Connect with us

Intrattenimento

Pechino Express 6, coppia regina e coppia trash della semifinale

Il viaggio di Pechino Express 6 è giunto vicino al traguardo. Con l’eliminazione dei Maschi infatti, ieri, 1 novembre, è andata in onda la semifinale.

Pubblicato

il

Il viaggio di Pechino Express 6 è giunto vicino al traguardo. Con l’eliminazione dei Maschi infatti, ieri, 1 novembre, è andata in onda la semifinale.
Condividi su

Nel corso delle puntate i Maschi si sono distinti per la loro sfortuna: praticamente sempre a rischio eliminazione, i due sono riusciti ad andare avanti nella gara grazie alla correttezza. Sono stati infatti salvati dai vincitori della tappa, raggiungendo così la semifinale nonostante piazzamenti in classifica impietosi. Una sfortuna che ha umanizzato i due belloni di turno: i “maschi” testosteronici destinati a far breccia nel cuore di chi è sensibile alla bellezza maschile, si sono rivelati due simpatici ragazzotti, educati e alla mano.
Di più: la bellezza che avrebbe dovuto caratterizzarli, non è servita a niente: né a ottenere passaggi né a convincere qualcuno per avere ospitalità.
Francesco Arca e Rocco Giusti hanno cucinato spaghetti nelle famiglie, si sono caricati le penalità previste dal gioco senza mai rinunciare a prendersi in giro. Hanno viaggiato senza quello spirito di competizione che porta altri ad essere sleali, magari camminando mentre gli altri si affannavano a correre.
A differenza di diversi colleghi, non hanno millantato di essere famosi in Italia, né hanno cercato di sfruttare la propria fisicità: ci hanno provato solo quando la situazione era disperata, ma dimostrando di non essere pratici in materia.

Dev’essere per questo che, in coppia con la Elia, Arca era quantomeno basito dall’animo agguerrito della compagna: a differenza sua infatti, la Elia vuole vincere ad ogni costo. Anche a spese di un dodicenne che deve ingozzare una quantità indefinita di dolcetti tipici.
I Maschi lasciano Pechino Express come coppia regina della puntata, non senza scherzare: il discorso di commiato era già pronto dalla terza tappa.

A proposito di Antonella Elia, passiamo ora alla coppia trash. Il “titolo” va alle Caporali, anche se va sottolineato che Jill Cooper ha dato prova di un aplomb invidiabile. Al contrario, la Elia ha riempito l’amica di insulti: la sua colpa sarebbe stata quella di non prendersela con le Clubber.
Ema e Valentina avrebbero cercato di fare l’autostop nel punto in cui si trovavano le Caporali, motivo per cui la Elia le ha cacciate mandandole più avanti. In auto, mentre la Elia inveiva contro le Clubber, Jill Cooper ha detto di non essere d’accordo: tanto è bastato per prendersi della stronza e altri epiteti, a cui ha risposto con un secco “grazie”. Dall’amore si è passati così a una sorta di tragica gelosia, dato che Jill avrebbe osato dire “forza ragazze” quando le coppie si erano incontrate.Troppo per una Elia che fino a poco prima cantava quanto fosse bello essere ubriachi, nello specifico di sakè .
Se questo è lo spirito in semifinale, figurarsi giovedì prossimo.

 


Condividi su

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Seguici su:
Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it