Le iene show | 7 marzo | Vaticano e presunti abusi sessuali


Le iene show | 7 marzo | Vaticano e presunti abusi sessuali. Nella puntata odierna due servizi si occupano di preti. A seguire un approfondimento sui risultati delle elezioni politiche del 4 marzo


Un servizio della scorsa puntata

Anticipazioni di alcuni servizi della puntata

Il Vaticano ha da poco riaperto il caso sui presunti abusi sessuali commessi da Don Silverio Mura, sacerdote a Ponticelli, in provincia di Napoli. L’inchiesta vaticana si era conclusa nel 2016 con un’archiviazione e ora è stata riaperta. Di recente, un quarantenne ha rivelato di aver subito delle violenze dal prete quando aveva 13 anni. L’uomo ha raccontato di aver segnalato più volte i fatti alla Curia di Napoli, ma, nonostante i suoi solleciti, Don Silverio avrebbe continuato a insegnare religione in una scuola. Il servizio di Pablo Trincia prova a far luce sulla vicenda.

Nina Palmieri racconta la storia di Biagio Conte, missionario laico e fondatore della Missione Speranza e Carità di Palermo. Fratel Biagio – il nome con cui è conosciuto in città – accoglie e aiuta bisognosi ed emarginati della società. I sandali francescani ai piedi, un saio consumato, bastone in mano e la barba lunghissima, un po’ come San Francesco, ha come obiettivo dichiarato di portare un messaggio di pace.

Sono previsti inoltre alcuni servizi sulle elezioni politiche dello scorso 4 marzo. Ricordiamo che, nella puntata di domenica, il programma di Davide Parenti è andato in onda seguendo, tra un servizio e l’altro, i risultati che provenivano dai seggi. Questa sera gli inviati faranno il punto sul responso delle urne con testimonianze e interviste ad alcuni dei protagonisti.

Dopo Le iene show Mai dire Isola

A seguire, la serata di Italia 1 continua con la Gialappa’s Band che conduce una nuova puntata di “Mai dire Isola”. Giorgio Gherarducci, Marco Santin e Carlo Taranto prenderanno di mira i naufraghi di Cayos Cochinos.



0 Replies to “Le iene show | 7 marzo | Vaticano e presunti abusi sessuali”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*