jolly, rappresentato dal comico romano famosissimo sul web, Geppo.

“Una donna sta guardando il Superenalotto e scopre di aver fatto 6, suo marito è in strada e sta tornando a casa con l’automobile. La donna gli urla che hanno fatto 6 al superenalotto e lui dalla gioia si distrae e si schianta con un taxi. La donna allora afferma che quando il giorno è fortunato tutto va proprio per il verso giusto”.

La squadra gialla recupera un po’ di terreno ma la squadra blu resta in testa.

Dopo la pausa pubblicitaria, Ezio Gregio chiama in studio la seconda ospite d’onore, Iva Zanicchi.

La cantante racconta che da giovane ha avuto la possibilità di essere la signora di Richard Burton ma non è partita con lui a causa di motivi lavorativi.

La cantante racconta una barzelletta che ha sentito da suo nipote.

“Una mamma, i suoi figli e la suocera sono in salone, i tre bambini chiedono come sono nati e la donna racconta ai ragazzini che sono stati portati da tre specie di uccelli diversi, al termine della risposta data all’ultimo bambino la nonna che balbettava sotto voce alza i toni e dice alla nuora che sapeva che i bambini venivano da uccelli diversi”.

La prossima manche è quella dedicata ai Carabinieri e risulta probabilmente la più sottotono, specialmente il signore appartenente alla squadra blu.

A giovare più di tutti di questa manche è la squadra di Biagio Izzo che raggiunge in testa la squadra blu.

Il team di Scintilla non riesce a recuperare ed il capitano è costretto a giocare il jolly.

Nemmeno con la “mossa speciale” Scintilla riesce a pareggiare gli avversari ma almeno si piazza ad un solo punto di distanza.

Siamo giunti all’ultima fase ma prima di partire i capitani cercano di motivare i propri concorrenti.

Ovviamente Scintilla fallisce anche in questo caso ed i suoi concorrenti lo consolano.

Ezio Gregio consiglia ai genitori di mandare a letto i figli perchè l’ultima manche sarà abbastanza “pepata”.

Ad aprire le danze ci pensa un altro barzellettiere famoso, si tratta di Pino, noto a tutti come “Pino Show”.

Si distingue molto anche la “Cheffa” la concorrente di Scintilla.

Al termine dell’ultimo voto, a sorpresa, scopriamo che a vincere è la squadra di Scintilla.

A questo punto le altre due squadre devono gareggiare ancora perchè il terzo classificato perderà un componente del team.

Ad affrontarsi saranno i due concorrenti che hanno ottenuto i voti più bassi.

Al termine della manche, nella quale i due protagonisti sembrano sempre un po’ sottotono, scopriamo che a trionfare e dunque a salvarsi è Galax, il membro della squadra gialla.

Per lo sconfitto c’è una sorpresa, giunge direttamente Valerio Staffelli a portargli il tapiro d’oro.

Chiaramente c’è anche una manche per decretare il migliore, i tre a contendersi il titolo sono Pino, la “Cheffa” ed Antonio.

L’ultima barzelletta della puntata è quella di una signora che porta un bambino piccolo che non cresce dal dottore, il medico dice che deve vedere i seni della donna, la signora lascia fare anche se basita. L’uomo beve anche del latte dal seno della signora ed esclama che il bambino non cresce perchè la donna non ha latte. La signora infastidita spiega che non ha latte perchè lei è la zia del bambino.

Al termine delle barzellette scopriamo che la vincitrice è Lidia la “Cheffa” che approderà direttamente in finale.

Termina la puntata de La sai l’ultima, un programma decisamente rinnovata che si è adattato bene all’epoca nella quale siamo. Per ora si potrebbe dire un reboot ben riuscito ma la strada è ancora lunga.



0 Replies to “La sai l’ultima? – digital edition | puntata del 21 giugno 2019 | Vince la “Cheffa””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*