Connect with us

News

Le iene show, la puntata del 9 aprile

tutti i servizi andati in onda questa sera
Irene Natali

Pubblicato

il

tutti i servizi andati in onda questa sera
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si inizia subito con il primo servizio: Investito da un ministro, di Paolo Calabresi. Davide Reperi è un uomo che è stato investito dalla macchina di una scorta di un ministro; le conseguenze sono state sia fisiche che psichiche. Dopo 28 giorni di coma, ha dovuto riniziare dall’inizio; ha addirittura dovuto ricominciare a parlare. Anche il rapporto con il figlio è cambiato perché ha perso la casa e i soldi. Ora la Asl gli ha riconosciuto il 75% di invalidità permamente. L’assicurazione ha riconosciuto i danni fisici e materiali soltanto agli uomini della scorta, che andava oltre i 100 all’ora in una strada di Roma dove il limite era dei 25. la responsabilità dello scontro non è dunque da imputarsi a una sola della parti in causa, cioè Davide.

Nel secondo servizio, Luigi Pelazza si occupa di “missioni di pace”, come nella puntata della settimana scorsa: Militari italiani che torturano in missione di pace. Questa volta Pelazza ascolta un altro militare, Angelo, che racconta di scosse e mostra foto di prigionieri legati a Nassiriya; in un’altra foto c’è un prigioniero incappucciato e con mani e piedi legati. Nel ’97 in Somalia i paracadutisti utilizzavano lo stesso metodo di tortura con gli elettrodi. Inoltre Angelo racconta che, durante gli interrogatori, i civili iracheni venivano messi a testa in giù. Noi non lo vediamo, ma Pelazza specifica che l’uomo sorride mentre parla di queste atrocità. Angelo infine, gestiva il satellitare del generale che comandava tuto il contingente a Nassiriya, ed è convinto che l’attentato ai carabinieri italiani fosse un messaggio rivolto ai politici. Conclude sostenendo che la missione e la ricostruzione sono fallite.

Dopo la pubblicità, si rientra in studio con Mamma e figlia, l’intervista doppia a Ornella Muti e Naike Rivelli.

Dopo un anno, Pablo Trincia torna da Luisa, una donna che cresce da sola due figli disabili. Ora, come da titolo del servizio, Qualcosa è cambiato: dopo la puntata de Le Iene infatti, le è arrivato l’aiuto delle persone, i bambini hanno un’asssistente e, in più, frequentano un centro dove possono conoscere altre persone. Prima vivevano praticamente murati in casa. Ora che la sua vita ha ricominciato ad andare nella giusta direzione, Luisa è riuscita persino ad innamorarsi di nuovo dopo la fine del suo matrimonio. Ancora però, la donna non ha trovato un medico che potessero diagnosticare la malattia dei figli: i due non hanno mai né camminato né parlato, e lei non sa di preciso che tipo di disturbo psicomotorio abbiano.

E’ la volta di Nadia Toffa: Medici corrotti dalla case farmaceutiche. Alcuni informatori medici, anziché limitarsi a mostrare il proprio prodotto, offorno soldi a dottori e  farmacisti per acquistare la loro medicina. I soldi possono essere liquidi, oppure beni materiali come cellulari o buoni benzina; altri offrono vacanze mascherate da congressi. Nel servizio vediamo alcuni di questi scambi, documentati da una telecamera nascosta. Sempre a telcamera nascosta poi, un complice cerca di organizzare un congresso: la donna a cui si rivolge, gli confessa che le case farmaceutiche pagano versando su conti esteri, in modo da non farsi scoprire. Pubblicità.

Si riparte parlando dell’ultimo film di Lars Von Trier, Nymphomaniac: la Blasi spiega che parla di gente che si accoppia con chiunque; Mammucari intanto si preoccupa per Dudù, visto che Belrusconi se l’è messo in casa.

Tocca a Sabrina Nobile: Il maestro Albertazzi non paga. La iena è stata contattata dal proprietario della casa dove ha vissuto Giorgio Albertazzi; il maestro però sembrerebbe non aver pagato né affitto né condomini. Inoltre mancano le maniglia dalle porte i muri sono stati ritinteggiati, nonostante il contratto lo vietasse. Il debito ammonta a 21mila euro. La Nobile avvicina Albertazzi chiedendogli della sua carriera con riverenza, poi vira a tradimetno sulla questione della casa; lui quasi la picchia.

Settimo servizio: Si possono tassare le prostitute?, di Matteo Viviani. Gaia ha un passato da escort, ma ha smesso perché stava facendo “una cosa contraria  alla legge di Dio”; ora lo Stato le chiede le tasse che non ha pagato. L’Agenzia delle Entrate le chiede 50mila euro, considerando il suo lavoro come autonomo, solo che lei non è riuscita a regolarizzarsi come escort perché la sua professione non era legale. Insomma: Gaia non ha potuta aprire una partita iva per pagare le tasse, ma ora deve versare soldi. La donna quindi non esiste per l’Inps, però la sua posizione fiscale può essere classificata come massaggiatrice o accompagnatrice: in pratica vengono tassate quelle attività che la prostituzione comprende. Le prostitute possono regolarizzarsi in questo modo, ma, di fatto, la questione rimane ancora ambigua.

L’infiltrato Stefano Corti si intrufola in una partita di football americano, mischiandosi tra gli ignari atleti. Addirittura si fa massaggiare dal medico della squadra  a causa di una storta; non solo, si prepara a partecipare persino al discorso pre-partita del mister.

Segue Angelo Duro, che oggi tenta approcci gay con i passanti. Un signore minaccia di suonargliele, un ragazzo è fidanzato, un altro ancora è eterosessuale.

Filippo Roma incontra De Laurentiis vestendo i panni del Moralizzatore, costringendo il presidente della squadra del Napoli a pentirsi per l’aterco con il tifoso juventino.

Dopo una serata passata a dire che la collega somiglia a Floriana, ecco che in studio entra la vera Floriana Secondi, vestita e pettinata esattamente come Ilary Blasi.

Il prossimo servizio è di Riccardo Trombetta: Se l’antibiotico finisce nel latte. Alcuni farmacisti vendono medicinali per animali senza ricetta medica. In particolare, per le mucche: senza ricetta però, questi animali non possono essere controllati; di conseguenza noi rischiamo di bere latte che contiene antibiotici.

Sulle note di Da da umpa, stacchetto delle “gemelle” Ilary e Floriana; al termine, le due si lasciano fotografare da Mammucari.

Si ricomincia dunque con i servizi. Pablo Trincia ci parla de La marjuana americana. A Los Angeles non basta una ricetta per acquistare erba a scopo terapeutico, occorre una licenza.  Esistono poi negozi con diversi tipi di qualità di marijuana, da fumare e mangiare; alcuni la cucinano pure. Trincia ci mostra uno di questi negozi: scopriamo che esistono gli assaggiatori che ne testano la qualità e una ragazza che smista la marijuana prima di metterla in vendita. Un altro prodotto presente nell’esercizio è l’hashish, comprata dai malati di tumore che hanno bisogno di qualcosa di più forte.

Enrico Lucci alle prese con Religiosi e mondo dello spettacolo: da Frate Metallo a Don Mazzi, gli uomini di Chiesa che sono stati ospiti nei salotti televisivi. C’è anche Don Marino, un parroco che si è presentato al provino per il Grande Fratello; per un attimo Lucci è tentato dall’idea della rpima iena prete.

Mauro Casciari torna sui finti autovelox, scatole vuote pagate fior di euro dalle amministrazioni locali: Quelli dei finti autovelox. La iena cerca di capire quale sia la società che li vende; dopo diverse ricerche trova una sede, ma scopre ben poco.  Di fatto però, i Velo Ok sono troppo piccoli per contenere gli autovelox.

Si cambia argomento, con un servizio di Nina Palmieri per X Love: Pornografia. A tal proposito, vengono intervistati degli esperti e una pornostar: si parla del porno all’interno di una coppia, della differenza tra porno ed erotismo, di cosa eccita lo spettatore. Non si tratta di un prodotto per soli uomini, solo che le donne difficilmente lo ammetteranno.

Filippo Roma indaga sugli Aumenti ai manager pubblici. La iena intervista un manager della Presidenza del Consiglio, che spiega come certe nomine siano prettamente politiche senza che si posseggano dei requisiti. Secondo l’uomo le lobby più attive sono quella farmaceutica e quella del gioco.  Rispetto ai normali dipendenti pubblici, sono aumentati solo gli stipendi dei manager: Carlo Cottarelli. commissario alla spending review, si defila dalle domande. Matteo Renzi invece promette una rapida soluzione, ma il programma non lo può mandare in onda per motivi di par condicio. Giulio Golia ci fa conoscere Pietro, alle prese con Le falsità dell’assessore. Pietro ha partecipato a uno stage in un Comune, organizzando un evento. Tre anni dopo ha ricevuto una cartella da parte di Equitalia perché non avrebbe denunciato 5mila euro di entrate. Peccato che Pietro quei soldi non li abbia mai ricevuti. Quei soldi in realtà sono partiti, finiti però in qualche fondo nero dell’azienda per cui Pietro ha lavorato. L’ex assessore del Comune gli chiede di testimoniare il falso, dicendo di essere stato pagato ma di essersene dimenticato. Quando Golia lo raggiunge, sostiene di non aver istigatato il ragazzo a mentire.

In conclusione il solito momento del Sim Sala Teo; la puntata qui , stasera senza twerkatore. Appuntamento a mercoledì prossimo!

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Le Iene Alessia Marcuzzi salta la puntata del 13 aprile 2021

Alessia Marcuzzi salta l'appuntamento di martedì 13 aprile con la conduzione de Le Iene Show. Suo marito è risultato positivo al Covid.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Le Iene Alessia Marcuzzi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alessia Marcuzzi salta l’appuntamento del 13 aprile 2021 con Le Iene Show su Italia 1. Lo ha annunciato la conduttrice stessa per mezzo di una storia pubblicata su Instagram. 

Le Iene Alessia Marcuzzi, di nuovo in quarantena

La conduttrice de Le Iene Show Alessia Marcuzzi ha reso pubblica in una storia sul social Instagram la notizia: non sarà presente nel corso della puntata del 13 aprile 2021. Come ha scritto lei stessa, infatti: “Purtroppo mio marito la scorsa settimana è risultato positivo al tampone molecolare. Ovviamente si è subito auto isolato e per ora sta bene.”.

Anche la Marcuzzi, intanto, sta bene, e ha rassicurato i fan della trasmissione aggiungendo che: “Io sono fortunatamente risultata negativa (ho già effettuato due tamponi molecolari). Ma come da protocollo sono cautelativamente in casa in attesa di ulteriori controlli. Con molto dispiacere, a tutela delle persone che mi stanno accanto, e per rispetto della prassi, non potrò essere presente a Le Iene che comunque seguirò da casa. Un bacio a tutti”.

Alessia Marcuzzi era già stata assente in passato dalla trasmissione, precisamente a ottobre 2020. In quell’occasione, però, era stato un suo tampone rapido a risultare positivo. Sta di fatto che, comunque, per il momento la Marcuzzi è dovuta tornare in quarantena, nel pieno rispetto della normativa per il contenimento del Covid. Perciò, Nicola Savino resta “solo” alla conduzione del programma; ovviamente, in compagnia delle voci dei membri della Gialappa’s Band.

Le anticipazioni per la puntata del 13 aprile

Intanto, sono già state pubblicate le prime anticipazioni per uno dei servizii in onda nella puntata de Le Iene Show di martedì 13 aprile.

Un operaio dell’azienda ArcelorMittal è stato licenziato dopo aver condiviso sul suo account Facebook privato un invito ai colleghi. Nel post l’uomo aveva condiviso un invito a vedere la serie “Svegliati amore mio”; nota per aver riportato all’attenzione del pubblico e dei media i rischi dell’inquinamento ambientale per la salute dei cittadini. I vertici dell’acciaieria non avrebbero apprezzato il gesto, che ha portato al licenziamento dell’operaio; giustificato, a loro dire, dai “contenuti denigratori e altamente lesivi dell’immagine dell’azienda.” presenti nel post.  Il servizio è a cura della Iena Alessandro Di Sarno. 

L’autore del servizio ha cercato di contattare in merito il responsabile delle risorse umane dell’azienda: Arturo Ferrucci. Che, pare, si sarebbe negato ai microfoni delle Iene in più occasioni. Così, il videomessaggio che la Iena Di Sarno avrebbe voluto mostrare al responsabile, è stato proiettato sulla facciata dell’azienda tarantina. 

Nel videomessaggio, è Ricky Tognazzi, uno dei registi e sceneggiatori di Svegliati amore mio, ad esporsi in difesa dell’operaio.Meglio mettere al rogo il film che mandare per stracci una persona, un uomo con famiglia e figli. Arrestateci tutti, arrestate noi, fermateci. Siamo dei potenziali terroristi che abbiamo causato, in qualche modo, il licenziamento di un povero operaio. Grazie ArcelorMittal per aver fatto quello che la censura non è riuscita a fare in cent’anni”. afferma Tognazzi.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Report Lo sterco del diavolo questa sera su Rai 3, gli altri servizi

Le inchieste e i reportage di cui si occupa Sigfrido Ranucci nel corso della puntata. In primis gli scandali in Vaticano.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Report Lo sterco del diavolo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Report propone oggi l’inchiesta dal titolo Lo sterco del diavolo. Va in onda lunedì 12 aprile alle 21.30 su Rai3 e su RaiPlay. Al timone come al solito Sigfrido Ranucci che promette rivelazioni esplosive.

Report Lo sterco del diavolo questa sera su Rai 3

Report riparte con l’inchiesta esclusiva “Lo sterco del diavolo” di Giorgio Mottola con la collaborazione di Norma Ferrara e Giulia Sabella.

Il reportage documenta come gli scandali all’ombra del Cupolone non si fermano nemmeno davanti ai Santi. Da anni Papa Francesco ha avviato una battaglia interna al Vaticano per portare trasparenza nei conti della Santa Sede. Ma la resistenza interna continua a essere forte: troppi sono gli interessi finanziari in ballo.

Questa sera viene raccolta una denuncia inedita dalla trasmissione. All’interno della Congregazione per le cause dei santi, la commissione vaticana che gestisce i processi di canonizzazione, un alto funzionario avrebbe chiesto una tangente per avviare il processo di beatificazione di un candidato molto noto e amato.

Una vicenda avvenuta mentre il prefetto della Congregazione per le cause dei santi era il cardinale Giovanni Angelo Becciu, l’ex sostituto della Segreteria di Stato dimessosi lo scorso settembre dopo le accuse di peculato.

Con documenti inediti e testimonianze esclusive Report ricostruirà gli investimenti finanziari realizzati dalla Segreteria di Stato negli ultimi anni.

A partire dall’acquisto degli ex magazzini Harrod’s di Londra, un palazzo costato al Vaticano oltre 400 milioni di euro e che oggi varrebbe non più di 290 milioni. Dietro agli investimenti opachi fatti con i soldi dei fedeli, si nasconderebbero uomini d’affari spregiudicati, faccendieri, religiosi corrotti e una guerra all’interno dei servizi segreti italiani.

Gli altri servizi

Tra gli altri servizi: Il triangolo della censura con una discussione e un approccio sul mancato aggiornamento del piano pandemico.

Si chiude con Sputnik il vaccino che viene dal freddo. 

Efficacia dichiarata altissima (92%), prezzo contenuto (10 dollari a dose), scarsi effetti collaterali, queste le caratteristiche del vaccino. Mentre in Europa mancano i vaccini e le dosi arrivano con al rallentatore, tutti parlano di Sputnik V. Il siero russo però in Europa non arriva e la sua autorizzazione si sta trasformando in un giallo.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Reazione a catena 2021 con Marco Liorni ecco quando inizia

Tutte le notizie sulla nuova edizione del gioco condotto ancora una volta su Rai 1 da Marco Liorni. Come partecipare.
Serena Angelucci

Pubblicato

il

Marco Liorni 2021 Reazione a catena
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Arriva Reazione a catena con l’edizione del 2021. Il programma di giochi e connessioni sulla lingua italiana, riprende il proprio posto nel palinsesto estivo di Rai 1. Sarà presente sempre nella fascia preserale della prima rete e prende il posto di L’Eredità condotto da Flavio Insinna.

Reazione a catena 2021 con Marco Liorni

Intanto, per il terzo anno consecutivo è confermata la presenza, al timone del programma, di Marco Liorni. Il conduttore è attualmente padrone di casa del contenitore del day time pomeridiano di Rai 1 Italia Si. Per un determinato periodo sarà presente contemporaneamente nei appuntamenti. E quindi in onda tutti i giorni, visto che Reazione a catena, così come L’Eredità non si ferma nel fine settimana e va avanti sette giorni su sette.

Il quiz è nato nel 2007 e fino al 2009 il quiz è stato condotto da Pupo. Successivamente ne ha preso il posto dal 2010 al 2013, Pino Insegno. E’ stata la volta, poi, dal 2014 al 2017 di Amadeus. Per un solo anno, nel 2018, è arrivato Gabriele Corsi. Infine, dal 2019 Marco Liorni ne ha preso il timone.

Il format è un susseguirsi di giochi tutti legati alla lingua italiana che ricorda molto La settimana Enigmistica. In tutti i giochi i concorrenti devono scoprire assonanze tra parole e frasi con lo scopo di completare una “catena di parole”, in base a significati comuni, proverbi, aforismi, titoli di film o di libri e così via. Si tratta de Le catene musicali, Una tira l’altra e L’Ultima catena.

Il programma richiede dunque ai concorrenti una buona cultura generale ed una valida padronanza della lingua italiana. Il gioco più importante è L’intesa vincente che decreta il vincitore della puntata.

Come partecipare

Ecco come partecipare ai casting e quello che dice il regolamento Rai

A partire dall’8 febbraio 2021, tutti gli aspiranti concorrenti al programma potranno candidarsi al provino di Reazione a Catena solo attraverso il portale del Casting Rai www.rai.it/raicasting, previa iscrizione al sito, compilando l’apposito form di iscrizione.

Durante la fase di iscrizione, a ciascun candidato verrà chiesto di scegliere il nome della propria squadra. O, qualora fosse già stata denominata e individuata in precedenza da un componente della squadra stessa, di indicare l’esatta denominazione della squadra di appartenenza, composta
da tre unità.

Quando inizia Reazione a catena 2021

La data di inizio confermata a meno di ulteriori slittamenti, è il 7 giugno 2021. Il programma resta in onda fino al 26 settembre. Per poi cedere il posto di nuovo a L’Eredità di Flavio Insinna.

Nella prima puntata torna la squadra che deteneva in titolo di campione nell’ultima puntata andata in onda nel settembre 2020. Si tratta delle Ricongiunte, ovvero Giulia Rita e Donata, tre amiche alle quali era toccato il compito di battere I tre alla seconda che sono stati presenti per ben 26 puntate all’interno del programma.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it