Quelli che il calcio, il “Dolce” di Lucia Ocone


la nuova imitazione dell'attrice comica nel talk show del pomeriggio festivo di rai2


 La parodia, ben riuscita, verte tutta sulla polemica che c’è stata nei giorni scorsi tra i due stilisti e il cantante Elton John che, invece, si è dichiarato favorevole alle adozioni di bamabini da parte di coppie gay.

Nicola Savino, il conduttore di Quelli che il calcio lancia il collegamento con Dolce per capire queli sono le motivazioni che lo hanno convinto a fare quelle dichiarazioni. Dolce- Ocone appare seduto su un grande letto mentre una cameriera gli porge un vassoio sul quale ci sono miriadi di carte di credito. “Per le pulizie di primavera sto facendo lucidare le carte di creedito” afferma il finto Domenico Dolce. E subito dopo continua: “è l’amore quello che conta. Noi non siamo omofobi, diciamo soltanto che, se tra due uomini seri può nascere un fattorato di 900 milioni di euro, ben venga l’amore”.

Nicola Savino incalza: “sulla procreazione assistita siete divisi, e avete addirittura usato il termine Figli Sintetici. Certo, risponde il finto stilista, noi siamo per i prodotti di qualità, un bambino sintetico si infeltrisce al primo lavaggio.

Quellli che il calcio la parodia di Domenico Dolce

Non siete spaventati da questo boicottaggio che è partito proprio da Elton John? insiste ancora Savino. Che Elton rinunci a Stefano ci credo, ma che rinunci al Dolce proprio no, visto quanto mangia, afferma il falso stilista.

Poi la domanda: che significa per voi la famiglia tradizionale? Per noi la famiglia tradizionale è dove c’è amore risponde Dolce. Per me, in particolare, significa un modello di 22 anni, uno yacht e una bottiglia di champagne.

La parodia va avanti e noi vi riproponiamo il video.



0 Replies to “Quelli che il calcio, il “Dolce” di Lucia Ocone”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*