C’è posta per te, le storie del 15 marzo


Tutti gli ospiti e le vicende raccontate nel people show


 La puntata inzia con l’ingresso trionfale in studio di Francesco Totti. L’entusiasmo del pubblico è alle stelle.

Il calciatore è lì perchè Martina ha un fratello down, Alessandro, appassionato di Totti e vuole fargli una sorpresa. Con l’impegno, però, che il fratello modifichi il suo comportamento, soprattutto nei suoi riguardi.Alessandro è stato viziato dai genitori Infatti ha la stanza più grande nella quale c’è un computer che la sorella non può utilizzare. Alessandro ha messo all’ingresso, un cartello con la scritta “vietato entrare per mia sorella”. Gelosisismo di tutto quanto gli appartiene, non vuole assolutamente condividere nulla con la sorella. Aperta la busta, Martina gli chiede un atto di generosità: vuole che Alessandro le consegni il modem, i videogiochi, il completo di basket. Oggetti,. questi, che arrivano in studio su un carrello, Stranamente Alessandro le concede ogni cosa. A questo punto appare Totti che gli chiede persino la camicia che indossa. Alessandro si emoziona, soprattutto quando il calciatore gli dona dei gaadget della Roma: in particoalre la maglia della squadra e la fascia di capitano. Alla fine la sorella gli chiede anche di non dire più parolacce. Alessandro è talmente felice che consente a Martina anche di dormire nella sua stanza.

 

La seconda storia riguarda Giovanni che ha 21 anni e cerca il padre Antonio dal quale è stato abbandonato quando ancora era molto piccolo. Giovanni insiste sul fatto che alla morte della madre (lui aveva nove anni) gli assistenti sociali avevano chiamato il padre per affidargli il bambino, ma l’uomo ha rifiutato e il ragazzo è andato a vivere con i nonni materni. Giovanni, nel tempo, ha subito una serie di traumi nel contesto in cui viveva. Oggi Giovanni è fidanzato con una ragazza, sara che lo ha spinto a riprendere contati con il padre. Lui ha rintracciato il padre su facebook ne ha visto la foto e ha appreso che il padre è sposato con due bambini piccoli. Non ha voluto contattarlo per timore di una delusione. Si apre la busta e c’è un lungo silenzio. Il figlio rinfaccia di nuovo al padre di non averlo cercato per venti anni sapendo benissimo dove poterlo trovare. Antonio, dopo una serie di giustificazioni poco convincenti, ammette la sua colpa, riconosce di aver sbagliato e abbraccia il figlio.

Terza storia: riguarda Pinuccia,  un’anziana signora di 85 anni, benestante, proprietaria di molti immobili che soffre di solitudine. Dopo due matrimoni e una vita trascorsa tra varie vicissitudini, vorrebbe trascorerre gli ultimi anni della sua vita con un amore giovanile. Per raggiungere questo obiettivo sarebbe disposta a rinunciare a tutti i suoi beni. Racconta che aveva incontrato Italo, il giovane ex carabiniere che sta cercando, su un treno. Tra loro due c’era stato un breve incontro amoroso in una pensione romana. Naturalmente Italo, all’apertura della busta, non la riconosce, nonostante gli sforzi della signora che conserva ancora un biglietto autografo del giovane e altri numerosi indizi.  Italo, oramai anziano, alla fine non si fa convincere. Svela di essere felicemente sposato con figli. Alla vecchia signora non resta che ritornare alla sua solitudine dorata.

La quarta storia ha come protagonista Sabrina Ferilli chiamata da Marina, una ragazza che, dopo un incidente stradale, è rimasta paralizzata e  vive sulla sedia a rotelle. Vuole fare una sorpresa al padre. Marina racconta la sua vicenda: dopo l’incidente non riusciva ad accettare la sua situazione e l’handicap. Il padre  che l’ha cresciuta da solo, la convince e, con il supporto del genitore, riesce a superare l’handicap e condurre una vita quasi normale con un entusiasmo  nuovo e quasi insipegabile per una persona in quelle condizioni. Per tutto ciò che il padre ha fatto per lei, adesso Marina vuole pubblicamente dimostrargli la sua riconoscenza. Il padre, commosso, ascolta il discorso di ringraziamento della figlia e si emoziona ancora di più quando vede scendere dalle scale la Ferilli di cui è un grande fan. La Ferilli ha concordato con la De Filippi di regalare a Marina un sidecar a tre posti.

Ultima storia: Rosa non vede il figlio Giuseppe da quattro anni dal quale viene accuratamente evitata. Giuseppe pur di non farsi trovare cambia in continuazione numero di cellulare ed è giunto anche a staccare il campanello di casa. Rosa racconta la sua storia di sofferenza: è stata lasciata dal marito con tre figli piccoli ed è stata costretta ad andare a  lavorare in Germania. Due dei figli vengono sistemati in un istituto mentre il minore va a vivere con i nonni.  Giuseppe è rimasto in istituto fino a 18 anni. Dopo non è voluto rientare nella casa della madre che, nel frattempo, si era rispossata. Va a vivere con i nonni. Giuseppe rimprovera alla madre di non essere accettato dal marito di lei. La discussione tra madre e figlio è molto lunga e faticosa. Il marito di Rosa rimprovera a Giuseppe di aver sottratto una somma di denaro da un libretto di risparmio dei nonni. Il giovane, pur ammettendo la sua colpa, non accetta rimproveri da un uomo che ritiene un estraneo e contesta alla madre di essere succube del marito. La donna, in lacrime, implora il figlio che, alla fine apre la busta. Ma l’abbraccio è molto freddo da parte di Giuseppe,

Alla fine dalla puntata Maria De Filippi ringrazia tutta l’equipe che lavora al programma ed è presente in studio. Come ultimo atto ripropone alcune clip delle varie storie. Arrivederci alla prossima edizione.



0 Replies to “C’è posta per te, le storie del 15 marzo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*