Connect with us

News

Le iene show: tangenti alla Presidenza del Consiglio

la trascrizione dell'intervista fatta da Filippo Roma ad una fonte anonima su presunte tangenti a Palazzo Chigi

Pubblicato

il

la trascrizione dell'intervista fatta da Filippo Roma ad una fonte anonima su presunte tangenti a Palazzo Chigi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

{module Banner sotto articoli}

Domanda: Che cosa ci vuoi segnalare?

Risposta: Ho lavorato per molti anni con un’azienda che si occupa di forniture di servizi

D: E a chi li fornisce questi servizi?

R: Ad aziende private e, tramite gare d’appalto, ad aziende pubbliche e anche ad istituzioni.

D: Cioè, tipo, quali istituzioni?

R: Per esempio la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

D: E cos’è che non va?

R: Non va il fatto che quest’azienda pur di aggiudicarsi qualsiasi tipo di gara d’appalto usava la metodologia degli omaggi, dei regali, diciamo…delle mazzette.

D: Sei sicura che questi metodi siano stati utilizzati anche per ottenere appalti da parte di istituzioni pubbliche?

R: Certamente, mi riferisco in particolare ad una gara della Presidenza del Consiglio dei Ministri con importo pari a qualcosa meno di 10 milioni di euro gestita in modo totalmente illegale

D: In che senso?

R: Nel senso che per importi di tale consistenza la legge ti dice di fare comunque una gara europea.

D: E invece?

R: Non è avvenuto, è stato fatto un affidamento diretto ma anche qui c’è una certa anomalia, nel senso che a questa gara sono state invitate 5 ditte, queste 5 ditte sono state, guarda caso, segnalate alla Presidenza del Consiglio dalla ditta stessa che si è aggiudicata l’appalto finale, e quindi già in partenza i giochi erano già fatti. Si sapeva già chi doveva vincere.

D: Cosa ha fatto questa ditta per ottenere così facilmente un appalto così importante?

R: Personale interno alla Presidenza del Consiglio in cambio di denaro ha favorito questa ditta in tutto e per tutto.

D: Ci puoi spiegare proprio il meccanismo attraverso cui avveniva questo sistema di corruzione?

R: Un certo numero di dirigenti, alcuni attualmente in pensione e altri invece che sono ancora in servizio presso la Presidenza del Consiglio erano in realtà nel libro paga di quest’azienda.

D: Che vuol dire erano nel libro paga di quest’azienda?

R: Nel senso che ricevevano denaro.

{module Banner sotto articoli}

D: Chi è che pagava questi dirigenti?

R: Il titolare dell’azienda.

D: In che modo li pagava?

R: A volte erano alcuni collaboratori più stretti di questo titolare dell’azienda a effettuare direttamente le consegne, talvolta addirittura questi personaggi si recavano direttamente in azienda.

D: Questo come lo sai?

R: Perché ho lavorato per molti anni in quest’azienda e ho avuto modo di capire come veniva gestito questo sistema.

D: Ma le cose che dici sono gravi, le puoi documentare?

R: Le posso documentare tranquillamente.

D: Come?

R: Questo è parte di un libro paga, parliamo di oltre 2 milioni di euro di mazzette.

D: Ammazza, porca miseria! Su questa sorta di libro paga che ci fai vedere quali e quante mazzette ci sono segnate?

R: Questo foglio che ti sto facendo vedere si riferisce ad un solo mese e per la sola Presidenza del Consiglio parliamo di un importo pari a 1.162.000 euro, poi abbiamo un altro milione di euro che sono andati distribuiti fra dirigenti di enti pubblici e privati.

D: Queste cifre venivano elargite ogni mese o sono cifre una tantum?

R: Ci sono alcuni che ricevevano i soldi mensilmente altri invece li percepivano al pagamento delle fatture.

A questo punto la persona che Filippo Roma sta intervistando, a riprova di ciò che racconta, ha dato alla Iena un file di testo che secondo lei sarebbe uno dei fogli relativi ad un solo mese del libro paga dell’azienda per cui lavorava. Per motivi legali tutti i nomi sono oscurati, ma la Iena mostra come nel file sotto la voce Presidenza siano indicati 5 nomi che avrebbero ricevuto le cifre indicate in corrispondenza. Il tutto per la cifra complessiva di 1.162.000 euro solo per la Presidenza del Consiglio e per un totale di 2.212.000 di euro di tangenti pagate in generale per ottenere i lavori.

L’intervista prosegue.

D: I dirigenti della Presidenza del Consiglio che hanno preso questi soldi in cambio cosa facevano per quest’azienda?

R: All’inizio avevano totalmente pilotato la gara d’appalto

D: E poi?

R: Al momento in cui arrivava la fattura vi era chi doveva constatare la congruità, quindi fare il raffronto tra il capitolato dei servizi offerti e la fatturazione e non c’era mai nessun tipo di contestazione ovviamente. Erano fatturazioni gonfiate, gonfiatissime.

{module Banner sotto articoli}

D: Come si facevano queste fatturazioni gonfiate?

R: Se il valore reale della fornitura poteva essere di 40-50-60-70 mila euro, puntualmente venivano emesse fatture superiori al 50, al 60 e anche all’80% in più.

D. Mi dici quali erano i dirigenti della Presidenza del Consiglio che prendevano mazzette dalla tua azienda?

R: All’epoca avevamo un dirigente che era responsabile nel caso specifico del procedimento della gara di circa 10 milioni di euro, quella di cui ti parlavo prima.

D: E questo dirigente quanti soldi ha preso?

R: Se facciamo riferimento al solo mese riportato nel foglio che ho qui, a me risulta 70 mila euro.

D: Gli altri invece?

R: Un altro dirigente attualmente ancora in servizio nell’ufficio del cerimoniale, facendo riferimento sempre allo stesso mese, a me risulta abbia preso 12 mila euro, oltre poi un omaggio, un pianoforte da circa 6 mila euro e inoltre gli è stato ristrutturato anche tutto il suo nuovo appartamento.

Anche riguardo a questo specifico caso la persona intervistata mostra alla Iena la mail che la sua azienda avrebbe mandato al dirigente con riferimento al pianoforte che sarebbe stato a lui donato. Testualmente si legge: “Il modello in questione è il P116MOPDAW cm 116 in noce americano scuro, poro aperto no tech silent. Attualmente è disponibile, tempi di consegna 15 giorni lavorativi. Fammi sapere così lo confermo, buona giornata”.

L’intervista prosegue:

D: Ci sono altri dirigenti della Presidenza del Consiglio che secondo te avrebbero preso tangenti?

R: Abbiamo un impiegato in pensione, all’epoca prima dell’uscita del bando di gara si è prestato alla stesura proprio del capitolato tecnico in modo tale da prepararlo ad hoc per l’azienda, per la società che poi ha partecipato alla gara.

D: E lui quanto ha preso?

R: Sempre considerando quel mese lì 2 mila euro. Poi abbiamo colui che autorizzava il pagamento delle fatture e a me risultano 600mila euro. E poi c’erano altri due personaggi chiave che hanno ricevuto entrambi 480mila euro, ma parliamo sempre e soltanto di quello stesso mese. La stessa prassi era utilizzata per ottenere appalti con aziende pubbliche. Per esempio, per un’importante azienda pubblica abbiamo un noto personaggio che sempre in quel mese di cui stiamo parlando ha percepito 60 mila euro perché la fornitura è stata studiata a tavolino.  Dirigenti, ufficio acquisti e questo signore studiavano ad hoc la fornitura e in base a queste forniture l’azienda partecipava alle gare. All’azienda veniva già segnalato l’importo che avrebbe vinto prima ancora che si sapesse  l’aggiudicazione finale ed è così che vincevano sempre e comunque le gare.

D: Ma sei sicura di quello che dici? Tu mi stai dicendo queste cose perché le hai viste o perché ne hai sentito parlare?

R: Intanto nella mia azienda se ne parlava tranquillamente. Il mio ex datore di  lavoro addirittura si pavoneggiava del fatto che lui pagava tutti per ottenere tutto. Quindi era di dominio pubblico, non erano solo voci di corridoio. Ho assistito personalmente in diverse occasioni alla consegna di queste buste a dirigenti della Presidenza del Consiglio i quali si recavano direttamente presso la nostra azienda e in 2 circostanze ho personalmente consegnato due buste a due personaggi della Presidenza del Consiglio.

D: Tu sei sicura che in queste buste ci fossero soldi?

R: Si capiva dalla consistenza

D: Che tu sappia questo sistema di corruzione per quanto tempo è durato?

R: Allora, sicuramente per quello che riguarda la Presidenza del Consiglio, che io sappia, per un bel po’ di anni.

D: Perché ci stai raccontando tutto questo?

R: Sono piuttosto preoccupata che mi possa succedere qualcosa perché da un po’ di tempo a questa parte ho avuto molte minacce.

D: Cioè che ti è successo?

R: Sono stata avvicinata da due persone mentre parcheggiavo la mia auto e una di queste nell’avvicinarsi ha fatto il mio nome. Io ho risposto affermativamente e in quello stesso momento mi ha posizionato un coltello sotto la pancia dicendomi <stai attenta a quello che fai>. Questo è uno dei diversi episodi che mi sono accaduti.

D: Perché, scusa, che altro ti è successo?

R: Una volta ho trovato sul tergicristallo della mia auto un foglietto con su scritto stai attenta a quello che fai, attenta a come ti muovi. Insomma tutta una serie di intimidazioni.

D: Tipo?

R: Preferisco non dire altro.

D: Perché queste persone ti minacciano?

R: Perché sanno che io so e sanno che potrei raccontarlo.

D: Ma queste aggressioni ricevute, tu le hai denunciate?

R: Sì le ho denunciate.

D: Quando tu lavoravi per quest’azienda e vedevi succedere tutte queste cose, cosa pensavi?

R: Se devo dirlo proprio sinceramente mi facevano davvero schifo, purtroppo chi poi veramente lavorava, chi portava davvero i risultati a casa veniva soltanto sfruttato e poi a fine mese scopriva che gli veniva sempre tolto qualcosa.

{module Banner sotto articoli}

D: Quindi mi stai dicendo che pagavano le mazzette ai dirigenti della Presidenza del Consiglio e toglievano soldi ai dipendenti?

R: Certo, triste realtà ma è così.

D: E perché oggi non lavori più per quest’azienda?

R: Perché non ho più sopportato che mi mancassero di rispetto e soprattutto che venisse schiacciata la mia dignità.

D: Se le cose stanno proprio così come me le racconti si tratterebbe di un’altra vera e propria tangentopoli…

R:.. ma forse anche molto di più.

D: Perché secondo te fino ad oggi queste cose di cui parli non sono ancora venute fuori?

R: In realtà qualcosina in passato è venuta fuori, non si capisce perché poi iniziano le inchieste ma si fermano, viene tutto insabbiato, non si va mai fino in fondo. Alla fine queste persone non pagano mai.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Quattro nuovi canali Sky dal 1 luglio 2021, si chiamano Serie, Investigation, Documentaries e Nature

Quattro nuovi canali Sky sono disponibili agli abbonati a partire dal 1 luglio 2021. Sono Sky Serie, Investigation, Documentaries e Nature.

Pubblicato

il

quattro nuovi canali sky 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A partire dal 1 luglio 2021, Sky propone agli abbonati al suo servizio satellitare o via internet quattro nuovi canali tematici; si chiamano Sky Serie, Sky Investigation, Sky Documentaries e Sky Nature. 

I canali sono compresi nell’abbonamento, anche in streaming su NOW. Inoltre sono anche inclusi nel Pass Entertainment.

Tutti e quattro i nuovi canali offriranno intrattenimento in Alta Definizione agli utenti, per circa tremila ore di programmazione previste ogni mese. Durante le quali saranno trasmessi contenuti inediti, anche Sky Originals, realizzati appositamente per la piattaforma o per il singolo canale tematico. Inoltre, andrà in onda almeno una prima visione al giorno, e tanti altri contenuti tra cui grandi classici, film, serie tv e documentari.

Antonella d’Errico, Executive Vice President Programming Sky, ha dichiarato al riguardo: “Il 1° luglio segna una data estremamente importante per Sky e per i suoi abbonati. Siamo orgogliosi di poter lanciare quattro nuovi canali a brand Sky che, aggiunti a Sky Uno, Sky Atlantic e Sky Arte, portano il nostro portfolio di intrattenimento a un livello di assoluta eccellenza”.

Quattro nuovi canali Sky 2021

I nuovi titoli Sky Originals

Oltre ai contenuti in prima visione, come film, serie tv e documentari, sui quattro nuovi canali Sky sono anche previsti numerosi prodotti Sky Originals; realizzati, quindi, in esclusiva per la piattaforma.

Ridatemi mia moglie, serie tv adattamento della sitcom inglese prodotta da BBC Studios “I Want My Wife Back”, segna il ritorno di Fabio De Luigi in una serie TV, dopo anni di solo cinema. Il protagonista è un uomo lasciato dalla propria moglie dopo anni di matrimonio casualmente, proprio nel giorno del quarantesimo compleanno della donna.

Poi, A casa tutti bene – La serie, serie tv di Gabriele Muccino al suo esordio come regista di un prodotto seriale. Sono previsti otto episodi per la prima stagione basata sull’omonimo film del 2018, realizzato sempre da Gabriele Muccino.

Inoltre, non mancheranno nuove stagioni di serie tv attesissime, come Gomorra – La Serie. E l’esordio di un nuovo financial thriller intitolato Diavoli. Nel cui cast recitano Alessandro Borghi e Patrick Dempsey.

Infine, sono previste nuove esclusive anche per Sky Documentaries; tra cui il ritorno di Il Testimone, ideato e realizzato da Pif. Il testimone è andato in onda dal 2007 su MTV, con alcune puntate inedite trasmesse in seguito, nel 2017, solo su TV8. Nel programma, Pif realizzava reportage e servizi utilizzando solo una piccola telecamera portata a mano dal conduttore stesso. Infatti, l’obiettivo del format era ed è comunicare allo spettatore la realtà nel modo più semplice possibile. Saltando molti, se non tutti, i filtri dei passaggi di post-produzione e regia.

Quattro nuovi canali Sky 2021, Sky Serie

Il canale 112 di Sky diventa, dal 1 luglio 2021, Sky Serie. I format trasmessi sul canale sono prevalentemente di genere mainstream, ma non solo. Sono previsti infatti serie tv e film nazionali e internazionali, tra cui i succitati nuovi prodotti Sky Originals Ridatemi mia moglie con Fabio De Luigi e A casa tutti bene – La serie, di Gabriele Muccino.

Inoltre, Sky Serie propone anche numerosi altri prodotti dei generi più disparati. Dalla dark comedy L’assistente di volo – The flight attendant, in cui recita la star di Big Bang Theory Kaley Cuoco, all’avventurosa miniserie I Luminari – Il destino nelle stelle con l’attrice Eva Green. 

Infine, Sky Serie trasmette il nuovo medical drama canadese Transplant, e cult televisivi come Sex & The City; o, per rimanere in tema medico, il celebre E.R. – Medici in prima linea.

Quattro nuovi canali Sky 2021, Sky Investigation

Sempre nell’ottica di affiancare Sky Atlantic, il canale 114 di Sky cambia nome in Sky Investigation, a partire dal 1 luglio 2021. Nel canale confluiscono serie e film prevalentemente di genere crime o poliziesco, thriller, noir e detective stories.

Già dal primo mese di programmazione, sono molte le novità trasmesse su Sky Investigation. Dalla serie di genere poliziesco scientifico Coroner, ambientata a Toronto, a Il Giustiziere, crime drama con risvolti action e noir. Oppure, anche Avvocati in famiglia – Family Law, di genere legal drama, per il quale è attualmente disponibile una stagione. La seconda season è però già prevista e in fase di produzione.

Infine, citando solo nuove produzioni, approda su Sky Investigation la serie tv The Equalizer, con Queen Latifah. Si tratta del remake dell’omonima serie cult degli anni ’80, sulla quale era già stato basato un film con Denzel Washington.

Sky Documentaries

Sky Documentaries è il nuovo canale destinato ad aggiungersi a Sky Arte nell’offrire il cosiddetto factual entertainment. Infatti, sui canali dedicati 122 e 402, a partire dal 1 luglio 2021 sono trasmessi numerosi documentari e programmi di approfondimento e di inchiesta.

Il Testimone, programma di Pif interrotto nel 2017, trova così nuovi spazi su Sky Documentaries. Così come Bruno vs Tyson, il racconto tramite film-documentario dello storico incontro di pugilato tra Myke Tyson e Frank Bruno.

Inoltre, sono previsti contenuti internazionali come la mini-serie Allen vs Farrow, che ha raccontato gli ultimi sviluppi della causa contro il celebre regista Woody Allen. Il documentario di Amy Ziering e Kirby Dick, prodotto da HBO, riaccende i riflettori sulle accuse di molestie sessuali contro il regista, ai danni della figlia adottiva Dylan. La giustizia assolse Allen già all’epoca dei fatti, quando fu dimostrato che il fatto non sussisteva. E poi, Hillary, documentario sulla vita dell’ex segretario di Stato USA. O ancora, Tiger Woods, basato sulle vicissitudini della star del golf più chiacchierata, nel bene e nel male, della nostra generazione.

Non mancheranno, nel corso del tempo, nuove storie originali, basate anche su vicende italiane di particolare rilevanza pubblica.

Sky Nature

I canali 124 e 404 di Sky diventano poi, sempre a partire dal 1 luglio 2021, Sky Nature; dedicati, perciò, a documentari di genere naturalistico, scientifici, o di esplorazione delle bellezze naturali del nostro pianeta.

Sono dunque previsti contenuti internazionali di alta qualità, prodotti da esperti del settore che hanno dedicato la propria vita ai reportage ambientali. Esperti come Love Nature, un canale televisivo specializzato canadese di proprietà di Blue Ant Media, che trasmette prevalentemente documentari e serie televisive su animali e natura.

Il canale Sky Nature è inaugurato da prodotti come Greta Thunberg – Un anno per salvare il mondo. La docu-serie segue la giovane attivista tra il 2019 e il 2020, nel percorso che l’ha portata alla notorietà come una delle motivatrici generazionali più rinomate della nostra epoca. Un altro dei focus del canale, infatti, è la promozione di tematiche ambientalistiche per la salvaguardia della natura. 

Tuttavia, tale obiettivo è inseguito da tutti i Canali Sky, non solo da Sky Nature. Infatti, con la campagna Sky Zero, il gruppo Sky si è proposto di diventare la prima media company in Europa net zero carbon. L’obiettivo da raggiungersi entro il 2030, è dunque di ridurre di almeno il 50% le emissioni di CO2 generate dal business dell’azienda. Che include, perciò, tutte le fasi di progettazione, realizzazione, produzione e promozione di serie tv, film e, appunto, documentari.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

La forza di avere 20 anni La7 celebra i suoi primi due decenni di vita

Tutte le anticipazioni sui cinque speciali che La7 manda in onda per 5 domeniche per festeggiare i 20 anni,

Pubblicato

il

La forza di avere 20 anni
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La forza di avere 20 anni: il 24 giugno 2001 nasceva La7. Una Tv nata dalle ceneri di TMC che, fin dai primi anni di vita, si impone sulla scena televisiva con una programmazione innovativa e alternativa al sistema televisivo.

La forza di avere 20 anni, La7 celebra i suoi primi due decenni di vita

Si tratta di un racconto tutto italiano, anni in cui la Tv di Cairo Communication si è affermata con una offerta editoriale propositiva. E con l’arrivo di tanti big dell’informazione, della cultura e dell’intrattenimento, con le migliori firme del giornalismo italiano, protagonisti assoluti del racconto della realtà. Ma anche le fiction, lo sport, le serie tv premiate dalla critica e dal pubblico. Un percorso premiato dall’affetto dei telespettatori – sempre più numerosi – e da risultati di ascolto costantemente in crescita.
Gli appuntamenti sono una cavalcata tra i volti di Rete che hanno lasciato un segno nella memoria di La7 e del pubblico, i tantissimi ospiti, i grandi eventi, le inchieste. Un racconto di fatti e dei personaggi che hanno segnato questa epoca.

La serata inaugurale del 24 giugno 2001

Si parte dai grandi debutti dei programmi il giorno dell’esordio, come la serata inaugurale del 24 giugno 2001. In quell’occasione Fabio Fazio, Gad Lerner e Luciana Littizzetto inaugurarono la nuova Rete nata da TeleMonteCarlo. Per passare alle clip e alle immagini dalla prima maratona di Enrico Mentana, dal primo il primo Otto e Mezzo condotto da Gad Lerner e Giuliano Ferrara fino a Markette, condotto da Piero Chiambretti.
Ma anche i grandi ospiti che hanno calcato gli studi della Rete nel corso di questi 20 anni. Mike Buongiorno si presta a condurre un surreale quiz con domande a tema politico nel corso di una puntata di Tetris. L’acceso scontro tra Michele Santoro e Silvio Berlusconi in Servizio pubblico del 2013. Diego Armando Maradona ospite de Il Processo di Biscardi e Trozzy. Infine il celebre cagnolino che Daria Bignardi regalò a Mario Monti in una puntata di Invasioni Barbariche.
La forza di avere 20 anni

Reportage e inchieste

Nel corso dei giorni rivedremo anche i migliori reportage dei conduttori e giornalisti dall’estero (memorabili quelli di Formigli a Mosul e di Diego Bianchi nel Congo). Poi alcune trasmissioni portate “in strada”, come Massimo Giletti a Mezzojuso o l’impegno di La7 nel racconto dei tristi fatti del G8 di Genova o del terremoto de L’Aquila.
Non mancheranno le storie più emozionanti e le inchieste più importanti di cui La7 è stata testimone in questo ventennio. Si va da “Operazione Offside” (dedicato allo scandalo del calcio nel 2006) all’inchiesta sulla sessualità dei sacerdoti di Exit, o ai reportage di Piazzapulita dal fronte fino alla lotta al Coronavirus.

La forza di avere 20 anni, Colpi di scena

E i colpi di scena, ovvero quei casi in cui l’esito scontato della storia è stato completamente ribaltato dagli eventi. Come la volta che da Daria Bignardi, Matteo Renzi coniò per Enrico Letta l’hashtag #enricostaisereno, per poi prendere il suo posto alla Presidenza del Consiglio. Oppure le dimissioni di Papa Ratzinger e l’arrivo di Papa Francesco, o ancora la lettera che Propaganda Live ricevette dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, fino alle elezioni di Trump alla Casa Bianca.
20 anni celebrati con appuntamenti speciali che ricorderanno questo lungo viaggio, con il meglio della programmazione della Rete. Gli appuntamenti sono partiti il 20 giugno e dureranno per cinque domeniche, con inizio alle 20.30. Si prosegue poi il 22 giugno alle 17.00, mentre giovedì 24 giugno andrà in onda una maratona a partire dalle 14.20.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Stasera in tv 22 giugno 2021 – Tutti i programmi in onda

Stasera in tv 22 giugno 2021. Euro 2020 continua su Rai 1, con la partita Repubblica Ceca - Inghilterra. #Cartabianca è su Rai 3.

Pubblicato

il

Stasera in tv 22 giugno 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv 22 giugno 2021. Euro2020 propone in diretta su Rai 1, la partita Repubblica Ceca – Inghilterra. #cartabianca è su Rai 3, mentre Canale 5 trasmette nuove puntate della serie tv New Amsterdam. Di seguito tutta la programmazione prevista per stasera sulle reti pubbliche, private, digitali e satellitari. 

Stasera in tv 22 giugno 2021

Stasera in tv 22 giugno 2021 – Programmazione Rai

Rai 1 trasmette la partita di Euro2020 Repubblica Ceca – Inghilterra, a partire dalle 20.30. Le due squadre disputano l’ultimo turno del Gruppo D per stabilire chi si qualificherà per gli ottavi di finale.

Su Rai 2 è in onda il tv movie I casi della giovane Miss Fisher – Il ritmo della morte, in prima visione Rai dalle 21.20. Durante uno spettacolo televisivo, due giovani sono uccisi, e il primo indiziato sembra essere un ex ragazzo di Peregrine. La giovane detective, quindi, inizia a indagare e porta allo scoperto segreti inattesi, e vecchi rancori dimenticati.

Rai 3 propone alle 21.20 una nuova puntata di #cartabianca. Al consueto appuntamento con Bianca Berlinguer del martedì sera partecipano ospiti in studio o in collegamento, per dibattere su temi di stringente attualità inerenti la politica, l’economia e la cronaca nazionale.

Stasera in tv 22 giugno 2021 – Programmazione Mediaset

Rete 4 manda in onda il film Se mi lasci non vale, alle 21.20. La classica commedia degli equivoci, con protagonisti due uomini che, lasciati dalle loro compagne, architettano una vendetta elaboratissima. Tuttavia, sono tanto maldestri da fallire ogni tentativo di portarla a termine.

Canale 5 trasmette tre nuovi episodi in prima visione del medical drama New Amsterdam, a partire dalle 21.14. In ordine di trasmissione, vanno in onda l’episodio 10, stagione 3, intitolato Scelte radicali. Quindi l’episodio 11, sempre della stagione 3, dal titolo Calo di pressione. E poi, l’episodio 12 intitolato Quando crolla tutto.

Su Italia 1 è proposto dalle 21.22 Hunger Games, il primo film della trilogia tratta dai libri di Suzane Collins. Nel cast, Jennifer Lawrence e Josh Hutcherson. In un mondo distopico, una guerra civile ha portato al potere un dittatore malvagio. Il quale, per assicurarsi che non scoppino altre rivolte, ha istituito un reality-show crudele. I protagonisti sono giovani selezionati ogni anno dai 12 distretti in cui è suddivisa la nazione, costretti a uccidersi l’un l’altro finché non resti vivo solo un vincitore.

La programmazione di La7, TV8 e NOVE

La 7 trasmette The Royals revealed – I segreti della Corona alle 21.15. Un documentario storico sulle vicissitudini della famiglia Reale Inglese. Tra successi e matrimoni, disastri e tragedie come quella di Lady Diana. Il documentario è curato e realizzato da Ben Cole.

Su TV8 alle 21.30 è in onda Un amore di testimone (titolo originale Made of Honor). Nel cast figurano star come Michelle Monaghan, Patrick Dempsey, Kevin McKidd. Un ricco e affascinante playboy scopre di essere innamorato della sua migliore amica. Purtroppo, se ne accorge solo quando lei parte da sola, diretta in Europa. Si decide a dichiararsi al suo ritorno, ma per allora, ha un’amara sorpresa: si è fidanzata con uno scozzese, e sta per sposarsi.

NOVE propone il film Nome in codice: Broken Arrow, a partire dalle 21.25. Vic e Riley sono legati nella vita privata e sul lavoro. I due piloti militari devono collaudare il bombardiere B3 Stealth; un nuovo mezzo dell’aviazione armato con due testate nucleari, chiamate “Broken Arrow”. Qualcosa va storto, e una talpa tra gli organizzatori della missione rischia di mettere a rischio l’operazione, e la vita di Vic e Riley.

Stasera in tv 22 giugno 2021 – I film in onda su Sky Cinema

Infine, due film in onda sui canali satellitari di Sky Cinema

Sky Cinema Canale 313 propone Dunkirk, alle 21.14. La rocambolesca operazione Dynamo, ovvero l’evacuazione da parte delle truppe alleate della striscia di terra contesa con i Tedeschi a Dunkirk. E’ raccontata nel film del regista Christopher Nolan.

Sky Cinema Canale 303 trasmette infine alle 23.05 il primo film della trilogia, sempre di Cristopher Nolan, dedicata al supereroe Batman: Batman Begins. La trasformazione del miliardario Bruce Wayne in una delle icone pop più note del mondo.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it