Domenica in | 2 dicembre | Sandrelli, Rossellini e Cardinale si raccontano alla Venier


Domenica in | 2 dicembre | Sandrelli, Rossellini e Cardinale si raccontano alla Venier. Tutte le fasi salienti del contenitore festivo di Rai1.


E’ stata una puntata che ha unito all’intrattenimento del giorno festivo temi molto delicati come l’autismo e la morte che è passata veloce, nella scorsa settimana portandosi via tre personaggi noti: Bernardo Bertolucci, Sandro Mayer e Ennio Fantastichini.

Stiamo parlando della puntata di Domenica in andata in onda il 2 dicembre su Rai 1. Tre ore e mezza nel corso delle quali Mara Venier ha accolto nello studio personaggi di notevole spessore nel mondo dello spettacolo e non solo. Si va da Stefania Sandrelli che ha ricordato Bernardo Bertolucci a Claudia Cardinale e Isabella Rossellini. Ma ci sono state anche Amanda Lear e Lorella Cuccarini.

Dispiace notare, però, che il contenitore festivo di Rai 1 è divenuto, da alcune settimane, un susseguirsi di interviste senza interruzione. Si passa da una personalità all’altra ma si avrebbe bisogno di una pausa, di un momento di spettacolo che pure era presente ma è stato cancellato nelle ultime puntate.

Era il Tabellone ovvero il gioco che la padrona di casa aveva fortemente voluto e rappresentava un omaggio a Gianni Boncompagni a cui si deve l’ideazione. Questo segmento adesso manca nell’economia delle puntate. Tra l’altro è sparito anche il contest Una canzone per Mara, durato solo le quattro prime settimane.

Adesso ci sono soltanto il talk iniziale su un tema di attualità con cui la Venier comincia la puntata e l’intervista in cui la padrona di casa tratta un caso di femminicidio.

E’ stato difficile conciliare le due anime della puntata: quella seria e quella leggera. Soprattutto perchè la Venier ha ospitato per prima Stefania Sandrelli che ha ricordato Bertolucci non solo come regista ma anche come amico. Maliziosa la domanda della padrona di casa che le ha chiesto se lui l’avesse mai corteggiata. L’intervento della Sandrelli si è limitato solo a Bertolucci.

Le due interviste alla Lear ed alla Cuccarini hanno spaziato su tematiche spettacolari con inserimenti di episodi di vita privata. Il tutto non scevro dalle consuete promozioni professionali.

La chiacchierata con Isabella Rossellini ha puntato soprattutto sul ricordo dei suoi notissimi genitori e sulla sua carriera artistica iniziata in Italia grazie a Renzo Arbore.

Queste interviste sono gestite con calore, leggerezza, e familiarità da Mara Venier che riesce davvero a coinvolgere i telespettatori. Sembrano incontri tra amiche comuni nei quali è possibile riconoscersi.

Mara Venier ha ricordato anche Sandro Mayer ed Ennio Fantastichini, un giornalista ed un attore notissimi al grande pubblico.

La conduttrice si è anche occupata di autismo, un problema per moltissime famiglie. Erano presenti Franco Antonello e suo figlio Andrea affetto da questo disturbo del neurosviluppo caratterizzato dalla compromissione dell’interazione sociale e da deficit della comunicazione verbale e non verbale che provoca ristrettezza d’interessi e comportamenti ripetitivi.

Franco Antonello ha raccontato la sua totale dedizione al figlio per il quale ha lasciato il lavoro di imprenditore ma ha realizzato una fondazione, che ha come nome “I bambini delle fate“, finalizzata ad aiutare le persone disabili: infatti l’obiettivo è raccogliere fondi da destinare a progetti sociali.

L’ultimo segmento del programma è stato dedicato a Janira una ragazza di 21 anni di Pietraligure uccisa dal fidanzato dal quale voleva separarsi.E’ importante mantenere accesi i riflettori sulle giovani vittime di femminicidio in un programma come Domenica in.

La padrona di casa ha accolto poi Claudia Cardinale: immancabili i suoi ricordi di Pasquale Squitieri, da lei definito “l’uomo della mia vita”. E tanti aneddoti sulla sua lunga carriera professionale.



0 Replies to “Domenica in | 2 dicembre | Sandrelli, Rossellini e Cardinale si raccontano alla Venier”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*