Quelli che il calcio, Pantani nella parodia di Limiti


Il nuovo personaggio nell'imitazione del comico di Rai2


 Pantani ha compreso che c’era bisogno di portare qualche novità nelle sue performance, soprattutto dopo che l’ex Premier Enrico Letta ha perso l’incarico di Presidente del Consiglio. Il nuovo, paradossalmente, è però rappresentato dal “vecchio”.  Nessuno meglio di Paolo Limiti che, nelle ultime settimane, è stato onnipresente nei contenitori televisivi di viale Mazzini per discettare sul passato del festival di Sanremo e sui 60 anni della tv, poteva incarnare la storia del piccolo schermo.

Detto fatto, è arrivata la parodia di un improbabile Limiti, senza Floradora, ma alquanto spaesato che si muove in maniera notevolmente goffa e cerca di spiegare a Nicola Savino, in studio, la materia nella quale è più preparato: la storia del piccolo schermo. Prima Limiti viene inquadrato nel camerino, poi lo vediamo aggirarsi nei corridoi e raccontare alla sua maniera il passato della tv made in Italy.

“Io la Rai l’ho costruita. Ero un giovane autore di canzoni e per vivere ho trovato lavoro in un’impresa edile del bergamasco… l’ho proprio costruita io!” dice l’improbabile Limirti che, con questa imitazione, torna all’attenzione del grande pubblico. E riconquista una visibilità maggiore a quella che ha cercato di riprendersi nel corso degli ultimi interventi neii salotti televisivi.

Cravatta vistosa a strisce, capelli molto simili alla chioma del vero Limiti, Pantani ha offerto una parodia in sintonia con quanto sta accadendo negli ultimi tempi. L’attenzione è sul nostro passato? Ed ecco un Limiti ringiovanito: probabilmente perchè Pantani non è riuscito a farsi invecchiare in maniera più consistente.

Il falso Limiti finge di recarsii nei camerini dove sono passate “le grandi star”. “Questo è il camerino di Gilda Giuliani e questo era quello dove ho intervistato per la prima volta il Quartetto Cetra che già 60 anni fa, faceva quello che oggi propongono gli One Direction” afferma improbabile Pantani- Limiti.  Il personaggio svela anche i suoi programmi futuri: “Torno in tv e ho due progetti ai quali sto lavorando” dice. “Il primo è su Albano ne svelerò il lato birichino che solo l’Armata Rossa conosce. Il secondo ha per titolo Sopra rossa, sotto forse ed è dedicato a Orietta Berti e Milva” dice l’improbabile Paolo Limiti.

Infine: Limiti confessa di avere problemi con la voce:  “ieri sera ho visto il Festival di Sanremo e ho cantato tanto da rimanere senza voce”, confessa tossicchiando.



0 Replies to “Quelli che il calcio, Pantani nella parodia di Limiti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*