GF Vip 4 I momenti più trash della finale


La nostra analisi dei momenti peggiori della finale del reality show andata in onda mercoledì 8 aprile.


GF Vip 4 momenti più trash finale. La ventesima ed ultima puntata del GF Vip 4 si è conclusa con la vittoria di Paola Di Benedetto che ha deciso di devolvere il montepremi in beneficenza. Paolo Ciavarro è il secondo classificato mentre Sossio Aruta si è fermato al terzo posto.

La finale del reality è stata ricca di sorprese e di colpi di scena. I concorrenti si sono sottoposti a turno al televoto in modo che il pubblico potesse decidere chi mandare via e chi avvicinare sempre di più alla vittoria. In tale contesto sono stati eliminati Andrea Denver, Antonella Elia, Aristide, Patrick ed infine Sossio. 

GF Vip 4 momenti più trash finale Antonio Zequila contro Sossio Aruta

GF Vip 4 momenti più trash finale sossio

La guerra senza esclusione di colpi tra i due maschi alfa è proseguita anche a distanza. Signorini è riuscito a far litigare Antonio Zequila e Sossio Aruta anche nell’ultima puntata. Mentre Aruta è entusiasta di aver battuto il suo avversario arrivando in finale, Zequila non ha ancora metabolizzato la sconfitta. L’attore – uscito dal reality la scorsa settimana – si è documentato sulla vita privata dell’ex coinquilino. E per vendicarsi ha svelato in diretta gli aspetti più discutibili del suo passato.

Quando Sossio giocava nel Frosinone, è stato squalificato per 8 mesi dalla sua società a causa di una rissa avvenuta in campo dopo il fischio finale nel derby contro il Latina. Come punizione è stato retrocesso dal professionismo alla categoria dilettantistica.

Dopo aver incassato il primo colpo basso, Aruta deve assorbirne un altro, ancora più pesante. La vicenda riguarda il matrimonio con l’ex moglie Rossella al quale è seguito un divorzio burrascoso. Antonio Zequila, con tono di sfida, ha gridato: “Se vinci il Grande Fratello paga gli alimenti alla tua ex moglie”. Come prevedibile, la frase ha scatenato l’ira del rivale. Le notizie che ha letto risalgono al 2017.  Per difficoltà economiche Aruta non è riuscito a mantenere fede ai provvedimenti stabiliti in fase di separazione per un lungo periodo. Ma quando ne ha avuto la possibilità, ha pagato anche gli arretrati.

Un capitolo a dir poco imbarazzante del reality che non ha risparmiato momenti simili nel corso dei tre mesi di durata.

GF Vip 4 Antonella Elia

GF Vip 4 momenti più trash finale antonella

Antonella Elia è stata l’indiscussa primadonna della quarta edizione del Grande Fratello Vip. E’ stata protagonista di molti momenti di goliardia ma anche di svariate risse e addirittura di rituali religiosi contro il malocchio.

L’ex valletta di Mike Bongiorno però non è riuscita a liberarsi dell’etichetta che le hanno affibbiato i suoi inquilini: persona perfida che odia le altre donne.

E su tale aspetto è stata bacchettata da Licia Nunez, l’unica donna presente nello studio di Cinecittà per la finale. Per l’attrice è stata l’ultima occasione pubblica per riaccendere vecchi rancori.

Ha accusato la Elia di non averla mai difesa nello scontro con Adriana Volpe o nella lite con Pago per le frasi omofobe pronunciate dal cantautore. Se la Elia fosse stata solidale con lei, avrebbero potuto costruire un rapporto d’amicizia anche al di fuori del contesto televisivo. Ma a questo punto del gioco è felice che sia stata eliminata. La Elia ha reagito con indifferenza perché il suo vero obiettivo non era vincere a tutti i costi. Bensì primeggiare, fino alla fine, sulle altre conquiline.

E Licia Nunez rappresenta per Antonella solo l’ultima rivale che ha sconfitto. E’ riuscita ad eliminare tutte, ad eccezione dell’innocua Paola Di Benedetto con la quale non ha avuto particolari risentimenti.



0 Replies to “GF Vip 4 I momenti più trash della finale”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*