X Factor 7: i nostri giudizi sulla terza puntata


pareri sulla fase dei boot camp


A X Factor è scoccata l’ora dei bootcamp: dopo le audizioni iniziali in cui i giudici si sono dimostrati troppo generosi nei giudizi – come ha ammesso Simona Ventura – promuovendo anche personaggi al limite del trash, si deve tornare seri perché la posta in gioco è alta. E quale termine migliore per descrivere questa tornata di selezioni se non proprio bootcamp, ovvero il campo di addestramento militare a cui sopravvivono solo i più determinati e i più talentuosi?

In due giornate di esami intensi i 4 mentori hanno decimato le aspiranti popstar da 100 a 48 e, successivamente, a 24. Com’era prevedibile ci sono state vittime assicurate come gli Avanti e ‘Ndre, gradite conferme mandate direttamente alla seconda fase del bootcamp senza dover cantare e qualche scivolone che è costato la permanenza all’interno del gioco. Esilarante il percorso di Elena e Alessandra, due ragazze sulle quali non c’era un parere unanime e a cui è stata data la possibilità di unirsi per formare un duo vocale, Le Bambole Assassine (nome suggerito dagli indemoniati Mika e Morgan). Personalità e timbri molto diversi tra loro il cui risultato però si è rivelato migliore di altre formazioni già collaudate, come i Free Boys che addirittura vanno agli Home Visit: evidentemente in loro c’è qualcosa di speciale che non riusciamo proprio a cogliere.

Le performance decisive per decidere chi merita di affrontare la selezione finale scoprono le carte in tavola, mettendo in luce fragilità emotive in alcuni casi, temperamento in altri. Gaia rientra decisamente nella seconda categoria: difficilmente diventerà una popstar da milioni di dischi venduti, ma in questo caso si tratta di un dettaglio quasi irrilevante perché ha già una precisa identità musicale (appare ben inserita nella scena alternativa e può avere un futuro artistico in quel mondo). La dolce Elena invece, dopo aver impressionato tutti ai casting iniziali, sembra spaesata sulle note di “E.T.” di Katy Perry e cancella immediatamente il bel ricordo che di sé aveva lasciato. Altre ragazze scorrono veloci senza lasciare il segno, rivelandosi dei fuochi di paglia. Ottima prova invece per Violetta che si conferma una delle migliori.

Livello complessivamente buono tra gli “over 25”: meritano di essere menzionati Fabio che ha proposto “Suspicious minds” del suo idolo Elvis Presley e Chiara, che ha sfoderato una bella grinta in “Heavy cross” dei Gossip.

Disastrosi gli under 25 uomini che dimenticano i testi dei brani e vanno nel panico più assoluto. Ha rischiato molto Lorenzo, uno dei talenti che avevamo segnalato settimana scorsa e che questa volta non è riuscito a trovare la grinta e la concentrazione necessarie per affrontare la prova. Salva la situazione Michele, che sceglie la bellissima “Ritornerai” di Bruno Lauzi regalando un’interpretazione intensamente delicata.

Accedono agli home visit Sebastiano, Chiara, Valeria, Fabio, Alan e Adriana per la categoria Over capitanata da Elio; Ape Escape, Dynamo, Extra, Street Clarks, Free Boys e Mr Rain & Osso per i Gruppi della Ventura; Chiara, Violetta, Gaia, Valentina, Roberta e Valentina per le Under 25 Donne assegnate a Mika; Lorenzo, Andrea, Michele, Andrea, Alberto e Marco per gli Under 25 Uomini, affidati a Morgan.



0 Replies to “X Factor 7: i nostri giudizi sulla terza puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*