Le fiction che vedremo: Il Paradiso delle Signore daily dal 10 settembre su Rai 1


Le fiction che vedremo: Il Paradiso delle Signore daily dal 10 settembre su Rai 1. La nuova versione per il pomeriggio prende il via 3 anni dopo la morte drammatica di Pietro Mori, l'ex proprietario dei grandi magazzini. Nel cast vanno via Giusy Buscemi e Giuseppe Zeno.


Sta per iniziare una versione particolare de Il Paradiso delle Signore, in onda alle 15:10 su Rai 1 per un totale di 180 puntate. La messa in onda è prevista a partire dal 10 settembre, dal lunedì al venerdì.

La serie infatti dopo due stagioni cambia completamente aspetto e si trasforma in una vera e propria soap opera con la pretesa di confrontarsi con i mega prodotti in onda a quell’ora su Canale 5: parliamo di Una vita ed Il Segreto.

La sceneggiatura è di Sara Rescigno, Anna Mittone, Fabrizio Cestaro e Paolo Girelli.

Nel cast non ci sono più i due personaggi principali del passato, ovvero Giusy Buscemi e Giuseppe Zeno. Rimane però Alessandro Tersigni insieme ad Alice Torriani. Sono loro i due unici sopravvissuti delle edizioni precedenti.

Nel nuovo cast ci sono: Roberto Farnesi, Gloria Radulescu, Neeva Leoni, Giulio Corso, Francesco Maccarinelli, Vanessa Gravina e Giorgio Lupano (Sacrificio D’Amore).

La regia è suddivisa tra Riccardo Mosca, Isabella Leoni (Un medico in famiglia e Un posto al sole), Francesco Pavolini e Marco Maccaferri.

Il Paradiso delle Signore | dove eravamo rimasti

La seconda stagione si era conclusa con la tragica morte di Pietro Mori (Giuseppe Zeno) il proprietario de Il Paradiso delle Signore. Mori aveva ricevuto la visita inaspettata della moglie statunitense ritrovata morta in un albergo di Roma sempre nel corso della seconda stagione.

Il Paradiso delle Signore daily | anticipazioni

Il Paradiso delle Signore daily riprende il racconto degli eventi tre anni dopo la tragica morte di Pietro Mori. Siamo a Milano nel settembre del 1959 quando la serie si apre per raccontare il futuro dei grandi magazzini. Il migliore amico di Pietro Mori, Vittorio Conti (Alessandro Tersigni), nel corso di questa nuova edizione ha l’obiettivo di riaprire Il Paradiso delle Signore.

Si tratta di un sogno estremamente difficile da realizzare perché c’è bisogno di grandi investimenti. Ed è proprio su questo che punta Vittorio. Alla fine riesce a rendere possibile la riapertura del grande magazzino grazie al finanziamento di una famiglia milanese molto potente e ricca: i Guarnieri.

Non sa però Vittorio che si è messo in affari con una famiglia senza scrupoli e disposta a tutto pur di ottenere ciò che vuole. Non solo ma, come si vedrà puntata dopo puntata, il giovane si è alleato con il suo peggior nemico. Apparentemente i Guarnieri cercheranno di dargli il finanziamento e di consentirgli l’apertura dei grandi magazzini. Ma lo ostacoleranno minacciando il successo di una operazione a loro non gradita.

Molto presto Vittorio capisce di non essere solo a combattere per il suo sogno. La fortuna gli ha messo accanto una donna giovane che lo ama e lo rispetta e soprattutto crede nel suo sogno. Si tratta di Marta, la figlia più piccola di Umberto Guarnieri.

Innanzitutto Marta è una ragazza molto intelligente ed all’avanguardia. Le sue maniere infatti vanno al di là dell’epoca in cui vive. È abbastanza sfrontata e già allora, all’alba degli anni ’60, sfida le convenzioni e la società.

Marta si è innamorata di Vittorio fin dal primo momento ed ha deciso di sostenerlo nella lotta contro il padre.

Ma un giorno tra i due si inserisce un uomo misterioso dal passato oscuro. Si tratta di Luca Spinelli che ha intenzione di vendicarsi della famiglia Guarnieri e per fare questo punta la sua attenzione su tutte le donne Guarnieri cercando di farle cadere ai suoi piedi.



0 Replies to “Le fiction che vedremo: Il Paradiso delle Signore daily dal 10 settembre su Rai 1”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*