Le Iene Show| 28 marzo 2018| puntata in diretta


Appuntamento questa sera su Italia 1 con Le Iene Show, condotto al mercoledì da Ilary Blasi e Teo Mammucari insieme alla Gialappa's Band.


Vi abbiamo già anticipato alcuni dei servizi che vedremo nel corso della puntata: seguiamola ora in diretta, in onda dalle 21.20.

I conduttori aprono dedicando la puntata a Fabrizio Frizzi: in suo ricordo, un commosso Mammucari lancia un video in cui, in sequenza uno dopo l’altro, sono stati montati i momenti in cui Frizzi ha avuto a che fare con gli inviati della Iene.

Dopo il break pubblicitario, il primo servizio: E se il fidanzato di tua figlia la maltrattasse?, di Matteo Viviani. L’inviato ha incontrato la mamma di Martina, ragazza che ha paura del fidanzato violento ma da cui non riesce a separarsi. In parte perché teme ritorsioni sulla madre, in parte perché nutre dei sensi di colpa verso il suo ragazzo, che sente di dover aiutare.
La mamma ha trovato dei diari della figlia, dove Martina scriveva di essere stata picchiata ripetutamente. Addirittura, in vacanza insieme a Barcellona, il fidanzato era stato persino fermato dalla polizia spagnola. I due stanno insieme da quando erano adolescenti: da quando aveano 16 anni, e ora ne hanno 21.
Sfruttando il fatto che entrambi siano suoi fan, Viviani raggiunge prima Martina, poi il fidanzato. Il ragazzo lo incontra volentieri: la iena gli spiega che ha un problema da risolvere, lui risponde di si per poi minimizzare.
Viviani li porta da dei terapeuti: saranno poi indirizzati lui in una struttura per uomini maltrattanti, lei in una per donne maltrattate.

Si prosegue con il classico scherzo di Nic Bello, stavolta giovato a Corinne Clery: Mi sono innamorato di uno stronzo.
Complice è Edoardo, figlio di Serena Grandi che è stato figlioccio della Clery. L’attrice francese infatti, era sposata con il padre del ragazzo: dopo un allontanamento, i rapporti si sono ricuciti. Non solo: per destare sospetti nella Clery, viene coinvolta anche Serena Grandi per una telefonata.
Edoardo finge di aver trovato l’amore: solo che “l’amore” è un uomo che non è affatto innamorato di lui. E per di più, vuole anche che gli venga comprato un loft in centro a Roma: alla Clery vengono chiesti 70mila euro per l’acquisto, come prova dell’affetto profondo verso il figlioccio.
Quando ha modo di conoscere l’uomo misterioso, la Clery tenta di far ragionare Edoardo: è freddo, distaccato, opportunista. La donna quasi supplica il ragazzo: gli spiega che lo sta usando, manipolando. Corinne è disposta pure all’acquisto, però con una clausola che impedisca a Edoardo di regalare il loft.
Non finisce qui: mentre Edoardo si allontana un attimo, il suo fidanzato le confida di non essere gay. Lo avrebbe fatto credere ad Edoardo per avere il loft: in cambio di questa rivelazione, potrebbero accordarsi. La donna non ci sta: partono gli insulti, le minacce legali.
La Clery non molla, tanto che chiama la polizia: a questo punto Bello svela di essere una iena.

Tocca ad Alice Martinelli: Mai fidarsi delle storie troppo tristi.
La Martinelli raccoglie le testimonianze di clienti truffate da Maristella: una donna che si finge malata di tumore. Puntando sulla solidarietà, la donna vende bomboniere che poi non vengono mai inviate. C’è chi ha fatto ordini di quasi 3mila euro: quanto le clienti hanno reclamato la merce, hanno ottenuto in cambio insulti, minacce e finti pianti.
Quando la Martinelli la raggiunge, viene presa a schiaffi.

In promozione per il suo film, intervista singola a Giulia Michelini: Bella matta. L’attrice racconta di non essere sui social, e sull’argomento molestie racconta di non averne avute: non ha firmato il manifesto delle attrici italiane per una questione di tempi. Su Brizzi invece, dice di non aver mai notato atteggiamenti sospetti.

Si prosegue con Veronica Ruggeri: Forza mamma Gina, dipende tutto da te! La iena segue Gina, la mamma del piccolo Giosuè: la ragazza ha deciso di disintossicarsi: gli assistenti sociali l’hanno convocata al Sert, così da poter iniziare il percorso di riavvicinamento al suo bambino.
Gina ha alti e bassi, euforia alternata a depressione e sfiducia. Accompagnata dalla Ruggeri, viene accompagnata nella comunità di don Mazzi.

Nina Palmieri si occupa della storia agghiacciante di Sara: Lo psicoterapeuta abusatore.
Sara ha chiesto aiuto alle Iene per denunciare una violenza sessuale: a lasciare sconvolti, è che l’uomo che l’ha abusata, è stato lo psicoterapeuta che la teneva in cura. A dimostrazione di quanto raccontato al programma, dopo aver sospeso la terapia, Sara torna dal dottore con una microcamera addosso.
Davanti alle proteste di Sara, l’uomo sostiene di averle toccato il seno per dimostrarle protezione. E se a Sara non sta bene, strafottente, le dice di diventare lesbica. A luce spenta, la spoglia: quando però arriva alle mutande, Sara stavolta lo blocca.
A questo punto, va la Palmieri fingendosi una paziente. quando l’inviata svela la propria identità, ne nasce un violento scontro verbale.

Stefano Corti e Alessandro Onnis hanno intervistato La campionessa Sofia Goggia. La sciatrice si racconta: la sveglia alle 6 e mezza, Deborah Compagnoni che ha vinto molto più di lei, la medaglia d’oro che vale 400 euro e il premio associato di 150mila euro.
Corti e Onnis le lanciano allora una serie di sfide: la Goggia vince sempre.

Dopo una breve comparsa di Suor Cristina in studio, Gaetano Pecoraro: Lavorare in nero per il sindacato. Maria ha fatto le pulizie per la CGIL di Crotone a 250mila euro: la donna, immigrata, si è trovata ad essere irregolare perché, senza contratto, non aveva potuto rinnovare il permesso di soggiorno. Di conseguenza, Maria non è nemmeno potuta andare in pensione: deceduta da poco, quei sei anni di lavoro non le hanno consentito di avere i contributi necessari.
I figli ora si trovano in ristrettezze economiche, e la reversibilità della pensione sarebbe stata un aiuto. Quando si rivolgono alla CGIL, ottengono porte in faccia in virtù di un accordo firmato dalla stessa Maria: 6milioni di lire in cambio di una firma su un attestato di prestazioni in amicizia.
Pecoraro si reca alla sede del sindacato: la dirigente sostiene di non sapere niente. Eppure tutti dimostrano di conoscere la signora Maria.

Andrea Agresti smaschera un truffatore: La palestra apri e fuggi. Riccardo Manara ha intascato i soldi degli abbonamenti nella palestra di sua gestione: dopo alcuni giorni, la chiusura per motivi tecnici. Ma per gli abbonati, le sorprese non sono finite: nottetempo, la palestra è stata svuotata dagli attrezzi, i dipendenti mai pagate. Modena, Bussolengo, Villafranca, Jesolo: diverse le città in cui le palestre gestite dalla società di Manara sono state al centro di vicende giudiziarie.
Come se non bastasse, Manara ha usato un ragazzo nigeriano come prestanome: ingaggiato con un altro incarico, è stato poi messo in mezzo a sua insaputa.
Per rispondere agli utenti inferociti, Agresti va dal manager: Manara trova scuse su scuse, affermando persino di non aver portato via gli attrezzi.

Secondo servizio di Corti e Onnis: Di Biagio, il ct dei record. I due hanno aspettato il “mister più breve della storia della nazionale” all’aeroporto di Fiumicino.

In replica, un servizio di Filippo Roma del febbraio 2017: Cosa fa il magistrato con la moglie dell’indagato?
Poi Sabrina Nobile: I clienti delle baby escort.
Segue Giulio Golia: Il boss ergastolano in carrozzella.

A mezzanotte e mezza, un servizio del 2005 del Trio Medusa: i tre avevano raggiungo Fabrizio Frizzi per sapere come mai, nonostante ci fosse ancora Del Noce alla direzione di Rai 1, lui partecipava a Ballando con le stelle. Frizzi aveva spiegato che, dallo screzio in seguito all’edizione di Miss Italia, erano passati tre anni in cui lui non aveva messo piede in tv: nel frattempo, i due si erano chiariti.

In conclusione di puntata, Suor Cristina con il nuovo singolo. Prima però, la breve anteprima dell’intervista all’uomo espulso dall’Italia in quanto presunto affiliato dell’Isis.

Le Iene si fermano per Pasqua, tornano mercoledì prossimo. Linea a Mai dire Isola.



0 Replies to “Le Iene Show| 28 marzo 2018| puntata in diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*