Dal GF all’Isola, il reality si trasforma in terapia psicoanalitica


La nuova concezione del reality che, per molti partecipanti, viene utilizzato come strumento terapeutico per superare difficoltà e paure esistenziali


Già nel 2013, l’Italia contava 100 mila psicologi. Eppure, nonostante la ricerca di un professionista non sia certo difficile, i vip preferiscono le telecamere.
Affrontare i propri demoni, ritrovare se stessi: queste le nobili motivazioni con cui, di solito, i concorrenti partecipano ai reality.
Non c’è edizione, infatti, in cui qualche membro del cast non racconti di voler superare vecchie difficoltà, dilemmi esistenziali che solo la lontananza può rischiarare.

Allo scopo si rivelano utili quei programmi dove ci si parcheggia per qualche mese, e si ha così la possibilità di pensare. Forse perché la permanenza in una casa, o un’isola, costringe a fare i conti con se stessi. O forse perché, mentre una terapia bisogna pagarla, al GF Vip o all’Isola dei Famosi è Mediaset a pagare.
Accade così che le turbe amorose dei concorrenti, i dolori, i problemi del passato, riemergano a favore di pubblico: il pedaggio da pagare, per essere mediaticamente interessanti. Il cibo con cui nutrire lo spettatore affamato, se lo spettacolo che gli si propone è quello di gente spiaggiata per giorni e giorni in una casa o in un angolo dell’Honduras.
Ecco dunque la Rodriguez junior che si crogiola per amore nella casa del Grande Fratello Vip, oppure Daniele Bossari che tenta il riscatto professionale dopo un periodo di depressione. Lo stesso Bossari che la televisione ha sputato fuori, per esserne di nuovo protagonista si è infine dovuto piegare alle sue leggi. Perché al Grande Fratello, solo al di là porta rossa di Cinecittà, è arrivata l’epifania di una consapevolezza: voler sposare la sua Filippa.
Poi la depressione di Simona Izzo, argomento di derisione da parte di Jeremias Rodriguez. Pure lui tanto sensibile, secondo gli opinionisti in studio: un ragazzo che ha sofferto tanto, dicono le sorelle.
Aggiungete pure Luca Onestini, lasciato senza la decenza di un confronto da parte della fidanzata, e il secondo Gf Vip è stato un centro di recupero per anime in pena. Rimangono inoltre quei personaggi che in tv non lavorano da un po’, ragion per cui firmano il contratto nel tentativo di una seconda vita professionale.

Ora è in partenza l’edizione 2018 dell’Isola dei Famosi, con cui Canale 5 inseguirà il successo del Gf Vip 2. Filo conduttore delle due trasmissioni, Daniele Bossari: vincitore nell’ una, opinionista nell’altra.
Di nuovo, pure qui, sull’ aereo per l’Honduras si ripongono grandi speranze. Economiche, ma anche di rivalsa verso la vita.
Si comincia da Francesco Monte, lasciato in diretta nazionale da Cecilia Rodriguez che gli ha preferito la compagnia di Ignazio Moser su divani e dentro armadi.
C’è poi l’affair sentimentale di Bianca Atzei, lasciata in tronco da Max Biaggi. Lei si era presentata pochi mesi prima a Sanremo, cantando convinta che “da quando stiamo insieme, non esiste più una nuvola”.
Il sensitivo Craig Warwick ha invece dichiarato a Chi: “Ho accettato di fare l’Isola dei Famosi per fuggire. Ho passato gli ultimi due anni dentro un incubo. Il mio compagno Enzo ha lottato contro un brutto male. Ci siamo consumati a vicenda. Oggi voglio respirare, devo recuperare un po’ di vita”.
Il resto del cast è composto da Cecilia Capriotti, Giucas Casella, Francesca Cipriani, Paola Di Benedetto, Marco Ferri, Nino Formicola, Eva Henger, Jonathan Kashanian, Alessia Mancini, Filippo Nardi, Chiara Nasti, Amaurys Perez, Rosa Perrotta, Nadia Rinaldi.

In attesa che inizi il reality, l’Isola è già pronta ad accogliere liti, lamenti, tragedie esistenziali e vittimismi. Ai concorrenti non rimane che intascare il cachet. E magari, al ritorno, consultare l’albo con quegli oltre 100mila nomi di cui si parlava sopra.



0 Replies to “Dal GF all’Isola, il reality si trasforma in terapia psicoanalitica”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*