Connect with us

Soap e serie tv

Suburra 2 | la trama e la nostra opinione sugli ultimi quattro episodi | il gran finale

Suburra 2. La trama e la nostra opinione sugli ultimi quattro episodi della seconda stagione. Ci sarà la terza stagione? Un finale ricco di colpi di scena lascia spazio al dubbio.

Pubblicato

il

Suburra 2. La trama e la nostra opinione sugli ultimi quattro episodi della seconda stagione. Ci sarà la terza stagione? Un finale ricco di colpi di scena lascia spazio al dubbio.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La seconda stagione di Suburra è sicuramente al livello della prima e, anzi, la supera.
I protagonisti
, emancipati dalle famiglie, sono ancora più determinati a prendere il potere,  in particolare Spadino (Giacomo Ferrara), è pronto a rinunciare ad ogni cosa pur di essere il capo della sua famiglia. Accanto a lui troviamo l’ultimo degli Adami, Aureliano (Alessandro Borghi) in questa stagione mostra una sensibilità commovente e un forte attaccamento alle persone che ha ancora accanto (Romolo, Lele e Spadino, Nadia). A rimanere fuori dall’aspirazione al comando è Gabriele (Eduardo Valdarnini) . Lele non riuscendo più a sopportare il peso di questa vita fatta di crimine e violenza, decide di mettere fine alla sua sofferenza, rivelando la fragilità di chi, come lui, è rimasto incastrato in un mondo che non gli appartiene

È fondamentale sottolineare il ruolo decisivo delle donne all’interno di questa stagione : Sara Monaschi (Claudia Gerini) coraggiosa e audace, è sempre pronta a scendere in campo e a schierarsi; Nadia Gravoni (Federica Sabatini) è decisa a prendere le redini della famiglia, non è spaventata all’idea di non avere più le spalle coperte dal padre, ma anzi è ancora più motivata a guadagnarsi una posizione autorevole tra i capi famiglia di Ostia ed infine Angelica Sale (Carlotta Antonelli) al fianco di Spadino, è pronta a tutto pur di diventare la regina. 

Il punto di forza di questa stagione è, in definitiva, il carattere ben definito dei personaggi, tutti loro subiscono un’ evoluzione nel corso degli episodi, capiscono quali sono le loro priorità e fanno una scelta fatidica per la loro vita. Spadino sceglie di rinunciare all’amore per il comando sugli zingari; Cinaglia ormai è tutt’altro che un politico e decide di lasciare la moglie, consapevole della vita che ha scelto; Adriano è sopraffatto dal desiderio di vendetta e da ora non sarà più solo un cronista sportivo perché è lui ad aver deciso di allearsi a due dei maggiori criminali di Roma e ancora Cristiana, stanca di non essere ripagata da una vita onesta, vuole passare al lato oscuro.

La culla | il quinto episodio

Samurai ha bisogno di un nuovo alleato a sinistra e prova a convincere l’ex moglie di Cinaglia, Gabriella (Lucia Mascino) ma ha bisogno del silenzio di qualcun altro, il Cardinale Giunti, che però non rispetterà il volere di Samurai e ne pagherà le conseguenze.
Cristiana tradirà la fiducia di Mara, testimoniando il falso per aiutare Lele; mentre Aureliano diventerà spietato per farsi rispettare dalle famiglie di Ostia.
Il protagonista assoluto della puntata è però Spadino, emozionato a sentire il battito del futuro figlio e pronto ad annunciare il lieto evento a tutta la famiglia. In questa puntata mostra il suo lato più sensibile e umano e per la prima volta vediamo lo “zingaro” e Aureliano condividere un momento di semplice amicizia: la scelta della culla del futuro erede.

È guerra |il sesto episodio

Adelaide Anacleti, dopo il tradimento delle famiglie di Ostia, vuole la guerra. Spadino, contrario alla decisione della madre, avverte Aureliano e insieme decidono di cogliere l’occasione per dare voce a Cinaglia, che potrà sfruttare la notizia per la sua campagna elettorale. Se non che Samurai grazie a una soffiata scopre le intenzioni dei tre e contatta Gabriella, sarà lei ad avvertire la polizia e a distruggere il piano di Aureliano. Durante la sparatoria Romolo, figura di riferimento per Aureliano, morirà, lasciando un figlio pieno di rancore e pronto alla vendetta.
Nella stessa notte Lele, accecato dalla rabbia, ucciderà Mara.

Santi Pietro e Paolo | il settimo episodio

Cinaglia dopo il fallimento della sparatoria, rafforza il suo piano sanguinario, l’obbiettivo è uccidere la Contessa simulando uno scippo. Aureliano compie il gesto, ma viene sorpreso da Alice, la moglie di Cinaglia, e dimentica di portare via la borsa e i gioielli. La stampa divulga la notizia di un malore, così il politico si trova nuovamente in difficoltà e avrà bisogno dell’aiuto della moglie.
Intanto Samurai regola i conti con Lele, ma il ragazzo, nonostante venga massacrato, non parla e grazie all’aiuto di Cinaglia riesce a liberarsi e ad andare da Cristiana, alla quale testimonia tutto quello che sta succedendo a Roma. Nel frattempo Spadino, grazie all’aiuto di Angelica, diventa finalmente il capo degli zingari e stringe un patto con Aureliano per dividere lo spaccio su Ostia.

Dimmi la verità | l’ultimo episodio

L’elezione del nuovo sindaco è alle porte. Samurai scopre che la morte della Contessa non è stato un incidente e fa in modo che la denuncia della moglie di Cinaglia non arrivi alla stampa, il tempo è poco e Samurai convince il politico a tornare con lui, facendo uscire la notizia tramite Adriano e assicurando la vittoria alla destra.
Lele ha testimoniato, ma Cristiana non vuole fare più parte della “brava gente” e lo minaccia per farsi presentare a Samurai, ma Lele non vuole, lui sa che da quel mondo non si può scappare, se non con la morte.
Una volta lasciata Cristiana in mezzo a una strada, Lele incontra i suoi unici amici, Spadino e Aureliano, ma nonostante l’affetto che lo lega a loro, lui è diverso e decide di porre fine alla sua vita. Ancora sconvolti i due si separano per affrontare i loro sentimenti: Aureliano si rifugia tra le braccia di Nadia, mentre Spadino dovrà uccidere l’uomo che ama, pur di mantenere il comando sulla sua famiglia.
Il gioco di Cinaglia è riuscito a portare la destra alla vittoria.
A Roma è arrivato il momento di mischiare le carte: Cinaglia e Sara consacrano con un bacio la loro alleanza con Samurai, mentre Aureliano e Spadino si coalizzano con Adriano. Ma il gran finale deve ancora arrivare, a chiudere la puntata è il risveglio di Manfredi, pronto a tornare in gioco.

Tra la formazione di nuovi schieramenti, Manfredi che riapre gli occhi e Cristiana che sparisce dopo aver preso l’arma con cui Lele si è sparato sembra evidente che ci sarà una terza stagione, ancora più meschina e cruenta. Ma per ora resta solo un’ipotesi, non sappiamo ancora quanto dovremmo aspettare per delle notizie ufficiali.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soap e serie tv

Doc Nelle tue mani episodi Meno 12 e Selfie – trama, cast, finale

In onda, in replica, la serie di Rai 1 in ispirata alla storia vera del medico lombardo Pierdante Piccioni. Con Luca Argentero e Matilde Gioli

Pubblicato

il

DOC Nelle tue mani puntata 26 marzo Rai 1 - Anticipazioni
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 propone oggi, in replica, DOC Nelle tue mani, alle 21.25, con gli episodi Meno 12 e Selfie. Un medical drama in quattro puntate, ciascuna composta da due episodi. I titoli di quelli in onda oggi sono Meno dodici e Selfie, per la regia di Jan Maria Michelini e Ciro Visco. La vicenda è ispirata alla storia vera del dottor Pierdante Piccioni, attualmente impegnato tra Codogno e Lodi nella lotta contro l’emergenza coronavirus.

DOC Nelle tue mani puntata 26 marzo Rai 1 - Anticipazioni primo episodio Meno 12

DOC Nelle tue mani – Trama generale

La fiction DOC Nelle tue mani racconta la storia del medico di Medicina Interna Andrea Fanti, interpretato da Luca Argentero. Competente, brillante e deciso – anche se freddo e scontroso – è tra i migliori dell’ospedale e diventa Primario. Lo apprezzano in molti per le capacità professionali, altrettanti lo schivano per la durezza dei modi.

La sua vita cambia per sempre quando il padre di un ragazzo morto nel reparto che dirige gli spara alla testa. Si salva, ma le conseguenze lo stravolgono. Ricostruisce con caparbietà la sua vita umana e professionale su presupposti empatici, completamente diversi da quelli distaccati cui era abituato.

Doc Nelle tue mani è una serie tv sul riscatto che può seguire ad una malattia ma anche un faro puntato sulle tante sfaccettature di una persona e di come gli eventi possano dispiegarle.
Un ritratto che intreccia la storia del protagonista con le vite dei malati che si avvicendano nei letti del reparto durante gli otto episodi. Ciascuno di loro contribuisce a cambiare Andrea Fanti.

DOC Nelle tue mani – trama episodio Meno 12

Nel primo episodio  di Doc nelle tue mani intitolato “Meno 12”, in onda giovedì 26 marzo su Rai1, un proiettile raggiunge il Dottor  Andrea Fanti alla fine del suo turno di lavoro. A spararlo è il padre di un giovane paziente morto nel reparto di Fanti. Il medico dopo un periodo di coma, si ritrova con un danno ingente della memoria: gli ultimi dodici anni della sua esistenza sono stati inghiottiti in un buco nero.

Non ricorda la morte del figlio Mattia né di essersi separato dalla moglie Agnese Tiberi (Sara Lazzaro) che è anche Dirigente Sanitario della struttura. Non riconosce la figlia Carolina (Beatrice Grannò), che dodici anni prima era solo una bambina, così come non ricorda i suoi colleghi e la promozione a Primario. La sua carriera sembra compromessa e dovrà ricominciare daccapo il percorso con il camice bianco.

DOC Nelle tue mani puntata 26 marzo Rai 1 - Anticipazioni secondo episodio Selfie

Trama episodio Selfie

La puntata di DOC Nelle tue mani prosegue con il secondo episodio intitolato “Selfie”.

Andre Fanti vive l’esperienza da paziente nel suo ospedale, nel tentativo di agevolare la riabilitazione e la ricostruzione degli eventi accaduti nei dodici anni che non ricorda. Nell’equipe di colleghi che lo segue, c’è Giulia Giordano (Matilde Gioli), la sua figlioccia professionale.
Tra i due intercorreva anche una relazione sentimentale.

Al risveglio, però, Andrea Fanti non è più il medico algido e pragmatico con cui aveva collaborato. Il loro rapporto di massima complicità si trasforma in una quotidianità problematica che la disorienta. Le sarà d’aiuto il collega Lorenzo Lazzarini (Gianmarco Saurino).

In questo episodio, la storia di Fanti inizia ad intrecciarsi con quella dei pazienti dell’ospedale. In particolare, lo coinvolge la complicata storia clinica e umana di Jacopo, suo giovanissimo compagno di degenza.

Doc Nelle tue mani - Serie tv ispirata alla storia vera del medico lombardo Pierdante Piccioni, impegnato contro il coronavirus
Chi è Pierdante Piccioni, impegnato contro il coronavirus

DOC Nelle tue mani è ispirata alla storia vera del medico lombardo Pierdante Piccioni.
Ex Primario del Pronto Soccorso di Lodi, nel 2013 fu vittima di un grave incidente automobilistico: andò in coma e perse la memoria. Al risveglio, gli ultimi dodici anni della sua vita erano spariti dai ricordi, rendendolo estraneo al mondo in cui aveva vissuto fino a poche ore prima.

Ha affrontato un lungo percorso riabilitativo, al termine del quale il suo approccio alla vita era totalmente cambiato. Quando è tornato in corsia, dopo aver ripreso gli studi, il suo punto di vista nei confronti dei pazienti era molto diverso: l’empatia era diventata imprescindibile nel suo metodo di lavoro.

Piccioni ha raccontato la vicenda in due libri editi da Mondadori, intitolati “Meno dodici” e “Pronto Soccorso”. La sua storia, tra l’altro, ha un filo diretto con l’attualità. In queste settimane è impegnato nel drammatico lavoro contro l’epidemia di COVID-19 che medici e infermieri stanno facendo in Lombardia.

Ospite della puntata di Porta a porta, mercoledì 25 marzo, il dottor Piccioni ha affermato di aver recuperato spontaneamente i ricordi, ma non le emozioni provate nel corso degli eventi che si sono susseguiti nei 12 anni. “Al risveglio ignoravo l’esistenza delle mail e dei tablet sofisticati” ha detto a Bruno Vespa. Ed ha concluso con un sorriso: “i miei collaboratori mi hanno detto che, se avessero immaginato la mia trasformazione positiva, mi avrebbero dato loro un colpo in testa”.

Doc Nelle tue mani – sigla, colonna sonora, musiche

La sigla della serie DOC nelle tue mani è un pezzo riconducibile musica new age. Il brano che risuona alla fine di ogni puntata è Ocean green contenuto nell’album A State of Trance Radio pubblicato nel 2004.

Il cast completo della serie e i rispettivi personaggi

Di seguito vi elenchiamo il cast di Doc nelle tue mani

  • Luca Argentero: Andrea Fanti
  • Matilde Gioli: Giulia Giordano
  • Gianmarco Saurino: Lorenzo Lazzarini
  • Sara Lazzaro: Agnese Tiberi
  • Raffaele Esposito: Marco Sardoni
  • Alberto Malanchino: Gabriel Kidane
  • Silvia Mazzieri: Alba Patrizi
  • Pierpaolo Spollon: Riccardo Bonvegna
  • Simona Tabasco: Elisa Russo
  • Giovanni Scifoni: Enrico Sandri
  • Beatrice Grannò: Carolina Fanti
  • Pia Lanciotti: Fabrizia Martelli

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Grand Hotel episodi Luna di sangue e Il gioiello scomparso su Canale 5 – trama, cast, finale

Tutte le anticipazioni della terza puntata della serie spagnola trasmessa in prima serata su Canale 5.

Pubblicato

il

Grand Hotel terza puntata
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Grand Hotel intrighi e passioni torna su Canale 5 con gli episodi Luna di sangue e Il gioiello scomparso. L’appuntamento è per questa sera, mercoledì 23 giugno in prima serata. Si tratta di un period-drama ambientato in un hotel deluxe di inizio secolo, in una storia che unisce commedia a mistero. Noi vi abbiamo già dato le anticipazioni.

Grand Hotel terza puntata attori

Grand Hotel Luna di sangue e Il gioiello scompars – dove è girato

La regia è di Ramon Campos che ha creato il prodotto ed ha contribuito alla sceneggiatura. Protagonista è Jon González presente in tutte e tre le stagioni nel ruolo di Julio Olmedo. Principale personaggio femminile è Amaia Salamanca che si cala nel ruolo di Alicia Alarcón.

Le riprese si sono svolte in Spagna, in particolare a Santander nella regione della Cantabria. Location principale di molti set è stato il Palazzo della Maddalena.

La produzione è della Bambù Producciones. Il titolo originale è il medesimo con cui è stata distribuita a livello internazionale.

Grand Hotel terza puntata dove è girato

Grand Hotel Luna di sangue – trama

Una volta scoperta la vera identità di Julio, Ayala, inaspettatamente, gli chiede di collaborare alle indagini, essendo lui un dipendente dell’hotel. Quando si rendono conto di avere a che fare con un serial killer, chiedono ad Alicia di aiutarli ad evitare il prossimo omicidio. Intanto, Eugenia, folle di gelosia, spinge da un balcone la sorella Mercedes, che si troverà a lottare tra la vita e la morte. Mentre Ayala, i suoi e Julio assistono all’omicidio di un’altra donna, senza riuscire ad evitarlo, Alicia viene inseguita nei corridoi dell’hotel, da un uomo con un coltello d’oro, arma degli altri delitti.

Grand Hotel Il gioiello scomparso – trama

Ayala intende arrestare Julio per omicidio e Alicia lo avverte del pericolo, mentre Andres dice a sua madre di essere il padre del figlio che Belen aspetta da Diego perché non vuole che venga cacciata essendone innamorato. Ma Angela la odia e le rende la vita difficile. Javier viene sfidato a duello dal generale e si salva in extremis.

Sofia trova una ragazza incinta e la fa assumere in hotel per tagliare fuori Belen dal patto che aveva fatto con Donna Teresa, che ora le da un’erba per abortire. Ma Belen cerca di far bere un tè fatto con quell’erba a Catalina, perché abortisca. Il suo piano le si ritorcerà contro grazie ad Angela. Julio e Alicia scoprono che Diego era l’amante di Cristina e pensano che possa averla uccisa. Ayala arresta Diego per l’omicidio e Donna Teresa per ora lo lascia fare. Improvvisamente scopriamo che Cristina è viva e salva la vita a Julio mentre Garrido stava per ucciderlo su ordine di Diego.

Grand Hotel terza puntata finale

Grand Hotel – il cast completo

Di seguito il cast della serie tv Gran Hotel e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Adriana Ozores (Velvet Collection) – Doña Teresa
  • Amaia Salamanca – Alicia Alarcón
  • Yon González – Julio Olmedo
  • Eloy Azorín – Javier Alarcón
  • Fele Martínez – Alfredo Vergara
  • Pep Anton Muñoz – Ayala
  • Pedro Alonso – Diego
  • Luz Valdenebro – Sofía Alarcón
  • Llorenç González – Andrés
  • Marta Larralde – Belén
  • Antonio Reyes – Hernando
  • Iván Morales – Sebastián
  • Concha Velasco – Ángela Salinas
  • Dion Córdoba – Mateo
  • Raquel Sierra – Natalia
  • Manuel de Blas – Benjamín
  • Tato Loché – Jesús
  • Asunción Balaguer – Lady
  • Cristóbal Araqué – Camarero

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

I casi della giovane Miss Fisher- Il ritmo della morte su Rai 2: trama, cast, finale

Peregrine Fisher deve indagare sull'omicidio di due cantanti avvenuto durante uno show televisivo. Nel caso è coinvolto anche il suo ex fidanzato.

Pubblicato

il

I casi della giovane Miss Fisher il ritmo della morte Rai 2
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi Rai 2 trasmette il secondo tv movie de I casi della giovane Miss Fisher, che ha per titolo Il ritmo della morte. Fa parte della prima stagione della serie australiana di genere giallo che è ambientata negli Anni Sessanta.

E’ stato trasmesso per la prima volta in Australia il 28 febbraio 2019 sul canale Seven Network. La durata è un’ora e 25 minuti.

I casi della giovane Miss Fisher il ritmo della morte attori

I casi della giovane Miss Fisher– Il ritmo della morte: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Kevin Carlin. Protagonisti principali sono Geraldine Hakewill che interpreta Peregrine Fisher e Joel Jackson nel ruolo del Detective James Steed. Catherine McClements e Louisa Mignone, invece, interpretano rispettivamente Birdie Birnside e  Violetta Fellini.

Le riprese si sono svolte in Australia, in particolare a Melbourne, capitale dello Stato del Victoria.

Le musiche sono di Brett Aplin, Dmitri Golovko e Burkhard von Dallwitz mentre Maria Pattison ha curato i costumi.

I tv movie della serie sono ideati da Fiona Eagger e Deborah Cox. Quest’ultima si è anche occupata della sceneggiatura assieme a Jo Martino.

I casi della giovane Miss Fisher è prodotto da Every Cloud Productions. Il titolo, infine, originale è Ms Fisher’s Modern Murder Mysteries- Dead Beat.

I casi della giovane Miss Fisher il ritmo della morte dove è girato

I casi della giovane Miss Fisher – il ritmo della morte: trama del tv movie in onda su Rai 2

Nella trama de Il ritmo della morte Peregrine Fisher deve indagare sul decesso di due cantanti, Duane e Gidget, avvenuto durante uno show televisivo.

I protagonisti erano a bordo di una tavola da surf immersa in una piscina che era stata allestita in studio per girare uno sketch. Dopo essere caduti accidentalmente in acqua Duane e Gidget sono morti folgorati a causa del malfunzionamento di un cavo elettrico legato proprio alla tavola da surf.

Il principale sospettato è Eric, ex fidanzato di Peregrine, perché prima della messa in onda era stato lui a controllare l’impianto elettrico. Ma il giovane rivela a Peregrine di non aver riscontrato alcuna anomalia. Non vi era infatti alcun filo difettoso o danneggiato.

Gli inquirenti però scoprono che Eric aveva venduto la propria auto a Daune. Ma la compravendita non era andata a buon fine in quanto la vettura risultava rubata.

Nonostante tutte le accuse a suo carico, Peregrine è convinta che Eric sia innocente.

Il finale del Tv movie

Oltre ad Eric, vengono accusati anche Billy Carson, il conduttore dello show, e Edwina Maddox, titolare dell’emittente televisiva. Ma i due vengono quasi immediatamente esclusi per mancanza di prove.

Per risolvere il caso Violetta decide di collaborare alle indagini fingendo di essere un’aspirante soubrette che desidera entrare nel mondo dello spettacolo. Si iscrive così ad un provino indetto dalla stessa emittente per poter indagare dall’interno.

Nel finale Violetta e Peregrine riescono a scoprire chi è l’assassino di Duane e Gidget. Il movente è legato ad alcune questioni ereditarie.

I casi della giovane Miss Fisher il ritmo della morte finale

I casi della giovane Miss Fisher– il ritmo della morte: il cast completo

Di seguito il cast del film I casi della giovane Miss Fisher– Il ritmo della morte e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori:

  • Geraldine Hakewill: Peregrine Fisher
  • Joel Jackson: Detective James Steed
  • Catherine McClements: Birdie Birnside
  • Louisa Mignone: Violetta Fellini
  • Toby Truslove: Samuel Birnside
  • Greg Stone: Ispettore Percy Sparrow
  • Katie Robertson: Fleur Connor
  • Fletcher Humphrys: Melvin Delaine
  • Matt McFarlane: Frank Quinn
  • Emily Milledge: Iris
  • Charlie Mycroft: Eddie Johnson
  • Tom New: Daryl Daley
  • Jake O’Brien: Milo Nabone
  • Jack Rowan: Rex Carr
  • Tom Royce-Hampton: Kenneth Moore
  • Alex Cooke: Ian Carruthers
  • Heidi Arena: Marjorie Mereweather
  • Sally Bourne: Mavis Sparrow

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it