Simone Al Ani: continuerò ad essere artista di strada


Intervista al vincitore di Italia's got talent 2015


 Per molti telespettatori la sua era una vittoria annunciata. Anche lei si aspettava di vincere?

La verità è che ero troppo impegnato a prepararmi per non deludere la platea di Italia’s got talent. Quindi ero senza aspettative. Ma sono oltremodo felice. Abbiamo realizzato in poco tempo le esibizioni presentate ma sono soddisfatto della loro riuscita, soprattutto sono felice di aver comunicato un messaggio che ha emozionato il pubblico con le mie sfere.

Come riesce a creare le performance che propone?

Tutto nasce da un’idea, ma dietro ogni spettacolo c’è un concetto, un’emozione che deve arrivare agli spettatori: bisogna perciò studiare la maniera migliore per entrare in sintonia con il pubblico. E’ questa la missione di un artista di strada nella quale mi riconosco.

Simone Al Ani

Da quanto tempo propone le sue performance on the road?

Da dieci anni. Da bambino mi divertivo a realizzare giochi di equilibrio e di abilità. Poi mi sono appassionato alla magia e ho unito illusionismo e abilità. Oggi creo i miei spettacoli con il contributo determinante di Patrizia Besantini alla quale attribuisco il 50% del merito della mia vittoria a Italia’s got talent. Mi ha aiutato con la regia e l’ideazione delle esibizioni.

Progetti immediati?

Torno subito a fare l’artista di starda, sabato e domenica. Non ho ancora deciso in quale città andare.

Adesso però, si gode la vittoria, tutti la stanno festeggiando.

Certo, ma rietro subito al lavoro, non amo perdere tempo. Ho ancora tanto da imparare per cercare di migliorarmi sempre di più. Io so che niente viene regalato, perchè tutto quello che ho raggiunto è frutto di duri sacrifici. E certamente, tanti me ne aspettano ancora.

Simone Al Ani vincitore di Italia's got talent

Dopo la vittoria, tutto è più semplice.

Certamente, con la somma gaudagnata riuscirò anche ad accorciare i tempi che avevo previsto per una preparazione migliore. Ma, ripeto, voglio studiare, lavorare con Patrizia per perfezionarmi.

Che tipo di spettacoli prevede per il futuro?

Ci impegneremo a tutto campo nel settore artistico: pensiamo a concerti, spettacoli teatrali, video clip con effetti speciali, eventi.

Intanto dovrà ideare nuove performance per esibirsi a Las Vegas

Sicuramente penseremo a idee creative che si basano più su effetti singolari. Finora ci siamo concentrati su esibizioni adatte ad uno studio televisivo come quelle della semifinale ( una sfera innamorata) e della finale (un cosmo in cui succedevano vari eventi).

 {youtube}vpatT8w02Po{/youtube}

Il suo rapporto con gli altri concorrenti?

Splendido. Li ho ammirati tutti, ognuno aveva un messaggio da comunicare, un’idea di cui farsi portavoce.

Da dove viene esattamente?

Da Sirmione del Garda. Dopo aver girato 39 nazioni e cinque continenti, sono tornato nella mia città arricchito di esperienze che solo facendo l’artista di strada sono riuscito a inserire nel mio bagaglio personale. Il mio lavoro mi ha fatto maturare e acquisire consapevolezza di me stesso, delle mie capacità, dei miei limiti.

Oltre la sua assistente, c’è qualcun altro che vorrebbe ringraziare?

La direzione artistica di Italia’s got talent: ha avuto la pazienza di sopportare i miei continui cambiamenti nella preparazione delle performance.

Qui gli ascolti della finalissima.

Qui la diretta della finalissima.



0 Replies to “Simone Al Ani: continuerò ad essere artista di strada”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*