Connect with us

Intrattenimento

David di Donatello 2018, 21 marzo, premiazione live: Ammore e Malavita miglior film

Su Rai 1 la kermesse dedicata al cinema italiano con la consegna dei premi ai migliori attori e attrici: ospite d'onore Steven Spielberg, che ha ricevuto il David alla carriera.
Francesco La Rosa

Pubblicato

il

Su Rai 1 la kermesse dedicata al cinema italiano con la consegna dei premi ai migliori attori e attrici: ospite d'onore Steven Spielberg, che ha ricevuto il David alla carriera.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Entrato in studio, Carlo Conti spiega cosa avverrà in questa serata, che si apre con un monologo di Paola Cortellesi: l’attrice romana lo concentra sul tema della discriminazione nei confronti delle donne, con tutte le sue più gravi conseguenze.

La Cortellesi gioca con uno studio sul linguaggio operato dall’enigmista di Stefano Bartezzaghi che ha evidenziato come alcune parole, passando dal genere maschile al femminile, hanno un significato negativo che dipinge negativamente le donne. Nel finale entrano in scena altre colleghe, tra cui Serena Rossi, Giovanna Mezzogiorno e Sonia Bergamasco per rafforzare il concetto: bell’inizio, originale e non retorico.

Subito il primo David, alla migliore attrice non protagonista: vince Claudia Gerini per il suo ruolo in “Ammore e malavita”. L’attrice dedica il premio alle sue figlie. Per quanto concerne invece il premio come miglior scenografo, vincono Ivana Gargiulo e Deniz Kobanbay per il film Napoli velata.

David di Donatello speciale ad una delle grandi attrici italiane: Stefania Sandrelli. Molto emozionata, con un pizzico di commozione, la Sandrelli ricorda i suoi primi provini e i suoi esordi, con un pensiero a Marcello Mastroianni.

Si passa ad un’altra categoria, il miglior attore non protagonista. È proprio la Sandrelli a consegnare il premio nelle mani di Giuliano Montaldo, per il film Tutto quello che vuoi. Per lui si tratta del secondo David, dopo quello alla carriera. Per la categoria Miglior costumista c’è un ex aequo: vincono Daniela Salernitano (Ammore e Malavita) e Massimo Cantini Parrini (Riccardo va all’inferno).

La premiazione subisce il suo primo stop con la musica: arriva Giorgia che canta “Gocce di memoria”. La cantante è accompagnata soltanto dal pianoforte: esibizione molto raffinata.

Continua la premiazione con i riconoscimenti consegnati a chi lavora “dietro le quinte”. Stavolta è il momento di scoprire chi si aggiudica il David come Miglior autore della fotografia. Vince Gian Filippo Corticelli per Napoli Velata.

Arriva il momento tanto atteso: ecco salire sul palco Steven Spielberg. Tutti in piedi per omaggiarlo e Carlo Conti ripercorre l’inizio della sua carriera. Da giovane tra i suoi amici c’erano Martin Scorsese, Brian De Palma, Francis Ford Coppola. “Ognuno di noi ha sensibilità diverse, ma all’inizio ci siamo aiutati molto anche nel lavoro. Siamo molto amici tuttora“. Il regista americano riconosce come “molto si debba al cinema italiano“.

A consegnargli il premio è Monica Bellucci. La sua presenza non è casuale, poiché è all’evento anche per promuovere la sua prossima pellicola, Ready Player One. Steven Spielberg premia poi il miglior regista esordiente: si tratta di Donato Carrisi per La ragazza nella nebbia.

Prima di andare via, Spielberg svela che nel 1971 incontrò a Roma Federico Fellini, che si congratulò con lui per il film tv Duel. “Mi portò a fare una passeggiata per la Capitale: ho visto Roma con i suoi occhi, è una cosa che non dimenticherò mai“. Il ricordo del grande regista italiano non lo abbandona mai: infatti, Spielberg ha una foto di quell’incontro nel suo ufficio.

Nel 2010 Paolo Virzì diresse La prima cosa bella, pellicola che riprendeva il titolo del grande successo di Nicola Di Bari e dei Ricchi e Poveri. A cantarla questa sera è Malika Ayane. Anche in questo caso un solo strumento accompagna la voce della cantante: un violoncello. Una scelta musicale che rende ancor più delicata l’interpretazione.

Rimanendo in tema, il premio successivo è per il Miglior musicista. Vincono Pivio e Aldo De Scalzi per Ammore e malavita. A ritirarlo c’è solo Pivio.

Chiamato da Carlo Conti, Nino Frassica confeziona una particolare gag. Vuole premiare gli “ammaestratori di cani” e così fa salire due persone sul palco per consegnar loro delle coppette. Per l’occasione si mettono anche a ballare. Poi, un improbabile vincitore di due premi Oscar. Il siparietto continua ancora con improbabili personaggi che vengono fatti salire sul palco, spacciati per attori più o meno noti.

L’attore siciliano stavolta deve consegnare un premio vero, quello per la Migliore sceneggiatura originale. Se lo aggiudica Susanna Nicchiarelli per Nico, 1988.

Premiatore d’eccezione per la migliore attrice protagonista: arriva sul palco Roberto Bolle. L’étoile della danza consegna il prestigioso riconoscimento a Jasmine Trinca, grazie al film Fortunata. L’attrice dedica il premio alla figlia Elsa.

Altra ospite internazionale: con una simpatica bombetta in testa arriva sul palcoscenico Diane Keaton, che riceve un David di Donatello speciale. “Sono molto legato a ‘Io e Annie’, film fatto con Woody Allen senza il quale non sarei potuta essere qui“, dice. Look dark per lei questa sera.

Alla star hollywoodiana spetta il compito di premiare il miglior attore professionista. Vince il David di Donatello Renato Carpentieri per La Tenerezza di Gianni Amelio. Per lui, noto a tanti per la sua partecipazione a La Squadra, è il primo David della carriera. Ha battuto la concorrenza di nomi più altisonanti, come Antonio Albanese e Valerio Mastandrea.

Premio anche per il Miglior truccatore: è Marco Altieri per il film Nico, 1988. Daniela Altieri, sempre per il medesimo film, vince il David per il Miglior acconciatore. I due sono fratelli.

Uno dei premi più attesi per questa serata è senza dubbio la Miglior regia. A consegnare il premio nelle mani del vincitore è Pierfrancesco Favino. L’attore romano pronuncia il nome di Jonas Carpignano, per il film A ciambra. Anche in questo caso il regista, alla prima nomination, batte la concorrenza di nomi notissimi, come Gianni Amelio, Paolo Genovese, Ferzan Ozpetek e i Manetti Bros.

Terza ospite musicale della serata: Carmen Consoli. La cantante siciliana ripropone L’ultimo bacio, brano omonimo del noto film con Stefano Accorsi e Martina Stella. Non a caso, il pezzo faceva parte della colonna sonora della pellicola.

Viene consegnato il premio per la Migliore canzone: in lizza ci sono anche Massimo Ranieri e Serena Rossi con i loro rispettivi film, Riccardo va all’inferno e Ammore e malavita. Il derby napoletano viene vinto dall’attrice che raccoglie il premio con il cantante Franco Ricciardi e il suo autore, Nelson: il pezzo è Bang bang. Serena Rossi ha gli occhi lucidi nel dedicare il premio al compagno Davide Devenuto (conosciuto sul set di Un posto al sole) e il loro figlio, Diego.

Fabio Grassadonia e Antonio Piazza vincono il premio per la Miglior sceneggiatura non originale per Sicilian Ghost Story. Per il film A Ciambra si aggiudica il David come Miglior Montatore Affonso Goncalves.

Gatta Cenerentola è il film che regala a Luciano Stella e Maria Carolina Terzi il David di Donatello come Miglior produttore. Insieme a loro anche Paolo Del Brocco di Rai Cinema, che ha collaborato alla realizzazione del film.

Intanto si prosegue con il Miglior documentario: vince Anselma dell’Olio per il suo La lucida follia di Marco Ferreri. Segue il riconoscimento per i Migliori effetti digitali: se lo aggiudica la società Mad Entertainment per il film Gatta Cenerentola. Il Miglior suono va al film Nico, 1988.

Data la tipologia dell’evento lo spazio per lo spettacolo è poco, anzi a lungo andare la ripetivitità la fa da padrone con lo schema nomination-consegna-ringraziamento (molti dei quali prolissi con lunghi elenchi di nomi pronunciati). Divertenti i siparietti tra Carlo Conti e lo speaker fuori campo che annuncia i nomi candidati ai vari premi: un ruolo tradizionalmente istituzionale ma che in questo caso rompe il protocollo tra battute e punzecchiature al conduttore.

Prima di dare la linea al Tg1 60 Secondi, il conduttore ricorda velocemente tre grandi personaggi del cinema e della musica scomparsi nel 2017: Paolo Villaggio, Gastone Moschin e il compositore Luis Bacalov. Per loro un applauso che però il pubblico a casa non può ascoltare perché viene lanciata la pubblicità: data la caratura dei personaggi citati, sarebbe stato doveroso omaggiarli in un altro momento della serata, senza relegare questo spazio alla fine dell’evento.

Alessandro Grande vince il David con il suo Bismillah per il Miglior cortometraggio, quello per i giovani a Francesco Bruni con Tutto quello che vuoi. Per le pellicole estere, The square si aggiudica il David come Miglior film dell’Unione Europea e Dunkirk per il Miglior film straniero.

Voglio che il David rappresenti la diversità del cinema italiano“, dice Piera Detassis, Direttore Artistico dell’Accademia David Di Donatello, alla sua prima esperienza nel suo nuovo ruolo. È lei ad annunciare il premio più atteso, il Miglior film: la statuetta va ad Ammore e Malavita.

Finisce qui la cerimonia di premiazione della 62esima edizione dei David di Donatello.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

L’Eredità 9 maggio: il neocampione Davide ritenta la ghigliottina

Davide dopo essere riuscito a diventare campione, affronta i propri avversari per provare a conquistare il montepremi della Ghigliottina.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

l eredità 9 maggio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domenica 9 maggio, alle 18:45, Rai 1, trasmette una nuova puntata de L’Eredità con Flavio Insinna.

Nella giornata di ieri il neocampione Davide è arrivato alla Ghigliottina dopo aver sconfitto al triello Francesca e Massimiliano. Ma non è riuscito ad individuare la parola corretta che gli avrebbe permesso di vincere il montepremi in palio.

l eredità 9 maggio costanza

L’Eredità, la diretta del 9 maggio

Nella diretta del 9 maggio Flavio Insinna presenta gli sfidanti del neocampione Davide, è nato Sant’Agata dei Goti (Benevento). Vive ora a Milano e lavora come avvocato. Il suo sogno è di diventare magistrato.

Il primo sfidante è Roberto, è nato Bari ma vive in provincia di Trento. E’ docente di geometria. Nel primo gioco deve abbinare ogni oggetto al proprio colore bianco rosso o verde

Costanza invece vive a Milano, studia Terapia occupazionale e fa volontariato in ospedale. La giovane deve specificare se dei volti noti sono romani o toscani.

I telespettatori ritrovano Massimiliano da Ferrara, ex campione, che ha la passione per il canto. Il concorrente deve distinguere se alcuni personaggi sono dei fumetti o dei cartoni animati.

Amanda è laureata in scienze motorie e sta proseguendo gli studi per la magistrale. E’ anche insegnante di cardiofitness. Per la ragazza il compito di specificare se alcuni personaggi del mondo dello spettacolo sono cantanti o sportivi.

Il quarto concorrente è Daniele, che partecipò all’Eredità nel 2012. Vive ad Ancona, è laureato al Dams ed è un videomaker. Deve spiegare se gli animali citati sono pesci o uccelli.

E’ presente anche la sceneggiatrice Francesca. Per lei un abbinamento a tema culinario. Deve riferire se alcuni piatti sono in bianco o al sugo.

Si sfidano nella prima scalata dei 60 secondi Costanza e Daniele. Quest’ultimo è il primo concorrente eliminato.

l eredità 9 maggio una o l'altra

L’Eredità 9 maggio, il gioco L’una o l’altra

Il secondo gioco è L’una o l’altra dove per ogni domanda il conduttore fornisce due possibili alternative. Al termine del primo giro non hanno risposto in maniera corretta Davide, Amanda e Massimiliano.

Il campione però compie il doppio errore e punta il dito contro Amanda. La studentessa riesce a rimanere il gioco.

eredità quattro date

Le Quattro Date

Per il gioco Le Quattro Date L’Eredità ha scelto come anni il 1951, 1970, 1995 e il 2015. Gli autori del primo errore sono Roberto e Massimiliano. E’ però quest’ultimo a compiere la doppietta e sceglie proprio Roberto come sfidante nel gioco dei 60 secondi.

Massimiliano è obbligato a lasciare lo studio. Prima di andare via ci tiene a mandare un saluto a sua madre.

eredità paroloni

L’Eredità, i Paroloni

Il conduttore introduce il gioco successivo. Si tratta dei Paroloni nel quale i concorrenti devono indovinare il significato di parole desuete. Il primo termine è Arringo, indovinato da Roberto, che significa corsa a cavallo. Costanza invece ha invece individuato il significato di Brogna, ovvero conchiglia.

Si confrontano di conseguenza nei 60 secondi Amanda e Francesca. Quest’ultima però per pochi secondi di differenza non riesce a rimanere in gara.

l eredità 9 maggio triello

Il Triello del 9 maggio

Nella puntata del 9 maggio si sfidano al Triello Roberto, Amanda e Costanza.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Domenica In 9 maggio: tra gli ospiti Incontrada, Fazio e i genitori di Marco Vannini

Tutti gli ospiti e le anticipazioni della trentacinquesima puntata della trasmissione condotta da Mara Venier.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Domenica in 9 maggio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domenica In torna il 9 maggio, con ospiti in studio ed in collegamento. L’appuntamento con la trentacinquesima puntata è alle ore 14:00 su Rai 1. Il contenitore festivo è condotto da Mara Venier. Viene trasmesso in diretta dagli Studi Fabrizio Frizzi di Roma.

La padrona di casa in occasione della ricorrenza si occupa della Festa della Mamma; che quest’anno si celebra nella giornata di oggi.

Domenica in 9 maggio Vanessa Incontrada

Domenica In ospiti 9 maggio, Vanessa Incontrada, Selvaggia Lucarelli

Nella puntata del 9 maggio Mara Venier ospita in studio Vanessa Incontrada, Alessandro Haber e Francesco Pannofino. Presentano il film Ostaggi, diretto da Eleonora Ivone, che è tratto dall’omonima opera teatrale di Angelo Longono. La pellicola è di genere commedia ma dalle atmosfere drammatiche. E’ disponibile dal 15 maggio su Sky Cinema Primafila Premier. Nel cast sono presenti anche Gianmarco Tognazzi, Elena Cotta e la stessa regista.

Mara Venier accoglie anche Selvaggia Lucarelli. La giornalista e blogger racconta dell'”amore tossico” che ha vissuto in prima persona. Dalla sua esperienza personale ha tratto una serie di racconti in podcast. Ha per titolo Proprio a me ed è disponibile sulle principali piattaforme streaming. In ogni appuntamento, della durata di 40 minuti, racconta storie di donne e uomini che hanno sofferto di dipendenza affettiva nei confronti del proprio partner.

Domenica In, Fabio Fazio, i genitori di Marco Vannini

Interviene anche Fabio Fazio che ospita a sua volta Mara Venier nella puntata odierna di Che tempo che fa. La conduttrice presenta da Fazio il suo ultimo libro Mamma, ti ricordi di me? che è arrivato nelle librerie lo scorso 6 maggio. Non è escluso che possa collegarsi a Domenica In anche Luciana Littizzetto.

Nella trentacinquesima puntata di Domenica In sono presenti anche i genitori di Marco Vannini. Il ventenne fu ucciso a Ladispoli nel maggio 2015. Marina e Valerio Vannini ricostruiscono tutte le fasi della vicenda e del processo giudiziario. Commentano anche la sentenza della Corte di Cassazione con le relative condanne confermate dal collegio giudicante.

Domenica in 9 maggio Arisa

Domenica In ospiti 9 maggio Arisa, Marco Masini

Nello spazio dedicato alla musica torna in studio Arisa. Dopo aver ripercorso le tappe salienti della propria carriera interpreta dal vivo Ortica. Il singolo, in dialetto napoletano, racconta di un amore finito. Arisa però potrebbe anche cantare nuovamente Potevi fare di più, che ha portato in gara all’ultimo Festival di Sanremo.

Interviene anche Marco Masini per lanciare un appello a favore della ripresa dei concerti dal vivo. Gli artisti infatti sperano di tornare presto ad esibirsi, nel rispetto delle normative imposte dalla pandemia.

La campagna vaccinale

Come di consueto la prima parte di Domenica In è dedicata alla campagna vaccinale anti Covid. Interviene, in collegamento, il Ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini. Presente ancora una volta il Sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che si occupa degli ultimi dati sui contagi.

Torna anche l’immunologo Francesco Le Foche che si sofferma sulle varianti del virus e sulla percentuale di cittadini finora vaccinata. Al dibattito si unisce la giornalista Giovanna Botteri che si collega da Pechino.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Amici 20, 8 maggio 2021, la Semifinale – ecco i nomi dei finalisti

I giovani talenti si sfidano per ottenere il titolo di vincitore guidati dai professori. Ospiti: The Kolors ed Ermal Meta
Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 8 maggio 2021, alle ore 21.20 su Canale 5 andrà in onda una nuova puntata del Serale di Amici 20. La scuola di Maria De Filippi torna in prima serata. I giovani talenti si sfideranno per ottenere il titolo di vincitore, guidati dai professori sempre più agguerriti e determinati.

Ospiti speciali: Ermal Meta e The Kolors

Amici 20, 8 maggio 2021, ospiti Ermal Meta e The Kolors

Inizia il programma. La semifinale comincia con una sfida tra cantanti. I giurati votano Aka7Even. La squadra Pettinelli – Peparini sfida per prima quella Zerbi – Celentano e la prova è Tancredi vs Aka7Even. Vince Aka grazie ad una performance che punta allo show e trascina con carisma.

La seconda prova è Aka7Even vs Sangiovanni. Aka dedica la sua esibizione a Napoli, Sangiovanni all’amore. Stefano De Martino definisce il cantante della squadra Zerbi-Celentano “un piccolo genio”. Emanuele Filiberto concorda. E’ Sangiovanni a vincere la prova.

La terza prova è Tancredi vs Aka7Even. Sta ai giudici decidere se assegnare il punto ad Aka e mandarlo quindi dritto in finale. De Martino, Stash ed Emanuele Filiberto decidono di premiare il percorso di crescita del cantante e gli assegnano la prima maglia dorata. Anna Pettinelli si commuove: “Ritieniti spupazzato per benino. Sono molto orgogliosa di te. Sei una testa durissima ma sei un talento”.

Amici 20, 8 maggio 2021, seconda manche

Alessandra Celentano indossa una coroncina da principessa e balla un valzer con Emanuele Filiberto.

Inizia la seconda manche. Stavolta si sfidano i ballerini ed i giudici scelgono Alessandro. La squadra Arisa-Cuccarini sfida per prima quella Zerbi-Celentano e la prova è Alessandro vs Serena. Vince Alessandro.

Il ballerino continua poi scontrandosi anche con Giulia, ma l’allieva della squadra Peparini-Pettinelli ha la meglio.

La terza prova è una comparata tra Alessandro e Serena. La performance è creativa: sulla stessa base e con l’aiuto di un pupazzo di stoffa bianca, i ballerini devono creare una coreografia in stile Broadway. I giudici preferiscono Serena.

La quarta prova è Alessandro vs Giulia. La ballerina danza una coreografia che richiama le origini catalane della mamma e conquista il suo posto in finale. Sangiovanni si alza in piedi felice. I due fidanzati si abbracciano ed il cantante si commuove mentre Giulia corre verso la sua maglia dorata.

Amici 20, il trofeo del guanto di sfida

Rudy ed Alessandra ricevono un guanto di sfida da Arisa e Lorella. Le “Cuccarisa” cantano e ballano un medley di “Mamma Maria”, “T’appartengo” e “Karaoke”. Il duo è spumeggiante e regala una performance trascinante. “Arisa è stata una compagna di viaggio meravigliosa” – esclama entusiasta Lorella. “Anche per me è stato lo stesso” – risponde la cantante.

Alessandra e Rudy fanno il loro ingresso all’interno di una perla blu, simbolo del locale inventato da Zerbi. I due professori cambiano le parole di “Sincerità” di Arisa e dedicano una serenata alle avversarie. Danno poi il via ad un trenino sulle note di “AEIOU”, che per l’occasione diventa “Cuccarisa”.

I giudici assegnano la vittoria alla Celentano e a Zerbi. “Volevo salutare i miei figli a casa. Dopo 52 anni papà ha vinto qualcosa, grazie” – afferma Rudy.

Amici 20, terza manche e finalisti

Secondo girone per i cantanti, che tentano di conquistare il loro posto in finale. I giudici votano Sangiovanni, che si scontra contro Tancredi per ben due volte. Prevale entrambe con l’entusiasmo di Stash & co: “Sangiovanni trova il tempo per divertirsi sul palco”. La terza prova è Sangiovanni vs Deddy. Il cantante della squadra Zerbi-Celentano ha la meglio ancora una volta e vola in finale.

I The Kolors cantano il loro nuovo singolo, “Cabriolet Panorama”, con due coristi d’eccezione: Stefano De Martino ed Emanuele Filiberto.

Tancredi, Alessandro, Deddy e Serena si esibiscono uno dopo l’altro per convincere i giudici. Con i loro cavalli di battaglia splendono come mai prima d’ora. I ragazzi sono visibilmente emozionati e rivelano quanto sarebbe importante per loro arrivare in finale.

Rudy si dice molto fiero di Deddy, che dopo anni di sacrifici per la famiglia ha realizzato il suo sogno entrando nella scuola di Amici. “Dentro ad Amici è cresciuto non solo artisticamente, è cambiato anche caratterialmente” – dice. Anche gli altri professori dedicano dolci parole ai loro pupilli.

Entrano in studio Karl Sydow e Federico Bellone, che presentano il loro progetto “Broadway Milano”. Da dicembre 2021 tre teatri milanesi presenteranno show di Broadway e Karl Sydow ha deciso di proporre ad Alessandro un ruolo nel primo spettacolo “Dirty Dancing”. Il ballerino piange felice.

Amici 20, 8 maggio 2021, finalisti a sorpresa

I concorrenti tornano in casetta. Ancora non sanno che tra loro non c’è un solo finalista, ma due.

Il primo concorrente a non andare in finale è Tancredi. La seconda è Serena e segue anche Deddy. Alessandro rimane in gara e conquista la sua maglietta dorata. I ragazzi non sanno che in realtà uno dei tre eliminati è il quinto finalista.

In studio Maria comunica a Deddy che è lui e gli consegna la maglia della finale. Il cantante, incredulo, piange di gioia. Anche Alessandro corre in studio per vivere il suo “momento di gloria”.

Ermal Meta canta il suo nuovo singolo “Uno”.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it