Connect with us

Spot in TV

Spot in TV Viva RaiPlay – Fiorello e la scommessa della Rai

Alla vigilia dell'esordio, analisi degli spot con cui Fiorello promuove Viva RaiPlay, in onda dal 4 novembre

Pubblicato

il

Viva RaiPlay e Fiorello, la scommessa della Rai
Alla vigilia dell'esordio, analisi degli spot con cui Fiorello promuove Viva RaiPlay, in onda dal 4 novembre
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo Spot in tv che analizziamo oggi è quello di Viva RaiPlay. Alla vigilia di quella che la Rai ha annunciato come una rivoluzione, affidata a Fiorello con lo spettacolo intitolato, appunto, Viva RaiPlay.

L’ora x è fissata per lunedì 4 novembre nell’access prime time (dopo il telegiornale delle 20), in contemporanea su Rai1 e RaiPlay. Poi, il programma continuerà solo sulla piattaforma digitale, dal 13 novembre. Su Radio2, invece, il sabato e la domenica mattina si potrà ascoltare il meglio della settimana.
Spot in tv Viva RaiPlay con Fiorello- la sigla

Spot in TV Viva RaiPlay l’innovazione televisiva

Ma cos’è Viva RaiPlay? Se ne parla tanto, eppure di quanto succederà si sa poco.

Lo show farà da lancio per il nuovo sito e la nuova app di RaiPlay. Completamente riprogettati, nei contenuti e nell’architettura tecnologica di ultima generazione. È l’apertura definitiva ai nuovi stili di fruizione on demand consentiti dal digitale e avvicinerà la piattaforma della Rai a quella di colossi come Netflix.

Spot in TV - Viva RaiPlay Fiorello promo

Fiorello sarà protagonista della trasmissione in diretta streaming più imponente mai vista su scala nazionale. Verosimilmente, potrebbero essere milioni gli spettatori che seguiranno lo show in contemporanea.

Un test interessante anche dal punto di vista tecnologico, dunque, oltre che per l’impatto sull’offerta televisiva. La Rai ha predisposto palinsesti dedicati solo a RaiPlay, una scommessa con cui tenterà di riscrivere le regole della tv generalista.
Spot in TV - Viva RaiPlay Fiorello promo al colloquio con autori e scenografi

Per Viva RaiPlay Viale Mazzini ha cambiato radicalmente la storica sede radiofonica di Via Asiago 10, a Roma. L’intero palazzo è stato riorganizzato e rimodernato, con modifiche e spese così consistenti da creare malumori tra i lavoratori di RadioRai. L’idea è di trasformarlo in un avamposto tecnologico anche per le future trasmissioni radiofoniche della tv pubblica. Intanto, è stato messo a completa disposizione dello show.
Spot in TV - L'avatar di Fiorello esce dal taschino durante promo

Spot in TV Viva RaPlay – lo spettacolo

Ma veniamo allo spettacolo vero e proprio. È facile intuire come Fiorello abbia accettato di realizzare Viva RaiPlay spinto dall’innovazione che rappresenta. Da anni è corteggiato per un ritorno in tv, mai convinto dalle proposte di show troppo simili a quelli già visti. Ora prova a mettere la firma sotto un progetto ambizioso.

“Ho fatto un po’ di tutto, radio, tv e varietà. Io vorrei vedervi sempre, ma come si fa? Viva RaiPlay, ci vediamo quando vuoi, dove vuoi. Entro ed esco da ogni display”, canta nella sigla dello spettacolo.

Poco più di trenta secondi da cui traspare l’idea su cui si regge l’operazione. La necessità di ibridare i linguaggi e i tempi della radio-tv, possibilmente con quelli dei mezzi digitali.

La sua comicità ora deve confrontarsi con le regole dei nuovi media. Un occhio strizzato al pubblico più adulto, l’altro, perché no, a quello giovane.

Il tentativo è di avvicinarsi ai nuovi linguaggi, senza scimmiottarli ma con l’ironia dettata dalla consapevolezza di non potersi improvvisare nativi digitali. Questo è stato lo spirito che ha guidato gran parte della produzione di Fiorello negli ultimi anni, da Edicola Fiore a Il Rosario della sera su Radio Deejay.

Spot in TV Viva RaiPlay – le pubblicità

Questo approccio lo ritroviamo non solo nella sigla ma anche nei molteplici video promozionali realizzati per Viva RaiPlay. Non a caso, Fiorello ha curato da subito pure la comunicazione via Instagram ed ha creato un suo profilo su Tik Tok. Si tratta di un nuovo social network dedicato ai video che sta spopolando tra i giovanissimi di tutto il mondo. Lo showman si è anche fatto simpaticamente aiutare dal giovane “coach” Luciano Spinelli (una star su Tik Tok) per utilizzarlo al meglio.

Gli spot incessanti di Viva RaiPlay risentono inevitabilmente di questa impostazione. Il protagonista è sempre Fiorello, impegnato in varie situazioni, mentre i video sono spesso arricchiti da avatar, effetti, scritte, segni che ricordano i filtri utilizzati su social network come Instagram, Snapchat e lo stesso Tik Tok.
Spot in TV - Fiorello 'Lady Gago' durante le riunioni

Negli ultimi mesi l’abbiamo visto in riunioni di redazione finite al biliardino, in incursioni dissacranti tra i dirigenti Rai, in giro per la struttura di Via Asiago. L’abbiamo visto trasformarsi in “Lady Gago” al tavolo delle riunioni o mentre registrava la sigla.

L’avatar di Fiorello

Da qualche giorno è in onda, invece, la serie di promo che lancia VivaRaiPlay fino all’esordio.
Sei pubblicità in tutto. Quattro con un unico denominatore comune: l’avatar di Fiorello che spunta all’improvviso, dai posti più impensabili, per cantare a squarciagola la sigla.

Scelta autoironica con lo showman costretto a zittire, seccato, il suo avatar petulante. E’ il riconoscimento implicito di quanto la promozione dello spettacolo stia diventando martellante sulle reti Rai, per di più con una sigla che definire orecchiabile è un eufemismo.
Spot in tv Viva Rai Play - Fiorello e l'avatar

L’avatar, in uno degli spot più visti, spunta da una tazzina di caffè consumata nel bar di Via Asiago. E allora Fiorello lo ingoia insieme all’espresso pur di silenziarlo. Invano, però, perchè continua a cantare dal suo stomaco. Oppure eccolo spuntare da un pacco arrivato tramite corriere, contenente il tablet ordinato in tempo per seguire l’esordio del 4 novembre. O dal taschino della camicia, durante il lavoro con gli autori, gli scenografi e i costumisti per preparare lo show.

L’imitazione di Giorgia e Laura Pausini

C’è poi il video in cui Fiorello è in camerino alle prese con i vocalizzi. Deve prepararsi alle sortite musicali di Viva RaiPlay e per farlo prova ad imitare gli acuti di Giorgia e Laura Pausini, finendo per spaccare lo specchio, tanto è arrivato in alto con le note.

In un altro spot, il comico prova inutilmente a sincronizzarsi con una complessa coreografia dei giovani ballerini di Urban Theory.

Infine, lo spot in cui lo stesso protagonista prova a spiegare al pubblico come vedere il programma su RaiPlay. Un tentativo che finisce male, ironia pura sull’impaccio dei più adulti – e verosimilmente di una parte consistente del pubblico di Rai1 – di fronte ad una tecnologia all’avanguardia come quella della nuova piattaforma.

Spot in TV Viva RaiPlay l’esperimento

Tutte circostanze in cui i video promozionali più che preparati dovrebbero sembrare frutto di riprese estemporanee durante il lavoro. Ovviamente, non è così. Sono curati sia la forma che la sostanza nel tentativo di replicare da un lato lo stile comunicativo che Fiorello usa da qualche anno, dall’altro la formula più adatta a lanciare un progetto digitale, fresco, come la nuova RaiPlay.

Non sappiamo quanto di questa ibridazione sia in grado di funzionare per un prodotto smaccatamente generalista. Resta un esperimento troppo complesso per essere giudicato con gli elementi conosciuti ad oggi. Ma sappiamo che sarebbe davvero un problema se lo show non avesse il gradimento atteso.
Quel che è certo è che la sfida è ambiziosa e da questi spot sembra raccolta a viso aperto.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spot in TV

Spot in tv Gucci Flora Gorgeous Gardenia con Miley Cyrus testimonial

La cantante statunitense è la nuova testimonial della fragranza Gucci Flora Gorgeous Gardenia. In onda lo spot

Pubblicato

il

Spot Gucci Miley Cyrus
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Miley Cyrus è la protagonista del nuovo spot di Gucci.

L’artista è la testimonial della fraganza Gucci Flora Gorgeous Gardenia.

La regia è di Petra Collins, mentre la direzione creativa di Alessandro Michele. La collaborazione tra i due si rafforza grazie all’intervento di Terumi Nishii, character designer che ha ricreato la versione animata in stile anime di Miley Cyrus.

Lo spot si caratterizza subito per elementi rock ed eleganza femminile: una combo vincente ricca di personalità.

Miley Cirus, che già nel 2013 ci aveva stupito con la sua Wrecking Ballrappresenta alla perfezione questo binomio. All’epoca, quel video del brano apparentemente “spinto” sembrava fosse la sua arma volta a ribadire che nulla più dell’Hannah Montana a cui eravamo affezionati, ci sarebbe più stato. Al contrario, era una vera e propria dichiarazione d’intenti, un suo tratto fortemente caratteristico, che, l’artista non ha mai più abbandonato.

Spot Gucci Miley Cyrus

Spot Gucci Miley Cyrus – racconto, brano, ambientazione

La cantante intona l’inedito Delicious creato appositamente per lo spot pubblicitario.

L’ambientazione è decisamente onirica, ed è qui che si riconosce la mano di Petra Collins, artista, fotografa, modella e attrice. La sua arte è caratterizzata da una forte componente fantastica, vista sotto un’ottica femminile.

Lo spot si avvia con riprese svolte all’interno di una villa dall’aspetto tipico di una casa per le bambole, con un giardino ricco di fiori colorati e piante. Miley appare in compagnia di un gatto e un barboncino, entrambi bianchi, che, unitamente alla prevalenza dei colori rosa e i suoi contrasti, si immergono in uno scenario fiabesco che ricorda il mondo di Barbie. Le riprese si spostano, poi,  in spiaggia, dove Miley si mostra con una chitarra, rosa anch’essa, pronta ad attaccare con il ritornello del brano.

Delicious“, ripete il ritornello accompagnato da un riff svolto su chitarra elettrica e dai tratti rock. Ciò dona personalità a quello che sembrava essere uno spot di una merenda per bambini. La voce della cantante, calda e vigorosa, ed il suo taglio di capelli, corto e retrò, scongiurano ogni ipotesi di uno spot che associa la figura femminile solo a bambole e glitter colorati di rosa.

Ciò che dona particolarità all’idea dello spot è la scelta di proseguire con la versione animata di Miley Cyrus e dello scenario floreale. Una decisione ispirata a Le bizzarre avventure di JoJo, manga scritto e disegnato da Hirohiko Araki.

Spot Gucci Miley Cyrus

La scelta della cantante come testimonial

Il Direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, si è espresso così a riguardo: «È un’artista dall’animo rock ma al contempo eclettica, che ammiro molto. Penso che interpreterà perfettamente la nuova fragranza e la storia di Gucci Flora Gorgeous Gardenia». 

Miley Cyrus fin dal suo debutto musicale, è divenuta portavoce della libertà di espressione personale e dell’autenticità. Ciò che ha fatto ulteriormente gola alla nota casa di moda è la grossa risonanza mediatica della cantante, che conta una popolarità internazionale e una multidisciplinarietà che spazia da cinema, moda e musica.

Gucci, poi, ha sempre amato scegliere personalità internazionali dalla caratteristiche ricche e sempre molto particolari. A partire da Harry Styles, volto della campagna per il profumo Gucci mémoire d’une odeur. Così come con Lana del Rey e Jared Leto, entrambi volti di Gucci guilty. 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Spot in TV

Spot Coca Cola 2021: Mille è la nuova colonna sonora

Dopo l'accusa del Codacons nei confronti di Fedez, l'azienda ha inserito il brano Mille nella nuova pubblicità focalizzata sul rinnovo del design.

Pubblicato

il

Spot Coca Cola 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sulle reti generaliste sta andando in onda lo spot Coca Cola 2021. La colonna sonora è il tormentone estivo Mille, interpretato da Fedez, Achille Lauro ed Orietta Berti.

Coca Cola 2021: presentazione dello Spot

La Coca Cola nasce nel 1886 dall’intuizione del farmacista statunitense John Stith Pemberton, in Georgia. Il suo intento era di trovare un rimedio per alleviare mal di testa e spossatezza. La Coca Cola inoltre era originariamente una bevanda alcolica. Si scelse successivamente di sostituire l’alcol con le noci di cola, piccoli frutti di una pianta tropicale, diventando la bibita che oggi tutti conosciamo.

Negli Anni Venti del Novecento la Coca Cola viene quotata in borsa e gradualmente esportata in tutto il mondo. Nel 1927 arriva anche in Italia diventando una delle bevande gassate più amate. Da oltre 100 anni il marchio è diventato una vera icona della cultura pop internazionale. Negli ultimi anni l’azienda ha inoltre realizzato diverse varianti per rispondere ai gusti dei consumatori.

Trattandosi di una bibita fresca e dissetante, il suo consumo aumenta nel periodo estivo. Per tale motivazione Raluca Vlad, Direttore Marketing Coca-Cola Italia, ha scelto di realizzare la pubblicità di presentazione del nuovo design proprio in questa stagione.

La diatriba tra Fedez e il Codacons

La colonna sonora del nuovo spot della Coca Cola è il brano Mille. Gli autori sono, tra gli altri, Fedez, Achille Lauro e Dargen D’Amico. Fedez però qualche settimana fa è stato attaccato duramente dal Codacons, che difende i diritti dei consumatori.

L’associazione sostiene che il rapper oltre al riferimento esplicito alla Coca Cola nel ritornello cantato da Orietta Berti, ha inserito il marchio anche nel videoclip. Oltre infatti ad oggetti di arredamento che presentano il logo, una delle ragazze invitate al party in piscina, sorseggia della Coca Cola da una bottiglietta di vetro. Il Codacons ha richiesto la rimozione del video, confinandolo come “pubblicità occulta”.

La Coca Cola, approfittando del successo della canzone, ha scelto così di ufficializzare la collaborazione con Fedez, per lanciare in anteprima la nuova grafica. Il tutto senza dimenticare gli aspetti caratteristici del prodotto. Basti pensare infatti che il brano ha già raggiunto oltre 33 milioni di visualizzazioni su Youtube.

Spot Coca Cola 2021 pubblicità

Coca Cola 2021: il racconto dello spot

Lo spot della Coca Cola 2021, rispetto ai precedenti, non è accompagnato da una storia. Ma è finalizzato  alla pura esaltazione del prodotto non solo in termini di gusto ma anche della grafica del packaging. L’elemento predominante è il colore rosso, diventato una delle caratteristiche peculiari del marchio.

La pubblicità si apre con il primo piano di un bicchiere colmo di ghiaccio in cui viene versata parte della bevanda. La scena è accompagnata da alcune didascalie che risaltano le sue proprietà dissetanti.

In chiusura lo spot mostra l’immagine della bottiglietta di vetro con la nuova etichetta, che mantiene uno stile essenziale. Tutti le varianti presenteranno il colore rosso come sfondo distinguendosi per il colore differente delle scritte.

A rafforzare l’immagine è la voce di Orietta Berti che canta “Labbra Rosso Coca Cola, dimmi un segreto all’orecchio stasera” dove appunto il rosso, nell’immaginario collettivo, è il colore identificativo del prodotto.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Spot in TV

Spot in Tv: Luca Ward promuove il turismo in Sardegna

Luca Ward è la voce narrante della pubblicità istituzionale volta a promuovere il turismo sull'Isola nel periodo estivo.

Pubblicato

il

Spot Sardegna 2021 Sicuri di sognare
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sulle reti Rai è attualmente in rotazione lo Spot 2021 della Regione Sardegna. La pubblicità è diretta dal regista cagliaritano Andrea Iannelli. La durata è 34 secondi.

Prossimamente lo spot verrà trasmesso sulle Reti Mediaset e nelle Stazioni delle principali città italiane. Ma anche nelle reti di porti e aeroporti. Verrà inoltre tradotto in inglese, francese e tedesco per favorirne la diffusione anche a livello internazionale.

Il testimonial è il doppiatore Luca Ward che interpreta il ruolo di narratore. Ma non è la prima volta che presta la propria voce anche ad uno spot. In passato ha infatti pubblicizzato marchi di profumi, prodotti alimentari fino a promuovere i servizi delle Ferrovie dello Stato.

Spot Sardegna 2021 mare torre medievali

Spot Sardegna 2021 Sicuri di sognare: presentazione dello Spot

Il Presidente di Regione Christian Solinas ha scelto di realizzare un spot per esortate gli spettatori a visitare la Sardegna per le vacanze estive. Si tratta di un‘iniziativa per rilanciare il settore del turismo, che assieme a tanti altri, ha risentito maggiormente degli effetti negativi della pandemia. L’emergenza sanitaria infatti, nell’ultimo anno e mezzo, ha ridotto drasticamente gli spostamenti per evitare, il più possibile, di veicolare il virus.

Fortunatamente grazie alla riduzione dei contagi e alla percentuale in crescita di cittadini che stanno ricorrendo alla vaccinazione, il settore turistico è in graduale ripresa.

Con il claim Sicuri di sognare, gli ideatori dello spot intendono trasformare la Sardegna nella meta ideale per trascorrere qualche giorno di vacanza. La raccontano infatti come un territorio ricco non solo di bellezze paesaggistiche ma anche di storia e di tradizioni.

La pubblicità diventa un’espediente per esortare i turisti italiani a rimanere nel proprio Paese per far ripartire l’economia. Si trasforma invece in un invito per i turisti stranieri a tornare nuovamente in Italia. La Sardegna inoltre, come altre regioni, si sta organizzando per accogliere in sicurezza i visitatori.

La Regione ha scelto come voce narrante dello spot Luca Ward in quanto per il suo caratteristico timbro vocale conferisce allo spot un’atmosfera che rievoca quella cinematografica.

Spot Sardegna 2021 Chiesa san Paolo Olbia

Il racconto dello spot

Lo spot cerca di mettere in risalto alcune caratteristiche peculiari del territorio sardo. Si inizia dalle spiagge, che sono circondate dal mare cristallino. Rappresentano una meta ideale non solo per i bagnanti ma anche per gli appassionati di sport acquatici. Appare infatti un surfista che tenta di superare le onde.

L’attenzione si sposta successivamente sul paesaggio montuoso. In Sardegna è infatti possibile avventurarsi in percorsi di trekking o visitare luoghi incontaminati.

Nella terza parte invece la pubblicità si sofferma sul patrimonio storico-architettonico della Regione. Mostra, ad esempio, le torri di avvistamento sul mare e la Chiesa di San Paolo ad Olbia. La particolarità è che la cupola è rivestita da maioliche a mosaico con colori contrastanti.

Nell’ultimo segmento lo spot dedica spazio infine al folklore mostrando un uomo che indossa una delle tipiche maschere sarde. Ma anche alle tradizioni gastronomiche con le immagini del Pane Carasau in cottura nel forno a legna.

A rendere ancora più suggestivo il racconto è la voce fuoricampo di Luca Ward, che serve a rafforzare i concetti di unicità e bellezza.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it