Insinna: con Il Supplente arriva la riabilitazione in vista de L’Eredità


Insinna: con Il Supplente arriva la riabilitazione in vista de L'Eredità. Il percorso di 'ripulitura' dell'immagine del conduttore passato dalle rivelazioni sconcertanti di Striscia la Notizia attraverso vari appuntamenti televisivi che lo porteranno all'Eredità.


La Rai è fermamente decisa a ripulire l’immagine di Flavio Insinna, compromessa dalle rivelazioni e dai fuori onda fatti Striscia la Notizia. La visione di un comportamento molto differente da quello familiare a cui i telespettatori erano abituati, aveva fatto precipitare il gradimento del conduttore/attore. Ci aveva pensato #cartabianca a tentare un primo percorso di rinascita. Ma era riuscito soltanto in un certo senso.

Poi sempre Raitre gli aveva affidato il programma “La strada senza tasse“, la cui ultima puntata era andata in onda in prima serata con uno scarso gradimento di pubblico. Successivamente Insinna era apparso su Rai 1 alla conduzione di “Prodigi“, ma anche questo show era stato un flop con ascolti al di sotto delle più drammatiche aspettative.

Intanto gli era stata tolta la gestione dell’Eurovision Song Contest e l’acqua minerale Brio Blu l’aveva cancellato come testimonial. In questo contesto Flavio Insinna aveva realizzato uno dei più brutti e discutibili spot mai passati sul piccolo schermo.

Adesso la rinascita di Flavio Insinna passa attraverso due programmi: il primo è Il Supplente la cui puntata d’esordio va in onda il prossimo 13 giugno su Rai 2 in prime time. Accanto ai protagonisti delle due puntate previste adesso si aggiunge anche Flavio Insinna che sale in cattedra per insegnare agli allievi. Ricordiamo che i docenti speciali del programma di Rai 2 sono Roberto Saviano, Mara Maionchi, J-Ax ed Enrico Mentana.

La rete ha realizzato una sorta di supplemento di riprese dando spazio anche a Flavio Insinna che si presenta agli studenti di una scuola in attesa del loro docente che invece cede il posto all’artista.

Questo passaggio è propedeutico all’arrivo di Flavio Insinna di nuovo su Rai 1. Il lungo percorso di riavvicinamento alla rete si conclude proprio a metà settembre con l’arrivo di Insinna a L’Eredità. Il programma della fascia preserale aveva legato il proprio nome all’immagine di un conduttore amatissimo e purtroppo scomparso prematuramente: Fabrizio Frizzi. Insinna dunque prende il posto di Frizzi e sarà al timone de L’Eredità in staffetta con Carlo Conti. Inizierebbe a metà settembre Conti, poi la conduzione passerebbe a Insinna, e successivamente di nuovo a Conti per la chiusura della stagione.

Ma c’è anche l’ipotesi che Insinna possa condurre l’intero ciclo da ottobre a maggio 2019.

La presenza di Insinna ha scatenato una vera e propria ribellione sul web. Molti infatti ritengono che l’attore non sia adatto ad un programma che ha legato il suo nome ad uno dei conduttori più eleganti, educati, raffinati e rispettosi del pubblico come Fabrizio Frizzi.

L’immagine che invece ha rimandato Striscia la Notizia l’ha fatto conoscere ai telespettatori sotto un’angolazione completamente differente e spesso anche irrispettosa del pubblico: tutto questo mentre era al timone di Affari tuoi.

L’esempio di Flavio Insinna è significativo. Dimostra come la Rai riesca a “ripulire” un personaggio che era caduto in disgrazia attraverso vari passaggi ma con incisività e perseveranza.

I tempi di Affari tuoi e delle rivelazioni del TG satirico di Antonio Ricci.sono dunque lontani.



One Reply to “Insinna: con Il Supplente arriva la riabilitazione in vista de L’Eredità”

  • Rosalba

    Una rondine non fa primavera come uno sbaglio di Insinna seppur grave non deve compromettere la sua carriera sempre eccezionale Flavio Insinna è una persona squisita piena di umanità che si prodiga per tutti Non per niente ha molti premi e riconoscimenti sempre tra gli oppressi e i bisognosi Sono contenta che la Rai le offra un’altra possibilità. Glielo doveva sia sbagliato però anche chiesto perdono e poi chi è senza peccato scagli la prima pietra. Daje Flavio!!!!!

Rispondi a Rosalba Annulla risposta

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*