Connect with us

Intrattenimento

Fuori dal coro, diretta 18 luglio 2019: Ospiti Salvini e Meloni

Ultima puntata per Fuori dal coro che tornerà l'11 settembre con sette nuovi appuntamenti. Tra gli argomenti trattati: l'immigrazione, la capitana della Sea Watch 3 e l'invasione dei rifiuti. Ospiti: Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Pubblicato

il

Fuori dal coro 18 luglio rete 4
Ultima puntata per Fuori dal coro che tornerà l'11 settembre con sette nuovi appuntamenti. Tra gli argomenti trattati: l'immigrazione, la capitana della Sea Watch 3 e l'invasione dei rifiuti. Ospiti: Matteo Salvini e Giorgia Meloni.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ andata in onda, giovedì 18 luglio alle 21.25 su Rete 4, l’ultima puntata di “Fuori dal coro” condotta da Mario Giordano.

Premiato dagli ascolti, il talk show tornerà l’11 settembre in prima serata con sette nuovi appuntamenti.

In studio il conduttore affronta il tema dell’immigrazione e della Capitana della Sea Watch3, Carola Rackete si è infatti scagliata contro l’Unione europea. Focus anche sulle recenti aggressioni agli agenti di polizia da parte di migranti irregolari e ai furti per mano di rom, lasciati impuniti.

Il giornalista si occupa anche dell’invasione dei rifiuti nelle città e delle condizioni fatiscenti dei mezzi pubblici. Tra gli ospiti di questa puntata ci sarà il ministro Matteo Salvini e  la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. 

Fuori ultima puntata

Fuori dal coro, la diretta 18 luglio, l’ultima puntata

Dopo il lungo riepilogo sugli argomenti che verranno trattati nel corso della trasmissione, Mario Giordano inizia la puntata con un argomento di cronaca: i cuginetti massacrati a Vittoria (provincia di Ragusa), Alessio e Simone. I due bambini sono strati travolti da un Suv guidato da uomini in evidente stato di ebrezza e sotto effetto di droga, appartenenti tra l’altro ad un’organizzazione mafiosa.

Mario Giordano insiste sul fatto che non si è trattato di un incidente bensì di un‘evidente strage e lo Stato è assente. Il fatto incredibile è che il palazzo del commissariato è di proprietà di un clan mafioso. Al grido del giornalista sul “siamo un Paese sconfitto perché lo Stato è assente” il pubblico si alza in piedi battendo le mani.

Fuori dal coro 18 luglio immigrazione

Fuori dal coro, l’immigrazione

Si passa ora alla prima inchiesta : “Attenti ai buoni: Accoglienza o business?” dedicata al denaro che gira intorno alla questione dei migranti.

Il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, è accusato per favoreggiamento all’immigrazione clandestina, abuso d’ufficio e truffa ai danni dello Stato.  Con i fondi dell’accoglienza, destinati ai migranti, avrebbe versato 45 mila a Roberto Vecchioni per il concerto tenuto in città. Il denaro sarebbe stato utilizzato anche per le feste e per le manifestazioni a favore di Mimmo Lucano. Avrebbe inoltre gonfiato le fatture sui vari eventi.

A Busto Arsizio Roberto Garavello e Katiuscia Balansino,  gestivano la Kb, una srl che si occupava dei migranti. Avrebbero gestito 600 immigrati creando un giro di affari di 8 milioni di euro. Con il denaro la coppia è scappata in una città Thailandese.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti il parroco di Isola di Capo Rizzuto, Don Edoardo Scordio e il presidente della Misericordia Leonardo Sacco organizzavano l’accoglienza per favorire i clan e di conseguenza intascavano ingenti somme di denaro. Sacco è stato condannato a 17 anni mentre il parroco è agli arresti domiciliari. Fuori dal coro ha raggiunto telefonicamente Roberto Garavello che dichiara di vivere da 18 anni in Thailandia.

Fuori dal coro 18 luglio studio

Il business sui migranti

Viene spiegato al pubblico che il business sugli immigrati rende di più della droga. Ad esempio un’associazione citata da Giordano, per ogni 100 migranti gestiti, riceveva dai 250.000 a 300.000 euro.

Nel 2011 in Friuli Venezia Giulia viene istituita una gara pubblica, vinta da una cooperativa di Trapani che non si mai presentata. Ottenuto l’incarico ha sottratto 27 milioni di euro e successivamente ha ricevuto anche un bonus di 4 milioni di euro.

Non finisce qui. Un altro scandalo legati ai migranti è l’indagine sulla cooperativa Edeco : un centro a Conetta gestito da Simone Borile e la moglie Sara Felpati . Con i soldi destinati ai rifiuti Barile avrebbe finanziato il business della moglie aumentando di ben 350 volte il fatturato. Ai microfoni di Fuori dal coro, Borile nega tutte le accuse.

In un celere collegamento Luisella Costamagna difende in parte Mimmo Lucano.

Fuori dal coro 18 luglio Matteo Salvini

Fuori dal coro 18 luglio, Matteo Salvini

In diretta da Barzago c’è il Ministro degli interni Matteo Salvini. Spiega fieramente che grazie ai suoi provvedimenti, sono stati ridotti gli sbarchi, dimezzate le richieste di asilo e ridotta la somma giornaliera destinata ai migranti da 35 a 21 euro. Successivamente si discute di Di Maio che accusa la Lega di tramare la caduta del Governo.

Per quanto riguarda l’inchiesta sui soldi russi che sarebbero andati alla Lega, Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha difeso pienamente Salvini. Alla domanda di chiusura, dedicata al futuro del Governo, Salvini sostiene che se si è davvero in democrazia, l’unica risposta possibile è quella di andare alle elezioni.

Fuori ladri

Fuori dal coro 18 luglio, lo spaccio di droga

La prossima inchiesta ha un titolo provocatorio:” Vincono sempre i ladri?”.  Gli spacciatori milanesi e delle altre città italiane non hanno alcuna paura della Polizia, sia perché sono ormai persone conosciute all’autorità, sia perché vengono liberati subito dopo l’arresto. Ogni giorno in Italia 7 agenti vengono feriti ed aggrediti dagli immigrati irregolari durante le risse e le insurrezioni.

Una di queste vittime è Yuri Sannino accoltellato a Roma, nel quartiere di Tor Bella Monaca.  Eì’ sopravvissuto per miracolo grazie all’intervento dei medici.

A Lecco il collega Francesco Pischedda è morto precipitando nel vuoto a seguito di un inseguimento di tre moldavi. I genitori di Pischedda, ospiti in studio in collegamento, gridano giustizia per il figlio. L’uomo è morto a causa della negligenza dei colleghi che oltre a portarlo in ritardo in ospedale, lo hanno portato in un nosocomio sbagliato che non era in grado di accoglierlo per la forte emorragia.

 

Fuori dal coro 18 luglio Giorgia Meloni

Fuori dal coro 18 luglio, Giorgia Meloni

La seconda ospite della puntata è la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Anche lei, come Salvini, è favorevole ad andare a nuove elezioni.

Stando agli ultimi sviluppi politici intorno all’UE, la Lega accusa il Movimento 5 stelle di aver votato per Von der Leyen. Omettendo che c’era un accordo per votarla in cambio del commissario. Una volta compreso che non riuscivano ad ottenerlo e la Lega si sarebbe ritirata.  Non condividendo le posizioni di ogni partito la Meloni vuole espressamente che siano gli italiani a scegliere i loro rappresentanti. 

Ci si sposta ora sulla vicenda di Bibbiano. Secondo la Meloni i giornali non si sono per nulla occupati dei bambini strappati dalle loro famiglie per essere rivenduti a terzi. Da madre la Meloni è scandalizzata non solo per il tema ma anche per l’assoluto silenzio dei media sul caso.

Sul tema dell’immigrazione la Meloni ha proposto il blocco navale. L’intento è di non far partire i barconi dalla Libia stabilendo degli accordi anche con l‘Unione Europea.

Fuori discariche

Fuori dal coro, l’emergenza rifiuti

Una volta congedata la Meloni si cambia argomento parlando dell’ emergenza rifiuti con “Chi fa affari con la monnezza?”. Gli italiani spendono 10 miliardi l’anno per la gestione della spazzatura. E allora la domanda legittima è : dove vanno a finire i nostri soldi dato che i cassonetti delle città sono stracolmi?

In due anni in Lombardia sono stati appiccati 31 incendi mentre in Veneto 26. I fumi provocati arrecano gravi danni alla salute. Gli imprenditori che si arricchiscono col business dei rifiuti guadagnando circa 18.000 euro a settimana. Quando la quantità di rifiuti raccolta diventa eccessiva e non sanno come smaltirla, li danno alle fiamme. Non si preoccupano minimamente di inquinare l’ambiente. Si aggiunge il fatto che la raccolta differenziata effettuata dai cittadini è inutile perché i camion addetti alla raccolta mescolano tutto insieme.

Fuori autobus

Fuori dal coro, gli autobus in fiamme

Dai rifiuti si passa allo scandalo degli autobus. Sono in condizioni fatiscenti, spesso non funzionano o addirittura prendono fuoco. I fondi ci sono ma finiscono in posti sbagliati. I casi più eclatanti si sono svolti a Torino e a Roma. Pochi giorni fa nella Capitale l’ autobus 780 si è scontrato con un cassonetto dell’immondizia, ovviamente stracolmo di rifiuti.

Il capoluogo piemontese è invece alle prese con la metropolitana più lenta del mondo. La metropolitana doveva essere inaugurata nel 2015 ma a tutt’oggi invece i lavori sono ancora in alto mare. Basti pensare che vengono realizzati solo 200 metri l’anno di tratta.

In Umbria la stazione di Sansepolcro è stata chiusa nel 2016 mentre ad Umbertide nei treni abbandonati vivono e dormono persone disagiate. Si trovano infatti indumenti, mozziconi di sigaretta e residui di cibo.

Carlotta Dessì è in collegamento con Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. Il problema della città è la viabilità. Risulta difficile per i turisti raggiungere la città dei sassi con i mezzi pubblici. Viene sottolineato che la stazione ferroviaria di Matera è in costruzione dal 1986. Si vocifera che dovrebbe essere pronta per il 2024 ma Mario Giordano coltiva molti dubbi.

Fuori dessì

Ritornando sul discorso dei pullman, non solo le tariffe per i mezzi pubblici sono aumentate del 37% degli ultimi 10 anni ma i servizi sono nettamente peggiorati. I Comuni per risparmiare acquistano autobus usati con già migliaia di km percorsi. Alcuni arrivano addirittura dall’Israele.

 

Per ironizzare sull’odissea affrontata quotidianamente dai cittadini sui mezzi pubblici viene organizzata una sfilata in studio. Si va dalla tuta ignifuga alla felpa annessa al sacco a pelo per le notti più rigide.

 

La puntata di chiude con l‘ultimo saluto a Luciano De Crescenzo, scomparso nella giornata di oggi all’età di 90 anni. Ingegnere , filosofo e grande letterato, le sue opere sono state tradotte in 19 lingue e distribuite in 25 paesi.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Lui è peggio di me Rai 3, diretta della prima puntata di giovedì 23 settembre

Va in onda su Rai 3 la prima puntata dello show condotto da Marco Giallini e Giorgio Panariello

Pubblicato

il

Lui è peggio di me Conduttori
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna lo show su Rai 3 lo show comico Lui è peggio di me.

Segui con noi la diretta della prima puntata di Lui è peggio di me stasera dalle ore 21.30 su Rai Tre.

Lo show andrà in onda ogni giovedì a partire da questa sera 23 settembre 2021 alle ore 21.20 e proseguirà per un totale di cinque settimane.

Lui è peggio di me Rai 3- Format, ospiti e produzione

La prima edizione di Lui è peggio di me è andata in onda la scorsa primavera 2021. Il duo composto da Marco Giallini e Giorgio Panariello resta confermato per questa nuova stagione più libera da alcune restrizioni dovute al Covid-19. Quest’anno infatti debutta la presenza del pubblico in studio, cosa non prevista per la prima edizione.

L’idea del programma è quella di un sit show, in cui gli artisti presiedono il palco tra monologhi, interviste, canzoni e dispetti reciproci. Il tutto con la partecipazione di ospiti e colleghi del mondo dello spettacolo. Tra questi, ospiti fissi sono Max Angioni e Anna Ferzetti.

La produzione di Lui è peggio di me è di Rai Tre e Friendsparteners. Con la collaborazione di Giorgio Panariello, Marco Giallini, Giovanna Salvatori, Giorgio Capozzo, Max Ferrigno, Martino Clericetti, Paola Vedani, Federico Baccomo, e la regia di Flavia Unfer.

Lui è peggio di me Rai 3 – diretta

Giallini Panariello Lui è peggio di me Rai 3

Comincia la prima puntata di Lui è peggio di me, con un primo sketch tra i corridoi della sede Rai 3 tra Giorgio Panariello, Marco Gialini e Max Angioini. 

Si passa allo studio dove i due conduttori intonano personalmente la colonna sonora del programma.

Il primo ospite a fare ingresso sul palco è il noto cantautore Ron che si esibisce con una sua versione di Attenti al lupo di Lucio Dalla. Successivamente l’artista canta il suo noto brano Non abbiamo bisogno di parole del 1992.

Ron Lui è peggio di me Rai 3

Come si può vedere, tanto spazio viene dato alla musica all’interno dello show. I conduttori, infatti, presentano subito l’orchestra capitanata da Maurizio Filardo, noto direttore artistico del Festival di Sanremo.

Il comico Max Angioni rientra sul palco per mostrare un suo servizio in cui ha chiesto alla gente per strada cosa pensano di Giallini e Panariello. Dal servizio viene fuori che Marco Giallini sia maggiormente conosciuto rispetto a Giorgio Panariello. Quest’ultimo approfitta per mostrare un video-monologo in cui si racconta fin dall’infanzia.

Lui è peggio di me Rai 3 Servizio

L’ingresso di Anna Ferzetti sul palco

Anna Ferzetti Lui è peggio di me Rai 3

Anna Ferzetti si unisce ai due conduttori, interrompendo Giorgio durante il suo video-monologo.

I prossimi ospiti chiamati in studio sono il giornalista Fabio Caressa e l’allenatore Beppe Bergomi, le due voci di Sky. Entrambi vengono intervistati separatamente, imitando lo studio di C’è posto per te di Maria De Filippi, e rispettivamente da Panariello e Giallini. Le domande fatte intendono mostrare quanto l’uno conosce bene l’altro, quasi come se fossero una coppia di coniugi.

Terminata l’intervista la “busta” che li divideva si apre e il duo si riunisce, fino alla nuova esibizione di Ron del suo brano Joe Temerario. 

 

È il momento del monologo di Giorgio Panariello che elogia la figura del comico, specialmente nella società di oggi in cui la nuova generazione predilige professioni come lo YouTuber, il gamer, il TikToker. Giorgio cita Kasha Zwan, il comico afghano che prima di essere ucciso dai talebani li ha stupiti con una battuta inevitabile ed insita nell’anima dei comici.

Khasha Lui è peggio di me Rai 3

Il monologo di Marco Giallini in compagnia di Anna Ferzetti

Terminato il monologo di Giorgio Panariello, Giallini introduce sul palco il musicista Raphael Gualazzi, vincitore della categoria di Sanremo Giovani nel 2011. Mentre l’artista accompagna Marco Giallini nel suo monologo sulla vita, entra Anna Ferzetti che recita in sua compagnia. A quel punto Gualazzi suona e canta il suo brano Follia d’Amore con cui vinse proprio nel 2011.

Il prossimo ospite è Enrico Bertolino, che interviene sul palco parlando del ruolo degli attori e sul potere della comunicazione del corpo rispetto a quella verbale. Affronta diversi temi: l’ascolto, l’uso della voce e il linguaggio del corpo.

Lui è peggio di me Rai 3 – Ospite Mario Biondi

Giorgio Panariello avvia un altro monologo sui cinque sensi, in particolare sulla voce e l’udito. È qui che entra Mario Biondi intonando un brano di Frank Sinatra.

Dopo aver parlato del suo successo internazionale e i progetti musicali, Mario Biondi canta il ritornello di Gelato al Cioccolato di Pupo. Non è finita qua, perché i conduttori Giallini e Panariello, in compagnia di Biondi cantano il brano del 1966 Tema (Viva l’amor) de I Giganti.

Anna Ferzetti, Marco Giallini e Giorgio Panariello si cimentano subito dopo in uno sketch in cui Giorgio simula il provino per la parte di Johnson nel prossimo film di Paolo Genovese. Il regista, infatti, si collega via web con lo studio, e ironizza in loro compagnia su quanto sia poco adatto Panariello al ruolo previsto.

Al termine della serata Mario Biondi si esibisce nuovamente sul palco cantando il suo ultimo brano Lov-lov-Love. 

Giorgio Panariello prova a riprendere il monologo iniziale sulla sua infanzia, ma viene interrotto nuovamente e questa volta dall’uscita dei titoli di coda del programma.

La prima puntata di Lui è peggio di me termina qui. Il prossimo appuntamento è per giovedì 30 settembre.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Star in the star 23 settembre: fuori Patty Pravo e Paul McCartney, Gloria Guida e Ronn Moss

Nel secondo appuntamento Loredana Bertè è stata eletta come migliore della puntata. Eliminate invece due leggende Patty Pravo e la new entry Paul McCartney.

Pubblicato

il

Star in the star 23 settembre canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovedì 23 settembre su Canale 5 va in onda Star in the Star condotto da Ilary Blasi. 

La scorsa settimana è stato eliminato Massimo Di Cataldo che si nascondeva dietro le sembianze di Elton John. Le altre 9 leggende ancora in gara sono Pino Daniele, Zucchero, Madonna, Michael Jackson, Lady Gaga. E ancora Mina, Patty Pravo, Loredana Bertè e Claudio Baglioni.

A valutare le esibizioni la giuria formata da Marcella Bella, Claudio Amendola e Andrea Pucci. 

Star in the star, la diretta del 23 settembre

Nella diretta del 23 settembre Ilary Blasi annuncia che nel corso della puntata un nuovo personaggio si aggiungerà al cast. Si tratta di Paul McCartney. Allo stesso tempo però sono due i volti che verranno svelati.

Anche questa settimana la gara è divisa in due manche nella quale le leggende cantano sia in playback, nella prima parte, che dal vivo. I due artisti che in ogni manche ottengono meno voti dovranno sfidarsi tra loro nello showdown, ovvero nello spareggio. La novità è che verrà eletto anche il migliore della puntata, facendo sfidare i primi due classificati delle rispettive manche.

Star in the star 23 settembre pino daniele

Star in the star, la prima manche

Alla prima manche prendono parte Pino Daniele, Mina, Michael Jackson, Patty Pravo e Lady Gaga. Il primo ad esibirsi è Pino Daniele con Je so‘ pazzo. 

Claudio Amendola confessa di essersi emozionato di più nella scorsa esibizione. Marcella Bella invece consiglia al vip di lavorare sul “pathos”. Andrea Pucci vorrebbe maggiore elasticità nei movimenti. Come indizio questa settimana una scarpa da prete. Amendola ipotizza Paolo Conticini perché da piccolo voleva intraprendere la carriera ecclesiastica.

Mina interpreta Parole Parole in coppia con la voce registrata di Alberto Lupo. Amendola e Bella notano un miglioramento nell’esibizione. Secondo quest’ultima dietro Mina si nasconde una cantante di professione. Pucci invece ha gradito maggiormente questa esibizione rispetto a quella della prima puntata. Le ipotesi vertono su Tosca e Cesara Buonamici.

Questa settimana Michael Jackson ha scelto di cantare Bad. A Pucci la performance non lo ha per nulla convinto, soprattutto nei movimenti caratteristici di Jackson. Marcella Bella invece nota un lieve miglioramento nella parte del ballo. Claudio Amendola condivide l’opinione di Pucci. Come indizio il vip ha partecipato al Festival di Sanremo. La giuria ipotizza Alexia, Rita Pavone o Giusy Ferreri.

Star in the star 23 settembre patty pravo

Patty Pravo, Lady Gaga

E’ il turno di Patty Pravo con Ragazzo triste, contenuto nel 45 giri di debutto della “ragazza del Piper”. Per Amendola si è trattata più di un’imitazione che un’interpretazione. Per tale ragione ammette di essere deluso. Stessa sensazione anche per Pucci. Secondo Marcella Bella invece è riuscita ad entrare maggiormente nel personaggio. Pucci crede che sia Rita Rusic, Marcella Bella opta per Donatella Rettore e Amendola per Alessia Merz.

Ultimo artista a prendere parte alla prima manche è Lady Gaga che canta Born this way. La giuria ha valutato positivamente la performance, sia per la voce che per il balletto. I tre giurati in questo caso hanno delle difficoltà ad esprimere delle ipotesi.

Al termine delle esibizioni ecco come ha votato il pubblico in studio, suddiviso per fan club. Ricordiamo che ogni fan club non può votare per il proprio beniamino.

  1. Mina 359 punti 
  2. Lady Gaga 354 punti
  3. Michael Jackson 265 punti
  4. Pino Daniele 264 punti
  5. Patty Pravo 201 punti

Dato che è prevista una doppia eliminazione Pino Daniele e Patty Pravo, gli ultimi classificati, si sfidano nello showdown. Pino Daniele propone Napule è mentre Patty Pravo il brano E dimmi che non vuoi morire.

La giuria salva Pino Daniele. Dietro Patty Pravo si nasconde Gloria Guida. 

Star in the star paul mccartney

Star in the star 23 settembre, la seconda manche

Prende il via la seconda manche alla quale prendono parte la new entry Paul McCartney, Claudio Baglioni, Zucchero, Loredana Bertè e Madonna. 

Il primo ad esibirsi è Paul McCartney con Hey Jude. La giuria non vuole troppo sbilanciarsi perché non ha pienamente apprezzato la sua prima esibizione. Hanno in particolare notato il distacco tra la voce in playback e quella dal vivo. Secondo i giudici potrebbe essere Tony Hadley degli Spandau Ballet o Mal dei Primitives.

Questa settimana Claudio Baglioni canta Avrai. I giudici si complimentano per la performance soprattutto per la voce. Continuano a pensare che si tratti di Luca Laurenti. Amendola aggiunge l’ipotesi di Anonimo Italiano.

Loredana Bertè invece ha scelto di interpretare Non sono una signora. Valutazione positiva per i giudici che si limitano a brevissimi commenti. Le ipotesi vertono su Syria, Irene Grandi, Dolcenera, Fiordaliso. 

Star zucchero

Madonna, Zucchero

La quarta leggenda ad esibirsi è Madonna con Like a virgin. La giuria ha notato qualche imperfezione e secondo Marcella Bella non si tratta di una cantante professionista, forse di una soubrette o di un’attrice. Performance invece bocciata per Pucci. Per i giudici potrebbe essere Laura Freddi, Martina Colombari o Laura Chiatti. 

L’ultimo ad esibirsi è Zucchero che canta Overdose d’amore. I giudici si sono divertiti ma hanno preferito l’esibizione della prima puntata dove hanno trovato maggiore incisività. Per i giudici potrebbe trattarsi di Fausto Leali, Adriano Pappalardo o Dario Ballantini. 

Ecco come ha votato il pubblico nella seconda manche:

  1. Loredana Bertè 416 punti
  2. Claudio Baglioni 412 punti
  3. Madonna 258 punti
  4. Paul McCartney 255 punti
  5. Zucchero 251 punti

Prima dello showdown Ilary Blasi manda in sfida Loredana Bertè e Mina che si sono classificate al primo posto. La vincitrice sarà nominata come la migliore della puntata. La Bertè canta E la luna bussò. Mina invece ha scelto di proporre Grande Grande Grande. 

La giuria premia Loredana Bertè. Come bonus nella prossima puntata il suo fan club potrà votarla. 

Star spareggio

Star in the star, il secondo showdown

E’ arrivato il momento del secondo showdown. A sfidarsi nello spareggio sono Zucchero che ha scelto di cantare Donne e Paul McCartney che ha optato per Let it be. 

Marcella Bella, Claudio Amendola e Andrea Pucci salvano Zucchero. Paul McCartney viene eliminato alla sua prima puntata ed è obbligato a togliersi la maschera. Si tratta dell’attore di Beautiful Ronn Moss.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Le Iene Show

Le Iene, 10 donne al fianco di Nicola Savino: ecco chi sono

Per la venticinquesima edizione del celebre programma di Italia 1 si è pensato di moltiplicare la conduzione al femminile.

Pubblicato

il

Le Iene 10 conduttrici
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le Iene 2021 si tingono di rosa: 10 donne famose diventano conduttrici al fianco di Nicola Savino. Mancano pochi giorni all’inizio della nuova stagione del popolare format in quota Mediaset la cui data di messa in onda è prevista per martedì 5 ottobre  in prima serata su Italia 1

Le iene 23 marzo diretta

 

Le Iene: le novità della 25ma edizione

Sono tante le novità previste per la nuova stagione, ma una in particolare ha fatto molto piacere al grande pubblico televisivo. L’edizione 2021-2022 rappresenta un traguardo molto importante per il programma. Si festeggia infatti la  25esima edizione de Le Iene.

Per celebrare questa occasione così importante e speciale dello show si è pensato ad aumentare la conduzione femminile.  Al fianco di Nicola Savino e della Gialappa’s Band, infatti, ci saranno 10 grandi donne che sono  protagoniste nel campo del cinema e dello spettacolo, ma anche del panorama musicale e sportivo. Ognuna di loro racconterà a modo proprio il mondo femminile dei giorni nostri. 

Tra i personaggi che in passato hanno hanno ricoperto i ruoli di inviate e/o conduttrici del programma di Italia 1 ci sono state anche Simona Ventura, Alessia Marcuzzi, Ilary Blasi e Nadia Toffa. Ma in tanti ricorderanno anche Afef Jnifen, Daria Bignardi, Kasia Smutniak, Victoria Cabello, Miriam Leone, Cristina Chiabotto, Geppi Cucciari

Personaggi, dunque, che hanno mosso i primi passi nel programma di Italia 1 per poi cavalcare la scena televisiva e non solo. Alcune di queste ex Iene si sono ritrovate in occasione dell’omaggio fatto in studio nell’ottobre del 2019 per ricordare Nadia Toffa.

Le Iene: chi sono le 10 conduttrici che affiancheranno Nicola Savino

La nuova edizione de Le Iene prevede un avvicendamento di 10 conduttrici: ogni settimana ci sarà quindi una padrona di casa diversa il martedì. Chi sono le nuove Iene? La produzione ha pensato di chiamare a raccolta i personaggi femminili più rappresentativi del momento.

Nel cast de Le Iene 2021 ci sarà la cantante Elodie Di Patrizi, già nota al grande pubblico televisivo per aver partecipato alla quindicesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi. Ma la sua consacrazione avvenne qualche anno dopo con la partecipazione al Festival di Sanremo 2017

Oltre Elodie, ci sarà anche la pallavolista Paola Egonu, a cui si aggiungono la showgirl Elisabetta Canalis e l’attrice Rocio Munoz MoralesInoltre è sono presenti anche la cantante Madame, la showgirl Elena Santarelli, la giornalista Francesca Fagnani, la campionessa olimpica Federica Pellegrini e l’attrice Michela Giraud.

Tra le grandi attese c’è Ornella VanoniQueste dieci donne si racconteranno sul palco de “Le Iene” senza filtri, mostrandosi per quello che sono e con la stessa forza ed energia con cui affrontano e vivono le loro rispettive attività professionali. 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it