Amore criminale, le storie di Luana e Giovanna



E questa volta la  puntata si aprirà con la testimonianza – raccolta da Veronica De Laurentiis–di una sopravvissuta:Luana. La donna, come racconterà, per anni ha vissuto una situazione di grande violenza psicologica prima e fisica dopo, ma che è riuscita a lottare, a risollevarsi e finalmente, a rifarsi una vita. Un’esperienza drammatica, piena di sofferenza, di angoscia, di patimenti, ma soprattutto di timore per la propria vita.

{module Google richiamo interno}Subito dopo, arriva un’altra vicenda di altrettanta sofferenza. E’ quella di Giovanna che ha dovuto sopportare umiliazioni fisiche e psicologiche da parte del marito. L’uomo, infatti, l’ha picchiata, insultata, cercando di sottometterla sempre ai suoi voleri in maniera brutale e selvaggia.

Un giorno, finalmente, trova il coraggio di ribellarsi e di andare via dall’abutazione in cui viveva con il marito. Ma non è finita: il suo calvario continua: Giovanna è costretta a sopportarealtre altre pesanti minacce. La donna è vittima di pedinamenti, appostamenti quotidiani da parte dell’uomo che non vuole assolutamente mollare la sua presa. Si comporta come un animale, ma alla fine, finalmente, viene fermato e forzatamente allontanato da lei.

Come al solito, Barbara De Rossi avrà in studio ospiti. Questa settimana, nl corso della terza puntata ci saranno l’attore Emanuele Puglia che leggerà una pagina degli atti giudiziari relativi alla storia di Giovanna e l’avvocato Geraldine Pagano, esperta di violenza sulle donne.

Nel corso degli anni, molte donne e famiglie hanno chiesto aiuto ad Amore Criminale e hanno testimoniato la loro storia. Il programma ha rappresentato un punto di riferimento per chi è in difficoltà ed è un forte incentivo a denunciare sempre le violenze.

La trasmissione, condotta da Barbara De Rossi è giunta alla sedicesima edizione e si avvale della collaborazione dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato.



0 Replies to “Amore criminale, le storie di Luana e Giovanna”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*