Portobello | 10 curiosità sul programma di ieri e di oggi


Portobello | 10 curiosità sul programma di ieri e di oggi. Tutto ciò che avreste voluto sapere su Portobello attraverso episodi e chicche che riguardano sia i protagonisti che il pappagallo.


Torna questa sera lo storico programma Portobello ideato e condotto nel 1977 da Enzo Tortora. Al timone troveremo Antonella Clerici con un nuovo pappagallo. Accanto alla conduttrice ci sono Carlotta Mantovan nel ruolo di coordinatrice delle centraliniste e Paolo Conticini che si cala nel ruolo di inviato.

Saranno sei puntate come vi abbiamo anticipato con le medesime rubriche volute dall’indimenticabile Enzo Tortora.

Vi proponiamo 10 curiosità sul programma che ha rappresentato una vera e propria pietra miliare nella storia della televisione italiana.

1Enzo Tortora per il titolo del programma si ispirò al noto mercatino londinese di Portobello Road, situato nel quartiere di Notthing Hill. Lo studio era realizzato come un vero e proprio mercato all’interno del quale il conduttore si muoveva passando da un inserzionista all’altro.

2 – Di Portobello andarono in onda sei edizioni, dal 1977 al 1983. Ci fu poi una ripresa nel 1987 quando il conduttore venne definitivamente scagionato dall’accusa di associazione camorristica che lo aveva portato in carcere innocentemente. La sua estraneità ai fatti fu conclamata soltanto nel 1983 quando Tortora venne assolto in maniera definitiva dalla seconda Corte d’Appello di Napoli.

3 – Il pappagallo protagonista dell’edizione 2018 è stato dato in prestito alla Clerici dallo stesso fornitore al quale si rivolse nel ‘77 Enzo Tortora. Il pennuto in realtà è una femmina e si chiama Enrica. Sa parlare ma finora non ha mai detto la parola fondamentale Portobello. Verrà assistito in studio da una esperta e da un veterinario. Enrica è educata, loquace e non dice parolacce. Fischia ed è golosissima di noci e di mais.

4 – Sempre a proposito del pappagallo l’esperta che lo assiste ha rivelato che, per 18 anni, lo ha creduto un maschio. Invece ha scoperto che era una femmina solo due anni fa quando ha deposto un uovo. Il pappagallo di Enzo Tortora invece si chiamava Loreto.

5 – Dalle rubriche mandate in onda nelle edizioni del vecchio Portobello sono state tratte trasmissioni ancora oggi gratificate da un enorme successo. Ad esempio dallo spazio “Dove sei” in cui una persona cercava parenti o amici che non vedeva da tempo è stato realizzato il programma Chi l’ha visto? che da 30 anni continua ad avere la medesima collocazione su Rai 3. Ma la rubrica ha ispirato persino le trasmissioni Carramba che Sorpresa e C’è posta per te.

6 – La rubrica “Fiori d’arancio” del vecchio Portobello ha generato invece tutti i programmi dedicati all’amore e alle coppie. Tra questi agenzia matrimoniale condotto da Marta Flavi, Stranamore e Uomini e Donne di Maria De Filippi.

7 – Chi riuscirà a far parlare il pappagallo Enrica, ovvero a fargli pronunciare la parola Portobello, vincerà il montepremi in palio che però andrà ad una associazione di beneficenza.

8 – La conduttrice Antonella Clerici sarà affiancata da Carlotta Mantovan, moglie del compianto Fabrizio Frizzi. Mentre Paolo Conticini è l’inviato per i collegamenti esterni del nuovo Portobello.

9 – L’edizione 2018 del programma non dimentica i vecchi concorrenti. Infatti si ripercorrerà la storia del passato cercando di capire come sono andate a finire le vicende raccontate. Si incontreranno anche gli inserzionisti di allora. E l’inviato per questi collegamenti è proprio Paolo Conticini.

10 Portobello 2018 sarà molto legato ai social. Le centraliniste riceveranno foto in diretta. Verrà utilizzato anche il FaceTime, ovvero l’applicazione per le videochiamate. Ci saranno poi riferimenti sui social tra cui Facebook, Twitter e Instagram.



0 Replies to “Portobello | 10 curiosità sul programma di ieri e di oggi”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*