x

Connect with us

x

Intrattenimento

Voyager, puntata dell’8 gennaio in diretta

Dopo la pausa festiva, torna su Rai 2 Roberto Giacobbo con una nuova puntata di Voyager-Ai confini della conoscenza.

Pubblicato

il

Dopo la pausa festiva, torna su Rai 2 Roberto Giacobbo con una nuova puntata di Voyager-Ai confini della conoscenza.
Condividi su

Giacobbo inizia dalla diga del Vajont, ricordandone la tragedia. Dalla provincia di Bergamo, racconta quindi un altro crollo: quello della diga del Gleno,  un “dramma perduto” attraverso le testimonianze di chi l’ha vissuto. 359 i morti, ma potrebbero non essere state recuperate tutte le salme.
I lavori della diga iniziarono quando gli uomini dovevano ancora tornare dalla prima guerra mondiale: a sobbarcarsi una costruzione tanto dura, cominciarono le donne.

Affrontando una dura salita, il conduttore raggiunge il punto di rottura della diga, mettendo in evidenza la profondità della valle. Era il primo dicembre del 1923: all’improvviso, l’acqua è venuta giù.
La diga ha una particolarità che la rende unica al mondo: è infatti costituita da due parti che si sovrappongono. Al tempo costruzione avveniristica, il progetto in realtà era al risparmio: diversi i possibili punti critici, a partire dai materiali utilizzati fino a un peso eccessivo che non poteva essere retto.

Esaminando le carte del processo ai costruttori, è tuttora difficile capire cosa sia realmente accaduto. Di fatto la condanna di tre anni venne ridotta a uno, fino all’assoluzione di Santangelo e Viganò.
Finita nell’estate e crollata a dicembre, la vita della diga è stata di appena quattro mesi. A bordo di un elicottero, Giacobbo sorvola la gola seguita dall’acqua al momento del crollo.

L’avvocato Benedetto Maria Bonomo ha ristudiato le carte: viene ipotizzato che la causa fosse una bomba per sabotare la diga. Nelle carceri si era diffusa la voce di un attentato nella Val di Scalve: secondo gli esperti ci sarebbero voluti 500 chili di dinamite per far crollare la diga, mentre pare ne fossero stati usati 50. Bonomo sostiene che si volesse intimorire il costruttor, senza che ci fosse l’intenzione di distruggere completamente.
Mimmo Franzinelli, storico, esclude invece l’ipotesi della bomba: il motivo sarebbe da ricercarsi nella poca sicurezza della costruzione.

Arriva il primo permesso speciale della serata: Giacobbo accede alla parte alta della diga, camminandoci sopra. E naturalmente sottolinea come lassù non ci siano protezioni.

Ci spostiamo ora in Polonia, a Cracovia, alla ricerca dell’Italia nel mondo. Innanzitutto gli inni dei due Paesi: in quello italiano si cita la Polonia, e viceversa in quello polacco. Molti polacchi combatterono nel Risorgimento italiano; inoltre la prima tv trasmessa, fu l’italiana Rai 2.

Giacobbo scende nel sottosuolo, esplorando le miniere di sale fino ad arrivare alla maestosa cattedrale sotterranea. Passando attraverso le cappelle in cui i minatori pregavano, si giunge al lago sotterraneo: si tratta di una sala scolpita dall’uomo in 20 anni.

Ma l’esplorazione sottoterra non finisce qui: elmetto in testa, il conduttore di cala nei tunnel della miniera, dove ci mostra i carrelli usati e il treno elettrico. Le gallerie sono intitolate a città italiane, a sottolineare il legame tra Italia e Polonia.
Nella miniera è presente tuttora un sanatorio, dove viene chi ha problemi respiratori.

Si torna ora in Italia, a Orvieto. Giacobbo si occupa del miracolo eucaristico di Bolsena, uno dei pochi ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa cattolica. a far cambiare forma al sangue sarebbe un batterio presente al suo interno.
Dall’interno dell’imponente Duomo di Orvieto, si passa al Pozzo di San Patrizio per riprendere quello che nessuna telecamera ha mai immortalato prima.

Arrivato al fondo del pozzo, si risale grazie a un canale segreto voluto direttamente da Papa Clemente VII. Nella costruzione si incrociano due scale; sul fondo l’acqua.
Il Papa fece costruire il passaggio per scappare in caso la rocca fosse stata assediata. Questo “tunnel mai raccontato” è a dir poco angusto: Giacobbo fa molta fatica, ne esce con il viso rosso.

Prossima tappa, Roma: siamo a Palazzo delle Esposizioni per la mostra Digital Life. Si parla di memoria umana, in particolare di alcune persone che ricordano tutto.
Eric Kandel, premio Nobel per la medicina, ritiene positivo il fatto che dimentichiamo alcune cose: ricordare tutto infatti, impedisce di accantonare i grandi dolori della vita.

In conclusione, un elenco delle invenzioni nate in Italia: dalla funicolare al termometro, dal ferro da stiro al telefono solo per citarne alcune.
La puntata si conclude qui.


Condividi su

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

ARCHIVIO

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it