Junior MasterChef, fuori Moise, Luca, Lavinia e Matteo


I due episodi raccontati fase per fase


 Ecco duqnue gli ingredienti con cui cimentarsi nella preparazione di una ricetta originale: gallinella di mare, gallina, mostarda, pomodorini, finocchio, barbabietola, patate, giardiniera, farina e uova.

La prima sfida è stata molto impegnativa, ma girando tra i banchi, dicono i giudici, hanno visto piatti belli.

Il primo piatto da valutare è quello di Andrea: Soffici di gallina. Il secondo pitto da assaggiare è tecnicamente il più complesso ed è quello di Clarissa: si chiama Verso est ed è un tortino di insalata mista con gallinella Il terzo tra i migliori piatti è quello di Emanuela. Andrea Alissa e Emanuela hanno saputo valorizzare meglio gli ingredienti della Mysteri box. Il vincitore della prima Myistery box è Alissa.Adesso la bimba va in disoensa a scegliere l’ingrediente principale della prossima prova il cui tema è “le verdure”. La prima verdura sono gli spinaci, la seconda sono i broccoli, la terza, i fagiolini.

Il piatto che Alissa deve preparare è completamente vegetariano e la bimba avrà i consigli dello Chef Pietro Leeeman unico Chef stellato vegetariano. Alissa tra le tre vedure sceglie gli spinaci. I ragazzini non sono molti felici del fatto che devono preparare un piatto con le verdure che ai più non piacciono. Adesso tutti in dispensa a fare la spesa, ricordando che il piatto deve essere completamente vegetariano. Al termine di questo Invention test, due ragazzi saranno eliminati.

Giudici di Junior Msterchef

Partono i 75 minuti a disposizione. Gli chef girano tra le postazioni, distribuiscono consigli, tranquillzzano i ragazzi più agitati. Parola d’ordine per tutti: non voglio uscire dalla cucina.

Il primo piattio da assaggiare è quello di Alissa: Yellow submarine si chiama. Per Matteo: fantasia di spinaci con granella di nocciole, ma non riscuote la lode degli Chef. Dopo Eleonora, arriva Fabio con il tortino di spinaci. Barbieri lo trova buono. Arriva Moiese ma il suo piatto non convince. Francesca ha preparato girandola di crepe con ripieno di spinaci. Carlotta ha preparato polpettine di spinaci. Andrea il cornetto d’estate. Lavinia: tortino di spinaci con salsa di caprino.Federico presenta: il verde in un piatto. Il piatto di Luca non convince. Alessandro porta uno sformato di spinaci. Ravioli alla bandiera italiana è il prossimi piatto. Arriva Andrea che riceve molti complimenti.

E’ il momento del vedetto: i giudici chiamano quattri piatti tra i quali ci sono i due migliori e peggiori. Sono Carlotta, Moise, Fabio e Luca. I migliori sono: Carlotta e Fabio che saranno i capitani dalla prossima prova in esterna. Finisce l’episodio con l’uscita di Moise e Luca.

Andrea

Inizia il secondo episodio della puntata. I dodici giovani cuochi sopravvissutii si trovano nel Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano. Qui devono affrontare la loro prima prova a squadre in esterna. Il tema della sfida è la colazione e devono prepararla per le 60 persone che gestiscono il Museo. Devono servire una colazione internazionale. Saranno coadiuvati da Spyros. Carlotta e Fabio devono scegliere i componenti della rispettive squadre: sarà la sorte  decidere che seleziona per primo. Ed è Fabio. Adesso però i bambini devono dormire. Trascorreranno la notte al museo nei loro sacchi a pelo. Sveglia all’alba.

Appena alzati  a suno di mestoli proprio da Spiros, i due capitani delle squadre danno ai loro compagni di compiti di cui dovranno occuparsi. La colazione è impegnativa: c’è da preparare torte, ciambelloni, uova strapazzate, spiedini di frutta, muffin di cui solo Emanuela ne prepara ben 40. Il tempo scorre e i giudici invitano a velocizzare.

Nella squadra blu i preoarativi sembrano procedere meglio, in quella rossa, si discute e, ad un certo punto, una torta finisce a terra. Intanto i 60 dipendenti del Museo che saranno gli asssaggiatori ufficiali, stanno arrivando.E’ il momento del verdetto: i giudici dicono che i vincitori hanno vinto per un solo voto. Ad aggiudicarsi la prova è la squadra blu.

Per la suqdra rossa si prospetta il primo Pressure test che è composto da tre prove. L’ingrediente della prima proiva è costiuito dalle patate: chi ne pela di più in 5 minuti si aggiudica i primi punti. Federico è il migliore con otto patate pelate.

Il secondo step e tagliare il maggio numero di patate con il taglio da “patatine fritte”. Il migliore di questa prova è Fabio. segue Andrea.

 Tutto dipende dalla terza prova: fare le patate fritte. Sembra facile, incalzano gli Chef, ma non è così. Allo scdere del tempo, si passa all’assaggio: Emanuela convince. Le patatine fritte di Lavinia non sono molto cotte. Anche Federico convince. Ed ecco la decisione: Le migliori patatine sono quelle di Fabio. Il secondo miglio piatto è quello di Andrea. I due ragazzini sono salvi.  Gli altri quattro si cimentano con la cotoletta che deve essere cucinata alla perfezione.

Matteo non ha preparato una cotoletta buona. Emanuela invece si. Lavinia ha fatto togliere l’impanatura. Ed ecco il verdetto: i piatti migliori sono quelli di Emanuela e Federico che sono salvi. Escono Mattia e Lavinia.



0 Replies to “Junior MasterChef, fuori Moise, Luca, Lavinia e Matteo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*