La compagnia del Cigno | il progetto letterario della serie tv

La compagnia del Cigno | il progetto letterario. La collana di libri racconta l'avventura personale ed artistica dei giovani studenti del conservatorio protagonisti dell'omonima serie TV.


Come sappiamo la fiction diretta da Ivan Cotroneo racconta la storia di amicizia e di crescita artistica tra 7 giovani musicisti di talento iscritti al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

Gli studenti sono costretti a misurarsi giorno dopo giorno con la vita quotidiana, con le problematiche famigliari, ma soprattutto con le regole e con la disciplina imposte dal severissimo direttore d’orchestra Luca Marioni (Alessio Boni) che pretende il massimo e non ha alcuna considerazione degli eventi collaterali.

Il progetto letterario è composto da otto libri, ognuno racconta la vicenda umana ed artistica dei protagonisti. Vi si aggiunge un testo incentrato sul progetto in generale.

I testi sono editi da Rai Libri.

Analizziamo uno per uno i libri de La compagnia del cigno

La compagnia del Cigno. La storia di un’amicizia favolosa

È il racconto complessivo di tutto quanto accade nella prima serie. I sette giovani talenti sono i protagonisti corali del romanzo a cominciare dalla prima volta in cui sono arrivati al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

Il testo si basa anche sulla figura del professor Luca Marioni i cui modi burberi però nascondono un dramma che lo tormenta.

La compagnia del Cigno. Rosario. Un anno lungo una vita

Il volume è incentrato sull’esperienza di Rosario, 16 anni con uno smisurato amore per la batteria lo strumento preferito che suona al conservatorio. Il ragazzo ha iniziato una nuova vita quando è stato adottato da una coppia di genitori che inizialmente lo hanno avuto in affido.

Il testo racconta tutta la vicenda di Rosario (Francesco Tozzi) che, nonostante le batoste riservategli dalla vita, è pronto a guardare con ottimismo al futuro e ad accogliere tra le sue braccia la madre biologica che sta disintossicandosi da una overdose di stupefacenti.

La compagnia del Cigno. Sofia. Un po’ più grande di così

Sofia (Chiara Pia Aurora) suona il violoncello, ha 17 anni vive con il fratello maggiore Andrea e con la madre che lavora in un ristorante. Il padre ha abbandonato da anni la famiglia per seguire una ragazza molto più giovane di lui. Il vero problema di Sofia è il peso e non riesce a dimagrire con nessuna dieta. Il testo segue l’evoluzione della giovane donna.

La compagnia del Cigno. Robbo. C’era una volta il castello

Robbo (Ario Nikolaus Sgroi) studia oboe e pianoforte. Ha solo 15 anni ed ama astrarsi dalla realtà e proiettarsi in un mondo immaginario. I suoi genitori vivono un periodo di crisi e si separeranno. Robbo dovrà prendersi cura della sorellina Chiara alla quale è molto legato.

La compagnia del Cigno. Barbara. L’estate dei miei desideri

Questo testo è incentrato su Barbara (Fotinì Peluso) che è una delle ragazze più corteggiate del Conservatorio Giuseppe Verdi. Studia pianoforte ed oboe e lascerà il liceo classico per dedicarsi completamente alla musica. Il testo segue l’evoluzione di Barbara non solo dal punto di vista artistico ma soprattutto dei sentimenti.

La compagnia del Cigno. Domenico. Cosa non darei per un pianoforte a coda

Il giovane studente proviene da una famiglia molto modesta. Il padre è muratore e vive nella periferia milanese più degradata. Domenico (Emanuele Misuraca) non ha un pianoforte pur essendo bravissimo ed avendo vinto tantissimi concorsi. Nelle pagine del libro Domenico riflette sul significato delle differenze sociali, ma troverà il coraggio e la forza di imporre il suo talento.

La compagnia del Cigno. Sara. Tutti i baci che avrò

Sara (Hildegard De Stefano) è ancora una bambina quando ha iniziato a perdere la vista. Il libro ripercorre il suo handicap che si rivela purtroppo determinante anche all’interno del conservatorio che frequenta. Fortunatamente è una ragazza molto furba ed intelligente che ha anche un’altra grande passione: è innamorata dell’amore.

La compagnia del Cigno. Matteo. Il silenzio è una scossa al cuore

Matteo (Leonardo Mazzarotto) suona il violino ma ha nel cuore un grandissimo dolore. Il terremoto dell’agosto 2016 ha raso al suolo Amatrice, il suo paese, ed ha ucciso la mamma. Le pagine del libro raccontano proprio quella terribile estate che ha cambiato per sempre la vita di Matteo. Il ragazzo si trasferisce a Milano dal suo giovane zio gay per ricominciare una nuova vita.



0 Replies to “La compagnia del Cigno | il progetto letterario della serie tv”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*