Le Iene show 8 dicembre 2019 – Attenzione alle “Ping Call”


Nella puntata odierna de Le Iene Show si dedicherà molto spazio alla tristissima tragedia di Corinaldo


Le Iene show 8 dicembre.  Alle 21.25 su Italia 1 comincerà una nuova puntata de Le Iene Show. Verrà dedicato ampio spazio alla  tragedia della discoteca Lanterna Azzurra, all’interno della quale si sarebbe dovuto tenere il dj set del trapper Sfera Ebbasta

Le Iene show 8 dicembre 2019 -Strage di Corinaldo, Sfera Ebbasta, tassisti violenti

Le Iene show 8 dicembre - Corinaldo

Il trio al maschile della domenica sera formato da Giulio Golia, Filippo Roma e Matteo Viviani apre la puntata introducendo subito il servizio sulla strage di Corinaldo.

Attraverso le testimonianze dei ragazzi e dei signori sopravvissuti alla tragica serata organizzata per il concerto di Sfera Ebbasta scopriamo alcuni orribili fatti.

Ogni persona racconta gli attimi di panico che gli hanno fatto letteralmente credere di morire.

C’erano solo due addetti ai soccorsi, che ancora oggi denunciano il fatto che non fossero previste ambulanze fuori dal locale.

Il momento più straziante è rappresentato dai racconti delle morti di chi non ce l’ha fatta a salvarsi.

Pablo Trincia cerca di ottenere informazioni dagli organizzatori della serata , dai medici e dai gestori della Lanterna Azzurra ma il compito è molto arduo.

Ogni persona selezionata per l’intervista respinge Trincia e non rilascia nemmeno una parola.

Le Iene show 8 dicembre 2019 – Nuovi elementi sulla morte di Serena Mollicone

Le Iene show 8 dicembre - Serena Mollicone

Anche in questa puntata vengono puntati i riflettori sul caso di Serena Mollicone.

Veronica Ruggeri cerca di strappare qualche parola sia a Marco Mottola che a sua madre ma senza alcun successo.

Chi parla per la famiglia incriminata è il legale di difesa, che prova a difendere ulteriormente i Mottola, specificando che il buco sulla porta della caserma incriminato non potrebbe essere stato causato da Serena dato che si trova ad un altezza troppo superiore rispetto alla reale altezza della ragazza.

Dalle ricerche di Veronica scopriamo che la madre di Marco Mottola potrebbe aver fatto pulire tutte le tracce, nella stanza incriminata della caserma, con dell’acido muriatico ed inoltre, grazie al capo dipartimento di salute mentale di Frosinone veniamo a sapere che diversi tossicodipendenti erano a conoscenza dei fatti scoperti recentemente sulla morte si Serena fin da subito.

Le Iene – Ping Call

Nicolò De Devitiis, attraverso un breve servizio, ci dimostra come siano beffarde le cosiddette “Ping Call”.

Si tratta di “squilli” provenienti dalla Tunisia che invogliano alcune persone a richiamare quei mittenti, perdendo molti soldi a causa delle truffe istituite da queste persone.

De Devitiis per dimostrarci la truffa perde quasi dieci euro, sottratte alla iena da due di quei “numeri truffa”

Le Iene show 8 dicembre – Intercettazioni Antimafia

Matteo Viviani è incredibilmente coinvolto nel servizio sulle intercettazioni dell’antimafia, non solo come intervistatore ma anche a causa di alcune intercettazioni.

Viviani è finito protagonista di alcune telefonate tra Silvana Saguto e l’avvocato Gaetano Seminara a casa di alcuni attacchi che i due hanno rivolto all’uomo.

La iena qualche anno fa aveva raggiunto Seminara per avere delle spiegazioni su un coinvolgimento del marito della giudice Saguto in una società dell’avvocato.

Dopo quell’intervista, che mise in difficoltà l’avvocato, sia la Saguto che il professor Carmelo Provenzano, molto amico del giudice, inizano a studiare un piano per non far finire nei guai la Saguto.

Provenzano suggerisce di non avere querele ma solo di affrontare la situazione con una battaglia mediatica.

Le Iene entrano in possesso di tantissime intercettazioni che riporterebbero moltissime conversazioni tra la Saguto e alcuni giornalisti e magistrati utili per rendere la giudice inattacabile.

Le Iene – “Battitori liberi”

Le Iene show 8 dicembre - Battitori liberi

Ismaele La Vardera si occupa di un caso direttamente alla stazione Termini, la nota stazione ferroviaria della Capitale.

La iena scopre una truffa ordita da alcuni tassisti furfanti.

Secondo quanto testimoniato dalle telecamere de Le Iene, ci sarebbero dei cosiddetti “battitori liberi” che in maniera totalmente illegale truffano i passeggeri dei loro taxi.

La Vardera smaschera la truffa e riesce a far rimuovere le automobili davanti alla stazione ma durante i confronti a parole con gli steward della metro, riceve uno schiaffone in pieno volto da uno di questi.

Due sorelle contro la mafia

Nina Palmieri intervista una delle sorelle Diliu, che per tutta la vita hanno combattuto contro la mafia, nella fattispecie con Losicco, Lapis ed altri per non vendere la loro casa.

Savina e Rosa, insieme alla loro mamma, non hanno ceduto alle insistenze della mafia, che volevano acquistare il complesso di case nel quale vivono, per costruire un palazzo di nove piani.

Con il passare del tempo tutti i proprietari delle case di quel complesso, decidono di vendere a Losicco, anche la zia delle sorelle ma le Diliu non fanno un passo indietro.

Nonostante nessuno, eccetto Paolo Borsellino, fosse dalla loro parte  e nonostante il loro avversario fosse veramente forte, alla fine sono riuscite a mantenere la casa ma a caro prezzo.

La battaglia delle sorelle Diliu ha fatto si che le donne perdessero tutte le amicizie che avevano e da tempo.

Rosa e Savina ormai, sembrano dimenticate dallo stato e stanno passano tutta la vita a battagliare con lo stato per i loro diritti mai riconosciuti.

Dopo questo servizio termina la puntata de Le Iene Show.



0 Replies to “Le Iene show 8 dicembre 2019 – Attenzione alle “Ping Call””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*