Sanremo 2014: la conferenza del 23 febbraio, Fazio fa autocritica


Gli interventi nell'incontro stampa conclusivo


 Apre l’incontro il direttore di Rai1 Giancarlo Leone che sciorina i dati di ascolto: positivi e in crescita rispetto alla serata precedente, ma molto inferiori a quelli dello scorso anno. Ecco i numeri: nella prima parte hanno seguito il festival 10.415.000 telespettatori, share 41,09%, nella seconda 7.044.000 per uno share del 53,55%. Il netto è di 9.348.000, 43,51%. Sanremo & Sanromolo di PIF ha fatto registrare 7.359.000 e 27.99%.

Il motivo, dice Fazio al telefono, risiede nel fatto che è stata ripetuta la medesima formula dello scorso anno. Una formula che una volta poteva essere gradita e apprezzata come novità, ma che, a distanza di un anno, forse doveva essere rinovata.

Il direttore di Rai1 sottolinea che, tra l’altro, si sta parlando di numeri estremamente alti, e ribadisce la sua soddisfazione.

Luciana Littizzetto, presente in conferenza, smentisce di voler prendere una pausa da Fabio Fazio e dice di essere stata fraintesa da chi, erroneamente a suo parere, ha scritto una tale notizia. La comica ribadisce soltanto di aver bisogno di una vacanza  visto che ha lavorato in maniera intensiva nelle ultime settimane. E Fazio, quasi a voler evitare una separazione che per lui sarebbe funesta, riempie la sua partner di complimenti: è un fenomeno della televisione come ce ne sono pochissimi in giro, sottolinea, mentre la Littizzetto conferma la sua volontà di non voler abbandonare Fabio Fazio al suo destino.

Fazio rivendica la sua scelta delle canzoni in gara: ammette che la presentazione di due brani è stato un escamotage per consentire a tutti i Campioni di restare in gara.

Pagnoncelli svela l’ordine in cui i campioni sono stati votati. Il televoto di ieri ha dato risultati diversi da quelli della prima classifica. Arisa ha vinto il televoto. In finale sono arrivati in ordine: Arisa, Rubino, Gualazzi.

Rispetto alla prima classifica di giovedì  solo tre artisti hanno cambiato la propria posizione. Il terzetto che è arrivato in finale presenta una omogeneità di voto tra giuria e voto del pubblico.

Viene fatto notare che lo share di questa edizione è stato uno dei peggiori degli ultimi anni. Leone dice che il bilancio del festival è positivo, il trend è quello che si aspettava e lui si riconosce in tutto quanto è accaduto. E rivendica il primato della rete e la bontà dei contenuti.

Leone ribadisce che chiederà a Fazio un nuovo progetto per il 2015 e l’interessato risponde che se lo troverà sarà felice di essere sul palcoscenico dell’Ariston nel 2015. Ma avverte che la tv sta cambiando e i linguaggi si devono adeguare. In sintonia la Littizzetto che per l’ennesima volta si dice soddisfatta del suo Sanremo.



0 Replies to “Sanremo 2014: la conferenza del 23 febbraio, Fazio fa autocritica”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*