Connect with us

Spot in TV

Spot in TV | Gerry Scotti segna l’evoluzione di Caffè Borbone

Spot in TV | Gerry Scotti segna l'evoluzione di Caffè Borbone. Il noto presentatore di casa Mediaset protagonista del rinnovamento del marchio napoletano di torrefazione. La nostra analisi dello spot

Pubblicato

il

Spot in TV | Gerry Scotti segna l'evoluzione di Caffè Borbone. Il noto presentatore di casa Mediaset protagonista del rinnovamento del marchio napoletano di torrefazione. La nostra analisi dello spot
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo spot tv in questione risale allo scorso aprile, nella versione completa dura un minuto e segna la prima collaborazione di questo tipo con il presentatore lombardo. Scotti aveva già partecipato alla realizzazione di tanti messaggi promozionali per Caffè Borbone, ma ancora non si era mai cimentato con il classico formato pubblicitario televisivo.

La scelta potrebbe essere stata favorita dal coinvolgimento di Pubblitalia ’80 – concessionaria pubblicitaria del gruppo Mediaset – nella realizzazione della campagna, ma anche da una precisa evoluzione della strategia comunicativa di Caffè Borbone.

https://www.youtube.com/watch?v=hJUDKzZdmSc

Non è un caso che dopo anni l’azienda abbia deciso di cambiare addirittura il proprio claim, sostituendo “E ti senti un re” con “Magica emozione”. Un cambiamento cui fa da amplificatore anche la metamorfosi dell’impronta data alla pubblicità, passata da una connotazione prettamente partenopea (in alcuni casi, borbonica) ad una più universale.

Certo, Napoli rimane il teatro dello spot ed è una battuta in pieno stile napoletano a chiudere il video, ma la promozione esplora territori che vanno oltre.
Alla base, c’è l’idea di celebrare la magia di due metà che si incontrano, destinate a farlo in virtù della loro perfetta e naturale complementarità.

Gerry Scotti si affaccia sul lungomare di Napoli da una terrazza nei pressi di Castel dell’Ovo e da lì pensa rapito ed emozionato alle metà che si ricongiungono. “Quanta poesia in due elementi che si incontrano, che ritrovano la propria metà. Ciò che si completa, trasforma la realtà in emozione”.

Ad accendere la sua immaginazione sono due giovani innamorati, fermi a scambiarsi effusioni amorevoli proprio a due passi da Castel dell’Ovo.Seguono l’abbraccio carico di affetto e felicità di una madre che corre incontro alla propria bambina all’uscita di scuola e l’intesa elegantissima ed armonica di due danzatori a teatro (per inciso, Caffè Borbone è diventato sponsor del Teatro alla Scala di Milano).

Così come rappresenta una perfetta congiunzione il sodalizio tra due architetti – uno bianco e uno nero, in una rappresentazione antirazzista a dirla tutta ideata in maniera posticcia – che incrociano con successo le rispettive idee su un grosso progetto. O il contatto profondo che si instaura tra due violinisti rapiti dalla loro stessa musica, mentre suonano a teatro.

Tutte immagini da cui scaturisce un’aura poetica, amplificata dalla realizzazione del video in slow motion e dal delicato tappeto di archi e pianoforte in sottofondo.
Una poesia che appartiene – come sottolinea la voce fuori campo di Gerry Scotti – anche all’abbraccio tra la cialda di Caffè Borbone e la macchinetta, due dolci metà da cui viene fuori un aroma inconfondibile.

In conclusione, Gerry Scotti sorseggia una tazzina di espresso uscendo una seconda volta sulla terrazza. È rapito dalla vista, dall’atmosfera di quello scorcio del Golfo di Napoli e non riesce a trattenere lo stupore che ne deriva, esprimendosi con un incantato “Che magia!”.

A quel punto, lo raggiunge Massimo Renda, il fondatore di Caffè Borbone, a redarguirlo simpaticamente per un’errata dizione: “Gerry, a Napoli caffè si dice con due c”. Il presentatore, allora, azzarda una frase in napoletano, approssimativa nell’imitazione del dialetto, che chiude lo spot.

È l’unico passaggio scanzonato, da cui emerge uno spirito chiaramente partenopeo. Segna una rottura decisa con l’atmosfera della pubblicità fino a quel momento, ma lo fa in modo da non risultare repulsivo. Pochi secondi di video lì a dirci che il marchio Caffè Borbone sta cambiando, ha superato i suoi confini anche identitari, la propria immagine si sta evolvendo, ma lo spirito che lo anima rimane legato indissolubilmente a Napoli.

È in questo solco che si colloca pure la stessa partecipazione di Gerry Scotti, un personaggio popolare in tutto il Paese e unificante. Eppure, una personalità che per le origini pavesi e la vita professionale milanese evidentemente viene associata ad un mondo diverso da quello del sud Italia.

Diventa così una figura cruciale nel sancire l’ulteriore apertura del marchio Caffè Borbone, gestita in maniera ottimale per sottolineare l’idea dell’incontro: né ScottiCaffè Borbone alterano la propria natura pur di abbracciarsi. Si vengono incontro ed è un abbraccio naturale tra due metà.

In tutto ciò, c’è da sottolineare come da questa prima partecipazione di Scotti emerga pure una novità tutta personale, nel modo di apparire in video. Come raramente accade, nello spot abbandona il tono vivace, affabile e amichevole per concentrarsi sull’intensità emotiva ed evocativa. Lascia in secondo piano l’approccio più palesemente commerciale puntando a connessioni profonde con gli spettatori.

Un po’ come accade a Caffè Borbone, impegnato con questo spot a dirci che dai propri, unici chicci intrisi di napoletanità emana anche qualcosa di universale e molto ammaliante.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spot in TV

Spot Coca Cola 2021: Mille è la nuova colonna sonora

Dopo l'accusa del Codacons nei confronti di Fedez, l'azienda ha inserito il brano Mille nella nuova pubblicità focalizzata sul rinnovo del design.

Pubblicato

il

Spot Coca Cola 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sulle reti generaliste sta andando in onda lo spot Coca Cola 2021. La colonna sonora è il tormentone estivo Mille, interpretato da Fedez, Achille Lauro ed Orietta Berti.

Coca Cola 2021: presentazione dello Spot

La Coca Cola nasce nel 1886 dall’intuizione del farmacista statunitense John Stith Pemberton, in Georgia. Il suo intento era di trovare un rimedio per alleviare mal di testa e spossatezza. La Coca Cola inoltre era originariamente una bevanda alcolica. Si scelse successivamente di sostituire l’alcol con le noci di cola, piccoli frutti di una pianta tropicale, diventando la bibita che oggi tutti conosciamo.

Negli Anni Venti del Novecento la Coca Cola viene quotata in borsa e gradualmente esportata in tutto il mondo. Nel 1927 arriva anche in Italia diventando una delle bevande gassate più amate. Da oltre 100 anni il marchio è diventato una vera icona della cultura pop internazionale. Negli ultimi anni l’azienda ha inoltre realizzato diverse varianti per rispondere ai gusti dei consumatori.

Trattandosi di una bibita fresca e dissetante, il suo consumo aumenta nel periodo estivo. Per tale motivazione Raluca Vlad, Direttore Marketing Coca-Cola Italia, ha scelto di realizzare la pubblicità di presentazione del nuovo design proprio in questa stagione.

La diatriba tra Fedez e il Codacons

La colonna sonora del nuovo spot della Coca Cola è il brano Mille. Gli autori sono, tra gli altri, Fedez, Achille Lauro e Dargen D’Amico. Fedez però qualche settimana fa è stato attaccato duramente dal Codacons, che difende i diritti dei consumatori.

L’associazione sostiene che il rapper oltre al riferimento esplicito alla Coca Cola nel ritornello cantato da Orietta Berti, ha inserito il marchio anche nel videoclip. Oltre infatti ad oggetti di arredamento che presentano il logo, una delle ragazze invitate al party in piscina, sorseggia della Coca Cola da una bottiglietta di vetro. Il Codacons ha richiesto la rimozione del video, confinandolo come “pubblicità occulta”.

La Coca Cola, approfittando del successo della canzone, ha scelto così di ufficializzare la collaborazione con Fedez, per lanciare in anteprima la nuova grafica. Il tutto senza dimenticare gli aspetti caratteristici del prodotto. Basti pensare infatti che il brano ha già raggiunto oltre 33 milioni di visualizzazioni su Youtube.

Spot Coca Cola 2021 pubblicità

Coca Cola 2021: il racconto dello spot

Lo spot della Coca Cola 2021, rispetto ai precedenti, non è accompagnato da una storia. Ma è finalizzato  alla pura esaltazione del prodotto non solo in termini di gusto ma anche della grafica del packaging. L’elemento predominante è il colore rosso, diventato una delle caratteristiche peculiari del marchio.

La pubblicità si apre con il primo piano di un bicchiere colmo di ghiaccio in cui viene versata parte della bevanda. La scena è accompagnata da alcune didascalie che risaltano le sue proprietà dissetanti.

In chiusura lo spot mostra l’immagine della bottiglietta di vetro con la nuova etichetta, che mantiene uno stile essenziale. Tutti le varianti presenteranno il colore rosso come sfondo distinguendosi per il colore differente delle scritte.

A rafforzare l’immagine è la voce di Orietta Berti che canta “Labbra Rosso Coca Cola, dimmi un segreto all’orecchio stasera” dove appunto il rosso, nell’immaginario collettivo, è il colore identificativo del prodotto.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Spot in TV

Spot in Tv: Luca Ward promuove il turismo in Sardegna

Luca Ward è la voce narrante della pubblicità istituzionale volta a promuovere il turismo sull'Isola nel periodo estivo.

Pubblicato

il

Spot Sardegna 2021 Sicuri di sognare
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sulle reti Rai è attualmente in rotazione lo Spot 2021 della Regione Sardegna. La pubblicità è diretta dal regista cagliaritano Andrea Iannelli. La durata è 34 secondi.

Prossimamente lo spot verrà trasmesso sulle Reti Mediaset e nelle Stazioni delle principali città italiane. Ma anche nelle reti di porti e aeroporti. Verrà inoltre tradotto in inglese, francese e tedesco per favorirne la diffusione anche a livello internazionale.

Il testimonial è il doppiatore Luca Ward che interpreta il ruolo di narratore. Ma non è la prima volta che presta la propria voce anche ad uno spot. In passato ha infatti pubblicizzato marchi di profumi, prodotti alimentari fino a promuovere i servizi delle Ferrovie dello Stato.

Spot Sardegna 2021 mare torre medievali

Spot Sardegna 2021 Sicuri di sognare: presentazione dello Spot

Il Presidente di Regione Christian Solinas ha scelto di realizzare un spot per esortate gli spettatori a visitare la Sardegna per le vacanze estive. Si tratta di un‘iniziativa per rilanciare il settore del turismo, che assieme a tanti altri, ha risentito maggiormente degli effetti negativi della pandemia. L’emergenza sanitaria infatti, nell’ultimo anno e mezzo, ha ridotto drasticamente gli spostamenti per evitare, il più possibile, di veicolare il virus.

Fortunatamente grazie alla riduzione dei contagi e alla percentuale in crescita di cittadini che stanno ricorrendo alla vaccinazione, il settore turistico è in graduale ripresa.

Con il claim Sicuri di sognare, gli ideatori dello spot intendono trasformare la Sardegna nella meta ideale per trascorrere qualche giorno di vacanza. La raccontano infatti come un territorio ricco non solo di bellezze paesaggistiche ma anche di storia e di tradizioni.

La pubblicità diventa un’espediente per esortare i turisti italiani a rimanere nel proprio Paese per far ripartire l’economia. Si trasforma invece in un invito per i turisti stranieri a tornare nuovamente in Italia. La Sardegna inoltre, come altre regioni, si sta organizzando per accogliere in sicurezza i visitatori.

La Regione ha scelto come voce narrante dello spot Luca Ward in quanto per il suo caratteristico timbro vocale conferisce allo spot un’atmosfera che rievoca quella cinematografica.

Spot Sardegna 2021 Chiesa san Paolo Olbia

Il racconto dello spot

Lo spot cerca di mettere in risalto alcune caratteristiche peculiari del territorio sardo. Si inizia dalle spiagge, che sono circondate dal mare cristallino. Rappresentano una meta ideale non solo per i bagnanti ma anche per gli appassionati di sport acquatici. Appare infatti un surfista che tenta di superare le onde.

L’attenzione si sposta successivamente sul paesaggio montuoso. In Sardegna è infatti possibile avventurarsi in percorsi di trekking o visitare luoghi incontaminati.

Nella terza parte invece la pubblicità si sofferma sul patrimonio storico-architettonico della Regione. Mostra, ad esempio, le torri di avvistamento sul mare e la Chiesa di San Paolo ad Olbia. La particolarità è che la cupola è rivestita da maioliche a mosaico con colori contrastanti.

Nell’ultimo segmento lo spot dedica spazio infine al folklore mostrando un uomo che indossa una delle tipiche maschere sarde. Ma anche alle tradizioni gastronomiche con le immagini del Pane Carasau in cottura nel forno a legna.

A rendere ancora più suggestivo il racconto è la voce fuoricampo di Luca Ward, che serve a rafforzare i concetti di unicità e bellezza.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Spot in TV

Spot Barilla 2021: la pasta come elemento di comunicazione

Nella nuova campagna pubblicitaria la storica azienda parmense specializzata nella produzione di pasta racconta degli episodi di quotidianità puntando l'attenzione sulle emozioni.

Pubblicato

il

Spot Barilla 2021 Un gesto d amore
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono in rotazione sulle reti generaliste i nuovi spot della Pasta Barilla 2021.

Le pubblicità sono dirette da Saverio Costanzo, che ha realizzato L’Amica Geniale. E’ la fiction tratta dai best sellers di Elena Ferrante. La campagna precedente della Barilla era invece affidata a Sergio Rubini, Daniele Luchetti e Alessandro Genovesi.

Spot Barilla 2021 famiglia

Barilla 2021: presentazione dello Spot

La Pasta Barilla è solo uno dei marchi dell’omonimo gruppo che ha sede a Parma. E’ nato nel 1877 per volere di Pietro Barilla, che inizialmente possedeva solo un piccolo panificioMolti anni dopo, nel 1910, riuscì a trasformare l’attività in una vera e propria azienda con l’apertura del primo stabilimento. 

La pasta è uno dei piatti più apprezzati dagli italiani che la consumano regolarmente più volte a settimana. Oltre ad essere un alimento cardine della Dieta Mediterranea per i suoi valori nutrivi, è un prodotto che si presta alla preparazione delle ricette più variegate.

Molte aziende del settore si stanno anche specializzando nella produzione di diverse varianti per rispondere alle esigenze dei consumatori.

La Barilla, oltre a preservare la tradizione, è tornata a valorizzare il Made in Italy con l’utilizzo di materie prime autoctone dopo le polemiche sulla provenienza estera del grano.

Pasta Barilla: Un gesto d’amore

Con il claim Un gesto d’amore l’azienda vuole illustrare come la pasta può trasformarsi in un elemento comunicativo quando non riusciamo a trasmettere agli altri le sensazioni che proviamo.

Ha scelto così di puntare sull’aspetto emozionale della condivisione di un pasto. Intende infatti dimostrare che è possibile comunicare, ciò che non si riesce ad esprimere con le parole, anche attraverso la preparazione di un piatto.

Gli autori della pubblicità hanno scelto di raccontare le attuali famiglie italiane, con le loro differenti caratteristiche. In tal modo gli spettatori possono identificarsi in ogni singola storia.

La colonna sonora dello spot è Hymne di Vangelis che la Barilla ha proposto innumerevoli volte, con diversi arrangiamenti. Serve per creare un trait d’union tra passato e presente della storia del marchio.

Spot Barilla 2021 coppia

Barilla 2021: il racconto degli Spot 

Per la nuova campagna pubblicitaria Barilla ha realizzato alcuni spot che si stanno alternando sulle reti generaliste. Gli autori, attraverso il linguaggio cinematografico, raccontano alcune storie di quotidianità familiare. Le scene sono prive di dialoghi per mettere in risalto le emozioni dei protagonisti. 

Nel primo racconto un adolescente torna a casa dopo gli allenamenti in palestra. Si accomoda sul divano senza proferire parola perché è giù di morale. I genitori non indagano su quanto accaduto ma cercano di dimostrare la propria comprensione attraverso un piatto di pasta. L’episodio si chiude con i loro sguardi di complicità.

La protagonista della seconda storia è una donna in carriera. Ha appena affrontato una complicata giornata di lavoro e sembra essere molto preoccupata. Il suo compagno però tenta di rasserenarla preparandole per cena un gustoso primo di pesce. Attraverso il gesto cerca di farle comprendere che tutte le difficoltà possono essere superate.

Cambio di ambientazione per il terzo episodio, che si svolge in un ristorante. Un cuoco è impegnato ai fornelli per preparare le ordinazioni sotto l’occhio vigile del cameriere che è pronto a servirle ai tavoli. Il protagonista ha portato con sé il figlio perché, probabilmente , non aveva nessuno a cui affidarlo. Il bambino, che si trova in un angolo della cucina, è visibilmente annoiato. Il genitore si avvicina a lui porgendogli una porzione di fusilli per ingannare l’attesa.

Spot Barilla 2021 padre e figlio

Gli altri episodi dello spot

Nel quarto racconto invece un giovane accetta l’invito a cena dei genitori. Saluta tutti i famigliari tranne il padre che preferisce ritirarsi in cucina. E’ chiaro che, in passato, hanno avuto qualche incomprensione. Il figlio però decide di raggiungerlo per un confronto ma non riesce ad iniziare una conversazione. Così il genitore, per stemperare la tensione, gli porge della pasta per controllarne lo stato di cottura.

Nell’ultimo episodio una famiglia sta pranzando nel terrazzo della propria abitazione assieme ad alcuni amici. Al tavolo sono presenti quattro adulti ed un bambino che osserva scrupolosamente il piatto destinato a qualcuno che non si è presentato. Il piccolo protagonista decide di rientrare per raggiunge la sorella, che si trova nella sua stanza, con due porzioni di pasta. Preferisce mangiare insieme lei anziché con gli altri commensali.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it