Connect with us

Intrattenimento

Le Iene | puntata del 12 febbraio 2019 | la diretta

Le iene show | Satira ed inchieste, risate, arrabbiature e qualche lacrima con Alessia Marcuzzi, Nicola Savino e la Gialappa's Band
Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

Le iene show | Satira ed inchieste, risate, arrabbiature e qualche lacrima con Alessia Marcuzzi, Nicola Savino e la Gialappa's Band
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A tra poco con la diretta.

Inizia il programma. Nicola Savino ed Alessia Marcuzzi lanciano il primo servizio.

Alice Martinelli si è occupata del caso del latte in Sardegna. I pastori sardi sono stufi di essere sottopagati dagli industriali per il proprio prodotto, che viene valutato 0.60 cent al litro, e per protesta hanno deciso di gettarlo via.

Il latte sardo viene usato prevalentemente nella produzione del pecorino sardo. Negli ultimi anni però questo formaggio ha avuto un drastico calo nelle richieste, con conseguente diminuzione del prezzo. Questa situazione ha portato al taglio dei costi al produttore.

I pastori non vogliono abbandonare il proprio lavoro e le proprie tradizioni e stanno conducendo una battaglia feroce in modo legale ed illegale. Seguono i camion del latte e quando riescono a bloccarli li costringono a gettarne per strada il contenuto.

Viene poi mandato in onda il servizio di Giulio Golia. La Iena cerca di far luce sul caso di Marco Vannini interrogando una testimone chiave: Maria Cristina. La donna abita sotto l’appartamento dei Ciontoli e la sera dell’omicidio era in casa. Ha sentito tutto.

Prima Golia riassume la vicenda e ricorda che recentemente la Corte d’Appello ha deciso di diminuire a soli 5 anni la pena di Antonio Ciontoli, colui che avrebbe sparato a Marco.

“La vita di Marco non vale 5 anni. Nessuna pena mi avrebbe riportato la pace, ma avrei voluto che queste persone pagassero” – commenta la mamma di Marco.

Vannini si sarebbe potuto salvare. Sarebbe bastato che durante la prima telefonata la famiglia Ciontoli raccontasse cosa era realmente accaduto. Soccorsi tempestivi avrebbero portato a probabile salvezza.

Il vicino di casa Liuzi racconta di aver sentito lo sparo e le urla. Marco chiedeva scusa a Martina. Questo particolare fu però smentito dalla Sig. Ciontoli, che andò a far visita ai vicini – qualche giorno dopo – per sapere cosa avevano sentito quella notte.

Anche Maria Cristina dà un’immagine dei Ciontoli molto diversa da quella suggerita dall’apparenza.

“Lui molto molto cattivo. La moglie ha preso un sacco di botte eh” – racconta.

Quella sera ha sentito le urla di Marco, ma non ha capito e si incolpa di non aver potuto fare nulla. Ha sentito distintamente la voce dei familiari, ma non ricorda di aver sentito quella di Antonio. Che lui non fosse in casa?

La versione di Antonio è quella di uno scherzo finito male, ma Maria Cristina ha sentito una lite, ricorda anche lei la frase “Scusa Martina” e poi un botto, salire e scendere le scale, un gran fermento. “Madonna ma che ci sono i cavalli stasera?” – racconta di aver pensato la donna.

Poi sono arrivate le urla insopportabili, Marco chiamava la mamma, invocava il suo arrivo. Maria Cristina si commuove ricordandolo.

La donna ricorda che quella sera Antonio non aveva parcheggiato l’auto al suo posto ed era la prima volta in 20 anni. Sono molti i particolari che non tornano. I vicini sono andati a chiedere spiegazioni, ma i Ciontoli li hanno mandati via rassicurandoli. Nessuno di loro ha saputo come siano andati realmente i fatti, ma hanno sentito lo strazio di Vannini.

Anche Maria Cristina è stata contattata dai Ciontoli nei giorni successivi all’accaduto, ma si è rifiutata di ascoltare le loro scuse. Per lei non ci sono dubbi, sono stati loro ad ucciderlo.

Francesca Picone è un’avvocatessa che due anni fa si era resa protagonista di una tentata estorsione ad una famiglia di disabili. Pecoraro ci racconta la vicenda.

I Barbiere avevano contattato la Picone per una causa contro l’INPS per ottenere l’invalidità. L’esito era stato positivo, ma l’avvocatessa aveva poi avanzato pretese, chiedendo la metà degli arretrati riconosciuti alla famiglia. Nonostante fosse già stata pagata in contanti, cioè dall’INPS, la Picone ha ottenuto prima 7000 euro e poi ne ha chiesti altri 14000.

Cinzia Barbiere, la madre, viene minacciata dalla Picone di bloccare la pensione se non avesse pagato. Cinzia gliene consegna però solo 5000. Poi si rivolge all’avvocato Giuseppe Arnone.

I Barbiere non erano però le prime vittime dell’avvocatessa, era già accaduto anche con gli Sghembri. Non pagata l’avvocatessa aveva fatto pignorare i beni della famiglia.

Secondo alcune indagini effettuate, i soldi sottratti dalla Picone sono stati investiti nella sua villa nella “Dallas di Agrigento”, a San Leone. L’avvocatessa ed il marito posseggono molti beni, ma nulla è registrato a nome della Picone, è tutto a nome del marito. Arnone la accusa di ricettazione.

Gli avvocati della famiglia Sghembri e della famiglia Barbiere promettono che qualora le Iene riescano a far restituire i soldi ai loro clienti, loro rinunceranno ai propri risarcimenti devolvendoli alla lega del Filo d’oro.

All’avvocato viene letto il codice deontologico, ma la Picone si infuria spintonando l’inviato e chiamando le forze dell’ordine. Pecoraro le ricorda che è stata accusata di estorsione e tentata estorsione. Arrivano i Carabinieri e la Picone chiede l’arresto in flagranza di reato. Non lo ottiene, ma denuncia il programma per violenza privata.

 

Si torna in studio, viene mandato in onda uno scherzo ai danni di Lorenzo Insigne. Il calciatore è molto geloso della sua nuova compagna Jenny Darone e dopo che si sono fidanzati le ha chiesto di cancellare i propri profili social.

Tornato a casa dagli allenamenti, Lorenzo chiama la moglie. Jenny lo raggiunge poco dopo, pranzano e poi guardano la tv.

Lei riceve una telefonata da un regista conosciuto in palestra. L’uomo le propone una parte, ma lei prende tempo per parlarne con il marito. Lorenzo è scettico ed è geloso, gli dà fastidio che la moglie abbia dato il numero ad uno sconosciuto. Il regista continua a mandarle i messaggi e Insigne infastidito dà uno scappellotto in testa alla moglie.

Ore dopo, a mezzanotte passata, il regista chiama nuovamente Jenny. La donna stavolta gli dà l’indirizzo di casa, per riceve il copione da studiare per il provino. Insigne non la prende bene e si chiude in camera. Il regista telefona nuovamente e riempie di complimenti Jenny. Poco dopo lei va in camera e non sappiamo cosa si dicono, ma torna poi in salotto per dormire sul divano.

Il pomeriggio successivo Lorenzo torna a casa e trova la moglie al telefono con il regista. Sul tavolo ci sono delle rose rosse, il copione ed una foto del ragazzo che Jenny dovrà baciare al provino. Strappa il telefono dalle mani della moglie e le fa una scenata di gelosia. Straccia la foto dell’attore e chiede a Jenny di gettare via le rose. Quando la donna si rifiuta, si arrabbia ancora di più.

 

Il regista continua a mandare messaggi. Lorenzo decide di intervenire e manda un messaggio vocale all’uomo, intimandogli di non continuare a rivolgere attenzioni alla moglie e assicurandogli che Jenny non prenderà parte al suo film e non sosterrà il provino.

Vincenzo, il regista, gli risponde piccato: “Non sei tu a decidere cosa deve fare tua moglie”. Infuriato Insigne risponde.

Lo scambio di messaggi va avanti per un po’ ed il calciatore inizia ad insultare ed a minacciare. Chiama poi Vittoria, la migliore amica della moglie, e cerca di conquistarsela come alleata.

 

Vittoria e suo marito vanno a casa Insigne e Lorenzo chiede a Jenny di chiamare il regista. Parlano al telefono in vivavoce, ma la situazione sembra peggiorare sempre più.

Il giorno della partita, Lello passa a prendere Lorenzo per portarlo allo stadio. Insigne si confida, ma Lello è complice del programma e lo punzecchia.

Insigne gioca la partita e vince. Torna poi a casa e sembra essere tornata la pace tra lui e la moglie. Esce però poi nuovamente il discorso “regista” e Insigne ascolta gli ultimi messaggi ricevuti da Jenny.

Poco dopo Jenny riceve messaggi anche dall’attore che dovrà baciare al provino. Questo è troppo per Lorenzo, che afferma: “Prendo il telefono e lo butto a mare”. Si ritira poi in camera.

Il giorno dopo le chiede di non rispondere a messaggi e di attenderlo perchè andranno insieme a cambiare sim. Quando rientra a casa non trova però Jenny, che si è recata al provino. Prova disperatamente a chiamarla ma non riceve risposta. Corre a “salvarla”.

Quando arriva al locale trova una sosia della moglie, che bacia appassionatamente l’attore. Irritato corre da lei e si accorge che non è Jenny. Cerca la moglie in camerino, ma non la trova. Scopre però che lì c’è la sua borsa e urla e spintona perchè vuole sapere dove è.

Arriva Jenny e Lorenzo la affronta. Quando la situazione sembra peggiorare sempre più, arriva l’inviato che svela ad Insigne che è uno scherzo.

Monteleone riprende la sua indagine sulla Strage di Erba. Dopo lo speciale sul caso, incontra nuovamente l’avvocato Schembri, che gli comunica che è stato rinvenuto uno scatolone con i reperti che si pensava fossero andati distrutti senza essere stati analizzati.

Il ministro Bonafede aveva aperto un’inchiesta per far luce sulla scomparsa e presunta distruzione dei reperti. A seguito di un “riordino degli archivi” erano andati perduti e ora sono improvvisamente stati rinvenuti. Il contenuto consisteva in: 1 tanica, 8 coltelli, 1 affilacoltelli, 1 mazzo di chiavi, 1 abbonamento ed 1 cellulare. Il plico repertato risultava però aperto, inficiandone la validità. Il cellulare non era stato inoltre analizzato.

Monteleone cerca di capire a chi appartenessero gli oggetti ritrovati e per questo chiede conferma anche ad Azuz, marito e padre di due delle vittime.

E’ il momento di parlare di politica. Filippo Roma ha intervistato alcuni militanti di Casa Pound. Si è scoperto che la loro casa, la loro sede, non era in regola ed i membri del movimento l’hanno occupata abusivamente. In tutti questi anni nessuno ha mai pagato l’affitto dello stabile che ospita la sede o le bollette.

Paolo Berizzi, esperto di Casa Pound, ci racconta che i “neo-fascisti” in soli 3 anni hanno avuto 300 denunciati per crimini a sfondo razziale o omofobo e ci parla delle caratteristiche del movimento.

Ora è stato chiesto lo sgombro forzato del palazzo che ospita la sede di Casa Pound.

Si parla del caso della morte di Marco Pantani. Alessandro De Giuseppe, in occasione dei 15 anni da quel tragico evento, cerca di capire se è davvero morto suicida come si dice, o se sia frutto di un caso accidentale o se sia omicidio.

Quando morì Pantani era depresso ed era dipendente dalla cocaina. L’accusa di doping lo aveva fatto sentire tradito e manipolato, da allora non si era più ripreso.

La ricostruzione del suo suicidio però è pieno di anomalie. Il lavandino del bagno ad esempio, negli scatti della scientifica risulta montato, mentre secondo tre testimoni era completamente smontato. Chi l’ha rimontato e perchè?

Anche la pallina di cocaina ritrovata accanto al corpo, non era lì secondo ben 6 testimoni. Sarebbe stata posizionata in un secondo momento.

Risulta poi che qualche sera prima di morire, Pantani sia uscito con una ragazza, forse Elena – una prostituta – ed abbia trascorso la notte in un altro albergo. Questo “smantella” l’ipotesi della depressione.

De Giuseppe incontra Elena, ma la donna non vuole parlare, sembra confusa ed afferma di non sapere cosa sia successo.

 

Intervista doppia: Patty Pravo e Mattia Briga. Raccontano la coppia inedita formatisi per il Festival di Sanremo. Si parla di politica, canne, legalizzazione delle droghe leggere, fedeltà, sesso, relazioni sentimentali, chirurgia estetica.

Nina ci racconta la storia di Chiara, picchiata selvaggiamente dall’ex fidanzato. La sua vita si è spezzata in due. Maurizio Falcioni, più grande di 13 anni, era rinomato nel quartiere. Abusava di droghe, aveva una brutta reputazione. Scoperta la relazione il papà di Chiara, con l’aiuto delle forze dell’ordine, la porta via da casa dell’uomo.

Chiara ha un disturbo di personalità con immaturità affettiva e ritardo cognitivo lieve. Il padre tenta di proteggerla, parla con Falcioni, che minaccia però di non fargliela più vedere, di convincerla a scappare di casa.

Il padre decide di prendere un’aspettativa a lavoro e trascorre due mesi chiuso dentro casa con Chiara.

La ragazza sembra convincersi che non sia il ragazzo giusto per lui, inizia una nuova vita, trova un altro fidanzatino. Poi però all’improvviso scompare e si trasferisce da Falcioni. I genitori non riescono a vederla.

Un giorno Chiara li chiama, si sono lasciati e vuole tornare a casa. Falcioni la aggredisce per gelosia perchè trova una chat con un ragazzo. E’ sotto effetto della droga e la picchia, non smette. Lei perde i sensi, lui la colpisce alla testa con le scarpe con la punta di metallo.

Il dottore consiglia al padre di non tentare di salvarla, di lasciarla andare. L’operazione dura ore e ore. Passano 4 mesi di coma, stato vegetativo. Falcioni è condannato a soli 20 anni, 16 con lo sconto di pena.

Un giorno finalmente reagisce e piano piano da allora inizia a recuperare l’attività cognitiva. Capisce ciò che le accade intorno, capisce quando qualcuno le parla, ma non riesce a comunicare verbalmente.

La pensione riconosciuta a Chiara ammonta ad 800 euro, ma la somma basta appena per saldare la retta dell’istituto in cui è ricoverata.

L’indennizzo che viene riconosciuto alle donne picchiate come Chiara  corrisponde a soli 3000 euro ed il risarcimento viene riconosciuto  solo nel caso in cui la vittima abbia un reddito particolarmente basso.

La puntata termina qui. Appuntamento a domenica!


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista pubblicista. Nata nell'epoca sbagliata. É donna del suo tempo, ma anche un po' degli anni'80 e dell'800 di Jane Austen. Ama leggere libri fino all'alba, scrivere, disegnare, creare. Guarda telefilm con una vaschetta di gelato al cioccolato d'estate e una tazza di tè bollente in inverno. La sua migliore amica è Shonda Rhimes.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Il salone delle meraviglie 4 puntata 9 marzo, Tutto un corri corri e Bella di papà

Tutte le anticipazioni sui due nuovi episodi con protagonista Federico fashion style.
Riccardo Chiaravalli

Pubblicato

il

Il salone delle meraviglie 4 puntata 9 marzo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Salone delle Meraviglie 4 torna con la puntata di martedì 9 marzo 2021. L’appuntamento, dopo la pausa della scorsa settimana, è su Real Time, con due nuovi appuntamenti, alle 22:40 e alle 23:10.

Il salone delle meraviglie 4 puntata 9 marzo -

Il salone delle meraviglie 4 puntata 9 marzo

Federico Fashion Style apre le porte dei suoi saloni di bellezza, lo storico di Anzio e il nuovo prestigioso negozio presso la Rinascente di Roma. In ambedue le boutique per capelli scopriremo le nuove acconciature e tutte le sfavillanti novità che l’hairstylist della tv ha in serbo per le sue clienti, NIP e VIP.

Gli argomenti del giorno sono i seguenti: “Tutto un corri corri..” e “Bella di papà”.

Ma vediamo subito qualche anticipazione sulle puntate in onda questo martedì nel primo episodio

C’è bisogno di relax e il noto hair-stylist ha deciso di prendersi la mattinata libera per stare con la sua famiglia. Ma una chiamata imprevista lo costringe a correre da una sposa. Che è accaduto? Intanto, in salone lo aspettano Teresa e Monica, due sorelle pugliesi molto simpatiche, che hanno assolutamente bisogno del suo magico tocco. Intanto Alessia e Miriam si divertono a ricordare i loro matrimoni.

Il secondo episodio

Nel secondo episodio i telespettatori assistono al risveglio insolito di Federico che, ha inaspettatamente deciso di andare a correre. E fa bene a curare la forma, perché avrà il suo bel da fare in Rinascente tra Susan, donna inglese alla ricerca di un nuovo stile, e l’indomabile capigliatura riccia di Cristiana.

E, come se non bastasse, dovrà tenere a bada sua mamma e Letizia, che hanno deciso di affidare la piccola Sophie a una babysitter. Ma lui non ne vuole proprio sapere. Chi la spunterà?

Il programma divenuto ormai cult di Real Time è realizzato dalla società di produzione Pesci Combattenti fondata da Cristiana Mastropietro, Riccardo Mastropietro e Giulio Testa.

Per non perdere tutte le storie di Federico Fashion Style e delle sue clienti non resta che sintonizzarci su Real Time ogni martedì dalle 22.40.

L’appuntamento è su Real Time alle 22.40.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Avanti un altro! 8 marzo 2021, il game show di Bonolis compie dieci anni, la prima puntata

Avanti un altro!, l'irriverente game show con Paolo Bonolis e Luca Laurenti, torna protagonista del preserale di Canale 5.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lunedì 8 marzo alle 18.45 torna su Canale 5 il game show Avanti un altro! con la nuova edizione 2021. Il programma preserale condotto da Paolo Bonolis con la sua spalla storica Luca Laurenti compie dieci anni; ed è stato esportato con successo in Spagna, Brasile, Canada, Polonia, Cile, Turchia Bulgaria e Vietnam. 

La formula è sempre la stessa: una fila di concorrenti attende il suo turno per tentare di vincere il montepremi in palio rispondendo a domande. Diversamente da altri game show, però, l’atmosfera di Avanti un altro! è volutamente irriverente e scanzonata, leggera e movimentata da personaggi ormai iconici. Come  la dottoressa Maria Mazza, lo iettatore Franco Pistoni, il bonus Daniel Nilsson, la bona sorte Francesca Brambilla, la regina del web Laura Cremaschi e la bonas Sara Croce.

Permane anche il gioco finale dedicato al campione di ogni puntata. Durante la prova conclusiva, per vincere il concorrente deve rispondere sbagliando a tutte le domande poste dal conduttore Paolo Bonolis.

Potete seguire Avanti un altro anche in diretta streaming sul sito MediasetPlay.

Avanti un altro 8 marzo

Avanti un altro! 8 marzo, la diretta

“Dopo dieci anni continua la nostra voglia di intrattenervi con Avanti un altro!” afferma Bonolis in apertura. Poi, il conduttore presenta uno ad uno gli ospiti fissi del game show, e Luca Laurenti, che si presenta suonando il piano. In studio è presente il pubblico, opportunamente distanziato e separato da lastre in plexiglass. Infine, entra in studio Miss Claudia, alias Claudia Ruggeri. Ha iniziato come personaggio nel programma, per poi diventare una presenza fissa in studio.

La prima concorrente si chiama Chiara. Viene rapidamente eliminata dopo 2 risposte sbagliate su 4. Il secondo concorrente si chiama Tony. Indovina la prima serie di domande, e accumula un montepremi iniziale di 30.000 Euro. Chiama così il primo “personaggio” del programma, lo Scienziato pazzo, che gli propone una domanda a tema scientifico. Indovinata la domanda, e aggiunti altri 15.000 Euro al montepremi, Tony si ferma:  il primo campione della giornata.

Arriva quindi Sara, la terza concorrente. Non supera il muro delle prime quattro domande, e lascia il posto a David. Anche lui non riesce a rispondere alle prime 4 domande correttamente, quindi gli succede la concorrente Valentina. Questa sera nessuno sembra preparato a sufficienza per avanzare nel gioco, così anche Valentina lascia in breve il posto ad Angelo. Dopo Angelo, che non giunge alla fase “montepremi” come i suoi predecessori, c’è Monica, una TikToker. Lei è l’ultima a poter ricevere una domanda questa sera. Sceglie che sia il personaggio “Indignato” a fargliela.

Il finalista Tony

L’unico ad aver raggiunto la fase di accumulo del montepremi è Tony, che si siede pronto a rispondere alle domande del gioco finale. Vi ricordiamo che deve rispondere sbagliando a ogni domanda, non indovinando la risposta corretta. Le domande sono 21, il tempo per rispondere a tutte le domande è di massimo 150 secondi. Il montepremi accumulato complessivo, invece, è di 145.000 Euro. Deve rispondere consecutivamente a ogni domanda, se sbaglia ricomincia dall’inizio.

Il concorrente non riesce ad arrivare alla fine della serie di domande. Così, al posto del tempo inizia a ridursi il suo montepremi, fino a congelarsi sui 29.000 Euro. Quindi, sbaglia nel corso dell’ultima possibilità offertagli, e torna a casa con nulla di fatto.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Striscia la notizia arrivano Scotti e Manzini, arrivederci a Greggio e Iacchetti

Cambio di conduttori sulla scrivania del Tg satirico di Antonio Ricci. Arrivano Gerry Scotti e Francesca Manzini. Arrivederci a Greggio e Iacchetti.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Striscia la notizia Scotti e Manzini
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Gerry Scotti e Francesca Manzini arrivano a Striscia la notizia. Continua la staffetta di conduttori al programma che va in onda su Canale 5, ore 20.35.  Da questa sera lunedì 8 marzo 2021, dietro al bancone del Tg satirico di Antonio Ricci ci sono Gerry Scotti e Francesca Manzini.

Striscia la notizia arrivano Scotti e Manzini le dichiarazioni

Per Gerry Scotti è l’undicesima edizione a Striscia – con oltre 300 puntate all’attivo – e la seconda insieme a Francesca Manzini.

«Sono passati 24 anni dalla mia prima conduzione del Tg satirico ricorda Gerry Scotti ma, sembra incredibile anche a me, l’emozione è sempre la stessa. Non è più la stessa, invece, la scrivania che il sottoscritto ha sfondato!».

Per Francesca Manzini, approdata a Striscia nel ruolo di Mara Venier in uno dei deep fake più divertenti del Tg satirico, è il secondo anno in conduzione, sempre in coppia con Gerry Scotti.

«Tornare a Striscia al fianco di Gerry dopo un anno racconta Francesca Manziniha il sapore di casa, di felicità, di gratitudine e di responsabilità. E, come disse qualcuno… “se mi sbaglio mi corrigerete”».

La coppia resterà al timone del Tg satirico dell’access prime time di Canale 5 fino al 27 marzo 2021.

Arrivederci a Greggio e Iacchetti

Giancarlo Scheri, direttore di Rete: «Saluto e ringrazio Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti, autentiche colonne del TG satirico di Antonio Ricci, che da sempre nobilita l’access di Canale 5. E do il benvenuto a Gerry Scotti e Francesca Manzini: uno senatore di Canale 5 e l’altra talento dell’imitazione e non solo. In bocca al lupo a tutti!».

È la coppia dei record, la più longeva della storia di Striscia la notizia con oltre 2.500 puntate condotte in 27 anni.

Sabato 6 marzo 2021,Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti hanno salutato il pubblico con l’ultima conduzione stagionale dietro il bancone del Tg satirico di Antonio Ricci.

Ezio Greggio,a Striscia la notizia dalla prima edizione del 1988, è arrivato a oltre 4.000 puntate condotte del Tg satirico.

«Voglio ringraziare il pubblico–racconta Greggioche da 33 anni ci fa essere la trasmissione più amata e vincente della storia della tv italiana. Un abbraccio ad Antonio Ricci e a tutta la squadra, al mio “socione” Enzino con il quale ci intendiamo a occhi chiusi. Ho condotto oltre 4000 puntate: quando arriverò a 100.000 forse mi fermerò! Ora mi dedico al mio Festival della Commedia che si terrà a Montecarlo la prima settimana di giugno, pregando Draghi di far riaprire i cinema. Viva Striscia!».

Enzo Iacchetti,dietro il bancone di Striscia dal 1994,aggiunge:

«A Striscia sto bene e mi diverto sempre. Ringrazio Antonio Ricci, l’intero team di Striscia a cui voglio molto bene e soprattutto il mio socio Ezio: io e lui abbiamo un’affinità e una complicità impossibili da battere. Siamo sempre la coppia più bella del mondo. Speriamo di rivederci presto l’anno prossimo, per me sarebbe l’edizione numero 28, e speriamo anche di poter ricominciare a lavorare nei teatri, chiusi ormai da troppo tempo a causa del Covid».


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Ultime news Sanremo 2021

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it