Spot in Tv: Emanuele Filiberto annuncia il ritorno dei Reali


Analisi critica dello spot con cui Emanuele Filiberto pubblicizza la terza stagione di The Crown rilasciata da Netflix.


Emanuele Filiberto di Savoia è protagonista di uno spot in tv che ha suscitato polemiche, curiosità, interesse e, inizialmente, persino una certa preoccupazione. Lo spot è realizzato in maniera subdola e spiazzante. Per chi non è addetto ai lavori, è semplice cadere nella trappola di una pubblicità che sembra farsi portavoce addirittura del ritorno della Monarchia.

Spot Tv Emanuele Filiberto i reali stanno tornando

Spot in Tv Emanuele Filiberto di Savoia Netflix e il ritorno dei Reali

Era stato lo stesso Emanuele Filiberto di Savoia a scrivere sul suo profilo Twitter, con tono altisonante e con un atteggiamento quasi istituzionale: «Sta arrivando il momento. E per me è un dovere, ma anche un grande onore, annunciarvi l’imminente ritorno della Famiglia Reale».

Alla fine del tweet però c’era un hashtag #adv, ovvero advertising, che significa pubblicità in inglese. Non tutti però hanno notato questo particolare che rivelava il vero contenuto del video. Infatti se si legge soltanto il testo e ci si limita al video, senza notare quell’hashtag birichino, si cade nel tranello congegnato ad arte.Da chi?

Da Netflix che ha affidato ad Emanuele Filiberto di Savoia la pubblicità della terza stagione della serie The Crown, dedicata ai Reali d’Inghilterra.

Lo spot “reale”, in onda soprattutto su Canale 5 evoca, con le dovute differenze, eventi già accaduti in passato. Eventi altrettanto “reali” ma in una accezione diversa dell’aggettivo.

Spot Tv Emanuele Filiberto The Crown

Spot in Tv Emanuele Filiberto testimonial di The Crown su Netflix

Con Emanuele Filiberto di Savoia testimonial di The Crown, la serie rilasciata da Netflix, è accaduto qualcosa di singolare. In un periodo così incerto e con un Governo la cui stabilità diventa più fragile di giorno in giorno, lo spot di Emanuele Filiberto può insinuare nell’immaginario collettivo italiano, un capovolgimento della situazione politica. E qualcuno certamente è caduto nell’inganno. Un brivido ha percorso le sale Palazzo Madama e di Montecitorio.

In effetti Netflix ha scelto il personaggio giusto. Emanuele Filiberto è stato in grado di dare alle sue parole un taglio spiccatamente politico. Ed ecco l’effetto: il timore non certo inconscio, di una sorta di destabilizzazione, persino di un golpe realizzato con mano di velluto.

Il significato recondito del video fa leva su una comunicazione immediata e incisiva. Una volta compreso l’inganno, scatta la seconda parte del messaggio: suscitare reazioni di ironia, ma in qualche modo anche di sollievo. Si pensi a Matteo Renzi che ha commentato come non ci sia bisogno di Emanuele Filiberto di Savoia nelle sfere politiche. E all’ironia di Luciana Littizzetto che al principe ha ricordato le sue molteplici attività invitandolo a perseverare cum iudicio. Perchè mal potrebbero conciliarsi con una ipotetica “discesa” in politica.

Insomma Emanuele Filiberto ha fatto tremare le vene e i polsi a più di qualcuno. E la risposta è stata: la nostra Repubblica è forte, consolidata e resistente a qualsiasi attacco monarchico. Al punto che lo stesso testimonial non ha escluso una sua ipotetica candidatura.

Il tutto con buona pace di sua maestà Elisabetta II la cui vita viene raccontata nella terza stagione di The Crown, recentemente rilasciata da Netflix.

Emanuele Filiberto di Savoia e gli altri Spot in tv tra cui Saclà

Emanuele Filiberto non è nuovo alla pubblicità ed è stato protagonista di altri spot in tv. Ricordiamo, ad esempio, la réclame  dei sottaceti Saclà. Anche questo intervento era realizzato con ironia. La sottile ironia che rappresenta il fil rouge del suo impegno come testimonial.



0 Replies to “Spot in Tv: Emanuele Filiberto annuncia il ritorno dei Reali”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*