Connect with us

News

La Rai con il cinema Italiano, conferenza stampa 20 maggio 2020

RaiPlay trasmette quattro nuovi titoli originariamente destinati alle sale cinematografiche ed altri quattro titoli direttamente sulla piattaforma dopo la visione nei cinema
Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

RaiPlay trasmette quattro nuovi titoli originariamente destinati alle sale cinematografiche ed altri quattro titoli direttamente sulla piattaforma dopo la visione nei cinema
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Rai con il cinema Italiano, conferenza stampa. Questa mattina, alla sede Rai di Viale Mazzini a Roma, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di “La Rai con il cinema Italiano”.

Per la prima volta su RaiPlay quattro nuovi titoli originariamente destinati alle sale cinematografiche ed altri quattro titoli direttamente sulla piattaforma dopo la visione nei cinema.

La Rai con il cinema Italiano, conferenza stampa – tutte le dichiarazioni

Intervengono alla conferenza stampa: Paolo Del Brocco (Amministratore Delegato Rai Cinema), Elena Capparelli (Direttrice RaiPlay), Ginevra Elkann, Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher, Chiara Barzini, Lorenzo Mieli (Wildside). 

Per otto settimane, film che sarebbero stati destinati alla sala cinematografica saranno trasmessi da Rai Cinema.

Paolo Del Brocco: “Ci siamo chiesti in tutto il mondo del cinema cosa potevamo fare in questo momento per rispettare la sacralità della sala. E’ qualcosa di non ripetibile quella sensazione, ma non avendo ancora certezza di quando riapriranno i cinema, volevamo tenere un legame forte tra il pubblico e film che meritano attenzione. Trasmetteremo: Magari, Bar Giuseppe, La rinvicita, Lontano lontano, Ozzy e il mistero del tempo, Dafne, Un giorno all’improvviso. Tutti film con un ottimo cast e con un’ottima qualità produttiva. Molte sono opere prime. Siamo contenti che Rai cinema abbia voluto donare queste pellicole al grande pubblico”.

La Rai con il cinema Italiano, Elena Capparelli e Ginevra Elkann

Elena Capparelli: “Prima conferenza nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus e sono contenta che si riparta dalla sala degli arazzi perchè è un modo per ricominciare. Il 28 febbraio lanciavamo Il sindaco del Rione sanità e da domani iniziamo questa offerta che vedrà un nuovo titolo ogni settimana in esclusiva su Rai play. E’ un passo importante per l’emergenza. Le sale rimangono la prima scelta, ma è un’opportunità per il nostro pubblico. E’ una rappresentazione del nostro paese molteplice e variegata. Domani il lancio di Magari sarà una grande opportunità per il pubblico di Rai play. Un racconto autentico per la sua raffinatezza e delicatezza. Penso sarà molto apprezzato”

Ginevra Elkann, regista di “Magari” – la prima pellicola che sarà trasmessa – interviene in collegamento: “Siamo contenti e speriamo di entrare in molte case. E’ molto emozionante, aspetto con ansia questo momento. Questo film nasce da una conversazione con Chiara Barzini e nella memoria degli anni ’80, dell’infanzia, la voglia di rientrare dentro i ricordi e di parlare dell’idea di famiglia. E’ un film sui sogni e le aspirazioni alla famiglia. Sono contenta che esca in questo momento in cui tutti noi in casa siamo in grande ricollegamento con la famiglia”.

La Rai con il cinema Italiano, Riccardo Scamarcio e Alba Rohrwacher

Riccardo Scamarcio racconta il suo personaggio: “Un padre che deve trascorrere le vacanze di Natale con i suoi figli, dovrebbero andare in montagna ma decide di portarli a Sabaudia, al mare. Già da questo capite che padre è. Passeranno queste vacanze natalizie in questa casa in spiaggia d’inverno. Il mio personaggio è un papà che non è abituato ad averli tutti intorno ed è la prima volta che passa così tanto tempo avendoli tutti e tre con sé. E’ idealista, ma un po’ incapace di assumersi le responsabilità. Non è completamente affidabile. Ho manifestato la mia preoccupazione a Ginevra: ‘il problema sono i bambini, come faremo con non professionisti? C’è da fare un grande lavoro’. Ero preoccupato per questa cosa qui. Devo dire che Ginevra è stata bravissima, da subito ho capito che avevo a che fare con una regista capace di entrare in empatia con i propri attori e di farsi sorprendere. E’ bello sentire che dall’altra parte del monitor c’è un regista che vuole farsi sorprendere. E’ stata una grande esperienza per me”.

Alba Rohrwacher svela dettagli sulla sua Benedetta: “Interpreto Benedetta, sceneggiatrice e compagna di Carlo (Riccardo), che si trova coinvolta in questa vacanza. Si troverà a far parte di questa famiglia allargata, una famiglia che si estende aldilà del legame di sangue. Benedetta verrà prima messa in discussione e poi accettata anche dai ragazzi. A questo nucleo si aggregheranno anche gli amici e si creerà una nuova idea di famiglia. I ragazzini conosceranno finalmente il genitore per quello che è”.

La Rai con il cinema Italiano, Barzini e Mieli

Chiara Barzini, sceneggiatrice di “Magari”, racconta come è nata l’idea di questo film: “Un giorno chiacchierando con Ginevra ho insinuato in lei la voglia di raccontare una storia in prima persona. Abbiamo una grande passione per le famiglie disfunzionali. Siamo fan dei sognatori, di personaggi romantici che proiettano sogni irrealistici. Le nevrosi degli adulti negli anni’80 emergevano in maniera diversa. Volevamo raccontare i genitori ed i figli senza giudizi. Volevamo avere empatia per questi genitori sgangherati che però hanno cuore”.

Lorenzo Mieli: “Un produttore può stare a casa e scrivere pensando ai progetti futuri. Il nostro lavoro è in parte girare film e produrli, ma c’è una parte importante che è anche scrivere e far scrivere e accompagnare e guidare in questa attività. Al momento penso che io e molti dei miei colleghi stiamo pensando a tutto ciò che si può dire e pensare dopo questo periodo. Magari è un film unico nel suo tono e nella sua voce e da produttore lo apprezzo moltissimo. Riccardo ed Alba sono stati fondamentali nel dialogo con Ginevra”.

La Rai con il cinema Italiano, le domande dei giornalisti

Dalla Sala stampa viene chiesto come Scamarcio e la Rohrwacher si siano immersi nel mondo della famiglia di Ginevra Elkann.

“Ginevra ci ha immersi in un mondo accogliente, vero, in cui era facile muoversi. Ci siamo trovati immediatamente a nostro agio. Era un mondo che derivava dalla sua memoria, quindi concreto e fatto di sensazioni ed emozioni, il suo mondo ma è stata talmente brava da farlo diventare immediatamente anche nostro. Questi personaggi esistevano e non mi sono mai chiesta dove iniziava la mia memoria e finiva quella di Ginevra e viceversa. La memoria di Ginevra in qualche modo mi riguarda, essendo coetanee. La sua capacità è stata creare un mondo in cui il mio ricordo potesse fare da supporto al suo per creare ciò che si era immaginata. Ginevra ha un potere magico, oppure possiamo dire che è una grande regista” – risponde la Rohrwacher.

“Aggiungerei soltanto che la mia memoria di bambino è entrata da subito in totale empatia con quella di Alma. Mi ricordo che da bambino i miei genitori litigavano, erano in minaccia di separazione, e andavo a letto facendo la preghierina che non si separassero. Il film da subito attraverso queste dinamiche delicatissime e precise ha fatto sì che io capissi subito il mio personaggio. L’ho costruito in memoria di quello che è il ricordo di mio padre. Un gran bel film è quello che riesce a mettere in scena dei personaggi in cui il pubblico riesce poi a trovare un pezzo di sé” – continua Scamarcio.

La Rai con il cinema Italiano, ulteriori domande

Viene chiesto a Ginevra Elkann come sia stato lavorare con bambini non professionisti.

“I bambini del cast sono stati scelti per la familiarità, non dovevano essere già attori. Sono stati meravigliosi, molto di più di quanto potessi immaginare. Si sono divertiti anche nei momenti più difficili. Sono stati coraggiosi e molto capaci. Bravura e capacità di comprendere ciò che stavano facendo” – risponde la Elkann.

A Scamarcio viene chiesto perchè i padri hanno sempre una grande carica di fascino che resta, soprattutto alle figlie femmine.

“E’ chiaro che i papà hanno un ascendente sulle figlie femmine. E’ una dinamica ancestrale, biologica. Conosco il padre di Ginevra, ma non mi sono lasciato condizionare e non ho neanche provato ad entrare in questa dinamica. Il film è una rielaborazione di ricordi di Ginevra che sono diventati il film che vedete tenendo conto però dei ricordi miei, di Alba, del vissuto dei bambini. E’ un’entità indipendente persino dalla regista, dagli attori e dai produttori. E’ l’unione di tutti questi pensieri e queste emozioni” – risponde lui.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista pubblicista. Nata nell'epoca sbagliata. É donna del suo tempo, ma anche un po' degli anni'80 e dell'800 di Jane Austen. Ama leggere libri fino all'alba, scrivere, disegnare, creare. Guarda telefilm con una vaschetta di gelato al cioccolato d'estate e una tazza di tè bollente in inverno. La sua migliore amica è Shonda Rhimes.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Reazione a catena 2021 con Marco Liorni ecco quando inizia

Tutte le notizie sulla nuova edizione del gioco condotto ancora una volta su Rai 1 da Marco Liorni. Come partecipare.
Serena Angelucci

Pubblicato

il

Marco Liorni 2021 Reazione a catena
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Arriva Reazione a catena con l’edizione del 2021. Il programma di giochi e connessioni sulla lingua italiana, riprende il proprio posto nel palinsesto estivo di Rai 1. Sarà presente sempre nella fascia preserale della prima rete e prende il posto di L’Eredità condotto da Flavio Insinna.

Reazione a catena 2021 con Marco Liorni

Intanto, per il terzo anno consecutivo è confermata la presenza, al timone del programma, di Marco Liorni. Il conduttore è attualmente padrone di casa del contenitore del day time pomeridiano di Rai 1 Italia Si. Per un determinato periodo sarà presente contemporaneamente nei appuntamenti. E quindi in onda tutti i giorni, visto che Reazione a catena, così come L’Eredità non si ferma nel fine settimana e va avanti sette giorni su sette.

Il quiz è nato nel 2007 e fino al 2009 il quiz è stato condotto da Pupo. Successivamente ne ha preso il posto dal 2010 al 2013, Pino Insegno. E’ stata la volta, poi, dal 2014 al 2017 di Amadeus. Per un solo anno, nel 2018, è arrivato Gabriele Corsi. Infine, dal 2019 Marco Liorni ne ha preso il timone.

Il format è un susseguirsi di giochi tutti legati alla lingua italiana che ricorda molto La settimana Enigmistica. In tutti i giochi i concorrenti devono scoprire assonanze tra parole e frasi con lo scopo di completare una “catena di parole”, in base a significati comuni, proverbi, aforismi, titoli di film o di libri e così via. Si tratta de Le catene musicali, Una tira l’altra e L’Ultima catena.

Il programma richiede dunque ai concorrenti una buona cultura generale ed una valida padronanza della lingua italiana. Il gioco più importante è L’intesa vincente che decreta il vincitore della puntata.

Come partecipare

Ecco come partecipare ai casting e quello che dice il regolamento Rai

A partire dall’8 febbraio 2021, tutti gli aspiranti concorrenti al programma potranno candidarsi al provino di Reazione a Catena solo attraverso il portale del Casting Rai www.rai.it/raicasting, previa iscrizione al sito, compilando l’apposito form di iscrizione.

Durante la fase di iscrizione, a ciascun candidato verrà chiesto di scegliere il nome della propria squadra. O, qualora fosse già stata denominata e individuata in precedenza da un componente della squadra stessa, di indicare l’esatta denominazione della squadra di appartenenza, composta
da tre unità.

Quando inizia Reazione a catena 2021

La data di inizio confermata a meno di ulteriori slittamenti, è il 7 giugno 2021. Il programma resta in onda fino al 26 settembre. Per poi cedere il posto di nuovo a L’Eredità di Flavio Insinna.

Nella prima puntata torna la squadra che deteneva in titolo di campione nell’ultima puntata andata in onda nel settembre 2020. Si tratta delle Ricongiunte, ovvero Giulia Rita e Donata, tre amiche alle quali era toccato il compito di battere I tre alla seconda che sono stati presenti per ben 26 puntate all’interno del programma.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

L’Isola dei famosi 8 aprile, ecco perché non va in onda

GIovedì 8 aprile, su Canale 5 salta l'appuntamento serale con L'Isola dei famosi. L'annuncio della conduttrice Ilary Blasi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

L'Isola dei famosi 8 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Salta il prossimo appuntamento con L’Isola dei famosi previsto, come di consueto, in prima serata su Canale 5 giovedì 8 aprile 2021. La conduttrice Ilary Blasi ha spiegato le ragioni del posticipo nel corso della sesta puntata del reality show.

Vi ricordiamo, inoltre, che potete seguire L’Isola dei famosi anche in streaming su internet, tramite il sito a fruizione gratuita Mediaset Play.

L’Isola dei famosi 8 aprile, l’inizio di Supervivientes in Spagna

La settima puntata de L’isola dei famosi non va in onda giovedì 8 aprile per lasciare spazio alla versione spagnola dell’avventuroso reality show. Infatti, l’equivalente iberico de L’Isola dei famosi si chiama Supervivientes, e l’esordio fissato proprio per giovedì 8 aprile 2021. La conduttrice di L’Isola dei famosi, Ilary Blasi, nel corso della sesta puntata del reality ha affermato che la puntata non sarebbe andata in onda per lasciare spazio alla prima di Supervivientes.  

La Blasi ha poi spiegato più chiaramente le altre ragioni alla base della decisione di rinviare la puntata, tutte di natura prettamente logistica. Non ci sarebbero, quindi, motivazioni basate sugli ascolti o strategie mirate a non far sovrapporre il programma con altri trasmessi dalla concorrenza. La presenza delle barche e degli elicotteri preposti allo sbarco dei naufraghi di Supervivientes, infatti, avrebbe potuto disturbare la messa in onda di L’Isola dei Famosi.

I due reality sono entrambi prodotti e distribuiti da Mediaset, uno in Italia, l’altro in Spagna. E quest’anno condividono alcuni spazi in Honduras, fra cui la Palapa. Non sorprende, quindi, che per non mostrare l’approdo nell’area dei naufraghi ispanici, si sia deciso di eliminare la puntata in onda sulle reti italiane.

L'Isola dei famosi 8 aprile

Valeria Marini e Gianmarco Onestini nel cast di Supervivientes

In Honduras, quindi, stanno per approdare numerosi Vip del panorama televisivo spagnolo, per partecipare a Supervivientes, la versione iberica de L’Isola dei Famosi. Tuttavia, molti dei naufraghi pronti a cimentarsi con la sfida hanno nomi noti non solo in Spagna, ma anche in Italia.

Su tutti risaltano i nomi di Valeria Marini e Gianmacro Onestini. La Valeri è una sopravvissuta veterana, che ha già partecipato a diverse edizioni de L’Isola dei Famosi in passato.

Il 29 settembre 2008, infatti, ha accettato di partecipare per la prima volta come “naufraga non in gara” per una settimana. Era la sesta edizione de L’isola dei famosi, e il reality era già iniziato.La Marini, in quell’occasione, ha accettato di partecipare al gioco solo per tenere fede a una scommessa fatta con la conduttrice Simona Ventura.

In seguito, dal 25 gennaio 2012 è stata concorrente della nona edizione del reality show, condotta da Nicola Savino e Vladimir Luxuria su Rai 2. Fu eliminata l’8 marzo, nel corso della settima puntata. Infine, a marzo 2018, dieci anni dopo la prima partecipazione, prende parte per la terza volta a L’isola dei famosi, partecipando come guest star della tredicesima edizione del programma.

Gianmarco Onestini, invece, è un influencer italiano che nel 2018 ha partecipato a Temptation Island in qualità di tentatore. L’anno successivo, nel 2019, è stato tra i concorrenti del Grande Fratello 16. In seguito alla partecipazione sulle reti nazionali, partecipa anche alla versione spagnola del Grande Fratello, chiamato semplicemente “Gran Hermano” (la traduzione di Grande Fratello in spagnolo). Infine, sempre per la tv spagnola, partecipa e vince il reality spagnolo El tiempo del descuento.

Tutti gli altri naufraghi di Supervivientes

Di seguito, tutti i nomi dei Vip che partecipano a Supervivientes, la versione spagnola de L’Isola dei famosi:

  • Valeria Marini
  • Gianmarco Onestini
  • Carmen Russo
  • Aida Yespica
  • Elisa De Panicis
  • Ivan Gonzalez
  • Paola Caruso
  • Fabio Colloricchio
  • Ivana Icardi
  • Valerio Pino
  • Aida Nizar
  • Mario D’Amico.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

L’Aria che tira martedì 6 aprile torna Myrta Merlino, ospite Matteo Renzi

Torna alla conduzione Myrta Merlino ed accoglie, tra i primi ospiti l'ex Premier e leader di Italia Viva, Matteo Renzi.
Serena Angelucci

Pubblicato

il

L'Aria che tira Myrta Merlino
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’Aria che tira torna martedì 6 aprile 2021. La puntata segna anche il ritorno alla conduzione di Myrta Merlino alla guida del il programma in onda in diretta tutti in giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 11.00 alle 13.30 su La7.

L'Aria che tira-

L’Aria che tira martedì 6 aprile ospite Matteo Renzi

Per la puntata in cui fa il suo rientro la padrona di casa, tra gli ospiti è prevista la presenza dell’ex Premier e leader di Italia Viva Matteo Renzi. Si tratta della prima apparizione pubblica di Renzi all’indomani dei suoi viaggi, tanto discussi nei paesi arabi. L’ex Presidente del Consiglio, in studio con la Merlino, dirà il suo punto di vista non solo sulle attuali question politiche in cui è coinvolto il nuovo governo di Mario Draghi. Ma fornisce anche il suo punto di vista sui suoi viaggi in Bahrein dove si è recato a seguire il Campionato di Formula 1.

Molte le polemiche che fanno capo ad una considerazione. Basta andare sul sito del ministero degli Esteri. Qui esiste un questionario molto semplice e utile per chi deve intraprendere un viaggio in un paese estero.

Basta inserire il Paese di destinazione e il motivo del viaggio. Si clicca e si scopre quanto prevede la normativa in vigore per il caso specifico. A questo punto, se si inserisce il nome “Bahrein” e si seleziona “turismo” come motivazione, viene mostrata questa risposta: «Il Dpcm 2 marzo 2021, che disciplina gli spostamenti da/per l’estero fino al 6 aprile 2021, non consente spostamenti per turismo verso i Paesi dell’elenco E». E il Bahrein fa parte di questo elenco.

Che dirà allora Matteo Renzi per giustificare il suo spostamento? Lo scopriamo questa mattina nello studio di L’Aria che tira grazie alla lunga intervista di Myrta Merlino a Matteo Renzi.

Gli altri ospiti di Myrta Merlino

Tra gli altri ospiti di Myrta Merlino c’è anche il presidente della Regione Puglia Michele Emilano.

E poi ancora l’infettivologo e immunologo presso il policlinico Umberto I di Roma Francesco Le Foche, il direttore de “L’Espresso” Marco Damilano, la senatrice di Fratelli d’Italia Daniela Santanchè e il sociologo Domenico De Masi.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it