Domenica all’opera su Rai 5 | con Roberto Bolle


Domenica all'opera su Rai 5 | con Roberto Bolle. La nostra étoile è protagonista di tre appuntamenti che celebrano il balletto classico.


I tre lavori di cui è protagonista la nostra étoile sono: “Il giardino degli amanti”, “Giselle” e “Il lago dei cigni”.

Si comincia oggi, alle 10.00 con “Il giardino degli amanti”, affresco coreografico e teatrale firmato da Massimiliano Volpini su musiche di Wolfgang Amadeus Mozart con cui il Teatro alla Scala ha aperto nel 2016 le celebrazioni per il 225° anniversario della scomparsa del compositore.

L’ispirazione di Volpini ha come base le opere di Mozart. Il balletto è ambientato nel giardino di una villa elegante nella quale un’orchestra da camera suona i quartetti e quintetti di Mozart, con echi e rimandi al mondo del compositore.

In una sorta di illusione, dai chiaroscuri del giardino labirintico affiorano personaggi mozartiani tra questi Figaro, il Conte di Almaviva, Susanna e Rosina, Don Giovanni e Leporello, Fiordiligi, Dorabella Ferrando e Guglielmo.

Viene realizzato un viaggio nell’universo mozartiano che ammicca con leggerezza e ironia al Settecento anche nelle scenografie e nei costumi, e popola il giardino di danze virtuosistiche che si susseguono in maniera dinamica e veloce con continui cambi di atmosfera.

Come in un sogno, tutto si unisce, si divide e si soprappone. Realtà e illusione si fondono. Protagonista sul palco insieme a Roberto Bolle, Nicoletta Manni. Scene e costumi di Erika Carretta, luci di Marco Filibeck. La regia televisiva è affidata a Lorena Sardi.
Gli appuntamenti con il balletto proseguono nel mese di luglio con due grandi classici sempre interpretati da Bolle  che avrà al suo fianco l’étoile Svetlana Zakharova.

Successivamente, domenica 21 luglio sarà la volta di “Gisele”, balletto del 2005 dal Teatro alla Scala. Segue domenica 28 luglio “Il lago dei cigni” messo in scena nel 2004 al Teatro degli Arcimboldi, con la direzione di David Garforth.



0 Replies to “Domenica all’opera su Rai 5 | con Roberto Bolle”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*