Melaverde a Pasqua tra gli allevatori della Valtellina e i vini del Soave


La puntata di Melaverde va in onda tra gli allevatori della Valtellina ed i vini della zona del Soave.



Cominciamo con Ellen Hidding che farà conoscere ai telespettatori i tesori di Valtellina

 La prima storia raccontata riguarda una famiglia di allevatori che inizia negli anni ’30 del secolo scorso con il nonno Ernesto. Ancora oggi, alla rispettabile età di 86 anni, Ernesto lavora in azienda e rappresenta un punto di riferimento per i suoi 8 figli, 25 nipoti e 4 pronipoti. In ottanta anni di lavoro, Ernesto e la sua famiglia hanno costruito a Bormio una realtà agricola molto importante.

melaverde ellen hidding

Nella loro fattoria si allevano vacche da latte e da carne, pecore, suini. Si producono formaggi importanti come il Valtellina Casera DOP, lo Scimudin, o come il Bitto DOP, realizzato solo d’estate in una malga ai piedi di un ghiacciaio a 2500 metri, proprio da nonno Ernesto con l’aiuto di una delle sue nipoti. In azienda si producono anche tanti salumi come la Bresaola, il Fiocco, le Slinseghe e persino i würstel. Ma non è tutto. Il viaggio continuerà tra bellissimi panorami montani alla scoperta dei percorsi più suggestivi da poter fare in bicicletta, o con la Fat Bike, una bicicletta dalle ruote particolarmente grandi, per poi scendere a Bormio a visitare il rinnovato Parco Termale per famiglie. 

raspelli melaverde 1

Edoardo Raspelli presenta ai telespettatori i vini della zona del Soave

Una zona dalla vocazione inconfondibile, terreni dalle caratteristiche uniche, l’ingegno, la voglia di fare dell’uomo e una lavorazione tradizionale che si tramanda da sempre di generazione in generazione. Questi sono solo alcuni dei preziosi elementi che rendono unico un bicchiere di vino.

Nella puntata odierna, Edoardo Raspelli porterà i telespettatori lungo le vigne della provincia a est di Verona, precisamente a Soave, una terra da sempre dedita alla viticoltura dove nel 1898 nasce “Cantina di Soave”, la prima realtà sociale vitivinicola in Veneto che oggi accoglie 2200 soci, coltiva 6000 ettari con uve autoctone e produce tre fra le più rinomate D.O.C. venete: Il Soave, il Valpolicella e il Durello.

Ma quali sono i segreti di questa terra, perché in territori così vicini nascono addirittura tre vini d’eccellenza così diversi tra loro? E soprattutto: com’è possibile che una piccola cantina sociale, nata con 10 soci, oggi sia diventata una delle realtà vinicole più importanti a livello europeo?

Ricordiamo che alle 11.00 va in onda il programma Le storie di Melaverde. vengono proposte vicende già raccontate ma viste e analizzate sotto un differente punto di vista.



0 Replies to “Melaverde a Pasqua tra gli allevatori della Valtellina e i vini del Soave”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*