Connect with us

Opinioni

Autunno tv 2019 – top e flop della nuova stagione televisiva

Riflessioni sull'andamento della stagione autunnale ad oltre un mese dall'esordio e analisi critica dei principali programmi.

Pubblicato

il

Riflessioni sull'andamento della stagione autunnale ad oltre un mese dall'esordio e analisi critica dei principali programmi.
Condividi su

È trascorso oramai oltre un mese dall’esordio della stagione televisiva autunnale. Il responso dell’Auditel ha già segnalato quali programmi possono avere un futuro gratificante e quali invece sono stati bocciati dal gradimento del pubblico.

Autunno tv 2019 – I flop della nuova stagione

Tra i flop della nuova stagione c’è da registrare l’esordio della programmazione di Rai 2. Il daytime della rete diretta da Carlo Freccero non è mai decollato, al contrario, ha perso di appeal.

I Fatti Vostri di Giancarlo Magalli, che nelle passate edizioni si era attestato tra il 9 e il 10% di share, attualmente non riesce a superare l’8%, e nella prima parte fa addirittura registrare il 5%. Un declassamento non indifferente che ha colpito anche Detto Fatto.

Il factual del pomeriggio di Rai2 condotto da Bianca Guaccero dal 6-7% di share è crollato intorno al 4%. Il motivo principale è da ricercarsi nel cambio di orario che fa iniziare il programma alle 14:45 in diretta concorrenza con i principali programmi di Canale 5.

Anche Quelli che il calcio ha perso punti di share. Quest’anno il programma festivo del pomeriggio di Rai 2 non riesce ad arrivare all’8% di share. Colpa di una formula oramai obsoleta che andrebbe rivista dopo molti anni di messa in onda.

Maledetti amici miei, il programma di Rai 2 con Giovanni Veronesi, Sergio Rubini, Alessandro Haber e Rocco Papaleo, ha esordito al 4.4%. Troppo poco per un appuntamento che avrebbe potuto rendere molto di più.

Rai 1 registra la perdita di parecchi punti di share della seconda stagione di La strada di casa. Alessio Boni, il protagonista, nella puntata dello scorso 1 ottobre è sceso al 15.7% di share. Purtroppo le dinamiche appaiono troppo forzate e spesso poco credibili. Sarebbe stato meglio che la serie si fermasse alla prima stagione.

Canale 5 registra l’insuccesso, dopo l’esordio, di Eurogames. La versione moderna di Giochi senza frontiere è crollata addirittura al 10% di share dopo aver mostrato un format oramai antico e sorpassato. Di giochi oggi il piccolo schermo è pieno. 40 anni fa invece era differente e il successo di allora è irripetibile.

Cala anche Live – non è la D’Urso che nella precedente edizione aveva raggiunto anche share del 19-20%. Tutto grazie al Prati-gate che la conduttrice aveva sapientemente saputo cavalcare.

Medesimo discorso con Domenica Live. Nelle andate in onda il talk show si è sempre attestato al di sotto del 14%.

Da segnalare la cattiva gestione fatta da Canale 5 della serie La verità sul caso Harry Quebert. Addirittura la rete ne ha ridotto le puntate da 5 a 4 per mancanza di audience.

Autunno tv 2019 – I top della nuova stagione

Un posto importante tra i successi di Rai 1 merita Ulisse – Il piacere della scoperta. Alberto Angela si è mostrato un ottimo divulgatore con capacità comunicative in grado di catturare un pubblico trasversale e addirittura di superare in audience e share Amici celebrities.

L’esordio di Fabio Fazio ha fatto registrare, nelle due parti di del programma, share tra l’8 e l’8,5%.Cifre notevolmente ridimensionate nel secondo appuntamento. Da rivedere è soprattutto la prima parte in fascia preserale: Che tempo che farà. La seconda Che tempo che fa, ha bisogno di distaccarsi dal format proposto per 2 anni su Rai 1.

La fiction della prima rete di viale Mazzini ha avuto un vero e proprio boom con la serie Imma Tataranni – sostituto procuratore. Vanessa Scalera ha dato vita ad un personaggio che spesso ha evocato il collega Montalbano. I richiami alla fiction con Luca Zingaretti sono stati molto evidenti, soprattutto nelle parti da commedia. Ma già nelle puntate successive la share è scesa dal 23.3% al 19.3%.

Su Canale 5 da segnalare Temptation Island Vip 2 che, pur crescendo nell’ultima puntata, registra ascolti minori rispetto alla prima edizione del 2018 con Simona Ventura come conduttrice. Non possiamo parlare di un flop e neanche di un top: il reality ondeggia stancamente nel palinsesto della rete.


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it