Maurizio Costanzo Show – Allegria, 5 settembre 2019, amici e colleghi ricordano Mike

Maurizio Costanzo e Gerry Scotti ricordano la vita e la carriera di Mike Bongiorno, a dieci anni dalla sua scomparsa


A tra poco con la diretta.

Torna il Costanzo Show. Davanti al sipario Maurizio e Gerry Scotti parlano della ricorrenza dei dieci anni dalla morte del mitico Mike Bongiorno. Gerry ricorda Mike e in quanto erede, designato dallo stesso Bongiorno, ha l’onore di pronunciare la parola “sipario” per iniziare una serata all’insegna degli affetti e ricordi televisivi.

Gerry – indirizzato da Costanzo – presenta gli ospiti: Pippo Baudo, Simona Ventura, Piero Chiambretti, Valeria Marini Massimo Lopez, Paola Barale, Antonella Elia, Vittorio Sgarbi e Pio e Amedeo.

Costanzo aggiunge una sedia e fa accomodare il secondogenito di Bongiorno: Nicolò. Si comincia con i racconti su Mike un uomo che da solo ha attraversato la storia della televisione, il “rè dei Game”.

Si ripercorre la carriera di Mike e si parte da “Lascia o raddoppia”. Costanzo ci regala un dolce ricordo di gioventù: al tempo non aveva la tv ed andava a vedere il programma a casa di suo zio.

Anche Baudo parla di Bongiorno e ci svela che si chiamava Michelangelo, ma che lo spinsero a chiamarsi “Mike” come nome d’arte.

Veltroni racconta l’amicizia tra suo padre e Mike. Fu proprio Veltroni senior a consigliargli di rimanere in Italia. Il pubblico lo amava perchè era un uomo comune, il “vicino di casa”, era rassicurante.

Un rvm confronta Mike e Gerry e ne evidenzia similitudini e differenze.

Una delle prime apparizioni televisive di Simona Ventura fu proprio in un qui di Mike. Al tempo la conduttrice gli rivelò che le sarebbe piaciuto presentare un programma sportivo. “Era un mito per tutti noi. Avevo 4/5 anni quando c’era Rischia tutto. Mi mandavano a letto dopo Carosello, ma io piano piano tornavo nell’altra stanza per guardarlo. Mike mi ha sempre voluto bene. Era una persona che quello che prometteva faceva” – racconta la Ventura.

La Ventura ha portato una chicca: un video in cui vediamo Matteo Renzi e Matteo Salvini nelle vesti di concorrenti dei quiz di Mike. Salvini ha preso parte più volte alle trasmissioni di Bongiorno: la prima volta quando era solo un adolescente e poi più tardi quando era all’università.

Viene mandato in onda un rmv che mostra alcuni dei concorrenti che sono passati alla storia per le loro gaffe comiche. Subito dopo Pio ed Amedeo si improvvisano successori di Mike e sottopongono la Ventura ai quiz di Rischiatutto. Valeria Marini e Paola Barale la aiutano a rispondere.

Si parla delle vallette di Mike. Alcune di loro sono poi diventate famose: Paola Barale, Miriana Trevisan, Antonella Elia, tra tutte. Bongiorno amava le donne, ma aveva un grande rispetto per la moglie.

Sabina Ciuffini è la prima e storica valletta di Mike. “Signorina cosa ha capito, le sto offrendo uno stipendio” – con questa frase di Mike è iniziata la carriera della Ciuffini. “La cosa incredibile è che eravamo in 5 al provino. Non hanno scelto me, ma la sorella di Ornella Muti. Una ragazza stupenda e lei ha detto no. Allora Mike ha detto ‘Voglio quella che sorride e con poi questo cognome’. Così hanno deciso che ero io” – racconta.

E’ poi il momento della Barale, la valletta che ha trascorso più anni accanto a Bongiorno. “E’ durata sette anni la mia storia con Mike. Qualcuno poi mi chiamò per fare La sai l’ultima con Gerry e mi dissero ‘Però a Mike lo dici tu’. Andò a casa, il giorno dopo entrò in studio microfonato e mi fece la piazzata più grande della mia vita, proprio come un padre sgrida una figlia. Mi accusò di volerlo lasciare perchè avevo un interesse per Gerry. Ci rimasi molto male. Avevamo ancora due settimane, ma lui a quel punto mi escluse” – ricorda Paola.

Un rvm mostra l’incontro successivo tra Paola e Mike, quando anni dopo lui la premiò con un Telegatto come personaggio dell’anno: “Ti avevo detto che avresti fatto carriera” – le disse.

La valletta più “strapazzata” da Mike è stata senza dubbio Antonella Elia. I due battibeccavano spesso in video. “Avevamo entrambi un carattere piuttosto fumantino. Un po’ di ragione gliela do però”. La Elia e Bongiorno ebbero un brutto litigio però. Una concorrente vinse una pelliccia e la rifiutò perchè era animalista. Antonella esultò per questo gesto e Mike si risentì e la riprese perchè andava contro gli sponsor. Mike le disse che era “rincoglionita”, ma poi la chiamò in camerino e la abbracciò. “Mike mi voleva bene” – afferma.

Sgarbi ricorda di aver interpretato la valletta di Mike Bongiorno nel 1991. I due litigarono accesamente, si presero a male parole, ma Mike rivelò anni dopo alla Ciuffoli di aver recitato, di aver fatto “da spalla” a Sgarbi.

Mike aveva un carattere forte e non sono poche le sue discussioni celebri. Una delle più famose è quella che ebbe con la concorrente Livoli, colta dal presentatore a barare. Aveva un foglietto nascosto. “Come si permette lei!  – le disse – Come gli scolaretti tira fuori le domande. Mi meraviglio di lei, stava compiendo una truffa. Ci sono 8 milioni di persone che la vedono in questo momento. Una persona come lei. Mi spiace ma è squalificata”. La concorrente svenne e Mike la fece uscire dallo studio, definendola una “sceneggiata”.

Costanzo rivela che Bongiorno gli rivelò di aver studiato a tavolino molte delle sue gaffe. Il figlio smentisce, dicendo che era “spontaneo”.

Mike fu molto imitato dai più grandi del suo tempo, tra cui: Alighiero Noschese, Gigi Sabani e Massimo Lopez.

Lopez è in studio e regala un piccolo esempio di imitazione di Mike e di Costanzo. Bongiorno lo definì suo “imitatore ufficiale”. “La prima immagine che ho visto della televisione era Mike Bongiorno. Lo cercavo anche a televisione spenta. Dopo ne studiai i movimenti. Lavorare con lui anni dopo è stata la realizzazione di un sogno” – racconta.

“Che effetto ti fa rivedere tutte queste immagini di tuo padre?” – chiede all’improvviso Costanzo a Nicolò. “Mi diverto a questo punto. Lo sento vivo. E’ ancora presente, tutti me lo ricordano con tanto amore” – risponde lui. Poi Lopez interpreta “Tu vuò fa l’americano” in chiave Mike.

In studio la Signora Longari parla della gaffe che la vedeva protagonista e dichiara che non è mai stata pronunciata da Mike: “Non avrebbe mai e poi mai pronunciato una frase del genere. Era una persona molto educata. Il tormentone parte da una frase mai detta”.

Nel corso della serata Gerry ha letto estratti del libro scritto da Mike. Ora tocca al figlio Nicolò, che attraverso le parole del padre racconta l’infanzia di Bongiorno. Un rvm approfondisce, regalando particolari inediti. Mike visse durante la guerra e rischiò la vita per mano dei tedeschi. Fu fatto prigioniero e tenuto per 64 giorni a San Vittore, per essere poi deportato in un campo di concentramento. Si salvò perchè dopo due settimane fu liberato per uno scambio di prigionieri.

Tornano Pio e Amedeo con il loro Rischiatutto. Stavolta il concorrente è Veltroni. Si parla poi della rivalità tra Baudo e Bongiorno. Pippo racconta che in realtà era Mike a voler fingere la querelle, le frecciatine non erano reali ma goliardiche. Tra i due conduttori in realtà c’era una grande simpatia e cantarono persino insieme “Siamo la coppia più bella del mondo”.

“C’è una domanda che non hai fatto in tempo a fare a tuo padre” – chiede Costanzo a Nicolò. “In tutti questi anni di carriera sei stato felice?” – risponde lui.

Secondo Baudo lo è stato perchè ha avuto una splendida famiglia. Secondo Sgarbi lo è stato tant’è che ha detto “Allegria” per tutta la vita.

Si parla di Sanremo. Mike incoronò molti artisti, tra cui anche una giovanissima Gigliola Cinquetti. La cantante è in studio ed interpreta il suo brano “Non ho l’età”. “Era tutt’altro che un uomo comune e banale, sapeva comunicare con tutti, arrivava nelle case di tutti gli Italiani”– afferma.

Una edizione stravagante di Sanremo fu quella condotta da Bongiorno con Chiambretti e la Marini. “Mike c’è. Sarà sempre nei nostri cuori e nelle nostre menti” – dichiara Valeria. “Mike essendo dei gemelli era due persone, non una. Era una persona molto semplice e molto complicata. Era un uomo difficile, un’opera d’arte e come tutte le opere d’arte è e sarà sempre contemporanea. Anche stasera era qui” – commenta Chiambretti.

“Era più lui qui che Costanzo” – interviene Sgarbi. Maurizio gli risponde con una parolaccia che scatena l’ilarità generale.

E’ proprio Sgarbi il terzo concorrente del Rischiatutto di Pio e Amedeo.

Si parla del rapporto di Bongiorno con Mediaset e dunque con Silvio Berlusconi. Silvio ha registrato un suo ricordo in memoria di Mike. “Quando se ne è andato ho perso le telefonate che ci facevamo spesso per commentare anche i programmi delle altre reti. Avevamo una sensibilità televisiva unica, non c’è mai stata una volta che un giudizio suo fosse diverso dal mio. E’ stata una grande mancanza la sua scomparsa, per lui, per me e per i telespettatori che gli volevano tanto bene”– dichiara.

Anche Fiorello ricorda Mike in un videomessaggio. “Amava divertirsi. Diceva sempre ‘La pubblicità bisogna farla, perchè se la fai bene fai andare bene le aziende. E sai le aziende a quanta gente danno lavoro?’. Era generoso”. 

Si giunge alla conclusione di questa serata. Nicolò racconta che il giorno prima della morte del padre è nata sua figlia. Ha vissuto un momento di vita e di morte. L’ultimo ricordo che ha di lui è proprio il momento in cui Bongiorno andò a conoscere la nipotina in ospedale. “Quello è stato l’ultimo momento con papà” – svela.

Scotti manda in onda alcune immagini tratte dal funerale di Mike. Gerry rivela di aver molto ammirato Baudo, che quel giorno dedicò a Mike dolci parole di stima ed amicizia. Mentre scorrono le immagini i presenti si alzano tutti in piedi, applaudono, e Scotti e Lopez si commuovono profondamente. Tra lacrime e sorrisi malinconici gli amici e colleghi di Bongiorno lo salutano ancora una volta con immenso affetto.



0 Replies to “Maurizio Costanzo Show – Allegria, 5 settembre 2019, amici e colleghi ricordano Mike”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*