Quelli che il calcio, Max Giusti è il Cardinal Bertone


La parodia del chiacchierato religioso proposta oggi da Max Giusti all'interno della puntata di Quelli che il calcio condotta da Nicola Savino e la Gialappa's band



Max Giusti si è calato nel ruolo del religioso, inquadrato in un’immagine che rimandava la vista del finto terrazzo di casa, su un altrettanto finto Cupolone.

Bertone ha detto che è addirittura più alto di 5 m della cupola del Vaticano.

Perché usiamo queste parole così grandi, son queste le cose che fanno male e che poi finiscono sui giornali ha detto il finto cardinal Bertone cercando di difendere alla sua maniera la mega casa nella quale si trova.
Io ho abitato nel cupolone, ha proseguito il finto cardinal Bertone rispondendo a Nicola Savino e alla Gialappa’s Band che interagivano con lui, ma alla fine non è che siano poi tanti metri calpestabili soltanto 190 una cosa molto povera.
Continua Bertone- Giusti: ma poi alla fine l’ho dovuto vendere. Non sono tutte rose fiori, infatti c’è casino ogni 25 anni c’è il Giubileo che porta un sacco di confusione.
Ma lei l’ha comprato il Cupolone? domandano Savino e la Gialappa’s. E il religioso di rimando: no, l’ho vinto a burraco. E’ stata una serata  indimenticabile, eravamo io e Pupo che giocavamo contro Adinolfi e padre George.
Savino e la Gialappa’s incalzano ancora. E dicono: secondo il settimanale L’Espresso i soldi che sono serviti per ristrutturare il suo attico sono venuti dall’ospedale Bambin Gesù. E il cardinale di rimando: ma siamo sicuri che tutti i soldi che vengono raccolti per beneficenza vadano ai bambini e non prendono altre strade? Si sa come vanno queste cose….

{module Pubblicità dentro articolo}

{module Pubblicità dentro articolo}



0 Replies to “Quelli che il calcio, Max Giusti è il Cardinal Bertone”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*