x

Connect with us

x

Recensioni

Game of Games – Gioco loco recensione dello show con Simona Ventura

Analisi e riflessioni critiche sullo show condotto da Simona Ventura in prima serata su Rai 2.

Pubblicato

il

Game of Games recensione
Analisi e riflessioni critiche sullo show condotto da Simona Ventura in prima serata su Rai 2.
Condividi su

Rai 2 ha mandato in onda la prima puntata di Game of Games – gioco loco di cui vi proponiamo la recensione.

C’era molta attesa per il ritorno in prima serata di Simona Ventura che ha proposto la versione italiana dello show portato al successo oltreoceano da Ellen DeGeneres.

Una versione adattata al pubblico italiano e con la presenza di personaggi noti, non contemplati invece nel format originale.

Game of Games critica

Game of Games – recensione

La prima impressione ricevuta da Game of Games è una riproposizione delle atmosfere leggere già viste in programmi come Stasera tutto è possibile e soprattutto Ciao Darwin. L’unica differenza è che i giochi si svolgono in una sorta di grande Luna Park.

Il programma, definito come divertimento fine a sé stesso, procede a ritmi serrati e incalzanti senza lasciare al telespettatore la possibilità di fermarsi. Si viene completamente assorbiti da un ritmo travolgente che spesso diventa anche ossessivo.

Tutto insomma è modellato su uno schema sopra le righe e il telespettatore non riesce ad avere un attimo di respiro, sopraffatto dalla verve fin troppo goliardica e insistente dei concorrenti, sia vip che gente comune.

I giochi si susseguono a ritmo continuo e molti presentano difficoltà che hanno ricordato chiaramente Ciao Darwin. Ma Simona Ventura non è Paolo Bonolis. La conduttrice non ha insomma il linguaggio dissacrante, aulico e forbito, di un Bonolis tradizionalmente vicino alla gente comune che diventa inconsapevolmente sua vittima.

Mentre Bonolis manipola i personaggi, Simona Ventura si limita a presentarli e ad interagire con loro in una maniera mai volgare e sopra le righe. Anche se, bisogna dirlo, nel corso del programma non sono mancate alcune battutine a doppio senso pronunciate da alcuni vip tra i quali Elettra Lamborghini.

Il programma è chiaramente un vero disimpegno per i telespettatori. Puro intrattenimento. Ma la goliardia finisce per assumere contorni poco credibili. Ed è proprio la credibilità una delle pecche di Game of Games – gioco loco.

Game of Games ascolti

La conduttrice

Simona Ventura ha cercato di imprimere al programma la sua verve personale. Ha tentato di essere sé stessa ma spesso l’euforia è andata al di là del consentito. Ha gestito i concorrenti noti e la gente comune con un approccio elegante, ma anche cameratesco. Particolare attenzione ha avuto per le persone comuni, mentre con i colleghi del mondo dello spettacolo si è permessa qualche battuta e qualche goliardia in più.

Naturalmente tutti si sono adattati alle atmosfere predominanti ed hanno cercato fin troppo chiassosamente di intrattenere un pubblico, che in questo periodo, ha problemi molto più gravi a cui pensare. Nonostante i giochi e la goliardia ci si attendeva qualche sobrietà in più.

Infine come sempre il programma ha messo in evidenza lo scarso grado di cultura generale che caratterizza molti personaggi del mondo dello spettacolo. È stato evidente soprattutto nella prima parte quando le risposte di alcuni vip alle domande di Simona Ventura sembravano talmente esilaranti da risultare false e studiate a tavolino.

Un’ultima osservazione: il pubblico italiano è diverso dalla platea televisiva americana, al quale Game of Games è più adatto.

 


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

ARCHIVIO

Agosto 2022
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it