The Knick, su Sky Atlantic e al Festival del Cinema di Roma

la srie presentata in anteprima al Festival Internazionale del Cinema di Roma


                                                                                                      

“The Knick” è il nuovo lavoro del cineasta statunitense premio Oscar per Traffic e Palma d’Oro a Cannes per Sesso, bugie e videotape, che ha diretto tutti e 10 gli episodi della serie scritti da Jack Amiel e Michael Begler, sceneggiatori di Quando meno te lo aspetti e Qualcosa di straordinario. Il protagonista Clive Owen, Golden Globe per Closer, ha incontrato il pubblico del Festival, dove sarà proiettata l’intera serie con il finale di stagione in contemporanea con gli USA.

Accanto a Clive Owen, nel cast figurano, tra gli altri, Andrè Holland (attore cinematografico, teatrale e televisivo interprete della serie Amici di letto e dei film Bride Wars – La mia miglior nemica e 42 – La vera storia di una leggenda americana), Jeremy Bobb (interprete di serie televisive come Boardwalk Empire, House Of Cards, Hostages), Eve Hewson (protagonista di This Must Be the Place accanto a Sean Penn e figlia del grande Bono Vox) e Juliet Rylance (attric\e principale con Ethan Hawke del fortunato thriller Sinister).

Attualmente in programmazione sull’emittente via cavo statunitense Cinemax, “The Knick” è un medical drama ambientato nella New York di inizio ‘900, all’interno dell’ospedale Knickerbocker, capitanato dal giovane e brillante chirurgo John Thackery (Clive Owen), pioniere di nuovi metodi nel campo della chirurgia in un’epoca caratterizzata da elevati tassi di mortalità e assenza di antibiotici.  Ossessionato dal suo lavoro e dalle ricerche sul corpo umano, John Thackery  – il cui personaggio è ispirato alla vera vita del celebre chirurgo americano William Halstead  –  nasconde però una pericolosa dipendenza dalla cocaina e dall’oppio.

{module Google richiamo interno} Dopo che il Dr. J.M. Christiansen (Matt Frewer), primario dell’ospedale e mentore di John, si toglie la vita, il consiglio di amministrazione decide di affidare proprio al Dr. Thackery la guida dell’ospedale imponendogli come vice il promettente dottore afroamericano Algernon Edwards (André Holland) fortemente voluto da Cornelia Robertson (Juliet Rylance), figlia di uno dei benefattori del Knick e a capo dei servizi sociali della struttura. L’arrivo di un collega di colore in un team di medici bianchi costituisce una vera e propria rivoluzione per l’epoca, e  mette duramente alla prova il Dr Edwards, che sebbene sia laureato ad Harvard, fatica a farsi rispettare nell’ambiente.

Tra i personaggi più importanti, il team medico composto dal giovane Dr. Bertie Chickering Jr. (Michael Angarano) e dal prediletto del Dr. Thackery, il Dr. Everett Gallinger (Eric Johnson), la giovane infermiera Lucy Elkins (Eve Hewson), lo scontroso autista d’ambulanza Tom Cleary (Chris Sullivan), il corrotto amministratore Herman Barrow (Jeremy Bobb) e Suor Harriet (Cara Seymour) che gestisce l’orfanatrofio dell’ospedale.

A metà strada tra il medical e il period drama, in the “The Knick”  Soderbergh traccia un affresco “moderno” della New York inizio secolo, creando un’opera coinvolgente che – secondo la critica americana – ridefinisce le potenzialità del dramma storico.

Un’epoca attraversata da formidabili spinte all’innovazione, al progresso scientifico e tecnologico, ma che porta con sé anche profondi conflitti sociali e razziali. Affianco alle prodigiose scoperte in campo medico, le vicende che ruotano interno all’ospedale Knickerbocker, frequentato prevalentemente da poveri e immigrati che diventano senza saperlo cavie degli esperimenti del Dr. Thackery, fanno emergere anche un ambiente profondamente corrotto, dove gli ispettori sanitari fanno affari illeciti e i portantini prendono denaro sotto banco per accaparrarsi i malati.

Con “The Knick” Soderbergh torna a lavorare per il piccolo schermo dopo l’Emmy ottenuto nel 2013 per film tv targato HBO Behind the Candelabra – Dietro i candelabri e va ad infoltire la lunga lista di cineasti che stanno portando uno nuovo sguardo autoriale alla serialità televisiva.

“La televisione – dichiara Soderbergh   riesce a fare quello che il cinema faceva una volta. La tv sta crescendo e i criteri che decretano il successo di una serie sono più ampi. E’ per questo che molti registi cinematografici stanno gravitando verso questo mondo oltre che per la varietà delle storie e la libertà che il mezzo consente. Quando qualcuno mi sottopone un’idea – conclude Soderbergh – oggi sono molto più incline a pensarlo come prodotto televisivo piuttosto che cinematografico”.

Ancor prima del suo debutto negli Stati Uniti, la serie è già stata rinnovata per una seconda stagione, composta come la prima da dieci episodi. In Italia “The Knick”  andrà in onda dall’11 novembre 2014 in prima tv assoluta e in esclusiva su Sky Atlantic HD.



0 Replies to “The Knick, su Sky Atlantic e al Festival del Cinema di Roma”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*