Connect with us

Soap e serie tv

Le fiction che vedremo: ecco le messe in onda di febbraio

La prima miniserie che vedremo nel mese di febbraio su Rai 1 è Luisa Spagnoli in onda il 2 e 3 febbraio. Successivamente l'8 febbraio Rai 1 trasmette in prima serata il tv movie Il Sindaco pescatore. Il 15 e il 16 febbraio è la volta di io non mi arrendo. Il 22 febbraio torna il commissario Montalbano con due nuovi TV movie.
Alice Toscano

Pubblicato

il

La prima miniserie che vedremo nel mese di febbraio su Rai 1 è Luisa Spagnoli in onda il 2 e 3 febbraio. Successivamente l'8 febbraio Rai 1 trasmette in prima serata il tv movie Il Sindaco pescatore. Il 15 e il 16 febbraio è la volta di io non mi arrendo. Il 22 febbraio torna il commissario Montalbano con due nuovi TV movie.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vediamo uno per uno i contenuti delle fiction in onda.

Di Luisa Spagnoli vi abbiamo già anticipato che sarà interpretata da Luisa Ranieri. Accanto a lei nel cast ci sono anche Vinicio Marchioni, Antonello Fassari, Brenno Placido e Franco Castellano, ma ci sarà anche Gianmarco Tognazzi. La regia è di Lodovico Gasparini. La miniserie racconta l’avventura umana e professionale di Luisa Spagnoli leader nel settore dell’abbigliamento con la lana d’angora. Al suo nome sono intitolate ancora oggi boutique sparse in tutto il mondo.{module Pubblicità dentro articolo}

angelo vassallo 1078x516L’8 febbraio va in onda il film tv “Il Sindaco pescatorecon Sergio Castellitto nel ruolo del protagonista, ovvero Angelo Vassallo sindaco di Pollica, un piccolo comune in provincia di Salerno. Il primo cittadino fu barbaramente ucciso 5 anni fa perché la sua operazione di pulizia della politica locale dava fastidio alla malavita e alla camorra. Nel cast, accanto a Castellitto (già protagonista di In treatment) ci sono anche Renato Carpentieri, Fabrizio Contri e Teresa Saponangelo. La regia di Maurizio Zaccaro. Il tv movie è liberamente ispirato al libro “Il Sindaco pescatore” edito da Mondadori. Vassallo morì assassinato il 5 settembre del 2010 con 7 colpi di pistola. Il suo amore per la legalità lo aveva convinto a candidarsi a sindaco dopo aver studiato incessantemente per 12 anni. Prima infatti era soltanto un pescatore. {module Pubblicità dentro articolo}

giuseppe fiorello 1

Il 15 e il 16 febbraio invece scende in campo Beppe Fiorello, protagonista della miniserie “Io non mi arrendo. Le due puntate raccontano la storia vera di Roberto Mancini il vice commissario romano che per primo aveva scoperto e denunciato il traffico dei rifiuti tossici in quella zona della Campania tristemente famosa col nome di terra dei fuochi. Nella fiction il protagonista cambia nome, sarà Marco Giordano, ma le vicende raccontate sono chiaramente ispirate a quelle del poliziotto vero che ebbe il coraggio di portare avanti da solo indagini sul traffico mastodontico di rifiuti gestito dalla camorra nelle province di Napoli e Caserta. A fermarlo però non furono i malavitosi ma ha un tumore contratto durante i tantissimi sopralluoghi tra le discariche nelle quali erano contenuti rifiuti persino radioattivi. Mancini morì nel 2014. {module Pubblicità dentro articolo}

14285054945291366691003313montalbano 2204Infine a chiudere il mese di febbraio due TV movie della serie “Il Commissario Montalbano. Le due fiction in onda il 22 e il 29 febbraio hanno come protagonista Luca Zingaretti che torna nel ruolo del celebre commissario di Vigata amatissimo dal pubblico. Dopo la prima puntata del 22 febbraio, la seconda sarà in onda il 29. I titoli sono “Una faccenda delicata” e “Una piramide di fango“. I telespettatori ritroveranno tutti personaggi storici che hanno reso celebre Montalbano non solo in Italia ma nel mondo. Montalbano infatti è una delle serie italiane più vendute a livello internazionale.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soap e serie tv

La compagnia del cigno 2 episodi La forza nella tempesta e La verità, guest star Gabbani e Mika

Anticipazioni degli episodi della serie con protagonisti Alessio Boni e Anna Valle.
Riccardo Chiaravalli

Pubblicato

il

La compagnia del cigno La forza nella tempesta
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La compagnia del cigno torna con gli episodi La forza nella tempesta e La verità. L’appuntamento è per domenica 16 maggio alle 21.25 in prima serata su Rai 1. Nuovi eventi e nuove sfide attendono i sette giovani musicisti del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano guidati come sempre dall’inflessibile Maestro Luca Marioni (Alessio Boni). Nel cast anche Anna Valle nel ruolo di Irene Valeri moglie di Marioni.

Ma i protagonisti principali sono i giovani musicisti interpretati da Emanuele MisuracaArio SgroiChiara Pia AuroraFrancesco TozziHildegard De StefanoLeonardo Mazzarotto e Fotinì Peluso. La produzione ed è la Indigo Film per Rai Fiction.

Dopo la presenza, due settimane fa, di Ornella Vanoni,  sono previste altre partecipazioni di rilievo. Francesco Gabbani e Mika sono le guest star della puntata. E intervengono nel ruolo di loro stessi.

La compagnia del cigno La forza nella tempesta trama

Trama La forza nella tempesta

Nel primo dei due episodi previsti, La forza della tempesta, Irene supporta Luca con tutto il suo amore. E’ troppo prezioso ciò che hanno costruito fino a quel momento ed è necessario combattere per sostenere la sua innocenza.

Anche i ragazzi non si danno per vinti e persino Sofia, in procinto di partorire, non perde occasione per tormentare l’Ispettrice Modiano a rivedere le indagini. Il Maestro, nonostante la tragica situazione che sta vivendo, aiuta comunque i suoi alunni e cerca di dare coraggio a Domenico nel recuperare il suo rapporto con Barbara.

La compagnia del cigno La veritàLa compagnia del cigno 2 – La verità, trama

Nel secondo episodio della serata dal titolo La verità, la vita si rivela più forte della morte. E la Compagnia si ritrova a condividere un momento di gioia che dona a tutti i componenti nuove speranze.

Luca, sopraffatto dal dolore e dalla rassegnazione, non è più l’uomo che tutti conoscono. E in questa situazione di estrema difficoltà che i ragazzi della Compagnia capiscono l’importanza della loro unione e sono disposti a rischiare pur di scagionare il loro Maestro. L’ispettrice Modiano infatti, spinta dalla loro testardaggine, riprende in mano le indagini ed improvvisamente si aprono delle piste inaspettate.

La compagnia del cigno La verità trama

La Compagnia del Cigno 2 – il cast completo

Di seguito il cast della serie tv La Compagnia del Cigno 2 e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Luca Marioni – Alessio Boni
  • Irene Valeri – Anna Valle
  • Teoman Kayà – Mehmet Gunsur
  • Matteo – Leonardo Mazzarotto
  • Barbara – Fotinì Peluso
  • Domenico – Emanuele Misuraca
  • Sara – Hildegard De Stefano
  • Robbo – Ario Nikolaus Sgroi
  • Sofia – Chiara Pia Aurora
  • Rosario – Francesco Tozzi
  • Daniele – Alessandro Roia
  • Vittoria – Carlotta Natoli
  • Miriam – Francesca Cavallin
  • Nico – Claudia Potenza
  • Guido Sestieri – Rocco Tanica
  • ssa Gabriella Bramaschi – Angela Baraldi
  • Direttrice Conservatorio – Pia Lanciotti
  • Antonia – Barbara Chichiarelli
  • Daniele 2 – Michele Rosiello
  • Ines – Haydée Borelli
  • Giulio – Fabrizio Coniglio
  • Arianna Modiano – Vanessa Compagnucci
  • Ssa Parise – Marta Pizzigallo
  • Michele – Pasquale Di Filippo
  • Scheggia – Nicolas Orzella
  • Natasha – Sofia Iacuitto
  • Nathan – Ruben Giuliani
  • Lorenzo Miri – Giacomo Del Papa
  • Pietro Musella – Andrea Matacena
  • Anna Nagabiki – Anna Nagai
  • Kimi Nagabiki – Nana Funabiki
  • Alessandro – Luciano Scarpa
  • Stefano Kayà – Lorenzo Aloi
  • Francesco Rengone – Francesco Maria Tricarico

Foto: PH Sara Petraglia


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

La stagione della caccia su Rai 4 – trama, cast, finale

Tutte le curiosità sul tv movie di Camilleri. Notizie su cast, regista, location, episodi inediti inerenti la lavorazione del tv movie
Biagio Esposito

Pubblicato

il

La stagione della caccia
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si chiama La stagione della caccia il secondo tv movie della serie C’era una volta Vigata in onda oggi, in replica, su Rai 4.

Il tv movie è tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri pubblicato nel 1992 dall’editore Sellerio che avrebbe editato successivamente tutti i libri dello scrittore siciliano.

Noi vi abbiamo già anticipato le principali notizie sulla pellicola. Adesso vi sveliamo tutte le curiosità sulla trama e sulla realizzazione delle riprese.

Innanzitutto La stagione della caccia è la prima opera di Camilleri ed ebbe un successo immediato e clamoroso sia di pubblico che di critica.

La stagione della caccia – dove è stato girato

Le riprese sono state effettuate in Sicilia, in particolare a Scicli. Una delle location è stata il Palazzo Mormino-Màssari che si trova proprio sulla piazza principale di Scicli. Si tratta di un edificio nobiliare molto bello e sontuoso che è stato utilizzato come il Palazzo Peluso. I Peluso sono la famiglia nobile protagonista della vicenda raccontata da Camilleri.

La piazza è quella di Ispica, il porto è quello di Marzamemi, la piazza dove vediamo il marchese anziano è la piazza di Scicli, Piazza Busacca, mentre la Basilica è sempre ad Ispica.

La stagione della caccia attori

Chi è il regista?

Il regista è Roan Johnson ha già firmato la serie di Sky I delitti del BarLume. Nato a Londra da padre inglese e mamma materana, ha trascorso la sua infanzia e adolescenza a Pisa e poi a Roma. Johnson ha studiato al centro sperimentale di cinematografia dove come docente di sceneggiatura ha avuto Francesco Bruni, che firma la sceneggiatura della Stagione della caccia con Camilleri e Leonardo Marini.

Il regista ha svelato che per girare il tv movie ha ascoltato, tra i tanti consigli che gli erano stati dati, uno in particolare: “Pensa come se i Peluso fossero i Sopranos del diciannovesimo secolo e tu fossi il James Gandolfini di Vigata”. 

Sul suo incontro con Camilleri svela: “Per me è stato come andare da un veggente, varcando la soglia del suo salotto traboccante di libri mi è sembrato di entrare nell’antro della Sibilla. Sembrava un rituale pagano, ognuno sulla sedia assegnata dallo scrittore, che mi sembrava uno sciamano”.

Camilleri, però, ha imposto il suo pensiero sul tv movie. Ha solo accettato qualche semplificazione sul testo, ricco di intrecci e personaggi. Ma è stato inflessibile per un finale diverso, contenente la speranza di un nuovo amore e quindi più a lieto fine. Johnson e Bruni lo avevano proposto ma lo scrittore scrittore non ha voluto saperne.

La stagione della caccia finale

La stagione della caccia – I Peluso e la trama

I nobili Peluso da Torre Venerina, signori di Vigata, sono guidati dal patriarca, il marchese Filippo Pelluso (Tommaso Ragno). Un giorno arriva in paese il fascinoso farmacista Alfonso “Fofò” La Matina interpretato da Francesco Scianna. E’ figlio di un contadino esperto in erbe medicamentose. Appena giunto a Vigata, i componenti della famiglia Peluso cominciano misteriosamente a morire, uno dopo l’altro, come ne I dieci piccoli indiani di Agatha Christie. Chi morso da una vipera, chi di crepacuore, chi avvelenato.

Gli attori

Francesco Scianna, il protagonista, ha raccontato di essere rimasto colpito sin da subito dal romanzo e di essersi ispirato a Charlie Chaplin per interpretare Alfonso Fofò La Matina, con l’intento di dare al personaggio quella vis comica, che è la cifra vincente della scrittura di Andrea Camilleri.

Donatella Finocchiaro ha spiegato: «Finalmente sono una donna di Camilleri. Questo libro è un capolavoro di scrittura magistralmente adattato, diretto e anche ben interpretato dai burattini che siamo noi, ma i personaggi erano cesellati alla perfezione. Nel film c’è l’emozione, il dramma, la morte e anche tanta comicità. Con Tommaso Ragno non mi sono trattenuta dalla risate, anche noi attori siamo rimasti ‘vittime’ di questa storia!».


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Io non mi arrendo con Beppe Fiorello su Rai 1 – trama, cast, finale

Sintesi della fiction Io non mi arrendo con Beppe Fiorello. Tratta dalla storia del poliziotto Roberto Mancini
Sveva Loriano

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera Rai 1 replica la miniserie tv Io non mi arrendo con Beppe Fiorello. La storia racconta le vicende del poliziotto Roberto Mancini (Marco Giordano nella fiction), impegnato a combattere l’ecomafia della terra dei fuochi.

Io non mi arrendo film attori

Io non mi arrendo – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Enzo Monteleone. Protagonisti sono Beppe Fiorello e Massimo Popolizio che interpretano rispettivamente i ruoli dell’ispettore Marco Giordano e dell’avvocato Gaetano Russo. Nel cast anche Maddalena Crippa che dà il volto al personaggio del vice-questore Giordana Valente.

Le riprese si sono svolte in Italia, in particolare in Puglia nelle città di Bari e Brindisi. La produzione è della Picomedia in collaborazione con Iblafilm per Rai Fiction.

Io non mi arrendo film dove è girato

Io non mi arrendo – trama

La storia inizia a Fondi (LT) con Marco Giordano alle prese con Fusillo. Un cittadino finito nella mani di usurai che rischia di diventare un prestanome per dimezzare il suo debito. Durante un suo interrogatorio, l’ispettore conosce Maria Kaminski (Elena Tchepeleva) e per avvicinarla finge di essere l’addetto al rinnovo dei permessi di soggiorno.

L’avvocato Gaetano Russo (Massimo Popolizio) è una delle figure al centro di questa indagine di usura e lo vediamo inizialmente acquisire una terra in Campania per una cifra di tre milioni. I suoi intenti non sono assolutamente benevoli: vuole usare quel terreno per creare discariche di rifiuti tossici. La squadra ferma un camion convinto di sequestrare droga; quando invece trovano immondizia, non capiscono il reale intento del criminale.

Intanto continuano le intercettazioni telefoniche e le indagini svolte sul territorio campano mostrano un collegamento tra Russo e i rifiuti tossici. Seguendo un camion, Giordano e Mastropalo scoprono una discarica illegale a cielo aperto e inoltre incontrano Vincenzino, un ragazzo malato che li porta a scoprire altri luoghi dove in passato sono avvenuti gli stessi fatti.

La storia d’amore tra Marco e Maria prosegue a gonfie, prima con un romantico matrimonio all’interno di una grotta in Polonia e poi con l’arrivo di Martina, la loro primogenita. Impegnato in un faccia a faccia con Russo, però l’ispettore non riesce ad aiutare la moglie.

Le intercettazioni continuano e mettono in evidenza come l’avvocato Russo abbia delle coperture importanti nella pubblica amministrazione, nella politica e anche nella magistratura. L’omicidio di Ercolani, un complice non più gradito del legale, però complica un po’ il compito dei poliziotti che trovano un valido alleato in Vincenzino.

Spoiler finale prima puntata

Il Dottor Bonocore svela a Giordano come molti bambini nella cittadina siano affetti da tumore. Tutti sanno ma nessuno denuncia. Durante un incontro tra l’avvocato Russo e altri malviventi, per allargare il giro d’affari anche all’estero, a sorpresa si presenta anche il superiore dell’ispettore, la Dottoressa Valente. Questa scoperta è condivisa solo con la squadra; ecco svelato il motivo per cui la donna aveva proposto a Giordano una promozione ai servizi segreti.

Per riuscire ad ampliare il giro d’affari l’avvocato Russo chiede aiuto al boss della camorra Don Antonio. In un letto d’ospedale, dopo un incontro con Marco Giordano, Vincenzino muore, terminando così la sua agonia. Nell’ultima scena l’avvocato Russo e l’ispettore si “”sfidano” a parole in un tavolo di ristorante.

Io non mi arrendo film finale

Io non mi arrendo – cast completo

  • Giuseppe Fiorello: isp. Marco Giordano
  • Massimo Popolizio: avvocato Gaetano Russo
  • Elena Tchepeleva: Maria Kaminksi
  • Alessandro Riceci: Rino Mastropalo
  • Salvio Simeoli: Lucio Papa
  • Stefano Alessandroni: Alessio Bonfiglio
  • Mario Sgueglia: Michele Leone
  • Paolo Briguglia: PM Giovanni Cattaneo
  • Maddalena Crippa: vice-questore Giordana Valente
  • Antonio Milo: Sebastiano Ajello
  • Vincenzo Pirrotta: Antonio Pomarico
  • Giulia Salerno: Martina Giordano
  • Luigi D’Oriano: Vincenzino Abate
  • Bianca Maria D’Amato: madre di Vincenzino

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it