Connect with us

Informazione

Piazzapulita, 16 aprile 2020, diretta puntata speciale Coronavirus

Il programma di Corrado Formigli racconterà il nostro Paese che lotta contro il coronavirus

Pubblicato

il

piazzapulita puntata 9 aprile
Il programma di Corrado Formigli racconterà il nostro Paese che lotta contro il coronavirus
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera, 16 aprile 2020, alle ore 21.15 su La7 andrà in onda una nuova puntata di Piazzapulita. Il programma di Corrado Formigli racconterà il nostro Paese che lotta contro il coronavirus: gli ospedali al collasso; la crisi economica che va profilandosi; la corsa contro il tempo per la ricerca di una cura e il dibattito sui tamponi.

Piazzapulita, 16 aprile 2020, diretta puntata speciale Coronavirus

Inizia il programma. “Vorrei proprio sapere se il Governo riuscirà a mantenere la promessa fatta: ‘nessuno perderà il proprio posto di lavoro a causa del virus'” – afferma Formigli, mandando in onda il primo servizio della serata.

Daniela e Alessandro sono una coppia di genitori di Roma. Questo mese non sono riusciti a pagare il mutuo e la banca ha bloccato loro il conto. Ora possono fare la spesa solo grazie all’aiuto di un’amica che ha caricato loro 100 euro su una carta prepagata. Nonostante le difficoltà non perdono però il sorriso e festeggiano la Pasqua in famiglia con i loro bimbi e collegandosi in videochiamata con le nonne.

piazzapulita 16 aprile

Alessandro ha un’officina e lavora da quando aveva 12 anni. Ora però racconta di essere in forte difficoltà e confessa di aver pianto per la preoccupazione e per la paura di non farcela. Daniela e Alessandro hanno fatto richiesta per i buoni spesa però purtroppo non li hanno ancora ricevuti e telefonando al numero verde dedicato non hanno risposte o previsioni sulle tempistiche.

Piazzapulita, Vespignani: “Evitare che ci siano ricadute serie”

“Noi stiamo celebrando tanti eroi e anche loro sono eroi involontari. Sono tra coloro che soffrono di più di questa crisi e soffrono per proteggere chi è a rischio. Ora in Italia si inizia a vedere una luce, si va migliorando. Dobbiamo però garantire a queste persone che non ci troveremo nella stessa situazione tra uno-due mesi”  – commenta Alessandro Vespignani, informatico epidemiologico.

Vespignani, in diretta da Boston, commenta la gestione dell’epidemia in Italia e l’approccio alla fase 2: “In Italia 2-4 milioni di contagiati? Probabilmente sì. E, a livello geografico, sono per lo più a nord. Abbiamo due Italie che vanno a due velocità: un nord che ha creato un’immunità di gregge e un sud più vergine. L’unico modo per garantire che non ci siano crisi economiche ancora più gravi è evitare che ci siano ricadute serie. Senza una strategia di riaperture tra un mese ci ritroveremo nella stessa situazione. Si parla in continuazione di fase 2, ma è come litigare su quando fare lo sbarco in Normandia e non avere nessuna strategia per farlo! Testing, Tracciamento, Trattamento. Sono le tre T. I tre step fondamentali per ricominciare”.  

Piazzapulita, Della Valle: “Non saranno i numeri, ma l’atteggiamento a fare la differenza”

Interviene anche Diego Della Valle che racconta gli sforzi degli imprenditori, che stanno cercando di mettere in sicurezza le aziende. “Bisognerà organizzare il futuro economico, penso che si potrà ripartire solo se le componenti oggi divise si metteranno d’accordo per il bene di tutti. Non saranno i numeri, ma l’atteggiamento a fare la differenza. Non me la sento di aprire la mia azienda se i miei dipendenti corrono rischi. Siamo tutti nello stesso meccanismo e se serve pazienza dobbiamo mettercela”.

“I minuetti politici tra opposte fazioni non li starei neanche a guardare. Non si giochi per un po’ di consenso Dobbiamo ragionare con una visione di medio periodo. Quello che pensiamo è che sarà un anno da giocare prevalentemente in difesa, sperando che gli ultimi mesi ci permettano di andare a regime. Siamo tutti ottimisti di base, ma è senza dubbio un momento delicato” – conclude Della Valle.

piazzapulita 16 aprile

Piazzapulita, 16 aprile 2020, Damilano: “Mi sembra che la fase 2 sia iniziata nel modo sbagliato”

Marco Damilano commenta le dichiarazioni di Zaia, governatore del Veneto, che ha sostenuto pubblicamente che la fase 2 è già iniziata.

“Questa è una fase di assolutizzazione. Tutti – salvo eccezioni – a casa. Insieme. Nello stesso momento. Adesso dobbiamo relativizzare ciò che è stato dichiarato assoluto. Per chiudere basta un messaggio notturno, per fare delle scelte complicate, discernimenti sottili, serve un Governo molto più preciso. Da questo punto di vista mi sembra che la fase 2 sia iniziata nel modo sbagliato” – dice il Direttore de L’Espresso.

“La fase 2 avviene senza un disegno complessivo, senza indicare un orizzonte. Siamo il Paese che ha chiuso prima e che riapre dopo” – commenta Alessandro De Angelis, Huffington Post.

“C’è differenza tra il racconto e la realtà. Le fabbriche non sono aperte. Sono aperte solo quelle per cui è stata concordata una cabina di regia” – afferma Francesco Boccia, Ministro per gli affari regionali e le autonomie

“Immagini una persona con una malattia grave. Il medico chiederà un consulto a colleghi esperti di quella patologia. Qui siamo difronte ad una malattia che riguarda tutta la società. Cambierà tutto, cambierà il modo in cui dovremo lavorare. E’ per questo che è giusto che siano state interpellate e consultate persone esperte. Forse 5 commissioni sono troppe però” – evidenzia il Prof. Sabino Cassese.

Piazzapulita, 16 aprile 2020, Massini:”Giù le mani dalla mia libertà”

“Era giugno 2018 e in una bella piazza di Bologna tenevo un discorso. Si avvicinò al palco una persona con una sporta di stoffa. Si mise a sedere su alcuni gradini di pietra e mi resi conto che il viso di quell’uomo lo conoscevo, era Luis Sepulveda. Stefano Massini dedica il suo monologo di stasera ad omaggiare lo scrittore, scomparso oggi a causa del Coronavirus. Racconta di averlo incontrato, di averci brevemente parlato e di avergli chiesto di parlare del suo periodo di prigionia a causa di Pinochet.

Massini continua poi parlando di libertà e del rischio che corriamo, a suo parere, in un periodo in cui i droni sorvolano le nostre città: “L’articolo 13 della Costituzione dice che la libertà personale è inviolabile. La mia libertà è la cosa più bella che io abbia. Attenzione a barattare la propria libertà per un po’ di sicurezza in più, anche se è sanitaria. Giù le mani dalla mia libertà. Sepulveda, hai scritto un finale per il tuo libro molto più brutto di quello che potevi pensare, ma ci hai lasciato un grandissimo insegnamento sull’inviolabilità della libertà di ciascuno di noi. Ti voglio dire grazie, perchè la libertà che ci hai insegnato è come una gabbianella che continua a volare e guai a tagliarle le ali”.

piazzapulita 16 aprile

Piazzapulita, 16 aprile 2020, il dramma delle RSA

Viene poi mandato in onda un servizio che mostra l’impressionante realtà nelle RSA Italiane. Gli OSS lamentano di essere rimasti contagiati a causa della mancanza di dispositivi di sicurezza e delle scarse condizioni igieniche. Vestiti, resti di cibo e bevande, effetti personali delle vittime di Coronavirus, sono ancora nelle stanze in cui erano e dove ancora oggi ci sono i loro compagni di stanza in fin di vita. Molti degli anziani non hanno purtroppo neanche l’ossigeno poichè mancano i dispositivi medici.

“Faccio una considerazione di fondo: abbiamo passato moltissimo tempo nelle trasmissioni a parlare della sicurezza contro il nemico, dell’invasore, abbiamo parlato di legittima difesa. Quante risorse invece non abbiamo investito sulla sicurezza vera, sulla cura. Abbiamo permesso una condizione drammatica e senza precedenti: nei luoghi in cui i cittadini che hanno più di 75 anni dovrebbero essere al sicuro sono stati invece abbandonati. Abbiamo mandato a morire gli anziani. La memoria di questo Paese” – commenta Damilano.

“Questa è la vita reale. Sono stati fatti degli errori. La magistratura dovrà accertarli. Le RSA sono i punti di massima debolezza, dove risiedono coloro che dovremmo difendere. Sto chiedendo la lista delle RSA critiche perchè vogliamo mandare una taskforce di medici e di infermieri” – dice il Ministro Boccia.

Piazzapulita, Boeri: “Il male del nostro Paese è l’intreccio tra politica e burocrazia”

Cottarelli parla della crisi economica e della difficoltà delle piccole e grandi imprese: “Bisognerà pensare se non sia necessario mettere dei soldi a fondo perduto. Ci sono perdite che non possono essere colmate con i prestiti. I prestiti vanno restituiti prima o poi”.

“Bisogna ripartire molto gradualmente e con estrema cautela, Se noi continuiamo a ragionare per categorie, ci sarà sempre qualcuno che rimane escluso. Dobbiamo avere uno strumento universale che tuteli tutti coloro che hanno subito perdite. Il problema è che abbiamo burocrati politicizzati che scrivono leggi che non sono comprensibili. Il grande male del nostro Paese è l’intreccio tra politica e burocrazia. Nel solo Cura Italia nelle prime righe ci sono rinvii a 8 leggi diverse” – commenta Tito Boeri.

piazzapulita 16 aprile

Piazzapulita, Zaia: “Il lockdown non esiste più”

Un servizio ci svela che molte industrie Venete hanno portato avanti la loro produzione con piccoli escamotage burocratici. La produzione di anche un solo piccolo dispositivo utile alla produzione farmaceutica ha permesso loro di continuare l’attività.

“Il lockdown non esiste più perché sono state autorizzate delle imprese e altre si sono auto autorizzate con deroga e silenzio assenso” – dice Zaia.

“Qua chi lavora, nel piccolo, si lavora senza mascherina, con poche protezioni. Prima di tutto viene il profitto. La salute non si guarda” – rivela un operaio.

“L’Italia è molto diversa. Le industrie che lavorano con i codici ATECO sono legittimate, non dobbiamo trattarli come mostri” – commenta Luca Telese.

L’immunologa Antonella Viola ritiene che il problema principale di una eventuale ripartenza delle aziende in tutta Italia saranno le mense aziendali e i mezzi di trasporto per raggiungere il luogo di lavoro e per tornare a casa. “Andrei cauta a parlare di apertura il 4 maggio. Potremo parlare di riapertura quando gli ospedali si saranno svuotati. Ora è una mancanza di rispetto anche pensarlo. Dobbiamo pensare alla fase 2 in maniera intelligente. Si potrà attuare quando la situazione sanitaria lo permetterà. Se organizziamo bene limitiamo fortemente la possibilità che un nuovo caso diventi un nuovo focolaio. Nuovi casi ci saranno, starà alla capacità di gestione delle regioni”.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista pubblicista. Nata nell'epoca sbagliata. É donna del suo tempo, ma anche un po' degli anni'80 e dell'800 di Jane Austen. Ama leggere libri fino all'alba, scrivere, disegnare, creare. Guarda telefilm con una vaschetta di gelato al cioccolato d'estate e una tazza di tè bollente in inverno. La sua migliore amica è Shonda Rhimes.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Melaverde 25 luglio tra le provincie di Cuneo e di Trento

Tutte le anticipazioni sulla tappa odierna del programma condotto da Ellen Hidding e Vincenzo Venuto su Canale 5.

Pubblicato

il

Melaverde 25 luglio
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Melaverde torna domenica 25 luglio con la nuova puntata in onda alle 11.55 su Canale 5. I due conduttori on the road, Ellen Hidding e Vincenzo Venuto sono come sempre alla ricerca delle eccellenze del nostro Paese nei settori agricolo e agro alimentare. Ecco le anticipazioni della tappa odiena, dopo quella della scorsa settimana.

Melaverde 25 luglio in provincia di Cuneo

Questa settimana Melaverde raggiunge la provincia di Cuneo, per raccontare la frutticoltura. Che la “Granda”, così è chiamata la provincia del cuneese, avesse una tradizione legata alla frutta, lo abbiamo già raccontato parlando di kiwi, mele, pere e pesche.
Ma questa terra grazie alle sue condizioni climatiche favorevoli, accoglie anche impianti di ultima generazione dedicati a due frutti che non mancano mai sulle nostre tavole estive: Albicocche e Ciliegie.
Il programma inizia conoscendo la storia di queste coltivazioni che, da produzioni destinate al consumo domestico, si sono trasformate in tecnologici impianti dove cooperative organizzate di frutticoltori curano e seguono i frutti dal campo fino all’arrivo sulle nostre tavole.
Conosceremo una particolare varietà di albicocca: la Tonda di Costigliole che grazie ad un progetto di recupero sta tornando in questa terra. Poi Melaverde fa conoscere un’azienda che trasforma la frutta in prodotti destinati a gelaterie e pasticcerie di tutta Europa.
Non mancherà un passaggio in cucina fra tradizione e innovazione dove Albicocche e Ciliegie si esprimono al meglio con i dolci, ma possono avere un ruolo interessante anche in ricette salate. Avete mai pensato di abbinare l’albicocca al rosmarino?

Riserva di Biosfera nella Valle di Ledro

Melaverde si avventura, poi in una particolare valle trentina incastonata tra il lago di Garda e le Dolomiti: Una lingua di terra che grazie alla sua posizione geografica racchiude innumerevoli ambienti naturali che accolgono biodiversità straordinarie e specie uniche che vivono solo in questo territorio.

In questa puntata conosceremo la Valle di Ledro. In questa lingua di terra incontaminata la conservazione delle biodiversità convive con lo sviluppo sostenibile delle attività agricole dell’uomo che con la sua presenza da sempre ricopre un ruolo fondamentale.

Ed è proprio grazie a questo rapporto di reciproco scambio tra uomo e natura che nel 2015 la Valle di Ledro è diventata una riserva di biosfera Unesco. Inizieremo incontrando Stefano che con le sue api favorisce l’impollinazione seguendo le fioriture in tutta la Valle.

Conosceremo poi Giuliano che alleva capre e galline libere di pascolare e scorrazzare tra pascoli e sottobosco e scopriremo che cosa è una riserve di biosfera dove si sviluppano progetti utili per il monitoraggio e la salvaguardia di questi ambienti unici.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021, I programmi in onda

Su Raidue va in onda il programma Sport: il circolo degli anelli dedicato alle Olimpiadi di Tokyo. Italia 1 propone la replica di Colorado.

Pubblicato

il

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021. Rai 1 trasmette il film Metti la nonna in freezer con Miriam Leone e Fabio De Luigi. Nove invece ripropone il reality Cambio Moglie con le famiglie Pilato e Battain.

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021, Rai

Su Raidue, alle 21.05, Sport: il circolo degli anelli. Alessandra De Stefano fa il punto sulla seconda giornata delle Olimpiadi di Tokyo commentando con i suoi ospiti i risultati delle principali gare di oggi. Tra le altre, le finali della scherma, fioretto femminile e spada maschile, e il debutto della Nazionale maschile di basket contro la Germania.

Su Raitre, alle 21.20, serata di viaggi con Kilimangiaro Estate. Camila Raznovich ospita lo scrittore Paolo Cognetti e il regista Dario Acocella. Inoltre, Anne De Carbuccia, regista franco-americana che viaggia per i luoghi più remoti della terra per documentare animali e culture a rischio d’estinzione. In scaletta anche servizi realizzati in Costa Rica, Turchia e nello Yemen.

Programmi Mediaset, Nove

Su Italia 1, alle 21.20, il varietà Colorado. Rivediamo la quinta puntata dello show trasmesso nel 2019 e condotto da Belen Rodriguez e Paolo Ruffini, affiancati da Gianluca “Scintilla” Fubelli e i PanPers. Ospite della serata, Maurizio Battista, che propone un monologo sui rapporti familiari. Inoltre, il mago e mentalista Raffaello Corti.

Su Nove, alle 21.25, il reality Cambio moglie. La vita della famiglia Pilato è tutta all’insegna dello sport, mentre la passione dei Battain è… il divano del salotto. Ma quando le mogli Erika e Martina si scambieranno, avranno la possibilità di sperimentare vite completamente diverse.

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021 metti la nonna in freezer

I film di questa sera domenica 25 luglio

Su Raiuno, alle 21.25, il film commedia del 2018, Metti la nonna in freezer con Miriam Leone. Claudia lavora come restauratrice ma non riesce a guadagnare molto denaro. Riesce però a vivere grazie al sostentamento economico della nonna. Quando quest’ultima muore, Claudia pensa di surgelare il cadavere per continuare a prelevare mensilmente la sua pensione.

Su La7, alle 21.30, il film western del 1995, di Sam Raimi, Pronti a morire, con Sharon Stone. Herod, un uomo malvagio che spadroneggia nel paese di Redemption, organizza un torneo tra i migliori pistoleri del West. Tra i concorrenti c’è Ellen, una ragazza coraggiosa che ha una vendetta da compiere.

Su Tv8, alle 21.30, il film commedia del 2002, di B. Sonnenfeld, Men in Black II, con Tommy Lee Jones, Will Smith. Un’astronave con a bordo l’aliena Sarleena atterra a New York con intenzioni ostili. Per fermarla, l’agente J richiama in servizio K, che ha lasciato da anni i Men in Black.

Su 20 Mediaset, invece, alle 21.00, il film di fantascienza del 2005, di Michael By, The Island, con Ewan McGregor, Scarlett Johansson. 2019. Dopo un disastro ecologico che ha devastato la Terra, Lincoln e Jordan scoprono di essere cloni di uomini ricchi ai quali forniranno gli organi in caso di bisogno.

Su Iris, alle 21.00, il film drammatico del 2013, di Baz Luhrmann, Il grande Gatsby, con Leonardo DiCaprio, Carey Mulligan. Long Island, 1922. Il giovane Nick Carraway conosce il misterioso milionario Jay Gatsby e lo aiuterà a incontrare sua cugina Daisy della quale il magnate è da sempre innamorato.

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021 il negoziatore

Stasera in tv domenica 25 luglio 2021, Paramount, Sky

Su Paramount Network, alle 21.10, il film thriller del 1998, di F. Gary Gray, Il negoziatore, con Samuel L. Jackson. Sospettato di omicidio, l’agente Danny Roman, specializzato nel ruolo di mediatore, si barrica in ufficio prendendo degli ostaggi. Viene allora convocato un altro negoziatore, Chris Sabian.

Su Sky Cinema Due, alle 21.15, il film drammatico del 2015, di Matt Brown, L’uomo che vide l’infinito, con Dev Patel. E’ la storia del matematico autodidatta Srinivasa Ramanujan. Grazie al professore inglese G.H. Hardy lasciò l’India per frequentare il rinomato Trinity College di Cambridge.

Su Sky Cinema Family, infine, alle 21.00, il film commedia del 2003, di Steve Carr, L’asilo dei papà, con Eddie Murphy, Jeff Garlin. Dopo aver perso il lavoro, i pubblicitari Charlie e Phil non riescono più a pagare la costosa retta della scuola privata dei figli. Decidono allora di aprire un loro asilo nido.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Linea Blu 24 luglio: Donatella Bianchi alla scoperta del Mediterraneo

La conduttrice racconta la storia e le bellezze paesaggistiche e marine del Mar Mediterraneo, culla della nostra civiltà.

Pubblicato

il

Linea Blu 24 luglio Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sabato 24 luglio Donatella Bianchi torna in video con una nuova puntata di Linea Blu. L’appuntamento è alle ore 14:00 su Rai 1. Dopo aver visitato l‘Asinara, la conduttrice perlustra il Mar Mediterraneo.

Linea Blu 24 luglio, Mar Mediterraneo

Nella puntata del 24 luglio Donatella Bianchi si occupa del Mar Mediterraneo, che in alcuni punti raggiunge i 5 metri di profondità. Nel corso dei secoli ha subito numerose trasformazioni a causa dello spostamento delle placche litosferiche, dei venti e delle correnti marine. Gli eventi hanno infatti modificato la propria morfologia dando origine a coste e paesaggi di grande suggestione.

Il Mare Nostrum inoltre è da sempre considerato la “culla” delle più importanti civiltà. Essendo un importante punto strategico per gli scambi commerciali  è stato conteso da numerose popolazioni. I Romani, i Greci e i Fenici hanno infatti spesso colonizzato i territori che si affacciano sulle sue coste. Per millenni il Mare è stato solcato non solo da navi mercantili, ma anche da imbarcazioni da pesca e per il trasporto di persone.

Oltre ad essere ricco di storia, il Mediterraneo è anche un ambiente ricco di biodiversità. Qui infatti vivono il 7.5% delle specie marine mondiali. La densità per area è circa dieci volte superiore alla media dell’intero pianeta.

Si possono ammirare, tra gli altri, non solo le grandi cernie ma anche la Lampuga, Merlano, Passera di Mare e la Triglia di Scoglio. Nei fondali invece crescono rigogliosi i coralli, le spugne marine, le Cimodocee e le Posidonie. Per quanto riguarda i volatili è spesso circondato da Gabbiani, Diomedee e Berte che cercano di pescare nelle sue acque.

Linea Blu 24 luglio Mediterraneo

Il bacino del Mediterraneo

Il bacino del Mediterraneo è un’area densamente popolata. Sono infatti oltre 500 milioni gli individui che vivono nelle nazioni che si affacciano su di esso, suddivise nei tre continenti, Europa, Africa e Asia. Tra queste Francia, Spagna, Egitto, Cipro, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Libia, Malta, Libano, Turchia, Tunisia e tante altre.

Le zone attorno al Mediterraneo richiamano ogni anno migliaia di turisti, amanti delle spiagge incontaminate, delle grotte marine e delle acque cristalline. E’ inoltre la meta favorita per gli appassionati delle attività subacquee. In molti hanno trovato nel Mediterraneo il proprio angolo di paradiso.

Linea Blu, Fabio Colivicchi, Mazara del Vallo

Donatella Bianchi però dedica spazio anche Olimpiadi di Tokyo, che si svolgono dal 23 luglio all’8 agosto. Ospita il giornalista Fabio Colivicchi che illustra ai telespettatori i velisti italiani che sono in gara. Sono Elena Berta, Bianca Caruso, Giacomo Ferrari, Giulio Calabrò, Silvia Zennaro, Ruggero Tita, Caterina Marianna Banti, Marta Maggetti e Mattia Camboni.

Questa settimana Fabio Gallo si trova a Mazara Del Vallo. Sale a bordo di un’imbarcazione per raccontare tutte le fasi della pesca e della lavorazione del tipico Gambero Rosso della zona.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it