GF 13, il bilancio finale è nettamente negativo


considerazioni su un'edizione che non ha brillato per ascolti


Cominciamo dagli ascolti: 4.708 mila spettatori e share del 24,25% rappresentano il responso dell’Auditel per la finale del GF 13. La prima puntata andata in onda lo scorso 3 marzo aveva raccolto 5.440 mila curiosi e il 24,64% di share.  La media di questa edizione si attesta sul 19,15% di share con 4.115 mila spettatori. Significa circa due punti percentuale in più rispetto alla media in valori assoluti della 12esima edizione che era del 17,40% con 3.847.000 spettatori. Poco per gridare al miracolo della rimonta e del nuovo successo del reality show di Canale 5.

 Un reality che non è stato in grado di rinnovarsi e ricominciare da capo pur mantenendo la struttura originaria. Si è attorcigliato su se stesso, rincorrendo i medesimi argomenti, le stesse facce a cominciare da quella della conduttrice che andava messa da parte per fare spazio ad un nuovo personaggio meno compromesso con i giochini degli autori affamati d’audience.

Il reality, alla ripresa, dopo un anno di fermo per mancanza di ascolti, non è riuscito a riconquistare il pubblico: non bastano i risultati conseguiti per gridare al miracolo.  Stagnante nelle medesime tecniche, ha usato e abusato di sorprese, sentimentalismi familiari, rincorsa alla facile e coinvolgente commozione. Ha preteso di toccare tematiche importanti come il razzismo solo perchè ha ospitato un senegalese nella casa. Ha fatto di tutto per “accoppiare” il più possibile gli abitanti  e cavalcato un erotismo e una sensualità spesso volgari, insieme alle classiche gelosie, liti, ipocrisie, e alle tattiche dei concorrenti per salvarsi dalle nomination e arrivare alla finale.

 E quando un ballume di ruspante spontaneità ha fatto capolino nella casa materializzandosi in Mirco, il ragazzo è stato utilizzato a piacimento dalla squadra di autori e dalla conduttrice che ne hanno sfruttato la semplicità oltre misura. La sua vittoria appare, in quest’ottica, una sorta di risarcimento.

Tutto il reality è stato incentrato sulle bugie, le ipocrisie, fatte passare per sorprese e colpi di scena: i concorrenti sono stati imbrogliati in maniera insostenibile per un programma da tv generalsita. La stessa Alessia Marcuzzi, spesso, non ha potuto fare a meno di confessare il suo imbarazzo per essere coinvolta in simili espedienti.

Si è fatto credere ai quattro concorrenti arrivati in finale che il televoto che li riguardava avrebbe decretato la loro eliminazione e non la scelta dei finalisti. Si son tenuti in casa altri due reclusi convinti di essere già in finale, mentre su di loro esisteva un televoto per eliminarne uno.

Canale 5 si è prestata a promuovere valori negativi pur di portare avanti un reality privo della pur minima idea costruttiva.

Non sono mancate le volgarità, sapientemente occultate nel day time e non messe in evidenza nei montaggi settimanali. Si sono utilizzati personaggi noti come Christian De Sica per far recitare ai ragazzi nella casa una scena di orgasmo, si è fatto ricorso a Gerry Scotti per legittimare in maniera familiare il gran finale con l’elezione del vincitore.

Un discorso a parte meritano gli opinionisti: a due puntate dall’inizio si è rimediato all’inesperienza di Manuela Arcuri e Cesare Cunaccia, sostituendoli con Vladimir Luxuria che aveva alle spalle il ruolo di inviata a L’isola dei famosi. Luxuria non ha fatto la differenza: il reality non ha avuto l’impennata di ascolti preventivata. A dispiacere e meravigliare sono state soprattutto le osservazioni troppo spesso piene di doppi sensi espliciti non compatibili con l’intelligenza e il livello culturale dell’ex deputata di Rifondazione comunista. La presenza al GF di Luxuria è da dimenticare. Vogliamo ricordarci di lei come la sagace, schietta, curiosa intelligente rappresentante di un mondo televisivo mai banale.



0 Replies to “GF 13, il bilancio finale è nettamente negativo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*